Connect with us

Cronaca

Omicidio Serena Mollicone, picchiata e soffocata: lesioni compatibili con alloggio carabinieri di Arce

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ARCE (FR) – Picchiata e poi soffocata, probabilmente con un sacchetto intorno alla testa. Sarebbe morta così Serena Mollicone, la 18/enne di Arce in Provincia di Frosinone scomparsa il primo giugno 2001 e ritrovata senza vita dopo due giorni in un boschetto di Anitrella, nella stessa zona.

Secondo la perizia medico legale firmata da Cristina Cattaneo – anatomopatologa milanese già autrice del dossier sui resti di Yara Gambirasio – e consegnata nei giorni scorsi alla procura di Cassino, le lesioni al capo sarebbero “compatibili” con l’urto su una porta sequestrata in un alloggio della caserma dei carabinieri di Arce. Ma la morte della ragazza sarebbe stata provocata da asfissia causata dalla “chiusura delle vie aeree con del nastro adesivo (possibilmente anche insieme al sacchetto di plastica intorno al capo)”.

Sono indagati per omicidio volontario e occultamento di cadavere l’ex maresciallo dei carabinieri di Arce Franco Mottola, la moglie e il figlio; si sono sottoposti a tutti gli esami delle indagini svolte finora.

Serena quella mattina era uscita di casa al mattino ed era andata all’ospedale di Isola del Liri, a 10 km dal paese, per fare un’ortopanoramica. La visita medica era finita alle 9:30. Poco dopo era andata in una panetteria e aveva comprato quattro pezzi di pizza e quattro cornetti (quindi si presume dovesse incontrare delle persone) nei pressi della stazione. Poi si presume prese l’autobus per Arce e forse è stata forse vista per l’ultima volta viva nella piazza principale del paese, piazza Umberto. Serena doveva rientrare a casa, alle 14 doveva incontrare il suo ragazzo e nel pomeriggio doveva completare la tesina di maturità. Serena Mollicone scompare il 1º giugno da Arce. Il cadavere venne ritrovato due giorni dopo da una squadra della Protezione Civile nel boschetto di Fonte Cupa ad Anitrella, frazione di Monte San Giovanni Campano a 8 km da Arce, con un sacchetto di plastica in testa, mani e piedi legati e una ferita vicino all’occhio; inoltre aveva del nastro adesivo che aveva causato la morte dopo una lunga asfissia

Print Friendly, PDF & Email

Cronaca

Napoli, tutto pronto per la 39ima edizione del presepe vivente Anastasiano

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

NAPOLI – E’ tutto pronto per la 39esima edizione del Presepe Vivente Anastasiano in provincia di Napoli, che risulta essere tra i più antichi d’Italia.

Gli appuntamenti da non perdere assolutamente sono due, a S. Anastasia (Na) il 24 dicembre a partire dalle 21, 30 fino a tarda notte, il secondo appuntamento si svolgerà a Madonna dell’arco (frazione del comune di S. Anastasia) il giorno 6 gennaio dalle 18,30 alle 20.

La manifestazione coinvolge l’intera comunità anastasiana, infatti il tradizionale cenone viene “sostituito” dai cittadini per la preparazione delle scene. Le varie scene che accolgono “viaggiatori” che vogliono vivere un’esperienza unica, sono svolte negli androni dei palazzi, nei vicoli, nei slarghi e in qualsiasi punto della città metropolitana campana che può risultare idonea per l’evento.

Nelle due serate per l’occasione, per rendere ancor di più suggestiva la manifestazione, il comune fa spegnere la pubblica illuminazione per dare un maggiore “effetto scenico” ai luoghi deputati adibiti per il presepe vivente, coinvolgendo al tradizionale e consueto appuntamento ben una ottantina di figuranti.

La peculiarità dell’evento è che viene ambientato nel 1223, a memoria, di quanto S. Francesco fece a Greccio proprio nella notte di Natale.
L’evento negli anni è diventato un attrattore turistico ed identificativo per la Campania ed ogni anno riscuote sempre successo attirando molte persone che vogliono vivere un’esperienza suggestiva e mistica.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Due ciclisti uccisi nel Bresciano: arrestato il guidatore positivo all’alcol

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

È stato arrestato con l’accusa di duplice omicidio stradale l’automobilista che nel pomeriggio a Verolanuova in provincia di Brescia ha travolto e ucciso due ciclisti. L’uomo residente in zona, 35 anni, è risultato positivo all’alcol test. Per questo è scattato l’arresto disposto dalla procura di Brescia ed eseguito dai carabinieri. In un primo momento l’automobilista aveva dichiarato di essere stato accecato dal sole. I due ciclisti di sessant’anni sono stati travolti e uccisi ungo la strada che da Pontevico porta a Verolanuova, all’altezza del cimitero.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Casapound, il Tribunale condanna Facebook e ordina la riapertura delle pagine social

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Il tribunale civile di Roma ha accolto il ricorso di Casapound e ha ordinato a Facebook “l’immediata riattivazione” delle pagine del movimento di estrema destra e del segretario romano Davide di Stefano, condannando l’azienda di Menlo Park anche al pagamento di 15mila euro di spese legali e a 800 euro di penale per ogni giorno di ritardo nell’esecuzione del provvedimento.

La sentenza è stata emessa dal giudice Stefania Garrisi e fa riferimento alla decisione presa dall’azienda di Zuckerberg lo scorso 9 settembre, quando bloccò non solo la pagina Fb ma anche quella Instagram di Casapound e i profili di Forza Nuova.

CLICCARE SULLA FOTO PER VEDERE L’INTERVISTA A VALERIO ARENARE – UFFICIO POLITICO NAZIONALE FORZA NUOVA

Il video servizio trasmesso a Officina Stampa del 31/10/2019 dove è stato ospite Valerio Arenare dell’Ufficio politico nazionale di Forza Nuova

Il leader di Forza Nuova, a seguito della sentenza del tribunale di Roma, chiede che vengano subito ripristinate anche le pagine del suo movimento  

Il leader di Forza Nuova Roberto Fiore, a seguito della sentenza del tribunale di Roma che ha imposto al social network Facebook di riaprire le pagine di Casapound, ha fatto notare in una nota che la stessa sorte ora verrà riservata al suo movimento, colpito ugualmente tre mesi fa dalla chiusura improvvisa di centinaia di pagine dei suoi militanti.

“Sentenza devastante per Facebook cui è stato imposto dal tribunale di Roma di riaprire le pagine di Casapound. Questa decisione comporterà la stessa cosa per Forza Nuova: riaprire immediatamente le centinaia di pagine chiuse il 9 settembre” ha spiegato il numero uno forzanovista. L’udienza che riguarda Forza Nuova si terrà il 14 gennaio.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Dicembre: 2019
L M M G V S D
« Nov    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it