Connect with us

Cronaca

Omicidio Sestina Arcuri, Cipollini nei panni del supertestimone: ecco perché le dichiarazioni non reggono

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Non è difficile fare due conti e capire quando delle dichiarazioni rese non reggono assolutamente. Come non reggono tutti i pezzi di carta palesemente fasulli che circolano sul web e che si riferiscono a Claudio Cipollini, alias “Zio Rocco”, che da difensore di Andrea Landolfi,accusato dell’omicidio della fidanzata Maria Sestina Arcuri, è venuto allo scoperto come presunto super testimone a suo carico.

Secondo quanto racconta il pluripregiudicato Cipollini, Landolfi gli avrebbe confessato l’omicidio (notizia subito smentita dal diretto interessato tramite i suoi legali)

La collega Paola Grauso di “Chi l’ha visto?” ha intervistato Cipollini come se si trovasse di fronte a uno sconosciuto “supertestimone” quando è risaputo e riscontrabile in qualsiasi momento che la Grauso conosceva benissimo Cipollini e sapeva perfettamente che faceva parte del team della difesa di Landolfi insieme all’avvocato Marini. E allora perché non gli ha fatto le domande che avrebbero fatto crollare una torre di bugie? Possibile che alla collega Grauso sia sfuggito il dato temporale?

Cipollini è uscito dal carcere il 20 dicembre 2019 (per scontare un’altra pena detentiva ai domiciliari)

Fino a fine marzo Cipollini (zio Rocco) difende a spada tratta e in ogni dove Landolfi anche con messaggi pubblici (ha inviato anche dei messaggi ai familiari di Landolfi dove ha sempre sostenuto che credeva nell’innocenza del suo assistito e infondeva coraggio a continuare la battaglia).

E c’è anche una mail datata 22 gennaio 2020 che Cipollini scrive a uno dei familiari di Landolfi. Ecco il testo:

Buona sera….. , avrà sicuramente sentito parlare di me Andrea , ero con lui nel carcere di regina coeli , sono lo zio Rocco , così mi chiamavano e mi chiamano tutti ! Sua madre sa sicuramente di me perché durante una telefonata dal carcere gli ho mandato i saluti tramite Andrea , sono io che ho fatto nominare Marini ad Andrea , sono io che ho soccorso varie volte Andrea , sono io che passavo al repartino psichiatrico dove era ubicato Andrea e gli tiravo su il morale , sono io che non ho dormito 3 notti per studiare il fascicolo di Andrea prima di passarlo nelle mani dell’ avv. Marini , solo perché Andrea mi sta a cuore e l’ho visto soffrire , piangere e autolesionarsi.
Le spiego brevemente chi sono ed il motivo della presente;
Sono un uomo con un passato burrascoso , con reati contestati di associazione risalenti a 20 anni fa circa quando conobbi Marini che mi tiró fuori dai guai !! Sono un imprenditore nel settore edile e di autovetture poi la crisi … ed ecco che mi contestano altri reati .. durante le mie detenzioni e fuori dal carcere ho studiato giurisprudenza a tal punto di essere un buon avvocato seppur non potendo esercitare la professione ! Sono un garante detenuti collaboro con il gruppo garanti Antigone , all’interno di regina coeli facevo assistenza legale gratuita può visitare la mia pagina ed il mio gruppo Associazione Avvocati crm e gruppo detenuti liberi , il motivo della presente perché in varie conversazioni con Andrea , non voleva un avvocato milanese , andava su tutte le furie quando lo nominavamo , sarà per antipatia personale o perché si è reso conto che non è in grado di seguirlo , viceversa Marini , dopo nominato , lo incontravo a colloquio con avvocato ! Andrea è molto attaccato a me ! Anzi pregherei quando andate da lui di dirgli ti saluta Zio Rocco ha detto che ti vuole bene come sempre e di comportarti bene !! Lei vedrà che a queste parole si aggiunge un sorriso sul suo volto !! Sono molto rinomato in tutti i carceri di Italia e non per essere un detenuto modello ma per il bene che ho fatto a tutti !! Per come credo in loro e come lì difendo !! Marini è un ottimo avvocato , credo come tale di aver fatto la giusta scelta verso Andrea , anche se non spettava a me questo compito ! Quindi vi pregherei qualora riteniate giusto , lasciare spazio a Marini e per la nonna di Andrea , potrei suggerire un avvocato di mia collaborazione anche per fare una giusta difesa legale congiuntamente con Marini avv. V…. V….. , quest’ ultima sempre gratuitamente a patrocinio , per quanto riguarda l’avvocato Marini so che non ha chiesto nulla , ovviamente nessuno può lavorare gratis , ormai Andrea sfortunatamente sta attraversando questo momento negativo della sua vita , che noi tutti cercheremo di tirarlo fuori con meno danno possibile psichico e fisico , nonché penale ! Poi andando avanti si vedrà per onorario di Marini , certo anche lui giustamente si sveglia la mattina e spera di portare qualche risultato a casa che sia soddisfacente personalmente ed economicamente , io so di una controversia lavorativa di Andrea .. tante cose .. ma di questo se ne potrà parlare con calma , adesso quello che mi è più a cuore , è Andrea e credo almeno su questo siamo di comune accordo ! Lascio il mio numero……. qualora voglia parlare un po’ con me ! Sarei lieto di sentirla ! La salutò con stima ! E mi raccomando non dimentichi di salutarmi Andrea gli dica che zio Rocco gli sta vicino e gli vuole bene e di non fare casino che anche se sono uscito so sempre tutto di come si comporta !!
Saluti !
Rocco !

Inoltre, Cipollini, non ha mai più visto Landolfi da dicembre perché costretto a casa a scontare un’altra pena definitiva….

Allora quando avrebbe ricevuto questa grande confessione a cui non ha fatto mai riferimento fino a quando ha perso il cliente? L’ha ricevuta prima di finire ai domiciliari, ossia a dicembre 2019? E allora come mai fino a fine marzo 2020 non ne fa parola con nessuno e sbandiera in ogni dove di aver assunto la difesa di Landolfi, fermamente convinto di riuscire a dimostrane l’innocenza insieme all’inseparabile Avv. Marini (il “Prof” di Cipollini)???

Due conti facili facili:

A marzo 2019 Cipollini entra in carcere a seguito del passaggio in giudicato di una sentenza di condanna ad anni due e mesi nove per il delitto di cui all’art 73 comma 1 D.P.R. per la illecita detenzione di 54,910 grammi di cocaina, fatti commessi in San cesareo il 5 agosto 2016 (post laurea??) nonché per detenzione abusiva di armi e ricettazione, fatti commessi in Labico il 5 agosto 2016; il 5 dicembre 2019 Landolfi nomina come difensore il professore di Cipollini; il 20 dicembre 2019 Cipollini esce dal carcere; il 20 febbraio 2020 su Fb sbandiera che il suo studio legale ha preso il caso di Landolfi. E arriviamo a fine marzo, esattamente il 29 marzo 2020, quando il Landolfi decide di revocare il Professore. Ed ecco che il 1 Aprile, da strenue e granitico “difensore in seconda” del Landolfi che era stato fino al giorno prima, il “consulente revisore processuale garante autonomo dei detenuti” Cipollini diventa l’accusatore numero uno e nessuno se ne è accorto! Ma che distratti…verrebbe proprio da pensare.

Gli altri clienti del pregiudicato “zio Rocco”

Certo non vorremo essere nei panni degli altri poveri clienti di Cipollini che grazie a questa fake mediatica, gonfiata anche da chi dovrebbe smascherare le bugie, potrebbero intimorirsi e restare con lui per sempre, piuttosto che subire facili ritorsioni. Ma per favore siamo seri almeno noi giornalisti! Facciamo le domande giuste che fanno emergere come stanno i fatti, soprattutto quando sono di una chiarezza imbarazzante!

L’intervista di Cipollini a “Tuscia web”

Cipollini fa delle dichiarazioni a Tuscia Web decisamente insoddisfacenti per le persone dotate di giudizio e intellettualmente indipendenti. Ma andiamo per gradi. Sia ben chiaro che noi come quotidiano non intendiamo dare voce a personaggi del genere e se mai lo avessimo fatto gli avremmo certamente chiesto, incalzandolo, di ammettere tutte le bugie scritte finora e, soprattutto, gli avremmo chiesto di scusarsi con tutte le vittime che gli sono capitate a tiro per essersi spacciato per avvocato, millantando un credito che non ha solo per un ritorno personale.

Confusione sulla data della laurea

Addirittura il giornale locale della Tuscia colloca la laurea del Cipollini nel 2013 quando è il Cipollini stesso ad aver pubblicato la sua laurea (con lode), addirittura conseguita nel maggio 2015. Un bugiardo compulsivo con una pessima memoria e una scarsa verifica della fonte, davvero una pessima combinazione.

Zio Rocco colloca la presunta rivelazione di Landolfi nel dicembre 2019

A dicembre raccoglie una confessione dal presunto omicida Landolfi e a febbraio dichiara in pompa magna di aver preso la difesa di Landolfi, sostenendo a più riprese, pubblicamente, di essere certo non solo della sua innocenza ma anche di riuscire a dimostrarla dinnanzi alla Corte di Assise di Viterbo. Ma come è possibile? Si è dimenticato della “confessione shock?” Problemi di memoria a breve termine o spietata malafede? Ai posteri l’ardua sentenza, come si suol dire in questi casi. Solo che qui la sentenza non sembra ardua affatto. E’ tutto anche fin troppo chiaro.

La richiesta di colloquio col pm Franco Pacifici è datata primo aprile 2020

Coincidenza, a due giorni (leggasi due!) dalla revoca ufficiale della difesa affidata al team Legal Consulting CRM di cui Cipollini è attore protagonista, tant’è che ribadisce nell’ultimo articolo apparso su Tuscia Web “Io ho la Legal Consulting, non potendo iscrivermi all’ordine fino al 2023 perché servono i dieci anni riabilitativi”, visto che è di un pluripregiudicato che stiamo parlando. Peccato che sotto la pubblicità della Legal Consulting c’è scritto chiaro e tondo Avvocato Claudio Cipollini

Avrebbe dovuto rispondere alla domanda che gli è stata formulata: lei è avvocato? Sì o no? Una risposta secca. Signor Cipollini, giù la maschera! Ha dichiarato di essere avvocato anche il 6 febbraio scorso…”Buongiorno per chi non mi conosce sono avvocato” e poi ancora nel messaggio continua a definirsi tale… “noi penalisti…”. Ma mi faccia il piacere, come direbbe l’inimitabile “Totò”. E, soprattutto, risponda alle domande perché le “supercazzole” le hanno inventate molto prima di lei.

Cipollini (zio Rocco) prima si dichiara avvocato e poi si smentisce da solo

Dunque Cipollini che ha pubblicato la sua foto finta del giuramento da avvocato e poi successivamente si è fatto una foto in primo piano con un falso tesserino da avvocato ora dichiara di non potersi iscrivere all’ordine degli Avvocati. La domanda sorge spontanea: perché non gli è stato chiesto a Cipollini il motivo della diffusione sul web di documenti falsi che invece attestano che si è sempre spacciato come un avvocato quando non lo era?

Foto ritoccata dal Cipollini. ha modificato una immagine presente sul web su un giuramento di avvocati milanesi
Il falso tesserino dell’Ordine degli avvocati di Roma con numero di tessera fasullo
Solo a febbraio di quest’anno, Cipollini enuncia tutti i suoi titoli…falsi!

L’altra domanda a cui zio Rocco non ha risposto

Da Tuscia Web: Quindi lei collabora con l’ex difensore di Landolfi, avvocato Giacomo Marini, al quale sono subentrati pochi giorni fa i legali Serena Gasperini e Daniele Fabrizi…
“L’avvocato Giacomo Marini è stato il mio prof. Lo conosco da 23 anni”.

Qui si offende l’intelligenza di chi legge e nessuno incalza lo “zio Rocco”

Perché ancora una volta Cipollini non risponde e nessuno lo incalza pretendendo una risposta: collabora con Marini sì o no? Ma certo che sì caro signor Cipollini, visto che proprio lei annuncia in pompa magna di aver “preso” il caso di Landolfi insieme all’avvocato Marini… il caso Landolfi e Mancuso! Non ricorda? Non si preoccupi le rinfreschiamo noi le idee…

In prima serata tv non ci si aspetta certamente questo siparietto ma sappiamo che “Chi l’ha visto?” è un programma serio e con onestà andrà fino in fondo a questa pagliacciata perché qui si sta parlando di un processo con una ipotesi accusatoria di omicidio volontario e non della prossima sagra della porchetta.

Cronaca

Alba, la Fiera Internazionale del Tartufo Bianco spegne 90 candeline

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Un luogo meraviglioso, nel cuore delle colline Unesco, per il tradizionale evento di presentazione al territorio della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba: l’anfiteatro Horszowski di Monforte d’Alba ha fatto da scenario all’incontro in cui è stato svelato il ricco programma della 90ª edizione, che non si lascia fermare dagli avvenimenti di questo 2020, e anche quest’anno torna a profumare le colline di Langhe, Monferrato e Roero dal 10 ottobre all’8 dicembre, portando a nove le settimane di apertura al pubblico della manifestazione.

La Fiera coglie l’occasione di ripartenza per dare inizio a un nuovo corso, innovandosi nelle forme di dialogo con l’esterno senza stravolgere i propri concetti fondanti. Il filo conduttore di questa edizione è “Il Mondo” per rappresentare il ruolo di ambasciatore e facilitatore di relazioni del Tartufo Bianco d’Alba. Nel corso dei 90 anni di storia della Fiera, il Tuber magnatum Pico è arrivato sulle migliori tavole del mondo, e grazie anche a un grande personaggio quale Giacomo Morra, è diventato uno dei prodotti iconici dell’alta gastronomia a livello mondiale. Così come il Tartufo Bianco d’Alba aveva raggiunto i gourmet di tutto il mondo, così gli estimatori iniziarono ad arrivare ad Alba di anno in anno più numerosi e desiderosi di scoprire i segreti delle colline su cui nasce il fungo più prezioso al mondo.

Numerose le conferme, a partire dal fulcro della Fiera che è e rimane il Mercato Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba, unitamente alla rassegna Albaqualità, in uno spazio – il Cortile della Maddalena – che sarà rivisto quest’anno nella forma, con un’innovativa soluzione a cielo aperto, che garantisce tuttavia la fruibilità degli spazi anche in caso di maltempo, con accessi contingentati e predisposizione di tutte le misure del caso, mantenendo inalterata la sostanza. Sarà il luogo in cui poter acquistare magnifici esemplari di Tuber magnatum Pico accuratamente selezionati dai giudici di Analisi Sensoriale del Tartufo, formati dal Centro Nazionale Studi Tartufo.

Quindi l’Alba Truffle Show (Sala Beppe Fenoglio – Cortile della Maddalena), pronto ad accogliere, nel consueto clima di raffinata famigliarità, e nella più totale sicurezza degli ospiti, le creazioni gourmet nate dall’estro sapiente di grandi firme della cucina nazionale e internazionale, i seminari di Analisi Sensoriale del Tartufo – esperienza immersiva che consente di conoscere in modo semplice, ma profondo, le caratteristiche del tartufo e le Wine Tasting Experience dedicate ai grandi vini di Langhe, Monferrato e Roero –; tanti gli chef pronti a firmare i Foodies Moment dei numerosi cooking show, lasciandosi sedurre e ispirare dall’aroma del nostro diamante più prezioso.

Il Salotto dei Gusti e dei Profumi accoglierà il meglio delle eccellenze piemontesi, con la novità del Salotto del Folclore, e le proporrà ai visitatori attraverso esperienze sensoriali e laboratori. La Fiera conferma la propria attenzione nei confronti delle nuove generazioni di visitatori, allestendo per i bambini che visiteranno Alba con le loro famiglie l’area dell’Alba Truffle Bimbi, presso il Palazzo Mostre e Congressi intitolato a Giacomo Morra.

Il tema benefico vedrà confermata anche quest’anno, domenica 8 novembre, l’Asta Mondiale del Tartufo Bianco d’Alba, evento internazionale che quest’anno festeggerà la sua XXI edizione, e sempre sul fronte della beneficienza vale la pena segnalare la presenza dei Fratelli Cerea, protagonisti della prima Cena Insolita e campioni di solidarietà con la cucina presso l’ospedale da campo degli Alpini di Bergamo, durante la fase più acuta della pandemia.

In una formula rivista, il 3 e 4 ottobre, nel weekend che anticipa l’apertura della Fiera troveranno ampio spazio folclore e tradizione, grazie all’impegno della Giostra delle Cento Torri. Confermato il Palio degli Asini, che tornerà a corrersi nella sua antica sede, intorno al Duomo di Alba: porte chiuse, per garantire salute e sicurezza, ma rilancio digitale, con la trasmissione della corsa in live streaming. A impreziosire il fine settimana, il Salotto del Folclore, con rievocazioni storiche fluide e diffuse in tutto il centro storico, avendo il proprio cuore pulsante in piazza Risorgimento.

Un’autentica immersione nel territorio e nella cultura verrà quindi offerta grazie al ricco calendario di mostre, eventi sportivi, rassegne, incontri, concerti.

La sera del 20 settembre ha visto quindi in calendario “Tuber Primae Noctis”, occasione per brindare – dopo il fermo biologico – alla prima notte dell’anno in cui si dà l’avvio alla cerca per i trifulau. Allo scoccare della mezzanotte, al Castello di Roddi si brinda per il Capodanno del Tartufo in compagnia dei rappresentanti di tutte le fiere piemontesi legate al tartufo bianco, con Alba a fare da capofila. La serata vedrà anche il coronamento del progetto “The Langhe Supper – La Penultima Cena”, progetto cominciato lo scorso anno che è culminata con l’esposizione della finestra digitale realizzata nelle Langhe da Marco Tabasso, Robert Andriessen e Tatiana Uzlova del collettivo artistico Anotherview Project.

Ma la 90ª edizione della Fiera Internazionale Bianco d’Alba sarà molto di più, con la tradizione che sposerà l’innovazione. La sede principale di questo sodalizio sarà il Castello di Roddi, che diviene la sede del “Truffle Hub”, la principale novità di questa edizione: grazie all’importante investimento della Regione Piemonte, l’antico castello torna a vivere, proiettato verso il futuro nella veste di hub digitale territoriale. La pertinenza del castello sarà sede dell’Alba Digital Truffle Lab: un’esperienza digitale che, attraverso i Giudici del Tartufo del Centro Nazionale Studi Tartufo, accompagnerà i partecipanti alla scoperta del fungo più pregiato del mondo. Ancora, per gli amanti del vino sarà possibile prendere parte al Langhe Digital Wine Lab, che offrirà degustazioni digitali guidate alla scoperta dei grandi vini piemontesi, in collaborazione con il Consorzio di Tutela Barolo Barbaresco Alba Langhe e Dogliani e Consorzio Alta Langa DOCG.

Fra le altre novità, a dare continuità al percorso cominciato nel 2017, alla ricerca della bellezza e della praticità, per tutti i gourmet e gli appassionati di tartufo si arricchisce di un nuovo elemento il kit dedicato al Tartufo Bianco d’Alba. Un diamante della terra così prezioso merita un kit dedicato, che quest’anno si arricchisce di un nuovo oggetto, sempre alla ricerca del giusto equilibrio tra il design e la funzionalità. Prende forma così un omaggio al “fiuto” di Giacomo Morra e alla sua intuizione, negli anni ’50, di promuovere nel mondo il Tartufo Bianco d’Alba: ecco quindi arrivare “Giacomo”, la spazzola da tartufo disegnata dal prestigioso Studio Job e realizzata da Gufram, il brand italiano di radical design.

Spazio, infine, alle dichiarazioni. Il Presidente della Regione, il Vice Presidente e l’Assessore alla Cultura, Turismo e Commercio sottolineano che il Piemonte va avanti in sicurezza e con grande attenzione, ma ripartendo dai suoi simboli più forti. Come le colline Unesco di Langhe, Roero e Monferrato e un prodotto della terra unico e conosciuto in tutto il mondo come il Tartufo bianco d’Alba.

L’importanza della filiera agroalimentare, tra i propulsori più potenti dell’economia piemontese, è richiamata dagli Assessori alla Sanità e all’Agricoltura del Piemonte, promotori del Tavolo di consultazione regionale “Il cibo è salute”, al quale partecipano tutti i soggetti del comparto. L’unità di intenti e la collaborazione tra Sanità, mondo agricolo ed enti locali è l’elemento che, anche nel caso della storica Fiera del Tartufo, ha consentito di superare le oggettive difficoltà del momento.

Il Sindaco di Alba afferma che sarà una Fiera speciale e sicura, che si è voluto con forza organizzare. Innanzitutto per celebrare le 90 edizioni, un anniversario importante in cui onorare una lunga tradizione e l’intraprendenza dei pionieri di quella che è diventata la più importante manifestazione del territorio, trasformando le nostre umili terre nelle colline Patrimonio dell’Umanità e facendo diventare le eccellenze enogastronomiche e il turismo il più importante motore economico dell’area. Alba ancora una volta ha voluto essere capofila di questo territorio, capitale delle Langhe, dando un segnale forte in un periodo di difficoltà e incertezze. Per questo la Fiera del tartufo 2020 si farà, anche se riformulata e ripensata, mettendo al primo posto la sicurezza dei visitatori e degli operatori. Grande attenzione e professionalità nei momenti dal vivo, appuntamenti in streaming ed eventi studiati appositamente per questa edizione saranno gli ingredienti principali, oltre all’immancabile energia che si respira ogni anno in autunno ad Alba.

Questa edizione della Fiera sancirà un patto di amicizia tra Alba e Bergamo, nel segno delle Città Creative Unesco, un momento che sarà suggellato dalla presenza del sindaco Gori in città. L’Assessore albese al Turismo, manifestazioni ed eventi si dice orgoglioso di poter confermare, grazie al lavoro straordinario realizzato con la Giostra delle Cento Torri e tutti gli attori del sistema, il Palio degli Asini che rappresenterà un grande segnale di ripartenza e celebrerà ancora una volta il legame indissolubile tra la città e i suoi borghi.

La Presidente dell’Ente Fiera Liliana Allena dichiara: “Sono lieta di poter annunciare ufficialmente che dal 10 ottobre all’8 dicembre avrà luogo la 90ª edizione della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba. Abbiamo interpretato il particolare periodo trascorso come momento di trasformazione, cercando di cogliere le opportunità che si sono presentate e di affrontare l’emergenza come un acceleratore del cambiamento. Con tutti i Soci dell’Ente Fiera si è deciso di realizzare un’edizione che rilancia e si rinnova.  Sarà una Fiera fondata sui nostri più tradizionali valori quali la solidarietà con il distretto enogastronomico locale e con il mondo degli Chef, dando particolare attenzione al tema della sostenibilità interpretata su tutti i suoi assi: ambientale, economico e sociale. La sintesi tra storia, tradizione ed innovazione sarà ben rappresentata dalla più importante novità di questa edizione, la pertinenza del Castello di Roddi, prestigiosa sede da cui il Tartufo Bianco d’Alba, i grandi vini e i prodotti del Piemonte colloquieranno in digitale con il mondo. Si presterà la massima attenzione al tema della sicurezza garantendo e attuando i protocolli sanitari previsti che permettano allo stesso tempo di mantenere le tradizioni del folclore cittadino. Cogliere le opportunità per accelerare la trasformazione guardando al futuro come una pagina bianca da scrivere insieme, questo ci pare il miglior modo per celebrare il nostro 90° compleanno”.

Continua a leggere

Cronaca

Meteo, piogge e venti al centrosud: sei regioni in allerta arancione

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

La perturbazione che ha investito l’Europa centro-meridionale continuerà a colpire l’Italia nelle prossime ore con piogge e temporali su tutto il centrosud. Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile ha emesso una nuova allerta meteo che estende quella diffusa ieri e che prevede a partire dalla serata di oggi precipitazioni diffuse, localmente anche molto intense e accompagnate da grandinate, fulmini e forti raffiche di vento, sulla Sardegna, in estensione dalle prime ore di domani a Toscana, Lazio, Umbria, Marche, Emilia-Romagna, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia.

Sempre domani sono attesi inoltre venti di burrasca su Sardegna, Sicilia, Calabria, Basilicata e Puglia. In considerazione dei fenomeni previsti, il Dipartimento ha anche valutato un’allerta arancione su sei regioni: Calabria occidentale, settori meridionali del Lazio, settori settentrionali della Puglia e su alcuni settori di Basilicata, Campania e Sardegna.

Sono più di 1.000 gli interventi di soccorso effettuati dai vigili del fuoco per il maltempo che da ieri sta interessando il Nord Italia e il versante tirrenico della penisola. Particolarmente coinvolte Lombardia, Emilia-Romagna, Toscana, Umbria, Lazio e Campania. E’ quanto si legge in un comunicato del Corpo nazionale. 

In Lombardia, nelle province di Varese e Como proseguono gli interventi per alberi abbattuti e dissesti statici, 200 i soccorsi fatti.

In Emilia Romagna 120 interventi dei vigili del fuoco tra Parma e Reggio Emilia. Per il forte vento nella zona di Perugia, sono stati 150 gli interventi per il maltempo. Nella tarda serata di ieri una tromba d’aria ha colpito la zona di Cecina e Rosignano (LI) provocando danni ai tetti di diverse abitazioni.

Anche a Roma per le forti raffiche di vento sono stati 140 gli interventi per alberi abbattuti e dissesti statici.

In Campania, colpite dal maltempo Salerno e Napoli: 230 interventi tra il capoluogo di regione e Salerno colpita da una tromba d’aria che ha interessato soprattutto la zona orientale.

40 interventi dei Vigili del fuoco nel Potentino – Sono stati circa 40 gli interventi che i Vigili del fuoco hanno fatto da ieri sera a stamani, in tutta la provincia di Potenza, a causa del maltempo che sta interessando da circa 24 ore il territorio lucano, con forte vento e pioggia a tratti intensa. I Vigili del fuoco sono intervenuti per allagamenti, alberi abbattuti sulle strade, tetti scoperchiati e cartelloni pubblicitari divelti: hanno operato sette squadre, sette autopompe e sette fuoristrada: in totale 35 unità.

Neve su colle Agnello, valico chiuso fino a lunedì – Il colle dell’Agnello, valico transfrontaliero tra la provincia di Cuneo e il Queyras francese, è chiuso per maltempo. Il provvedimento è stato deciso dalla Provincia di Cuneo in accordo con il dipartimento Hautes Alpes Conseil General Direction Des Routes, Des Transports che gestisce il settore francese del Colle. La strada, che si inerpica fino ai 2744 metri (terzo valico più alto d’Europa) resterà chiusa fino alle 12 di lunedì 28 settembre. Il colle di presenta imbiancato dalla giornata di ieri e sono entrati in azione i mezzi spartineve. Al colle dell’Agnello è previsto il passaggio della diciannovesima tappa del Giro d’Italia, la Busca-Sestriere, sabato 24 ottobre.

Prima neve su Appennino parmense, danni per vento – È stato il vento il nemico numero uno in provincia di Parma nell’ultima allerta meteo segnalata dalla Protezione Civile. Le precipitazioni non sono state di natura violenta anche se in montagna, sui passi appenninici, è caduta nella notte la prima neve: circa cinque centimetri al di sopra dei 900 metri. In tutta la provincia invece i Vigili del Fuoco e i tecnici delle amministrazioni comunali sono dovuti intervenire per decine rami spezzati ma anche per diversi alberi caduti a terra. L’episodio più grave nel parco della Cittadella a Parma dove una pianta di notevoli dimensioni è caduta in un prato senza fortunatamente colpire persone o cose.

Neve su montagne Cortina e primo freddo in pianura – Assaggio d’inverno sulle montagna del Veneto, con la neve che stanotte ha fatto la comparsa a Cortina e in modo più consistente sui passi dolomitici. Alcuni centimetri lo spessore sui valichi, come il Falzarego, e termometro sotto lo zero. Le cime della conca ampezzana appaiono tutte imbiancate, conseguenza dell’irruzione fredda che ha accompagnato il maltempo di ieri in Veneto. Anche nelle città di pianura il cambio termico è stato repentino: le minime sono scese vicino ai 10 gradi, per quello che è il primo episodio freddo della nuova stagione. Freddo vero invece in montagna: Cortina ha registrato 2 gradi, valori di 4-5 gradi sotto lo zero in quota. Niente neve ma una forte grandinata sull’Altopiano di Asiago. Gli allevatori – spiega Coldiretti – non si sono fatti prendere alla sprovvista dalla svolta autunnale, e nelle zone di montagna dove oggi è arrivata la neve avevano già provveduto per tempo alla transumanza del bestiame , liberando le malghe e rientrando nelle aziende agricole.

Continua a leggere

Cronaca

Caos scuola, ancora rinvii per mancanza di banchi, di supplenti, di aule e di contagi Covid-19

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Al via il ritorno in classe nelle cinque Regioni che avevano rinviato la riapertura stabilita per il 14: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania e Puglia. Circa due milioni gli studenti che torneranno a scuola. Sono tanti, però, i Comuni che hanno già annunciato un ulteriore rinvio per la necessità di effettuare le sanificazioni post elezioni. Problemi anche per molte scuole già ripartite, che sono state costrette a fermare le attività dopo nuovi casi di contagio.

Le motivazioni – La decisione di rimandare il ritorno in classe in queste Regioni era stata presa sia per difficoltà organizzative sia per evitare doppie sanificazioni nelle scuole sedi di seggi elettorali il 20 e 21 settembre.

Ancora rinvii – In alcune località, poi, i sindaci sono stati costretti a posticipare l’inizio del nuovo anno scolastico a causa della mancata nomina dei supplenti, del ritardo nell’arrivo dei banchi, delle difficoltà nel reperire nuovi spazi e per eseguire test sierologici al personale.

Catanzaro gli studenti dovranno attendere il 28 per ritornare in aula. Il sindaco, Sergio Abramo, ha stabilito con un’ordinanza il rinvio delle attività didattiche previste per oggi. Ma non è l’unico caso. Stessa sorte toccherà anche agli alunni degli istituti sede di seggi elettorali a Napoli e a tutte le scuole di Torre Annunziata.

Avrebbero dovuto riaprire il 25, ma lo faranno il 28, le scuole nei comuni di Andria, Trani, Adelfia e Bitonto. Le lezioni in presenza ripartiranno il 29 per gli studenti delle scuole pubbliche di Olbia per permette il completamento dei testi sierologici sul personale scolastico. Posticipata al 1° ottobre la prima campanella a Torre del Greco.

Scuole aperte e poi chiuse – Da nord a sud, i problemi non sono mancati anche per molte scuole ripartite il 14, che sono state costrette alla sospensione delle attività didattiche alla luce di casi di positività al coronavirus tra gli alunni o tra il personale scolastico.

Istituti chiusi fino al 27 a Misilmeri, in provincia di Palermo, dopo gli ultimi sei contagi. Una misura necessaria, secondo il sindaco Rosalia Stadarelli, per consentire all’Asp di effettuare i controlli su “decine e decine di soggetti” entrati in contatto con i contagiati.

Nel trapanese ben due gli istituti costretti a chiudere: la scuola dell’infanzia “Primavere” di Erice Casa Santa, dove una maestra è risultata positiva al tampone e i bambini sono stati posti in quarantena in attesa del tampone. L’altro è l’istituto comprensivo Nosengo, a Petrosino, dove a risultate positivo è stato un dipendente scolastico.

Continua a leggere

I più letti