Connect with us

Esteri

OMID JAZI: ESCE IL REMIX DI "EGGREGORA", INTERVISTA ESCLUSIVA AL PRODUTTORE LA.PO FROST

Clicca e condividi l'articolo

È la prima volta che un brano di Omid viene remixato da un’altra persona.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print
GALLERY IN FONDO ALL'ARTICOLO [CLICCARE SOPRA LE FOTO PER INGRANDIRLE]
 
 
di Angelo Barraco
 
Londra –  Omid Jazi, lontano dall’Italia, continua a regalarci grandi sorprese dalla Londra che ha ispirato il suo ultimo album “Tooting Bec”. E’ uscito il remix del brano “Eggregora”, contenuto in “Tooting Bec” e remixato dal produttore e musicista LA.po Frost. Musicista italiano ma londinese d’adozione. E’ la prima volta che un brano di Omid viene remixato da un’altra persona. In un’intervista passata abbiamo spiegato in dettaglio com’è nato “Tooting Bec”, oggi vi proponiamo in esclusiva un’intervista  fatta al produttore LA.po Frost e ad Omid Jazi, che ci hanno spiegato in dettaglio come è nata la loro collaborazione e come è stata concepita l’idea di remixare un brano. 
 
Omid  è un musicista eclettico, polistrumentista con un curriculum musicale da fare invidia ai più; nel 2011 ha suonato tastiera/synth e chitarre con i Verdena nel tour di WOW e con loro ha pubblicato l’ep RADAR, ha un gruppo con Nevruz (noto per la sua energetica partecipazione ad X Factor) dove suona la chitarra e canta, Nevruz invece suona la batteria. Il 28 febbraio 2012 esce il primo ep solista di Omid chiamato “Lenea”, un anno dopo esce l’album “Onde Alfa” e il 1 luglio del 2015 viene pubblicato dalla Nexus edizioni il nuovo album “Tooting Bec”.
 
Intervista al Produttore LA.po Frost:
 
– Come nasce la collaborazione con Omid? Ci saranno altre collaborazioni con Omid in futuro? Come mai hai scelto di remixare il brano “Eggregora”? Quali sono state le influenze maggiori che hai avuto nel rielaborare e remixare il brano?
 
Condividiamo un appartamento. Quando l'ho ascoltata attraverso il muro (e i muri a Londra sono di cartongesso) ho potuto immaginare sonorità che non appartenevano alla traccia originale, ma che in qualche modo la esprimevano.
Al principio ho cercato di dimenticare la versione originale, di non riconoscere quella canzone che avevo sentito più volte nei mesi precedenti. Così l'ho voluta immaginare diversa, nella sua vera natura, elegante e misteriosa, con un nuovo vestito, un vestito da sera. Ho pensato ad una versione elettro-acustica piena di livelli e profondità, e, dopo aver registrato la cassa e il basso, ho fatto delle prove con vari synth e suoni filtrati. Ne è venuta fuori una versione notturna molto cinematica alla quale Omid ha partecipato attento a tutti i passaggi della produzione. Averlo lì come supervisore ha senz'altro accentuato il mio mettermi in mostra e il mio spirito creativo, è stato stimolante. Ascoltata successivamente trovo che alcune sonorità ricordino un po' il James Blake di Brian Eno e gli Air di “10000hz Legend”. Io sono contento, lui pure, è stato divertente. Sarei curioso di sentirlo cantare in inglese per il prossimo esperimento insieme e mi farebbe piacere partecipare ai suoi progetti futuri.
 
– Come reputi il lavoro di Omid “Tooting Bec”?
 
“Tooting Bec” è senz'altro un lavoro di sincero spessore artistico. Disegna con esattezza e determina immaginari e concetti che forse non si sarebbero potuti esprimere altrimenti. Si nota da subito che c’è una necessità espressiva, una riflessione, una sostanza, non tanto nella forma ma nella sostanza in sé. 
“Tooting Bec”, e il lavoro di Omid in generale, credo abbia il potere universale di esistere al di là della forma, ne è la prova il remix di “Eggregora”. Le scritture appartengono al tempo fuori dal tempo. Si guarda dall'alto al basso ciò che è stato e ciò che si è stati. Ci si saluta da lontano forse con un po' di malinconia… musicale. Mi piace come la voce si mimetizza tra la musica e le armonie. Ritrovo parecchie somiglianze con i primi lavori di Battiato e le sonorità di Morgan dell’appartamento, ma anche del rock psichedelico anni ’70/'80 in generale. Se preso musicalmente e volendo usare etichette per semplificarne il messaggio, rappresenta un ottimo esempio di post rock psichedelico avanguardistico contemporaneo dal suono vintage.
 
– Chi è La.po Frost? Parlaci un po’ di te…
 
LA.po (Jacopo Tittarelli Rubboli) è un produttore musicale / musicista.
Iniziai a suonare la chitarra a 15 anni facendo le cover dei Nirvana in uno sgabuzzino sottoterra e poi a suonare il basso perché nella mia città non si trovavano "i bassisti" e quello che avevamo non veniva mai.
Mi ricordo che ho sempre voluto avere una visione globale della musica, non tanto approfondire uno strumento fino a quando non sai più nemmeno cosa stai suonando, ma saper suonare un po' di tutto, per essere autonomo e per “vedere le cose da lontano”, credo che questo sia un po' il vizio del produttore.
Il mio primo demo su cassetta 8 tracce e campionatore è datato 2001, non l'ho mai reso pubblico ma conteneva spunti interessanti electro-pop.
Con la band Frost ebbi diverse soddisfazioni: vinsi Arezzo Wave e il Premio Fondazione AW a 20 anni, nel 2003. Mi ricordo che cantavamo in inglese perché era figo, ascoltavo parecchio Beck e Blur. L’anno successivo suonammo davanti lo stadio di AW pieno di gente, prima di Groove Armada e Little Louie Vega. Ero vestito da motocross con il corpetto e gli stivali, con l'elmetto rosso da skateboard, altri erano in pigiama, uno in paillettes, le orecchie di Shrek, occhiali da sci e roba random tutta colorata. I Funkadelic hanno avuto un ruolo devastante nel nostro look.
Non possedevo un basso e siccome l’avevo sottratto di nascosto ad un amico che non lo sapeva, l’avevo ricoperto di carta stagnola, mi ricordo anche che mostrai il didietro al pubblico dopo la performance e che resi felici diversi giornalisti per questo.
Nel 2005 era già uscito il nostro primo disco in inglese che ci fece partecipare al reality show "MTV A CUT" filmato a Londra con Anastacia, fu una grande esperienza che mi aprì gli occhi sul cosa fare: comprai una batteria, feci un corso di tecnico del suono e mi feci un piccolo studio con Ricc dove produrre.
Il disco in italiano arrivò 4 anno dopo, dopo diverse fatiche ed esperienze (incluso il progetto jazz e semi acustico) e i vari tour in tutto lo Stivale.
Live music non mi bastava più così iniziai a fare il DJ portando avanti per 3 anni  il progetto electro "Frost Dj Sexx” o “FDS" dove suonavamo mash-up ’80-’90 e versioni “fidget” e “nu-disco” fatte da noi. Aprivamo a molti artisti prima e dopo i concerti, remixammo Bugo, UWT, Dopefish, Captain Mantell, Frank Agrario e una marea di bootleg inclusi Major Lazer, New Order e Taxman dei Beatles.
Era molto divertente, mi ricordo che feci un costume da robot con degli scatoloni e che suonammo pure con Camerini.

– Poche parole per delineare la storia della sua carriera, perché Londra?
 
Ho letteralmente fatto di tutto in italia, persino la band a Loredana Berté, provino con la Caselli e live set in discoteca dove suonavamo improvvisando sopra i DJ e facevamo qualche cover a sorpresa super funk ’70 tra cui 'Il Veliero' di Battisti!
Ma non ne potevo più. Tutte le volte che mi chiedevano cosa facevo e rispondevo con: “Il produttore e il musicista” mi rispondevano con: “Sì, ok , ma che lavoro fai?"
Cosi decisi di spostarmi a Londra con un amico con il quale fondai il progetto “Fanny Games” tipo “FDS” ma più electro e meno '80s.
Per 2 anni lavorai in un ristorante come chef, ma contemporaneamente producevo FG… Con FG ho suonato in tutta Londra!
Ho persino aperto a Alex Metric al Koko, eravamo forti dal vivo e che avevamo il supporto di Phonat e della Mofo Hi-F, ma poi il mio amico tornò in Italia e io mi misi a fare Naives insieme a Marc Jacc, che suonò la batteria con “FG” in un gig a Pigalle (Parigi).
“Naives”, che tutt’ora produco, è il mio progetto musicale dove suono il basso e campionatore. Siamo supportati da Gary Crowley della BBC e da diverse radio UK. Tra poco faremo uscire un album di remix (30 Gennaio) e il terzo singolo “Fashion Pineapple” con il video girato alle Seychelles, in attesa dell’album vero e proprio per metà 2016.
Oltre a questo sono ghost producer per diversi DJ e artisti più o meno importanti e lavoro come produttore musicale per diverse compagnie di advertising radiofonico e televisivo.
Concludendo, Londra rappresenta un melting pot che a Perugia (e in Italia) non sono riuscito a trovare in 28 anni che ho vissuto là. È vero ho avuto diverse esperienze gratificanti, ma l’attenzione alla musica che si trova a Londra non sono riuscito a trovarla in Italia.
Purtroppo, non per parlare di luoghi comuni, in Italia la cultura artistica in generale (e io ho due lauree artistiche: una in pittura e una come produttore musicale) non è supportata. Qui a Londra, persino il giardino che è stato di Tizio e Caio è un museo con un caffè e delle persone che ci lavorano dentro. A Londra s’investe sulla cultura, in Italia purtroppo no. Noi potremmo benissimo vivere di cultura e turismo, se solo fossimo meno ignoranti.
Per cambiare discorso, esiste anche qui una grande competizione e spesso è difficile farsi sentire, ma grazie alla preparazione musicale italiana, quella attenta di chi ascolta (e riproduce) ciò che viene dall’oltremanica (e oltreoceano), diventa più facile. Paragonato a quello inglese, siamo un popolo di esibizionisti, un italiano lo riconosci subito!!! Forse ci risulta più facile esprimerci, forse ci piace “fare il verso” di chi è figo perché per noi diventare fighi è un obiettivo di vita… da qui nasce sicuramente l'esterofilia che è senz’altro il motivo (e il primo stage) per il quale tutto ciò che è inglese è più figo di ciò che è Italiano. In realtà è solo diverso e non supportato a dovere, la poesia della lingua italiana non è paragonabile alla semplice e diretta musicalità della lingua inglese. Credo che ora ho un'esterofilia della lingua italiana, dopo 6 anni che vivo a Londra, e incomincio ad apprezzare quella che è (era) la canzone italiana. Se guardo Sanremo mi deprimo però… spero che quest’anno ci siano artisti interessanti, artisti veri, staremo a vedere.
Omid perché non ci vai? Ci vogliono le spinte?

Intervista ad Omid Jazi:

– Il remix è un nuovo tassello nella tua carriera artistica, come reputi questa esperienza?
 
È troppo presto per poterlo dire, ma al momento della sua uscita ho ricevuto due proposte da due diversi artisti che mi hanno chiesto di remixare dei loro pezzi, anche se bisogna sottolineare che il remix di Eggregora è stato realizzato prevalentemente da Lapo. Avere più materiale disponibile per l'ascolto mi sembra indispensabile oggi, visto che l'attenzione del "pubblico" è centellinata e ipervelocizzata. Mi sembra un buon modo per donare qualcosa di mio. Affrontare un remix come questo è stato una sorta di ulteriore prolungamento artistico, senza voler entrare a far parte di una scena elettronica o meno, queste sono cose che non mi interessano, è semplicemente sperimentazione, è un valore aggiunto.
 
– Come hanno reagito i fans al remix?
 
Come dicevo prima, spesso nella gente prevale l'istinto sulla riflessione. Devo dire quindi che gli ascolti su Soundcloud, i like su Facebook etc. dimostrano che chi mi segue non è stato indifferente. Tutto questo correre, accompagnato forse da un po' di “timore” verso un musicista, lascia poco spazio a commenti o messaggi sui miei post su Facebook ad esempio. Proprio per questo questi episodi sempre più rari scaldano il cuore più delle fredde cifre, mi fanno sentire quello che di vero hanno le persone e lo apprezzo enormemente. 
 
– Uscirà un videoclip del brano?
 
Per l'album Onde Alfa ho realizzato dei video con il mio Macbook, è stata una roba che non mi pento di aver fatto ma che comunque di basso profilo artistico, per scarsità di mezzi, il fatto è che non riesco a starmene fermo, ho una implacabile esigenza di espressione. Per questo disco invece, ovvero Tooting Bec, mi premeva creare dei contenuti più versatili. Per quanto riguarda i video mi sono dato l'obiettivo di crearne alcuni che rappresentassero bene il movimento emotivo che i brani trasportano. Prima di procedere alla realizzazione di questo videoclip ho voluto conoscere bene il regista Marco Panichella, mi sono fidato subito di lui ma sentivo la necessità di entrarci in connessione empatica. Quando è arrivato il giorno in cui ho visto nelle sue visioni una connessione intima a quello che è il pezzo mi sono completamente fidato, ero sicuro che avesse capito cosa dovevamo fare insieme. È stata una esperienza meravigliosa, perché c'è stata condivisione. Poi il fatto che siamo tutti e due qui a London da anni, ci ha spinto come spesso accade in questi casi a voler eccellere, nonostante i budget sempre ridotti all'osso. Io credo nella collaborazione amorosa, spesso i video sono fatti in modo completamente casuale, molti videomaker non cercano di capire il mood e lo stato emotivo della musica, incollano sequenze di immagini senza entrare in connessione empatica con la musica. Invece in questo caso io sono estremamente soddisfatto del lavoro di Marco Panichella, sono soddisfatto di aver fatto questa esperienza con lui qui a London e devo dire che l'essere diventati amici ha aiutato il processo di stretta connessione tra il video e la musica. 

– Ti sei avvalso di una collaborazione importante e che ha stravolto il brano, pensi di ripetere l’esperienza in futuro e/o lavorare su qualcosa di simile?
 
Perché no. In un certo senso è un lavoro che faccio spesso già nel percorso di preparazione di un pezzo completo. Di solito un mio brano nasce in un modo e finisce in un altro completamente differente. Arriva però un punto dove il processo di trasformazione del materiale deve interrompersi, deve avere un limite, che ti devi imporre altrimenti non si finisce mai. Una volta accettato il perimetro all'interno del quale il brano deve esprimersi si parte con il lavoro di fino, di produzione, di missaggio e successivamente di mastering. Tutti questi passaggi avvengono in un lasso di tempo piuttosto lungo durante il quale ti ritrovi ad ascoltare lo stesso brano migliaia di volte, come se fosse una sequenza di numeri, ad entrare nel dettaglio, nella matrice. Capisci benissimo quindi cosa voglia dire riaprire nuovamente lo stesso brano per farne un remix, è qualcosa di assurdo, ma mi ha divertito tantissimo, sono riuscito ad entrare di nuovo nel brano anche se era completamente diverso, forse bisogna avere un po' la testa per aria per fare queste cose, altri potrebbero innervosirsi parecchio, io no. Ci sto bene e basta. Però voglio sottolineare ancora, che il remix è stato fatto da Lapo, io ho partecipato ma in veste di featuring, altrimenti chi me l'avrebbe fatto fare di riaprire nuovamente una canzone bella e chiusa? Il fatto è appunto questo, i remix vengono fatti da artisti diversi rispetto a chi ha composto il brano. Quindi posso dire che ancora una volta, sono stato una voce fuori dal coro anche questa volta, questa è innovazione, sperimentazione, cibo.
 
– Prossimi progetti in cantiere?
 
Sì ce ne sono, ma per adesso vorrei ricordarvi che il video di Eggregora uscirà tra poco, probabilmente entro aprile, sono molto contento di lavorare con un regista professionista come Marco Panichella. Credo che dare un aspetto visivo alla musica sia un processo molto affascinante, per questo sto già pensando ad altri video di brani di Tooting Bec.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Esteri

Caso Marò, è finita: chiusi tutti i procedimenti a carico di Salvatore Girone e Massimiliano Latorre

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

La Corte Suprema indiana ha ordinato la chiusura di tutti i procedimenti giudiziari nel Paese a carico di Salvatore Girone e Massimiliano Latorre, i due Marò coinvolti nella morte di due pescatori indiani nel 2012. Lo riporta il giornale indiano in lingua inglese The Hindu.

La Corte Suprema indiana aveva rinviato la chiusura del caso lo scorso 19 aprile perche’ l’indennizzo di cento milioni di rupie (circa 1,1 milioni di euro) che l’Italia doveva versare alle famiglie delle vittime non era stato ancora depositato.

Nel corso dell’udienza del 19 aprile, che era stata presieduta dallo stesso presidente della Corte – Sharad Arvind Bobde – il procuratore generale dello Stato, Tushar Mehta, aveva dichiarato che “l’Italia ha avviato il trasferimento di denaro”, aggiungendo però che la somma non era ancora disponibile. Il nove aprile scorso la Corte aveva deciso che il caso sarebbe stato chiuso solo dopo il deposito del risarcimento pattuito. I due militari erano accusati di aver ucciso nel 2012 due pescatori indiani, al largo delle coste del Kerala: i fucilieri, che erano impegnati in una missione antipirateria a bordo della nave commerciale italiana Enrica Lexie, videro avvicinarsi il peschereccio Saint Antony e, temendo un attacco di pirati, spararono alcuni colpi di avvertimento in acqua. A bordo della piccola imbarcazione, però , morirono i due pescatori Ajeesh Pink e Valentine Jelastine, e rimase ferito l’armatore del peschereccio, Freddy Bosco. Dopo un lungo contenzioso, nel luglio del 2020 il tribunale internazionale dell’Aja, che aveva riconosciuto “l’immunità funzionale” ai fucilieri, aveva stabilito che la giurisdizione sul caso spettava all’Italia e aveva disposto il risarcimento alle famiglie delle vittime.

“Chiusi tutti i procedimenti giudiziari in India nei confronti dei nostri due marò, Salvatore Girone e Massimiliano Latorre. Grazie a chi ha lavorato con costanza al caso, grazie al nostro infaticabile corpo diplomatico. Si mette definitivamente un punto a questa lunga vicenda”. Lo scrive su twitter il ministro degli Esteri, Luigi Di Maio.

Continua a leggere

Ambiente

Cina, paura per la centrale nucleare ma per le autorità tutto nella norma

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Uno dei reattori EPR della centrale nucleare di Taishan, nel sud della Cina, ha fatto registrare “un aumento della concentrazione di alcuni gas nobili nel circuito primario”, ha fatto sapere il gruppo francese EDF.

EDF, uno dei gruppi che ha partecipato alla costruzione dell’impianto, “è stata informata dell’aumento della concentrazione di alcuni gas nobili nel circuito primario del reattore n.1 della centrale nucleare di Taishan, gestita dal TNPJVC, joint-venture di CGN (70%) e EDF (30%)”, si legge in un comunicato. Il circuito primario è un circuito sigillato che contiene acqua sotto pressione, che si scalda nella vasca del reattore a contatto di elementi combustibili.

Fra i gas cosiddetti “nobili” o rari, ci sono l’argon, l’elio, il krypton, l’argon o il neon

“La presenza di alcuni gas nobili nel circuito primario – precisa EDF – è un fenomeno noto, studiato e previsto dalle procedure di gestione dei reattori”. La tv americana CNN, sulla base di una lettera inviata da Framatome al Dipartimento per l’Energia americano, ha parlato di una possibile “fuga” nella centrale, dove ci sono due reattori EPR con tecnologia francese. Secondo la CNN, le autorità per la sicurezza cinesi avrebbero rilevato limiti “accettabili” di radiazioni all’esterno del sito per evitare di sospendere l’attività della centrale. 

Continua a leggere

Esteri

Salvaguardia dell’ambiente e interdipendenza al centro della Biennale di Helsinki

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Dal 12 giugno al 26 settembre 2021

 “The Same Sea” (”Lo stesso mare”) è il tema della prima Biennale di Helsinki, in programma (pandemia permettendo) dal 12 giugno al 26 settembre 2021 a Vallisaari, un’isola al largo di Helsinki nel Mar Baltico. Un progetto che trae spunto proprio dall’ambiente naturale che ospiterà l’evento per proporre ai visitatori una riflessione sulla salvaguardia dell’ambiente e sull’interdipendenza.

L’edizione della Biennale di Helsinki, rinviata lo scorso anno a causa della pandemia, riusnisce 40 artisti finlandesi e stranieri e presenta, per oltre il 75%, nuove commissioni e opere “site-specific” create appositamente per essere inserite all’interno del meraviglioso contesto marittimo che le accoglie. I curatori Pirkko Siitari e Taru Tappola, curatori del Museo d’Arte di Helsinki (HAM), invitano a un dialogo tra artisti e collettivi provenienti da Finlandia, Australia, Cambogia, Germania, India, Giappone, Kenya, Lettonia, Polonia, Corea del Sud, Tailandia, Turchia, Regno Unito e Stati Uniti.  Mario Rizzi è l’artista italiano che rappresenta il nostro Paese.

Accogliendo sia i cittadini finlandesi che i visitatori provenienti da ogni parte del mondo, questo importante momento della traiettoria culturale di Helsinki afferma la sua posizione di capitale artistica e culturale: “Arte e cultura costituiscono una parte essenziale della storia di Helsinki. Riconosciamo come l’investimento nelle arti contribuisca positivamente allo sviluppo della città, ma anche direttamente al benessere dei nostri cittadini. La Biennale di Helsinki, aperta gratuitamente a tutti, provocherà e ispirerà il pubblico, affrontando importanti tematiche globali. Inoltre, la sua collocazione su un’isola conferirà all’esposizione un’allure unica di continuo scambio fra l’arte e la natura circostante“, commenta il sindaco di Helsinki, Jan Vapaavuori.

Le nuove commissioni abbracciano temi diversi che vanno dalle relazioni, alla natura, ai confini, alle identità, alle tracce umane, al tempo e all’empatia. Come manifestazione fisica dell’interconnessione, la grande costruzione in legno Quay 6 di Jaakko Niemelä accoglie i visitatori che sbarcano al molo nord di Vallisaari. Facendo riferimento allo scioglimento della calotta glaciale settentrionale della Groenlandia, la costruzione raggiunge i sei metri di altezza, rispecchiando l’innalzamento del livello del mare nel caso in cui il ghiacciaio dovesse scomparire completamente.

Christine e Margaret Wertheim portano il loro progetto Crochet Coral Reef a Helsinki, The Helsinki Satellite Reef, uno dei più grandi progetti scientifici e artistici partecipativi al mondo. Realizzata in plastica riciclata, compresi i sacchetti di plastica in disuso, la barriera corallina fatta a mano viene creata con gli abitanti di Helsinki, richiamando l’attenzione sugli ammassi di rifiuti in plastica che minacciano gli oceani.

Anche altre commissioni hanno coinvolto le comunità locali di Helsinki, come la collaborazione fra Paweł Althamer e la vicina Suomenlinna Open Prison for Seven Prisoners; un documentario in due parti e un film VR che invita gli spettatori a unirsi a sette detenuti (tra cui lo stesso Althamer) per una fuga dalla prigione, attraverso acque aperte e paesaggi mutevoli.

Attraverso l’uso di materiali riciclati, il Faro di Vallisaari di Tadashi Kawamata diventa un punto di riferimento temporaneo costituito da materiale trovato su Vallisaari. Situato in cima ad un vano ascensore simile a un bunker e innalzato fino a raggiungere diversi metri di altezza, il faro può essere visto da vari punti di osservazione in mare, dalla vicina isola di Suomenlinna e dal lungomare di Helsinki. Anche l’opera di Marja Kanervo attinge alle infrastrutture esistenti sull’isola. Lavorando in loco su tre piani del blocco A della Pilot House, gli interventi di Kanervo – forme e segni impressi nello spazio – si fondono con le tracce degli ex residenti, in bilico tra vita reale e finzione.

Posizionata all’esterno della Alexander Battery – una delle principali sedi della biennale – la scultura in grande scala di Laura Könönen rappresenta un’esplosione di frammenti di roccia rotti. L’opera, che appare come se le strutture fossero a un certo punto un solido completo, ci costringe a rivisitare le nostre idee di stabilità e permanenza. La scultura fa parte dell’opera più grande No Heaven up in the Sky, che sarà esposta in modo permanente nel parco Hyväntoivonpuisto di Helsinki dopo il 2020. Il grande dipinto in situ di Katharina Grosse maschera le pareti esterne dell’ex edificio scolastico di Vallisaari, convergente con il paesaggio circostante. Più che un dipinto convenzionale, il risultato del processo pittorico di Grosse è più simile a una scultura che emerge da una posizione geografica.

Facendo eco all’impegno della Biennale di Helsinki di ispirare il dibattito pubblico sul rapporto tra umanità e natura, l’Unità di ricerca BIOS istituirà la Stazione di ricerca di Vallisaari all’interno dell’ex deposito antincendio dell’isola. Ospitando seminari e conferenze di scienziati in visita durante tutta la biennale, il progetto del BIOS si concentra in particolare sulla connessione perduta e spezzata tra l’ambiente e l’economia.

Unendo l’isola marittima alla città, la Biennale di Helsinki estende la sua presenza anche alla terraferma; le opere di EGS, Janet Echelman, Janet Echelman, Rirkrit Tiravanija & Antto Melasniemi e Zodiak, oltre a una mostra personale di Gustafsson&Haapoja all’HAM (3 aprile-16 agosto 2020), saranno integrate da una speciale collaborazione con il Dipartimento d’Arte di Facebook. Inoltre, per tutta l’estate un programma di mostre, eventi, workshop e attività didattiche si concretizzerà nell’Helsinki Biennial Inspired.

Presenza italiana

Mario Rizzi (1962), artista audiovisuale e multimediale, pugliese che vive a Berlino, affronta ampi fenomeni sociali attraverso i ricordi collettivi e le storie individuali di emarginati sociali, spesso dimenticati o non raccontati. I film dell’artista sono ritratti umani di persone che sono lasciate fuori dallo sguardo occidentale.

Marco Rizzi

La guerra in Bosnia nei primi anni ’90 fu il primo contatto di Mario Rizzi (1962) con la cultura islamica. Si interessò alle persone che venivano facilmente raggruppate in un unico gruppo uniforme e percepite come estranee in relazione alla cultura occidentale. Per vent’anni, Rizzi ha interpretato il mondo islamico e la sua trasformazione. I suoi film hanno affrontato i movimenti politici emersi in Medio Oriente e Nord Africa nel 2010. Negli ultimi quindici anni, ha vissuto a lungo in Turchia seguendo il suo cambiamento sociale. Rizzi affronta temi di migrazione, nozioni di confine, questioni di identità e appartenenza per ritrarre ampi fenomeni sociali.. Come artista e regista, Rizzi interpreta le persone con un approccio umano. La vera connessione è al centro di ciò che fa, e ha trascorso molto tempo con i suoi soggetti, nelle loro case, nei campi profughi o ovunque vivano. La trilogia cinematografica di Rizzi BAYT è stata ispirata dalle memorie di Anthony Shadid (1968-2012) House of Stone, dove medita sull’esilio e sul desiderio universale di casa, che è ritenuto sacro in Medio Oriente. Nel primo film, Al Intithar (The Waiting), la casa è ridotta a una tenda in un campo profughi nel mezzo di un deserto giordano. Il film segue sette settimane nella vita della sua protagonista principale, Ekhlas, una donna instancabile che è fuggita dalla guerra siriana insieme ai suoi tre figli. Le tragiche ramificazioni della guerra si fanno sentire profondamente nella vita quotidiana della famiglia di rifugiati.

La prima parte della trilogia sarà proiettata nel blocco D della Pilot House sull’isola di Vallisaari.

HAM ospiterà le proiezioni dell’intera trilogia di Rizzi (2013-2019): Al Intithar / The Waiting (2013), Kauther (2014) e The Little Lantern (2019).

Vedi: rizziart.com

Maija Tanninen-Mattila, è direttrice della Biennale di Helsinki dal 2013

Pirkko Siitari è la responsabile delle mostre alla HAM, Taru Tappola, è curatrice della Biennale di Helsinki 2020. La Biennale di Helsinki è sostenuta dalla Città di Helsinki e dalla Fondazione Jane e Aatos Erkko.

https://helsinkibiennaali.fi/en/

Tutti gli eventi qui: event calendar

Instagram, Facebook e Twitter: @helsinkibiennial

Continua a leggere

I più letti