Connect with us

Roma

OPERA NAZIONALE ASSISTENZA DEI VIGILI DEL FUOCO: LA CASTA DI VIA CAVOUR

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

E mentre tutto va a rotoli,  imponente, continua a non destare sconcerto, il lussuoso “palazzone” romano di via Cavour numero 5 che è sotto gli occhi di tutti, con un canone d’affitto “top secret” che in tutti questi anni nessun ministro dell’Interno, Angelino Alfano compreso, ha mai voluto svelare ai cittadini che pagano le tasse.

 

di Chiara Rai

Roma – Pompieropoli o sprecopoli siamo di fronte non ad un dilemma da sciogliere ma ad un vero e proprio sperpero di denaro pubblico. Un rubinetto aperto dal Governo di milioni e milioni di euro pubblici che lo Stato continua ad elargire come “regalia annuale” all’Opera Nazionale Assistenza dei Vigili del Fuoco” per la dinamica “attività privatistica – commerciale” delle numerose colonie marine, montane e collinari, bar e spacci di sua proprietà oppure direttamente gestite dall’Opera.

Un rubinetto che ancora non viene chiuso nonostante i proclami del governo Renzi di voler tagliare gli sprechi. 

La Corte dei Conti ha registrato un quadro disastroso: I trasferimenti statali sono aumentati a 6 milioni 96mila euro nel 2013 che equivalgono ad un più 29,27% rispetto all’anno precedente, il patrimonio immobiliare, di cui gran parte in disuso, è valutato 32 milioni 860mila euro, l’avanzo economico accertato sempre nel 2013 si attesta sui 2 milioni di euro.  I contributi che piovono dal ministero dell’Interno per l’insieme dei servizi a pagamento (bar, cinema, teatri) obbligatori per legge e garantiti dai vigili del fuoco, rappresentano l’82,34 per cento delle entrate. Tutto questo, mentre i pompieri , oltre a rischiare ogni giorno la vita, si riversano nelle piazze per lamentare la mancanza di automezzi e carburanti necessari a garantire il soccorso tecnico urgente alla popolazione vi sono scandalosi impieghi di Personale in servizi assolutamente non d’istituto.  Ciò a causa della grave carenza di personale operativo che ormai si protrae da oltre 40 anni, le squadre di soccorso tecnico urgente , previste di 6 unità, sono costrette ad operare con appena 5 o 4 unità, e numerosi distaccamenti dei Vigili del Fuoco sono sempre più spesso costretti a sospendere alcuni tipi di intervento o addirittura a chiudere la sede di servizio, specie nel turno di notte e intanto per l’intero stivale dilagano le
emergenze: incendi, alluvioni, frane e terremoti. Nel frattempo, nel 2013, è stata azzerata anche la polizza sanitaria, fatto denunciato dagli appartenenti al Corpo, che in caso di incidente si ritrovano scoperti. E mentre tutto va a rotoli,  imponente, continua a non destare sconcerto, il lussuoso “palazzone” romano di via Cavour numero 5 che è sotto gli occhi di tutti, con un canone d’affitto “top secret” che in tutti questi anni nessun ministro dell’Interno, Angelino Alfano compreso, ha mai voluto svelare ai cittadini che pagano le tasse.

Giampiero Tofani, Segretario generale federazione nazionale vigili del fuoco del Sindacato Italiano (confederazione europea lavoratori) chiede a gran voce che venga interrotta questa “vergogna”: “La sicurezza è un sacrosanto diritto sancito dalla costituzione italiana e non un optional – dice Tofani – chiediamo a gran voce al presidente del consiglio Matteo Renzi di voler intervenire con ogni urgenza tagliando di netto tutti gli sprechi del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco”. Come fare? Intanto rassegnando al Corpo Naizonale dei Vigili del Fuoco la quota del 20% sulle tariffe dei servizi resi a pagamento dai Vigili del Fuoco per garantire il soccorso tecnico urgente alla popolazione.  Poi, richiamando immediatamente in servizio tutto il personale dei Vigili del Fuoco distolto negli impieghi “non d’istituto” per soddisfare compiutamente le prioritarie esigenze di servizio: formazione, prevenzione e soccorso tecnico urgente.  Come vengono distolti? Un esempio fra tanti: A Torvajanica Vigili del Fuoco graduati e specializzati vengono spediti al mare per preparare la spiaggia e le cabine. Dal ’92 si sono spesi circa 220 milioni di lire per una piscina che non è funzionante e perciò non viene utilizzata in quanto, peraltro, non ci sono i servizi igienici adeguati, spogliatoi per squadre di ragazzi che vanno allenati. E mentre scarseggia il carburante per i mezzi di soccorso,  nel litorale romano, ad esempio, ce n’è in abbondanza, basta dare un’occhiata ai mezzi presenti: dai gommoni, ai trattori ai camioncini ecc. Ci sono circa 30 strutture quali bar, stabilimenti balneari e gruppi sportivi operanti su tutto il territorio nazionale, spacci che devono versare all’Opera il 50% degli utili di gestione riferiti agli anni precedenti: il segretario generale, avendo riscontrato il mancato versamento di numerose gestioni periferiche, ha sollecitato gli enti inadempienti. Ultimo ma non ultimo, perché di tagli ce ne sarebbero diversi, dovrebbe essere restituito al proprietario il “palazzone” di via Cavour trasferendo gli uffici nei due immensi “compendi Vigili del Fuoco” per risparmiare ingenti somme di denaro pubblico in affitti assolutamente inutili. A luglio 2014 la Corte dei Conti ha nominato un commissario. Il commissario deve modificare lo statuto dell’Opera che nasce nel ’59 come Opera Nazionale di Assistenza  per i figli e orfani dei Vigili del Fuoco e ha ereditato una serie di immobili.

Lo statuto era di 23 tabella e nel tempo l’Ona diventa ente morale al quale lo Stato dava contributi saltuari di circa 10 milioni di lire. Nel ‘78 hanno modificato completamente lo statuto, cambiando quasi tutti gli tabella (1,2,3,4,5,6,9,12,13,14,16,18,19,23), parliamo quindi di tutta un’altra minestra. Nell’85 modificano di nuovo gli tabella 1,2,6,10,22. Nel ’92 modificano di nuovo l’articolo 6 Nel ’95 l’articolo 10, 12 e 21. Da tutti quegli tabella si è arrivati a snellire in maniera drastica: da 15 sono diventati 5 punti I sindacalisti sono diventati due da quattro, immaginarsi la competizione tra loro . Ora se vengono elette 3 persone di comprovate professionalità in materia di gestione della pubblica amministrazione a discrezione del Ministero capiamo bene che il tutto diventa una questione politica. Ma la politica può mettere lo zampino anche in questa questione? Il capo dipartimento come la prenderà? Dovrà fare
il soltanto il controllore.

Adesso vi è dunque all’Opera Nazionale di Assistenza un commissario straordinario che ha l’onere di rimettere a posto tutto ciò che non va, soprattutto potrebbe metter mano alla singolare cogestione tra l’amministrazione Vigilfuoco, l’Opera e determinate organizzazioni sindacali.
Intanto tutta la “sprecopoli” potrebbe essere arginata se L’ONA (L’Opera) si autofinanziasse e funzionasse giuridicamente e amministrativamente  come una ordinaria associazione Onlus nel rispetto dei principi di democraticità interna. Tutti i dipendenti del corpo nazionale dei Vigili del Fuoco dovrebbero assumere la qualifica di “socio ordinario” e tutte le cariche dovrebbero essere elettive e svolte a titolo gratuito.

I soci ordinari dovrebbero essere eletti direttamente tramite votazione democratica dei soci ordinari e quindi abolite le nomine “a discrezione” con decreto del ministero dell’Interno su designazione delle Organizzazioni Sindacali.

Parliamo del Presidente che ancora oggi svolge il ruolo di controllore e di controllato (Il presidente è di autorità il “capo” dei pompieri quindi fa da controllore e da controllato), dei dieci componenti del consiglio di amministrazione e dei tre componenti della commissione giustizia e disciplina. (Il consiglio di amministrazione è formato dal capo dipartimento dei vigili del fuoco, dal vice capo dipartimento vicario, dal direttore centrale per gli affari generali, dal direttore centrale per le risorse umane, dal direttore centrale per le risorse finanziarie, dal direttore centrale per l’emergenza ed il servizio tecnico, dal direttore centrale per la prevenzione e sicurezza tecnica, dal direttore centrale per le risorse logistiche e strumentali, dal dirigente dell’ufficio sanitario dei vigili del fuoco, da un dirigente dell’ufficio coordinamento e relazioni esterne dei vigili del fuoco, da un direttore regionale o interregionale del  soccorso pubblico e difesa civile e dulcis in fundo da
4 sindacalisti).

Dovrebbero inoltre essere aboliti nel consiglio di Amministrazione i quattro rappresentanti del personale in servizio del Corpo Nazionale  dei Vigili del Fuoco, tenendo presente che ad oggi circa il 50% dei lavoratori non sono sindacaliz
zati. Le cariche dovrebbero durare 4 anni e dovrebbe essere abolito qualsivoglia compenso, a qualsiasi titolo, elargito ai componenti del consiglio di amministrazione e della commissione giustizia e disciplina che dovrebbero
essere svolte a titolo gratuito.  

Bisognerebbe provvedere all’assunzione diretta da parte dell’Ona di tutti i centinaia di giovani disoccupati, andando così a scongiurare la chiusura dei distaccamenti dei Vigili del Fuoco e la chiusura del turno di notte che avviene per
carenza di personale. 

Le assunzioni dirette dovrebbero riguardare anche il segretario generale e i componenti delle tre unità organizzative della segreteria tecnica che servono per soddisfare le innumerevoli esigenze dei centri di soggiorno, delle colonie marine, collinari e montane e di tutti gli stabilimenti  balneari, spacci e bar di proprietà dell’Ona o dati in gestione, in funzione presso i comandi provinciali dei Vigili del Fuoco. L’Ona dovrebbe inoltre pagare un affitto per i numerosi locali che utilizza al “palazzone” di via Cavour e acquistare direttamente le attrezzature da ufficio e cancel
leria nonché le autovetture e i mezzi necessari a soddisfare le proprie esigenze.

PUBBLICATO ANCHE SULL'EDIZIONE VIRTUAL PAPER DEL 3 FEBBRAIO 2015 [WWW.OSSERVATOREITALIA.COM]

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Metropoli

Martignano, torna l’incubo incendi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Un altro episodio che ha compromesso la vegetazione intorno a uno degli specchi d’acqua più suggestivi del Lazio. In fiamme l’area naturale intorno al lago di Martignano, nel comune di Anguillara Sabazia. Un grosso incendio ha l’ambito la pineta e la vegetazione seminando il panico tra le persone che si trovavano lì per trascorrere una giornata di relax a pochi passi da Roma. Si tratta dell’ennesimo incendio di sterpaglie che ogni anno di questa stagione si ripete. I vigili del fuoco di Bracciano sono intervenuti subito, allertati dalle persone sul posto, e sono rimasti per diverse ore. Le fiamme si erano ormai estese troppo.
Visto le dimensioni dell’incendio il direttore delle operazioni di soccorso ha ritenuto necessario l’intervento del canadair e di un elicottero.
I soccorsi sono da subito intervenuti in massa, uno spiegamento di forze al lavoro: il Dos dei vigili del fuoco con l’autobotte, i carabinieri Forestali, Avab Bracciano, Protezione civile di Anguillara e Bracciano e sorvolo degli elicotteri. Giovedì pomeriggio è iniziato il tam tam di commenti sui social: “È da ormai l’ora di pranzo – scrive Valerio Palmieri del meteo Anguillara Sabazia pubblicando le foto su Facebook- che è attivo un vasto incendio nella zona del Lago di Martignano, nelle ultime ore purtroppo anche la pineta ha iniziato a bruciare, in azione i vigili del fuoco e la protezione civile supportati dall’alto da un Canadair”. Enrico Fiorucci commenta nel popoloso gruppo Save Anguillara: “Martignano sta andando di nuovo a fuoco – scrive – e nessuno ancora prende provvedimenti. Aspettiamo che succeda qualcosa di irreparabile? E con questo è il terzo incendio grave in pochi giorni”.

( Foto Facebook Valerio Palmieri Meteo Anguillara Sabazia)

Continua a leggere

Roma

Roma, derubano turisti americani in piazza Risorgimento: in manette due rom

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ROMA – Una ragazza ed un ragazzo di etnia rom, di 21 e 22 anni, sono stati scoperti e arrestati dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Roma San Pietro mentre stavano rubando il portafogli ad una turista americana, in piazza Risorgimento. La vittima si stava recando in piazza S. Pietro quando la ragazza rom le ha aperto la cerniera dello zaino, che aveva in spalla, in cui aveva già inserito la mano; il complice, collocato ad una distanza di circa due metri faceva da vedetta, segnalando la presenza delle forze dell’ordine. I Carabinieri in quel momento transitavano con un’auto di copertura, hanno assistito alla scena e sono immediatamente intervenuti; i due ladri, infatti, non avevano compreso che a bordo del mezzo c’erano due militari. Lo zaino conteneva un telefono cellulare e due portafogli, uno dei quali era già stato aperto dalla ladra, disperdendo il denaro all’interno dello stesso. Entrambi i malfattori sono stati tradotti presso le camere di sicurezza della caserma in attesa del rito direttissimo.

Sempre un altro ragazzo romeno di 24 anni è stato arrestato dai Carabinieri della Stazione di Roma San Giovanni dopo essere stato scoperto con le mani all’interno dello zaino di un’altra turista italiana che stava scendendo le scale che portano alla metro “San Giovanni”. A notarlo sono stati i Carabinieri del  6° Battaglione Carabinieri “Toscana” mentre erano in transito lungo via Appia Nuova e hanno chiesto ausilio alla centrale operativa dell’Arma territoriale. L’arrestato è stato condotto in caserma, in attesa del rito direttissimo.

La refurtiva, un cellulare e un portafoglio, è stata restituita alla vittima.

Continua a leggere

Litorale

Ostia, aggressioni e cattive frequentazioni: chiuso il chiosco a Toscanelli

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

OSTIA – I Carabinieri di Ostia hanno dato esecuzione alla chiusura temporanea (ai sensi dell’art.100 del T.U.L.P.S.) di un noto chiosco balneare di Ostia, ubicato sul lungomare Paolo Toscanelli, notificando il provvedimento al gestore. La misura scaturisce dalla proposta avanzata dagli stessi Carabinieri che, dando anche seguito alle numerose lamentele espresse dai cittadini residenti nelle vicinanze all’esercizio commerciale, hanno avviato un’attività di analisi, consistita inizialmente in un controllo documentale e successivamente nella valutazione del materiale ottenuto all’esito dei servizi di osservazione. È emerso che lo stabilimento si era trasformato, con il tempo, in luogo di abituale ritrovo di persone pregiudicate e pericolose per l’ordine pubblico, per la moralità e il buon costume, oltreché per la sicurezza dei cittadini.

A riprova di ciò, anche i numerosi interventi dei Carabinieri effettuati nell’esercizio, tra cui si rammenta quello del pomeriggio del 16 giugno scorso, dove un giovanissimo avventore aveva dato inizio ad una furiosa lite, per dei banali motivi. Nell’occasione i Carabinieri avevano rintracciato, in breve tempo, l’aggressore il quale, insieme ad un suo giovanissimo amico -entrambi con precedenti penali e in evidente stato di alterazione psicofisica per l’assunzione di sostanze alcoliche- sin da subito avevano avuto un comportamento non collaborativo con i militari. I due, che precedentemente avevano anche importunato pesantemente con tono molesto due che si trovavano nel locale provocandone la loro reazione, erano stati denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Roma.

Continua a leggere

I più letti