Connect with us

Sport

Orlandi saluta la Lupa Frascati dopo 25 anni: “Ho bisogno di misurarmi con un nuovo ambiente”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Frascati (Rm) – I colori della Lupa Frascati hanno rappresentato un (grosso) pezzo della sua vita. Ma arriva un momento in cui si sente il bisogno, quasi la necessità, di allontanarsi da “casa” e vivere una nuova esperienza. Leonardo Orlandi non farà parte della società frascatana nella prossima stagione: dopo quindici anni da giocatore della “storica” Lupa (in cui ha fatto tutta la trafila nel settore giovanile arrivando fino all’Eccellenza per poi tornare successivamente con la “nuova” Lupa, ripartita qualche anno fa praticamente da zero) e ben nove da tecnico l’effetto sarà sicuramente strano. “Dopo tanti anni ho bisogno di stimoli nuovi e di misurarmi con un ambiente diverso per capire a che punto sono del mio cammino. Il presidente Nicolanti ha provato fino all’ultimo a trattenermi, ma avevo preso questa decisione e non potevo tornare indietro”. Orlandi ripercorre la sua esperienza con la “nuova” Lupa: “Sono stato tra i primi a far parte di questo club, ripartito sotto il nome di Frascati Big M Sporting Club: dopo tre anni da giocatore, nel 2011 mi è stato affidato il ruolo di responsabile del settore Scuola calcio e dopo due anni ho iniziato ad allenare nell’agonistica, mentre nelle ultime due stagioni oltre a fare il tecnico ho avuto pure la responsabilità dell’intero settore giovanile agonistico. Ci siamo tolti davvero tante soddisfazioni: partendo da una Terza categoria siamo riusciti ad arrivare a traguardi molto importanti, con quello che secondo me è stato l’apice raggiunto nell’anno della fusione in cui avevamo una Promozione, una Juniores regionale, una prima squadra femminile oltre ad Allievi fascia A e fascia B regionali, Giovanissimi fascia A regionali e fascia B d’Elite oltre a 270 ragazzi di Scuola calcio. Per questo non posso che ringraziare persone fondamentali come Giancarlo Ventura, Riccardo Tomei e Matteo Filipponi, ma anche Ernesto Mastrantonio, i tecnici Mauro Fioranelli e Roberto Ferri, i direttori sportivi Massimiliano Caporicci e Massimo Cirinei, tutti gli allenatori della mia gestione da responsabile del settore agonistico e in particolare Francesco Bifolchi, Ezio Basile, Massimo De Luca, ma anche quelli della Scuola calcio Maurizio Brunelli, Emanuele Taraborelli e Marco Tosti, che tra l’altro è stato il mio vice nell’Under 14. Ma come dimenticare i dirigenti Massimo Lollobattista, Andrea Lazzarini e Vito Trentadue, l’amico Marco Peverieri e in special modo i ragazzi dei gruppi 2001, 2003 (con cui Orlandi ottenne il secondo posto e il ripescaggio in Elite nella stagione 2016-17, ndr) e i 2006 di quest’anno, con cui siamo stati primi in classifica per tutto il campionato prima di perdere la vetta due giornate prima dello stop. Un ringraziamento speciale, infine, lo voglio fare a mia moglie Natascia che mi è sempre stata vicina”. Inevitabile un accenno al futuro: “Ho ricevuto già delle proposte molto interessanti e sono orgoglioso di questo: vuol dire che qualcuno ha apprezzato il lavoro fatto nella Lupa Frascati. Nei prossimi giorni sceglierò la soluzione che mi affascina di più: dopo questo stop forzato prolungato per via dell’emergenza Coronavirus, ho una grandissima voglia di tornare sul campo”.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Sport

Volley Club Frascati, la giovanissima istruttrice Sofia Falanga: “Mi piace molto stare in palestra”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Frascati (Rm) – Una filosofia da sempre improntata sulla valorizzazione dei giovani. Il Volley Club Frascati del presidente Massimiliano Musetti conferma questa tendenza solitamente “riservata” agli atleti e stavolta volta a sostenere una giovane istruttrice. Si tratta di Sofia Falanga, 17 anni e già punto di forza (come atleta) dei gruppi Under 17 di coach Francesco Romanini e Under 19 di coach Luca De Gregorio. La ragazza segue da “tirocinante” il gruppo Under 13 promozionale femminile e spiega com’è nata questa idea: “Per me non è una cosa inedita, succedeva già a Monte Porzio negli ultimi due anni. Nel corso di un colloquio con Flavia Mola (responsabile dell’Under 14 tuscolana, ndr), è venuta fuori la possibilità di poter fare questa esperienza con l’Under 13 e non mi sono tirata indietro. Il tutto sotto la direzione tecnica di Luca De Gregorio che aiuto anche nella gestione della sua Under 13 e dell’Under 12”. Una ragazza seria ed impegnata anche in ambito scolastico, come dimostra l’ottimo rendimento nel liceo linguistico che frequenta a Frascati. “Perché mi piace allenare? Ho una grande passione per la pallavolo e poi amo lavorare con i bambini, tanto che in estate mi è capitato di fare pure l’animatrice con quelli della Caritas. Mi piace stare tanto tempo in palestra, sono molto attiva: le mie compagne di squadre mi prendono un po’ in giro, ma sono stupite dal fatto che abbia così tanta energia. E poi ho trovato sin da subito una bellissima sintonia con tutti gli allenatori del Volley Club Frascati”. La Falanga si sofferma a parlare un po’ più nello specifico delle ragazze dell’Under 13: “La maggior parte sono al primissimo anno di volley e si sono appassionate per aver visto la pallavolo in cartoni e film. Una delle atlete è migliorata così tanto da essere assorbita subito nel gruppo di Luca e questo mi ha dato una grande gioia. Tutte le altre stanno crescendo rapidamente, mi seguono e sono contenta”. La chiusura è sulla sua volontà di specializzarsi come allenatore: “Il presidente Musetti mi iscriverà al prossimo corso non appena sarà indetto. Non so quando accadrà, ma è in programma. Per il momento seguo l’esempio e le direttive di Luca De Gregorio e degli altri tecnici del Volley Club Frascati”.



Continua a leggere

Calcio

Cynthialbalonga (calcio, serie D), Cardella: “A Giulianova una vittoria importante, avanti così”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Genzano (Rm) – Un mese di stop forzato da gare ufficiali non ha fatto male alla Cynthialbalonga. La squadra di mister Mauro Venturi si è imposta per 2-0 sul campo del Real Giulianova, sfida che si sarebbe dovuta giocare da calendario il 25 ottobre e che era slittata anche lo scorso 8 novembre, prima data scelta per il recupero.

A decidere il match sono state le reti di Federico Cardella (su rigore) e del giovane Alessandro Barbarossa che nel giro di due minuti (tra il 30’ e il 32’ della prima frazione) hanno definito il risultato conclusivo. Gli azzurri, inoltre, sono rimasti prima in dieci (espulso Rosania a inizio ripresa) e poi addirittura in nove (doppia ammonizione a Di Cairano a metà secondo tempo), ma hanno limitato i rischi al massimo e portato a casa tre punti molto pesanti.

“Una vittoria fondamentale – dice Cardella – Dopo un mese di stop da gare ufficiali la squadra ha dimostrato di stare bene anche dal punto di vista fisico, ma questo è un gruppo che si allena con la massima serietà e poi abbiamo un preparatore come Mauro Taraborelli che è il numero uno in questa categoria. A Giulianova non abbiamo cominciato benissimo, ma dopo un pericolo corso abbiamo iniziato a prendere campo e creato occasioni per passare in vantaggio.

L’uno-due messo a segno dopo la mezz’ora è stato micidiale per gli abruzzesi, poi nella ripresa abbiamo sempre avuto il pallino del gioco in mano e non abbiamo rischiato nulla nemmeno giocando in doppia inferiorità numerica”. Per l’attaccante classe 1994 è il secondo sigillo stagionale: “Ma il mio stile di gioco è quello di mettermi a disposizione della squadra, dello staff tecnico e della società – rimarca Cardella – Le soddisfazioni personali passano in secondo piano”. La Cynthialbalonga tornerà in campo domenica per il big match interno contro il Città di Campobasso: “Affronteremo una delle favorite per la vittoria finale, sarà una gara affascinante e di grande stimolo. Ci mancheranno Rosania e Di Cairano, ma speriamo di riavere Spano e Carruolo (assenti in Abruzzo, ndr). In ogni caso tutte le partite sono importanti e noi cercheremo di dare continuità al risultato di ieri” conclude Cardella.



Continua a leggere

Sport

Campionato italiano di formula challenge: RO racing scende in pista con Saverio Miglionico e Jessica Scarafone

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Due i portacolori della scuderia RO racing, che questo fine settimana saranno impegnati al Circuito internazionale di Napoli nella prova di Campionato italiano di formula challenge e nella gara di velocità in circuito.

Spetterà a Saverio Miglionico e Jessica Scarafone scendere in pista questo fine settimana, a Sarno, al Circuito internazionale di Napoli, per difendere i colori della scuderia RO racing. I due alfieri del sodalizio di Cianciana, saranno al via di due diverse competizioni che si disputeranno nell’impianto campano. Saverio Miglionico con la sua abituale Osella Pa 21 Jrb con motore motociclistico, esordirà nella gara di velocità in circuito dove spera di poter ben figurare .

Jessica Scarafone, di Alatri, in provincia di Frosinone, è l’ultima arrivata, in termini cronologici in casa RO racing e con la sua Citroen Ax E1 Italia spera di poter subito regalare un successo alla propria scuderia. La frusinate sarà ai nastri di partenza della gara valevole per il Campionato italiano di formula challenge.

“Sono molto felice di aver instaurato questa collaborazione con la RO racing – ha detto Jessica Scarafone – spero di poter ben figurare, già in questa mia prima uscita, con i colori della scuderia siciliana. Con i vertici del sodalizio stiamo già pensando a imbastire i programmi per la prossima stagione”.

Continua a leggere

I più letti