Connect with us

Viterbo

ORTE, "FACCIAMO PER CAMBIARE": "METODO AMMINISTRATIVO SEMPRE PIU’ INCOMPRENSIBILE"

Clicca e condividi l'articolo

E’ difficile non sollevare critiche in questo senso e sicuramente l’Amministrazione locale in questo modo presta facilmente il fianco

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

di Gennaro Giardino

Orte (VT) – “I Comuni danno ampia divulgazione al decreto […] con affissione sul proprio Albo Pretorio e tramite tutti mezzi di comunicazione e informazione a disposizione” così viene definito nell’articolo 2 pt. 3 del Bollettino unico della Regione Lazio che disciplina gli indennizzi agli alluvionati. Eppure attraverso l’analisi dell’operare amministrativo vediamo ancora una volta che il metodo adottato della giunta Quadrifoglio resta quantomeno enigmatico. – Dichiarano attraverso una nota da "Facciamo per Cambiare – Secondo la stessa Giunta – prosegue la nota –  l’ “ampia divulgazione” si esplicherebbe attraverso una semplice pubblicazione all’Albo Pretorio comunale e un comunicato sull’emittente televisiva locale avvenute, entrambe, dopo oltre un mese dalla produzione degli effetti dello stesso Decreto erodendo di fatto più di trenta giorni, dei sessanta totali previsti, per la redazione ed il successivo inoltro delle richieste di indennizzo.

E’ difficile non sollevare critiche in questo senso e sicuramente l’Amministrazione locale in questo modo presta facilmente il fianco. Certo è che il forte ritardo nell’informare la cittadinanza è sintomatico di una poca attenzione a talune problematiche che, se per alcuni settori rientra negli ambiti di mera scelta politica, in questo caso è un obbligo derivante da una disposizione emanata da un organo superiore quale è la Regione Lazio nei confronti del Comune di Orte.

Se poi si aggiunge che già in data 25 luglio u.s. durante il Consiglio Comunale lo stesso sindaco ed il suo vice venivano informati dalle opposizioni dell’emanazione di questo decreto ancor più incomprensibile rimane questo ritardo nell’informare in considerazione dell’entità e della portata degli eventi a cui lo stesso fa riferimento – 14 comuni della provincia viterbese, 4 quelli gravemente colpiti dall’evento del novembre 2012: Montalto di Castro, Orte, Orvieto e Gallese – pertanto ci sentiamo in obbligo di sottolineare un comportamento sicuramente inadeguato fatta salva poi l’eventuale rilevanza giuridica che questa modalità amministrativa potrebbe far emergere.

Ad invelenire gli animi si aggiunge il susseguirsi di voci secondo le quali taluni avrebbero già avuto delle “rassicurazioni” su futuri indennizzi con tanto di indicazioni sulla presentazione delle domanda in modo più “agevole” rispetto al dettato del decreto. Secondo noi queste sono solo voci che non trovano concretezza nel reale operare amministrativo ma di fatto, sommate ad una inefficienza palese dell’Amministrazione, non contribuiscono a fare chiarezza su una vicenda tanto delicata.

Dato che questo argomento non è previsto nemmeno in trattazione nel Consiglio Comunale indetto per il 2 settembre p.v., abbiamo saputo che molte persone, tra privati e imprese si stanno adoperando affinché questa vicenda venga seguita dagli organi competenti in varie sedi e che tutti i cittadini aventi diritto possano vedere riconosciuto un indennizzo. – La nota di acciamo per Cambiare conclude – A riguardo troviamo questa una buona occasione per informare gli interessati che alcune Associazioni mercoledì 3 settembre alle ore 18.30 presso il locali del Dopolavoro Ferroviario di Orte Scalo terranno una riunione pubblica relativa a questo argomento.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Corchiano, storia a lieto fine per il cagnolino di quartiere: salvato da Carabinieri e Vigili del Fuoco dopo essere caduto nelle fogne

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

CORCHIANO (VT) – Il cagnolino di quartiere si infila in un tombino e cade nelle fogne. Questo quanto accaduto nel pomeriggio di ieri a Corchiano dove ad accorgersi dell’accaduto una donna che ha subito chiamato i Carabinieri per chiedere aiuto.

I militari si sono attivati subito insieme ai Vigili del fuoco calandosi nel tombino e percorrendo la fognatura per circa 200 metri fino a quando non hanno intravisto il cagnolino che una volta raggiunto è stato portato in salvo tra l’ emozione della gente del quartiere tutta affacciata ai balconi cha alla fine ha fatto partire un grande applauso, che ha ripagato lo sforzo delle forze di polizia intervenute.

Continua a leggere

Ambiente

Lago di Vico, il ministro Patuanelli pronto a organizzare un tavolo con tutti gli attori per salvare l’area

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Tra i problemi dell’area la mancata bonifica di un ex stabilimento militare che aveva sede sulle sponde del lago

Il Ministro delle Politiche agricole Stefano Patuanelli ha dato la sua piena disponibilità ad organizzare un tavolo di lavoro, nel più breve tempo possibile, sull’inquinamento del lago di Vico in provincia di Viterbo. A farlo sapere è la senatrice del M5s Vilma Moronese che lo scorso mese di maggio ha presentato una interrogazione al senato e che ieri ha incontrato Patuanelli al Ministero dell’Agricoltura con il quale ha discusso di tutte le problematiche legate al bacino lacustre prospettando anche possibili soluzioni che necessitano del coinvolgimento di tutte le parti in causa.

L’area è divenuta riserva naturale regionale, SIC (sito di interesse comunitario) e ZPS (zona a protezione speciale) e quindi non sono a rischio solo la tutela ambientale e la salute dei cittadini, ma anche l’attività economica legata al lago di Vico essendo una meta turistica molto apprezzata e dove viene prodotta la Nocciola Romana DOP che rappresenta un’eccellenza agroalimentare della produzione italiana.

Il lago presenta 3 gravi problematiche:

  1. Problema della presenza di Arsenico oltre i limiti consentiti per legge nelle acque dei comuni di Viterbo e pertanto anche i problemi relativi alla gestione del servizio idrico in capo alla Talete s.p.a.;
  2. L’inquinamento del Lago di Vico dovuto soprattutto alla presenza di un batterio che danneggia le acque e di conseguenza tutto l’ecosistema legato al lago;
  3. La mancata bonifica bellica e ambientale della Chemical City, un ex Stabilimento Militare dei Materiali di Difesa N.B.C. (Nucleare, Biologica e Chimica) che aveva sede proprio lì sulle sponde del lago.

Per quanto riguarda la bonifica della Chemical City, la senatrice ha fatto sapere che sta “seguendo un altro percorso in quanto attiene alle autorità Militari” e che a breve potrà dare aggiornamenti in merito.

La riserva naturale del lago di Vico attende dunque il tavolo di confronto che sarà coordinato dal Ministero dove si incontreranno tutti gli attori essenziali, dunque la Regione Lazio, i Comuni, gli enti, le associazioni e i cittadini, gli agricoltori, ed anche l’Università che ha condotto degli studi, per poter iniziare a trovare soluzioni comuni per tutelare la salute, l’economia locale, l’ambiente e tutto l’ecosistema.

Continua a leggere

Cronaca

Viterbo e provincia: torna il Raid degli Etruschi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

La grande novità di questa edizione sarà il Circuito Cittadino Notturno

Dal 24 al 27 giugno, Viterbo e la sua Provincia, ospiteranno la seconda edizione del Raid degli Etruschi, raduno turistico internazionale di auto storiche organizzato dall’Etruria Historic Racing Club.

La manifestazione, che vanta il patrocinio del Comune di Viterbo, Acquapendente, Marta e Latera, vuole replicare il grande successo ottenuto nel 2019 (nel 2020 a causa della pandemia Il Raid non si è svolto) quando numerosi equipaggi, provenienti da tutta Italia e dall’estero, hanno preso parte a questo evento motoristico itinerante che ha fatto conoscere ed ammirare alcune delle bellezze paesaggistiche, architettoniche e culturali della Tuscia.

La grande novità di questa edizione sarà il Circuito Cittadino Notturno, che si svolgerà venerdì 25 giugno, all’interno delle mura storiche di Viterbo. Inoltre, Il Raid degli Etruschi 2021 ospiterà il Raduno Ufficiale Registro OM. Una partnership che incrementa ulteriormente il prestigio della kermesse motoristica e permetterà a queste splendide e rare vetture di “sfrecciare” per le strade della provincia di Viterbo.

Anche quest’anno, Viterbo, chiamata la Città dei Papi, famosa per essere stata sede pontificia dal 1257 al 1281 e terra di motori, che ogni anno accoglie il passaggio della 1000 Miglia attraverso il suo splendido centro storico, ospiterà i partecipanti del Raid degli Etruschi, i quali, durante i giorni dell’evento visiteranno alcuni tra i borghi e luoghi più caratteristici della Provincia di Viterbo tra cui Latera che sorge su di un colle arroccato e un tempo situata al centro della federazione delle 12 città Etrusche, Marta, piccolo paese situato sulla sponda meridionale del Lago di Bolsena (di origine vulcanica e il più grande d’Europa), antico insediamento Etrusco, dove è prevista la degustazione del tipico pesce Lattarino e da dove salperà il battello per la suggestiva circumnavigazione delle due isole del lago: Martana e Bisentina, Acquapendente e la sua Cattedrale dedicata al Santo Sepolcro, il principale luogo di culto della città poiché conserva una pietra macchiata di sangue, che secondo la tradizione proviene dal Santo Sepolcro di Gerusalemme e il Sacro Bosco, situato a Bomarzo, il più antico parco di sculture del mondo moderno, noto anche come Parco dei Mostri per la presenza di sculture grottesche disseminate in un paesaggio surreale.

Saranno previste inoltre degustazioni delle specialità enogastronomiche del territorio e divertenti prove di regolarità, per chi non può fare a meno dei pressostati.

Presenti anche le telecamere di “Gentleman Driver TV”, programma televisivo motoristico prodotto da Adrenaline24h, in onda su Sky Sport canale 229 MS Motortv, Tivùsat canale 55 e sul Digitale Terrestre, che riprenderanno il Raid degli Etruschi durante tutti i giorni. 

Il Raid degli Etruschi rispetta tutte le normative in vigore per il contenimento del Covid – 19.

Continua a leggere

I più letti