Connect with us

Viterbo

ORTE FINTI AUTOVELOX PAGATI 86 MILA EURO: TORTOSA E PETRASSI PRESENTANO UNA INTERROGAZIONE

Clicca e condividi l'articolo

Una domanda che non vale solo per il Comune di Orte ma che si estende anche per gli altri Comuni della Regione Lazio

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Redazione

Orte (VT) – Un’interrogazione scritta per sapere quale provvedimento regionale abbia reso possibile l’acquisto di 30 finti autovelox da parte del Comune di Orte, pagati oltre 86.000 euro ma vuoti al loro interno e quindi disattivi, è stata presentata oggi al Presidente Nicola Zingaretti dai Consiglieri Regionali Oscar Tortosa (PSI) e Piero Petrassi (Centro Democratico).
A sollevare il caso è stata la trasmissione televisiva Le Iene, nella puntata dello scorso 12 marzo, che ha individuato nel Comune di Orte la città italiana a più alta concentrazione di colonnine installate: 30 per 9000 abitanti. “Il sindaco di Orte, Dino Primieri, intervistato nel corso della puntata, ha dichiarato di aver utilizzato un finanziamento regionale per l’impianto su strada di questi box di plastica arancioni da utilizzare per la rivelazione della velocità, denominati Velo Ok, pagandoli quasi 3000 euro al pezzo. Ci chiediamo, quindi, quale provvedimento regionale abbia reso possibile l’acquisto di tali strutture che non sono né omologate, né approvate dal Ministero dei Trasporti e nemmeno previste dal Codice della Strada, peraltro vuote al loro interno perché prive di un apparecchio di rilevazione elettronica della velocità conforme a quelli previsti per legge, come documenta la trasmissione de Le Iene. Una domanda che non vale solo per il Comune di Orte ma che si estende anche per gli altri Comuni della Regione Lazio che hanno cominciato a posizionare nelle loro strade questi falsi rilevatori.” – hanno dichiarato i Consiglieri Tortosa e Petrassi.

 

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Viterbo

Orte, rapina soldi e cellulare: arrestata una 30enne

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ORTE (VT) – E’ stata arrestata dai carabinieri di Orte, una donna di origini straniere di circa 30 anni. La malvivente, in una zona periferica di Orte, ha aggredito un operaio originario del luogo, che si trovava a passare in quella zona, e oltre a provocargli lesioni, la donna lo privava del suo telefono cellulare oltre a riuscire a sottrargli circa 120 euro in contanti, il bancomat e le chiavi di casa. L’operaio appena riuscito ad allontanarsi dava l’ allarme avvisando i carabinieri della stazione di Orte, che immediatamente giunti sul luogo, rintracciavano la donna ancora in possesso di tutta la refurtiva, a quel punto la bloccavano, dichiarandola in arresto e recuperando l’intera refurtiva. Al termine della formalità assolte in caserma la donna veniva portata presso il carcere femminile di Civitavecchia.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

In evidenza

Ferrovia Roma-Viterbo, associazione Trasportiamo: “Orario disattendente esigenze utenti. Tratta urbana ancora più lenta”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

“Il nuovo orario generale feriale/festivo della ferrovia Roma-Viterbo, adottato da Atac SpA con D.O. 203 del 12/09/2019, è identico alla proposta fatta ai Sindaci del viterbese e dell’asse Flaminia, durante l’incontro del 4 settembre in Regione. Prendiamo atto che nessuna modifica è stata assimilata in fase di definizione, neanche quelle auspicate e suggerite, svariate volte, da TrasportiAmo in sinergia col Comitato Pendolari RomaNord nell’ottica di un ragionamento costruttivo, con l’obiettivo di superare le evidenti lacune e offrire all’utenza un servizio ferroviario autosufficiente e fluido”. Così in una nota dall’associazione Trasportiamo.


“L’atteggiamento ostativo tenuto dagli attori principali, Regione Lazio e Atac, – prosegue la nota – è stato tale da impedire alle nostre organizzazioni, come ai cittadini, di avere un qualsiasi confronto sereno e bilaterale. Ma di questo epilogo si assumeranno ogni responsabilità, politica e manageriale, sono settimane che si discute dell’inadeguatezza dell’orario, pensare di sfangarsela con le sole scuse è un’offesa all’intelligenza. Qualcuno dovrà rispondere delle proprie azioni, sia dei disagi provocati, specie agli studenti e pendolari della tratta Catalano-Viterbo, che non sarà neanche servita dai bus integrativi, sia alle interpretazioni date alle direttive ANSF.

Restano in piedi le perplessità sull’orario, ribadite con forza nella del 13 settembre della seduta della Commissione Speciale Studi del Comune di Sant’Oreste. Durante la quale, è emerso che le percorrenze impostate sono appaiono risicate, che le corse ferroviarie extraurbane sono inferiore rispetto all’orario in vigore fino al 30 giugno, e alla nostra proposta, e che il numero di autobus predisposti sono numericamente insufficiente per poter sostituire un treno. Il servizio integrativo inoltre, altra nota dolente, è concentrato nella sola tratta Montebello-Catalano e nella fascia oraria centrale di scarsa affluenza.

È stato altresì evidenziato, facendo proprie le osservazioni rese note dal Comitato stesso, come la ferrovia sia stata tramutata, fino a data da destinarsi, in una gommovia, sebbene con la nostra proposta, recepita dal Comune di Sant’Oreste, siamo riusciti a dimostrare la fattibilità di svolgere un esercizio esclusivamente ferroviario, in armonia con le direttive ANSF, ovvero senza ricorrere né al servizio integrativo né tantomeno agli incroci. I quali sono stati reintrodotti, 3 a Castelnuovo e 7 Vignanello, con la disposizione Atac 202 del 12 settembre, che integra e abroga la 146/19 di inizio luglio. La stessa, ancora, abbassa la velocità massima consentita nella tratta urbana che da 80 Km/h a 70 Km/h. Ciò, secondo il nostro punto di vista, stride ulteriormente coi tempi dati nell’orario.

Sulla reintroduzione degli incroci, tema squisitamente tecnico, la nostra associazione reputa necessario capire quali siano le motivazioni alle base di tale decisione, in quanto non ci risulta che, da luglio a oggi, la tratta extraurbana sia stata attrezzata con dispositivi idonei atti a controllare la marcia treno ed arrestarne la corsa, nei casi estremi, qualora entrasse indebitamente nella sezione di blocco e/o binari di stazione occupati da altro convoglio. Infatti, come possono essere mitigati i rischi di incrocio, se le procedure degli stessi avvengono pressappoco con le stesse modalità prima, solo che la chiave di comando si trova nella cassetta delle stazioni anziché nelle tasche dei capitreno, ai quali è stata comunque tolta. Dove sarebbero le novità? Quali sarebbero gli accorgimenti innovativi? Il problema non sarebbe, infatti, aver vietato lo spostamento degli incroci, ma come essi avvengono. Diverso discorso sarebbe stato se nelle stazioni di incrocio avessero previsto la presenza del capostazione, o meglio del Dirigente Locale (DL), come suggerito nelle premesse della proposta d’orario. Continua a destare perplessità l’incrocio nella sede di Montebello, in quanto avviene in una località di passaggio da doppio a singolo binario e viceversa. E che, nel 2014, è stata teatro di uno spiacevole episodio: un treno, proveniente da Flaminio, veniva autorizzato a ripartire da Montebello e a immettersi nella tratta extraurbana a singolo binario, quando da Sacrofano proveniva, in senso opposto, altro convoglio. È stato solo grazie alla tempestività del macchinista del primo treno che, rifiutandosi di eseguire l’ordine ricevuto, si evitò il peggio.

Infine, – conclude la nota dell’associazione Trasportiamo – a margine della Commissione, abbiamo posto l’attenzione sulle criticità ancora in essere nella stazione di Viterbo, in cui gli impianti di sicurezza sono tuttora fuori uso e i treni partono in condizioni precarie, e ciò nonostante un sopralluogo congiunto ATAC, Regione e USTIF nell’ottobre 2018 che stabiliva in 90 giorni il tempo per eseguire le necessarie riparazioni e gli adeguamenti strutturali. E domandato se il nuovo orario generale sia stato costruito in considerazione delle problematiche presenti nella tratta in galleria (Flaminio-Acqua Acetosa), per la quale sarebbe stata prevista la circolazione di un solo treno all’interno della galleria stessa, in modo da permettere, in caso di incidente o di evacuazione, ai viaggiatori di riversarsi, tramite le nicchie comunicanti, sul binario attiguo, senza correre il rischio di essere investiti dal treno proveniente dalla direzione opposta.”

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

In evidenza

Roma-Viterbo, nuovo orario: il Comitato Pendolari chiama in causa Regione e Atac

Clicca e condividi l'articolo

Il Comitato fa quadrato intorno al nuovo extraurbano ferrovia Roma-Viterbo presentato da Atac SpA

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Il Comitato Pendolari RomaNord fa quadrato intorno al nuovo orario della ferrovia Roma-Viterbo presentato da Atac SpA in occasione della riunione del 4 settembre in Regione, alla presenza dei Sindaci del viterbese e dell’asse Flaminia. E non mancano le perplessità. “Non possiamo fare a meno di notare che la nostra ferrovia assume sempre più le sembianze di una gommovia”, attacca Fabrizio Bonnani, nella nota inviata questa mattina all’assessorato e alla direzione regionale ai trasporti, all’Azienda e ai Sindaci stessi.  

“L’orario pubblicato dal Comune di Riano è riferito all’extraurbano”, recita il documento, “ci chiediamo dove siano finiti i riferimenti sui treni urbani in vigore dal 16 settembre. Riportiamo l’impietoso confronto, in allegato, con l’orario invernale precedente, che alleghiamo anch’esso. Si evidenzia infatti una forte diminuzione dei treni in totale, un corrispondente aumento delle corse bus sostitutive, un accorciamento delle percorrenze (quindi tanti km in meno da verificare sul contratto di servizio attuale) e addirittura bus diretti da catalano a Montebello, sembra senza fermate intermedie, in fascia alta”.

“Per questo vorremmo conoscere i razionali che hanno portato alla stesura e condivisione di questo nuovo orario, nel rispetto della normativa vigente di ANSF”. Una volta esaurite le considerazioni iniziali, la lettera entra nello specifico, con quesiti che richiedono risposte. “C’è la riattivazione degli incroci? Perché sono state cancellate corse che prima erano in fascia di entrata/uscita da scuole? Tra le ore 12.21 e le 18.21 ci sono solo 4 treni da Viterbo, mentre nel precedente orario tra le 12.40 e 18.16 ce ne erano 6 disponibili e con partenze differite di 20 minuti (12.40 invece di 12.21) in modo da raccogliere un bacino di utenza maggiore, soprattutto all’uscita delle scuole. Dopo le 18.21 non ci sono più treni da Viterbo”.

E ancora, “quali sono i criteri adottati per la distribuzione dei bus sostitutivi lungo tutta la giornata? Perché ci sono corse bus da Montebello a Catalano (es. in partenza ore 9) che non hanno le indicazioni di fermata nei comuni, ma hanno una “X”? Sono bus diretti? Se così fosse, a cosa servono? Avete tenuto presente che questo aumento di trasporto su gomma su vie di comunicazione già ‘affollate’ porta conseguentemente a un aumento di traffico, tempi di percorrenza, stress e inquinamento? Questa è l’intermodalità ecosostenibile che si intende perseguire?”

“Se l’orario proposto entra in vigore nella versione in cui è stato diffuso ci saranno, secondo noi, grossi problemi: tanti pendolari e anche tanti genitori sono anche molto preoccupati per gli spostamenti dei loro figli tra gli istituti dei comuni nella parte alta, che non si riesce a gestire con l’offerta di trasporto appena comunicata. Vi chiediamo quindi di analizzare nel dettaglio la tabella degli orari, anche confrontandola con la proposta a voi pervenuta tramite l’associazione TrasportiAmo e alcuni Sindaci nella riunione del 4 settembre scorso, per rivederla al fine di fornire un servizio pubblico adeguato alla domanda e al contratto vigente e di integrarla con i treni relativi al servizio urbano da Montebello a Roma-Flaminio”.

“Inoltre”, conclude la nota, “vorremmo sapere se le stazioni extraurbane verranno riaperte la mattina e soprattutto in orario di passaggio dei treni poiché spesso questa estate erano inesorabilmente chiuse, come segnalato da più utenti in transito”. Qualcuno si prenderà la briga di rispondere nell’interesse dei cittadini? Sono aperte le scommesse.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Settembre: 2019
L M M G V S D
« Ago    
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
30  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it