Connect with us

Gallery

Ostia, riserva naturale: identificata baraccopoli e discarica abusiva

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

OSTIA (RM) – Dalle prime ore di questa mattina, i Carabinieri del Gruppo di Ostia, unitamente ai Carabinieri del Gruppo Forestale di Roma e con l’impiego di un elicottero dell’Arma e di unità cinofile, nell’ambito di un predisposto progetto di riqualificazione delle aree ricadenti nella riserva naturale del litorale romano, hanno effettuato dei capillari controlli tra l’Idroscalo di Ostia, a ridosso della torre monumentale di Tor Boacciana e nella vicina oasi naturalistica della Lega Italiana Protezione Uccelli (utilizzata per il recupero della fauna selvatica).

L’elicottero dell’Arma, che dall’alto aveva ampia visione del territorio, ha segnalato al personale a terra la presenza di una baraccopoli: i Carabinieri hanno esplorato le zone indicate, rinvenendo, nascosti da un fitto canneto, 27 capanni in legno e in lamiera completamente abusivi. In alcune baracche, inoltre, sono state trovate delle bombole di gas G.P.L., evidentemente utilizzate per riscaldare i cibi e gli ambienti. In un vicino appezzamento di terreno, i militari hanno rinvenuto anche una discarica di rifiuti urbani e speciali – tra cui frigoriferi non funzionanti – per un volume di circa 30 metri cubi.

Le violazioni accertate sono quelle riguardanti la disciplina delle aree protette, le opere eseguite in assenza di autorizzazione su beni paesaggistici, il getto pericoloso di cose e il deturpamento di bellezze naturali.

Al termine dell’ispezione, le bombole sono state messe in sicurezza dai Vigili del Fuoco e i due terreni (per una superficie complessiva di circa 6.000 mq, 300 dei quali ricadenti nella riserva naturale) sono stati sequestrati e dati in consegna al personale del Dipartimento Tutela Ambiente del Comune di Roma Capitale, in attesa della conseguente bonifica da parte degli operatori dell’AMA che ripristineranno lo stato dei luoghi.

Nell’ambito della stessa attività, i Carabinieri hanno identificato numerose persone e arrestato un cittadino romeno di 29 anni, in esecuzione di un mandato di arresto europeo emesso dalle Autorità romene per violazioni in materia di ordine pubblico e per reati contro la persona. L’uomo è stato rinchiuso nel carcere di Regina Coeli.

Un altro cittadino romeno di 56 anni e residente ad Anzio, invece, è stato sorpreso ad Ostia in violazione del provvedimento di divieto di dimora nel Comune di Roma emesso della Procura della Repubblica di Roma. L’uomo è stato, quindi, denunciato a piede libero per inosservanza dei provvedimenti delle Autorità.

Altri controlli sono stati eseguiti sul litorale dai Carabinieri di Ostia con la collaborazione dei militari dell’Ispettorato Tutela del Lavoro, in relazione al rispetto delle norme igienico-sanitarie e di tutela del lavoro, all’esito dei quali è stata individuata una 24enne, titolare di un ristorante lidense, che aveva alle proprie dipendenze un lavoratore irregolarmente assunto; la donna è stata denunciata per l’impiego di personale non contrattualizzato e la sua attività imprenditoriale è stata sospesa.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Albano Laziale, tappa all’Anfiteatro… il “piccolo Colosseo” è chiuso tranne che in occasione di eventi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ALBANO LAZIALE (RM) – Il viaggio de L’Osservatore di Italia fa tappa all’Anfiteatro di Albano Laziale. Oggi l’Anfiteatro è fruibile ma non messo a sistema.

Accoglie manifestazioni estive ma rappresenta un tesoro storico archeologico inestimabile che non appare valorizzato per la sua importanza.

Il “piccolo Colosseo” alle porte di Roma ha i cancelli chiusi quando non ci sono eventi, quando potrebbe essere sempre visitabile

Potrebbe tornare agli antichi splendori riprendendo il grande evento traino della rievocazione storica dei giochi dei gladiatori, riproposta in termini ancora più ampi e proiettati alla creazione di un indotto turistico che possa rientrare tra i principali volani di rilancio di Albano Laziale.

L’Anfiteatro dovrebbe essere reso fruibile al pubblico tutto l’anno rappresentando il punto di partenza di un circuito turistico con guida esperta, degustazioni enogastronomiche, eventi sotto le stellee e un calendario culturale solido e permanente tutto l’anno.

Nel 2001 / 2002 l’Anfiteatro di Albano Laziale venne rimesso a nuovo e reso fruibile al pubblico grazie a un intervento dell’allora amministrazione guidata dal sindaco Marco Mattei

Terminata l’importante opera di restauro, l’Anfiteatro fu riaperto per la prima volta al pubblico con la rievocazione storica dei giochi dei gladiatori che fu poi replicata per molte stagioni a venire.

Nel 2007 il Ministero delle Infrastrutture da notizia del finanziamento di 348.096,16 euro concessi per la risistemazione dell’arena e degli spazi circostanti

Un’azione finalizzata principalmente alla conservazione della struttura monumentale dell’Anfiteatro, attraverso interventi mirati di pulitura e consolidamento e alla sistemazione delle pertinenze.

L’Anfiteatro dunque ha visto nuova luce e nuova rinascita, sono stati fatti dei lavori importanti durante l’amministrazione a guida centrodestra

Prima di tutto è stato attuato un completo decespugliamento e diserbo dell’intera area archeologica; sono stati effettuati, inoltre, una serie di scavi nei punti indicati dalla Direzione Lavori, in modo da scoprire le strutture antiche e nascoste. Le opere di consolidamento sono state incentrate nella risarcitura, con materiali idonei, delle lesioni riscontrate e nell’integrazione delle parti perdute, sostituendole con elementi realizzati in materiale idoneo, che ben si accorda con il contesto monumentale. E’ stato realizzato un cappellotto di protezione nella parte superiore dell’arena, in modo da impedire l’apparizione di organismi vegetali e l’infiltrazione di acqua meteorica, che viene
invece convogliata in un sistema di raccolta e di diffusione. L’anfiteatro, infine, è stato dotato di camminamenti protetti, per indirizzare il flusso dei visitatori direttamente negli spazi archeologici sicuri. Attraverso una presenza costante di una associazione che dia lavoro ai giovani, questa ricchezza può essere messa a sistema.

Un po’ di storia

L’Anfiteatro Albano fu realizzato dalle maestranze della II legione Partica che venne stanziata sul territorio nel 202 d.C. dall’Imperatore Settimio Severo. Poteva contenere circa 16 mila persone. Intorno al XI sec. d.C. nel III fornice fu ricavato un oratorio cimiteriale cristiano nell’abside affrescata erano raffigurati i Santi Stefano, Lorenzo, Nicola, Pancrazio ed un anonimo papa. Nelle pareti dello stesso fornice e in altri vicini si ricavarono loculi per sepolture. L’Anfiteatro di Albano Laziale in scritti, cartografie, incisioni e disegni antichi è stato spesso chiamato il “piccolo Colosseo”.

Continua a leggere

Castelli Romani

Grottaferrata, riqualificato il parco di largo Gorizia. Il sindaco: “l’amministrazione da’ risposte alla città”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

GROTTAFERRATA (RM) – Il sindaco di Grottaferrata, Luciano Andreotti alla presenza di assessori e consiglieri comunali, ha inaugurato oggi il parco di largo Gorizia detto “Praticello”.

L’evento ha avuto luogo nel giorno in cui l’ordinanza sindacale dello scorso 14 luglio ha disposto la riapertura di tutti i parchi e aree verdi pubblici sull’intero territorio comunale grottaferratese. Il parco di Largo Gorizia, in particolare, è stato oggetto di importanti interventi di riqualificazione.

Al Praticello, infatti, sono stati realizzati lavori di completa risistemazione

E’ stata ricreata una specifica area giochi per i bambini con l’inserimento di attrezzature utilizzabili anche da bimbi diversamente abili con apposita pavimentazione anti-trauma, particolarmente apprezzata dai piccoli presenti ai quali sono state donate dall’Amministrazione delle speciali mascherine colorate.

All’interno del parco è stata realizzata anche una pista ciclabile per i più piccoli con adeguata segnaletica orizzontale, oltre all’installazione di panchine, illuminazione e nuove piante. Il tutto per un importo che si aggira attorno ai 200mila euro.

L’opera pubblica, in particolar modo la nuova area giochi, è stata benedetta dal parroco di San Pio X, don James Edassery.

Il sindaco Andreotti: “Tutti i parchi aperti in sicurezza”

“Abbiamo consegnato a Grottaferrata, in particolare ai piccoli grottaferratesi, il Praticello di Largo Gorizia completamente rinnovato. Tutti i parchi sono da oggi aperti in sicurezza” ha commentato il sindaco Luciano Andreotti a latere dell’inaugurazione. “C’è voluto del tempo, è vero, ma chi ha veramente a cuore le sorti della nostra città penso abbia capito anche il senso di una attesa dovuta a controlli dettagliati, ad esempio, del dato epidemiologico sul territorio. Perizia che un sindaco, responsabile della salute pubblica, non può non avere. Questa Amministrazione, infatti, pur tra mille difficoltà, lavora e dà risposte alla città” ha aggiunto. “i sorrisi gioiosi che ci hanno regalato stamattina i bambini e i giovani grottaferratesi – ha concluso – sono la risposta più bella in piena armonia con il rifiorire delle tante aree verdi, vanto e fiore all’occhiello di Grottaferrata che da oggi, nel pieno rispetto delle norme anti-contagio, tornano ad essere aperte e fruibili per tutta la cittadinanza”.

Continua a leggere

Cronaca

Marsala, arrivati i primi 11 nuovi bus con videosorveglianza interna

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

MARSALA (TP) – “Una delle giornate più importanti per Marsala. Unire contrade e centro urbano, per una città territorio come la nostra, è l’aspetto più significativo del rinnovato servizio bus. Oggi matura un lavoro durato quasi cinque anni, nel corso dei quali sono stati presentati validi progetti per intercettare fondi europei e non gravare sulle casse comunali. Ma questa rivoluzione non termina con l’arrivo dei nuovi mezzi, in totale 20, di classe euro 6 e quindi a basso impatto ambientale. Lo storico ammodernamento del servizio si completerà con le pensiline di attesa e le paline elettriche alle fermate con indicazione degli orari lungo il percorso. Come in una città normale che vuole essere vicina ai cittadini e al passo con gli standard europei”.

È il commento a caldo del sindaco Alberto Di Girolamo appena sceso da uno dei bus freschi di immatricolazione, benedetti per l’occasione da padre Mariano Narciso e da oggi operativi nel territorio comunale.

Sostituiranno i vecchi mezzi con milioni di chilometri percorsi, vetusti e inquinanti, spesso guasti e che non assicuravano un servizio efficiente. Tutto questo sarà ora un brutto ricordo per Marsala, stante che i nuovi bus sono tutti con aria condizionata (e con riscaldamento in inverno), dotati di pedana per disabili e con tecnologia interna. Un investimento complessivo di oltre 4 milioni e 300 mila euro, per una progettualità dell’Amministrazione Di Girolamo premiata dal Programma Comunitario FESR 2014/2020. Tre le forniture per il Comune di Marsala, con altrettanti appalti.

I bus da oggi in servizio sono 4 di dieci metri di lunghezza e 7 da dodici metri. Quelli che si attendono con l’ultimo lotto d’acquisto sono altri 9 bus con lunghezza di circa sette metri. “Un servizio bus puntuale ed ecosostenibile può favorire la crescita dell’utenza, preferendo il trasporto pubblico e usando meno l’auto, aggiunge il sindaco Di Girolamo. Ne guadagnerà la salubrità dell’ambiente e la qualità della vita”. Finora, il trasporto pubblico a Marsala era assicurato dallo SMA con una trentina di bus immatricolati tra il 1981 e il 2002, tutti con emissioni inquinanti di classe euro 0,1,2 e 3. Pertanto, la loro sostituzione con i 20 bus ecologici (euro 6) e con altri elettrici ha positive ricadute anche con riguardo al consumo del carburante. In più, i nuovi bus accrescono la capacità di trasporto: da 24 a 85 passeggeri, a secondo della loro lunghezza. Tutti i nuovi mezzi saranno forniti anche di un sistema di conteggio passeggeri, nonché di videosorveglianza di bordo a ciclo continuo e validazione automatica dei biglietti.

Continua a leggere

I più letti