Connect with us

Cronaca

Palermo, 6 Agosto 1985: il vile agguato mafioso a Ninni Cassarà e Roberto Antiochia

Clicca e condividi l'articolo

un commando di nove persone munite di mitraglie kalashnikov nascosti e appostati nei piani rialzati di una palazzina

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

di Paolino Canzoneri


PALERMO
– Il nome era Antonino, ma parenti, amici e colleghi lo chiamavano affettuosamente Ninni. Vicedirigente della squadra mobile della città di Palermo, Ninni, in lunghi anni di duro lavoro, si era conquistato la fiducia di tutto il corpo di Polizia. Per tutti resta e resterà Ninni Cassarà, ucciso in un vile agguato per mano di cosa nostra nell'androne del portone di casa dove stava rincasando martedi 6 Agosto del 1985.

La dinamica del maldestro agguato colse di sorpresa Cassarà appena giunto dalla questura a bordo di un'Alfetta scortato da due agenti in via Croce Rossa al n° 81 proprio nell'attimo in cui raggiunse il portone della sua abitazione. Un imponente spiegamento di forze di un commando di nove persone munite di mitraglie kalashnikov nascosti e appostati nei piani rialzati di una palazzina in costruzione di fronte il portone, non lasciarono speranze di sopravvivenza a Ninni Cassarà che investito da un numero impressionante di proiettili cercò inutile riparo e salvezza dentro il portone ma a causa dei molti colpi andati a segno perì esanime nella prima rampa di scale della portineria davanti allo strazio della moglie Laura Iacovoni scesa di corsa in un vano e disperato tentativo di salvare il marito. Sotto il fuoco delle mitraglie AK-47 perì anche l'agente Roberto Antiochia di soli 23 anni che per una diabolica coincidenza in quel giorno nonostante fosse in ferie si era comunque reso disponibile per scortare il commissario nella sua abitazione.

Probabilmente una talpa dalla questura all'origine dell'imboscata avvisò il commando dell'imminente rientro in casa e contemporaneamente all'eccidio efferato, nell'ufficio del commissario, fu trafugata l'agenda sicuramente piena zeppa di preziose informazioni ed annotazioni utili per le indagini sempre in corso. Ninni Cassarà era un uomo fidatissimo di Paolo Borsellino e Giovanni Falcone, membro attivo in un gruppo speciale antimafia fatto di uomini speciali, una forza dirompente di strategia e indagini, efficace come non mai, che seppe creare le basi dapprima per una grossa operazione di polizia giudiziaria concretizzatasi con la stesura del primo organigramma completo di cosa nostra e successivamente tracciando anche ipotesi concrete sulle motivazioni che spinsero i corleonesi, saliti al potere, ad eliminare uno dopo l'altro tutti i rappresentanti delle famiglie mafiose palermitane. Questo sforzo investigativo  partorì il famoso documento "Rapporto dei 162" stilato proprio da Cassarà stesso che aprì le porte al primo Maxi Processo alla mafia. Cosa nostra subì un forte contraccolpo sia per il mega processo che per gli sviluppi incoraggianti delle indagini che aprirono una breccia considerevole nel muro di omertà intorno alla mafia che fu costretta a pianificare successive azioni sanguinarie. Oggi a 31 anni di distanza dal sacrificio di Ninni Cassarà e dall'agente Roberto Antiochia il ricordo è vivo e vivrà comunque perennemente nei cuori e nelle menti dei palermitani onesti che da sempre sanno riconoscere i veri baluardi della legalità e del senso di giustizia.

 

Print Friendly, PDF & Email

Cronaca

Treviso, sequestrate e stuprate a 13 anni: arrestato operaio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

TREVISO – Violenza sessuale su due ragazzine 13enni e sequestro di persona: sono le pesanti accuse che hanno portato all’arresto nel trevigiano di un operaio di 45 anni. Le due minorenni conoscevano l’uomo.

Il fatto è avvenuto nel novembre scorso, ma solo pochi gironi fa – riferisce la ‘Tribuna di Treviso’ – con l’esito delle analisi di laboratorio su indumenti e pc sequestrati in casa dell’indagato è scattata la custodia cautelare, disposta dal gip di Treviso Angelo Mascolo.
Le due adolescenti sarebbero rimaste sequestrate un’intera notte, nel garage dell’uomo, e lì sottoposte alle violenze.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Milano, in manette due fratelli pregiudicati: aggrediscono un 37enne per motivi sentimentali

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

MILANO – Arrestati, per lesioni personali aggravate in concorso, due fratelli italiani, rispettivamente di 32 e 29 anni, entrambi nullafacenti, tossicodipendenti e pregiudicati per reati vari anche contro la persona (il più anziano dei due era stato già arrestato lo scorso 19 febbraio per violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale dai Carabinieri della Stazione di Cerro Maggiore, intervenuti su richiesta della madre che lui aveva colpito con uno schiaffo.

Nel pomeriggio di ieri i due fratelli armati di una chiave per lo smontaggio di pneumatici, hanno aggredito un 37enne italiano residente a Nerviano, pregiudicato, colpendolo al volto.

I motivi del gesto sono stati ricondotti a motivi sentimentali in quanto l’ex fidanzata del più anziano dei fratelli risulta attualmente frequentarsi con la vittima, che veniva trasportata dal personale sanitario presso il pronto soccorso dell’ospedale “Mater Domini” di Castellanza in provincia di Varese dove veniva medicato e dimesso con prognosi di giorni 10 s.c. per “policontusioni al volto”.

A mettere le manette ai polsi ai due uomini i Carabinieri della Stazione di Cerro Maggiore che hanno trattenuto gli arrestati nelle camere sicurezza in attesa del giudizio di convalida.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Tre anni di persecuzioni per una showgirl: stalker bloccato dai carabinieri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Divieto di dimora in Puglia, eseguito dai Carabinieri di Monopoli, nei confronti di un 54enne, originario di Catania, ritenuto responsabile di atti persecutori.

L’uomo, da circa tre anni, aveva messo in atto una serie di condotte persecutorie ai danni di una donna originaria di Fasano, operante nel mondo dello spettacolo, rendendole di fatto la vita impossibile. Il molestatore aveva maturato un’autentica ossessione per la sua vittima, passando dall’essere un comune fan, ad accanito follower dei suoi profili social, arrivando infine a commentare in modo puntuale e sgradevole ogni foto o iniziativa della giovane donna.

L’uomo non desisteva dalla sua condotta illecita nemmeno quando la vittima lo bloccava, anzi diveniva sempre più asfissiante utilizzando falsi nomi, o creando addirittura profili con le immagini della showgirl al fine di infangarla. In una circostanza aveva persino soggiornato in una casa vacanza gestita dalla sua vittima, all’insaputa di quest’ultima, al fine di farle una sorpresa.

L’ennesimo atto persecutorio si è verificato lo scorso pomeriggio quando lo stalker decideva di raggiungere la donna, effettuando una trasferta dalla Sicilia a Monopoli. Infatti, dopo essersi piazzato sotto casa di lei e aver atteso che la stessa uscisse, si avvicinava e l’afferrava per un braccio, con la scusa di donarle un regalo. Tuttavia quest’ultima riusciva a riconoscerlo (nonostante l’uomo tentasse di coprirsi il volto con il colletto del giubbotto) e, aiutata da un passante, allertava i carabinieri. I militari, dopo un rapido identikit, si ponevano alle ricerche, riuscendo, al termine di un’accurata perlustrazione svolta con l’ausilio di unità in abiti simulati, a rintracciarlo nella piazza centrale, ove si era nascosto nel tentativo di avvistare nuovamente la donna. Nei confronti del 54enne è stato disposto il divieto di comunicare con qualsiasi mezzo con la vittima e avvicinarsi ai luoghi da essa frequentati, nonché il divieto di dimora in Puglia.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti