1

PALERMO: GIORNALISTI DELL'ESPRESSO INDAGATI DALLA PROCURA SULLA VICENDA CROCETTA

di Angelo Barraco

Palermo – In un’Italia in subbuglio, dove si parla tanto di intercettazioni e la domanda principale è “intercettazioni si o intercettazioni no?”, emerge un’altra storia che ha come protagonista le intercettazioni, la vicenda di Rosario Crocetta, il Presidente della Regione Sicilia e della presunta intercettazione registrata durante una sua telefonata con il Chirurgo Matteo Tutino, in cui proprio quest’ultimo avrebbe detto “Lucia Borsellino va fatta fuori come il padre”. Proprio in merito a queste presunte intercettazioni, la Procura di Palermo ha aperto un’indagine, i giornalisti dell’Espresso Piero Messina e Maurizio Zoppi sono indagati e accusati di “pubblicazione o diffusione di notizie false, esagerate o tendenziose, atte a turbare l'ordine pubblico”. Messina deve rispondere anche di calunnia perché avrebbe indicato una fonte che però non avrebbe confermato ma avrebbe smentito. I due sono stati ascoltati ieri in procura e si sono avvalsi della facoltà di non rispondere. Intanto i difensori del medico Matteo Tutino –agli arresti domiciliari per truffa ai danni del servizio sanitario- commentano l’iscrizione nel registro degli indagati dei due giornalisti: “Siamo in presenza di un'azione altamente criminale commessa con il mezzo della comunicazione di massa in danno ad un uomo innocente che è stato lapidato mediaticamente” aggiungono inoltre “E' la conferma che quella frase non esiste”. 

Il governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, chiede 10 milioni di euro a L’Espresso e sporge querela in sede civile contro Il Fatto Quotidiano, contro il giornalista Buttafuoco e anche verso Maurizio Gasparri. Intanto dal settimanale dicono che “in aula la verità”. Il suo legale, nel corso di una conferenza stampa ha detto “un'azione civile risarcitoria chiedendo a L'Espresso 10 milioni di danni, la richiesta danni riguarderà l'editoriale L'Espresso, il direttore del settimanale, e i due giornalisti che hanno scritto l'articolo in cui si parla della telefonata tra Tutino e Crocetta”. L’avvocato aggiunge inoltre che il quanto ottenuto dal risarcimento verrà devoluto in beneficienza. 

La direzione del settimanale replica l’azione risarcitoria dicendo che l’intercettazione esiste ed è secretata e che la secretazione è un decreto del pm e L’Espresso ha detto “Dimostreremo la verità”. Aggiunge inoltre che “La causa annunciata dai legali di Rosario Crocetta può diventare l'occasione processuale per comprovare la piena correttezza del comportamento dell'Espresso e per fare definitiva chiarezza su quanto è avvenuto” intanto il legale di Crocetta dice “L'omessa vigilanza e l'omessa verifica sulla veridicità di questa intercettazione ha letteralmente distrutto e massacrato l'immagine personale, politica e professionale di Rosario Crocetta. L'Espresso si è difeso dicendo che l'intercettazione è secretata. Ma la secretazione è un decreto del pm, lo stesso che più volte ha smentito l'esistenza dell'intercettazione sia ambientale che telefonica”

Intanto Rosario Crocetta, intervistato a Sky tg24 ha detto che ha scritto a Lucia Borsellino: “Ho scritto a Lucia, non ti ho tradito” continua dicendo “A Lucia ho mandato un sms scrivendole 'non ti ho mai tradito, nei fatti, non ti tradisco e non ti tradirò mai', perché io so quello che ha vissuto. L'ho condiviso con lei, condividendo con lei ogni scelta, e lo sto vivendo ancora di più in questo momento”
L’intenzione di querelare in sede civile Il Fatto Quotidiano e il giornalista Buttafuoco con una richiesta di un milione di euro a causa di un articolo in cui Antonio Presti chiama Crocetta “Bottana”. E’ stata annunciata una denuncia in sede penale a Maurizio Gasparri, per le sue dichiarazioni che sono state ritenute diffamatorie. L’avvocato dichiara che “Non c'è alcun giallo intercettazione, non c'è alcun giallo sull'intercettazione pubblicata da L'Espresso: non si possono mettere sullo stesso piano le dichiarazioni del procuratore di Palermo Francesco Lo Voi (che smentisce l'esistenza della telefonata, ndr) e quelle di un tale Luigi Vicinanza”. Intanto oggi a Palazzo D’Orleans hanno manifestato tanti manifestanti, forestali e tanti disoccupati e hanno manifestato il loro dissenso.