Connect with us

Cronaca

Palermo, quartiere Zen 2: scatta l'operazione Teseo. 24 persone in manette

Clicca e condividi l'articolo

E’ la prima volta che all’interno del quartiere viene contestato il reato di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print


Red. Cronaca


PALERMO – I Carabinieri della Compagnia Palermo San Lorenzo hanno eseguito 24 ordinanze di custodia cautelare, 19 in carcere e 5 ai domiciliari, emesse dal G.I.P. del Tribunale di Palermo, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia della locale Procura della Repubblica, nei confronti dei componenti di un’associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

I provvedimenti scaturiscono dalle indagini coordinate dal Procuratore della Repubblica, Francesco LO VOI, dal Procuratore aggiunto, Dott.ssa Teresa PRINCIPATO, dai Sostituti Procuratori della DDA, Dott. Siro DE FLAMMINEIS e Dott.ssa Annamaria Picozzi, in collaborazione con i Sostituti Procuratori della Repubblica di Palermo Dott. Bruno BRUCOLI e Dott.ssa Silvia BENETTI e condotte dai militari del Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Palermo San Lorenzo.

L’attività d’indagine, sviluppata tra i padiglioni del quartiere ZEN 2, ha:

–          permesso di ricostruire dettagliatamente l’attività illecita e la struttura criminale realizzata dagli indagati, delineando tutti i componenti di un’articolata consorteria;

–          confermato la presenza di un’attività di spaccio tra via Pensabene e le aree limitrofe, corrispondenti, in particolare, a via Nedo Nadi e ai vicoli che costituiscono un corridoio tra i padiglioni di via Costante Girardengo.

L’indagine, denominata “TESEO”, è stata avviata nel novembre 2015, quando i militari del Nucleo Operativo, sulla base di alcuni arresti effettuati in flagranza di reato, hanno dato il via alle attività tecniche.

Le successive risultanze investigative hanno consentito di disarticolare l’organizzazione dedita allo spaccio di stupefacenti, retta da un triumvirato composto da MAZZA Antonino, ZARCONE Massimiliano, BONURA Salvatore, individuati quali “promotori” delle attività con funzioni direttive su diversi “pusher”, il cui operato è sempre stato supervisionato da altrettanti “fiduciari”, CATANZARO Salvatore e PULEO Paolo, costituenti un livello intermedio tra il vertice e la manovalanza, deputati a gestire le scorte di droga, la ripartizione delle dosi e la raccolta del denaro realizzato dalle innumerevoli cessioni di droga ampiamente monitorate.

 

E’ la prima volta che all’interno dello Zen 2 viene contestato il reato di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

Le dinamiche oggetto di osservazione hanno fatto emergere che le illecite attività non erano il frutto dell’occupazione occasionale e autonoma di una serie di individui, ma il risultato di una complessa struttura organizzata i cui partecipanti ne condividevano pienamente e consapevolmente scopi, strategie, rischi e profitti.

Fin dai primi riscontri ottenuti attraverso i sequestri di sostanze stupefacenti e dalla verifica dei luoghi di occultamento individuati grazie ai servizi di osservazione, sono emersi indizi che hanno indotto i carabinieri ad ipotizzare l’esistenza di un’associazione criminale.

È così progressivamente emerso, in maniera inequivocabile, come una regia comune guidava l’operato dei singoli pusher, poiché tutti gli indagati comunicavano costantemente tra loro e scambiavano gli involucri costituenti le piccole scorte di sostanza stupefacente e addirittura le somme di denaro costituenti provento illecito, nonché individuavano ed utilizzavano i diversi luoghi di occultamento della sostanza stupefacente, ripartendola in nascondigli differenti in base alla tipologia della stessa (cocaina, hashish e marijuana), confezionata secondo modalità precise e costanti nel tempo (stecchette di hashish, bustine di marijuana, piccoli involucri a goccia per la cocaina). Le attività delittuose erano regolate secondo una suddivisione in “turni”, cosicché ad una prima fase che comprendeva tutta la mattinata, seguiva una seconda che abbracciava l’intero pomeriggio, fino alla sera, dopodiché, la notte fino alle ore 08:00 circa; ad ogni cambio turno, è stato puntualmente rilevato un metodico “passaggio di consegne” – ossia il conteggio e l’eventuale ripartizione delle dosi avanzate e del denaro ricavato – tra gli spacciatori che coprivano il turno appena terminato e coloro che subentravano.

Significativo, inoltre, è ciò che è accadeva quando i militari del Nucleo Operativo o della Stazione Carabinieri di San Filippo Neri intervenivano nell’area d’interesse, procedendo all’arresto di uno o più pusher ed al rinvenimento e sequestro delle dosi di droga astutamente occultate in più anfratti: i “capi” intervenivano sui luoghi, ispezionandoli ed impartendo direttive ai gregari, poiché i traffici dovevano proseguire, dimostrando particolare dimestichezza nel far fronte alle sopravvenute esigenze. Scendere in piazza, farsi vedere in mezzo ai padiglioni da tutti gli altri pusher ancora presenti e non arrestati dai Carabinieri, rassicurava la “piazza” e allo stesso tempo veicolava ai sodali un’immagine di potenza ed immunità nei confronti delle azioni dell’Arma dei Carabinieri.

Il sodalizio, in sostanza, si attivava prontamente dopo l’arresto di un pusher, poiché, dopo un breve periodo verosimilmente destinato alla riorganizzazione, veniva sostituito da altri complici, così come i diversi tipi di sostanza stupefacente trovavano altre collocazioni tra i veicoli posteggiati o nei punti ritenuti più congeniali all’interno degli androni e dei corridoi dei padiglioni o, ancora, nei terreni incolti circostanti. A fronte di un intervento dei Carabinieri, pertanto, l’attività di spaccio non si fermava, poiché il sodalizio si riorganizzava prontamente e, con sfacciata pervicacia, rimediava all’arresto di uno o più pusher reclutando nuove leve tra persone nuove e poco conosciute che, reiterando la condotta criminale, assicuravano continuità ai lucrosi affari. Sovente erano gli stessi indagati arrestati o denunciati a replicare, dedicandosi alle consuete occupazioni illegali, già a partire dal giorno successivo all’intervento dei Carabinieri, come accaduto per CATANZARO Salvatore, BRANCATO Nunzio e MOCEO Benedetto, quest’ultimo vittima del tentato omicidio proprio nei padiglioni dello ZEN da parte del figlio.

È stato accertato inoltre che, periodicamente, i pusher venivano approvvigionati da altri complici delle dosi di sostanze stupefacenti necessarie ad alimentare l’attività di spaccio e che la sostanza era immagazzinata in abitazioni prospicienti le strade dove lo spaccio era esercitato ovvero in qualcuno dei numerosi box realizzati – il più delle volte abusivamente – negli angusti spazi esistenti tra i padiglioni del quartiere. In ogni caso, è significativo come tutto accadesse in un ristretto spazio tra via Pensabene – via Nadi – via Costante Girardengo, all’interno di un’area costantemente presidiata dagli odierni arrestati. Anche nel tardo pomeriggio, di sera e durante tutta la notte, difatti, veniva riscontrata la presenza degli spacciatori in quegli stessi luoghi.

L’organizzazione, inoltre, era caratterizzata dal vincolo derivante dal rapporto parentale, poiché ad essa partecipavano, a vario titolo, componenti della stessa famiglia, come per il nucleo composto da ZARCONE Massimiliano, BILLECI Elena e ZARCONE Antonino, nonché quello composto da MAZZA Antonino e dal figlio Gabriele, famiglie, peraltro, legate da ulteriori vincoli nati dall’unione dei rispettivi figli.

Sintomatico, al fine di comprendere il contesto in cui si sviluppavano le attività illecite oggetto dell’indagine, il fatto che l’organizzazione non disdegnasse di svolgere tutte le operazioni connesse con l’attività di spaccio avvalendosi anche di un soggetto (all’epoca) minorenne ed operando a poca distanza da una scuola elementare.

Il “modus operandi” dell’organizzazione era sempre identico e collaudato, poiché il “pusher”:

–       preso contattato con l’acquirente, gli indicava dove fermarsi ad aspettare, eventualmente ricevendo già il corrispettivo in denaro;

–       si recava a prelevare la singola dose da spacciare;

–       effettuava la cessione dello stupefacente;

–       raggiunta una certa somma di denaro la consegnava – a mo’ di “cassa continua” – a un altro soggetto con funzione di “cassiere”. Veniva così mitigato il rischio di vedere sequestrate consistenti somme di denaro in caso di arresto del pusher;

–       terminata la scorta di sostanze stupefacenti, chiedeva di essere rifornito al complice-corriere, il quale, dopo essersi allontanato dalla zona, recuperava la quantità di dosi necessaria per soddisfare le ulteriori richieste.

L’attività di spaccio, inoltre, non veniva quasi mai svolta da un solo pusher, ma erano costantemente attivi due o più soggetti i quali, talvolta, si suddividevano le sostanza stupefacenti da spacciare (marijuana e hashish uno e cocaina l’altro) e, a prescindere, offrivano reciproca copertura e una più attenta vigilanza, a fronte del rischio di incursioni dei Carabinieri. Il continuo monitoraggio ha infatti permesso di ritrarre alcuni episodi di vita quotidiana propri di alcuni componenti dell’associazione. Un esempio emblematico delle “contromisure” adottate è rappresentato da chi, durante il proprio “turno” giornaliero, verificava la presenza delle forze dell’ordine o di eventuali telecamere mediante l’utilizzo di un “binocolo”.

Pur di mantenere la “fidelizzazione” dei clienti-assuntori, l’organizzazione era aperta a “forme alternative di scambio commerciale”: è stato documentato un episodio in cui un acquirente, non avendo disponibilità di contanti, si è rivolto ai pusher mostrando un capo d’abbigliamento ancora provvisto di etichetta e, dopo un primo tentennamento di quest’ultimo, l’affare si è concluso con un vero e proprio “baratto” avente ad oggetto da un lato una felpa e dall’altro una dose di sostanza stupefacente.

Evidenza dell’unicità e comunanza delle azioni delittuose, tutte facenti parte dello stesso “ciclo aziendale” e riconducibili ad una medesima organizzazione, risulta l’identicità delle dosi di sostanza stupefacente rinvenute all’atto degli arresti e dei sequestri con successiva segnalazione alla locale Prefettura ex art. 75 DPR 309/90 a carico degli acquirenti (in tutto sono 29 le persone segnalate all’autorità amministrativa quale assuntori di sostanze stupefacenti), che ha dimostrato univocamente la medesima origine della droga rinvenuta.

Infatti, si è notato come fosse sempre uguale il confezionamento e il taglio della droga. Per l’hashish: stecche di circa cm. 5/10 del peso approssimativo di gr. 2 – talvolta spezzate per ricavarne dosi a minor prezzo – avvolte con pellicola trasparente o carta stagnola; per la marijuana: bustine di plastica trasparente chiuse con spille per spillatrice e contenenti poco più di un grammo di sostanza; per la cocaina: dosi confezionate a goccia, con involucri di plastica aventi il peso di 0,5 g. (cd. mezzini) o di 0,2 g. (cd. ventini).

A tal proposito, dal monitoraggio effettuato nei giorni di maggior affluenza, si può ipotizzare un introito giornaliero di oltre 2.000,00 euro in favore degli associati, tenendo conto del costo dello stupefacente per il consumatore finale (5/10 € per le dosi marijuana e hashish e 20/40 € per le dosi di cocaina).

L’intenso legame tra gli associati e la stabilità dell’organizzazione criminale costituita, rafforzata dal vincolo familiare, sono stati ribaditi da ulteriori riscontri: il monitoraggio costante dei luoghi oggetto di indagine ha permesso di constatare come gli indagati passassero insieme intere giornate, documentando la loro presenza tra le vie monitorate e nei luoghi deputati agli scambi di denaro e droga.

Progressivamente sono state acquisite le risultanze investigative che hanno permesso ai Carabinieri di incastrare ogni tassello, fino alla definizione di un quadro completo e nitido delle vicende oggetto d’indagine e dell’organigramma del sodalizio al cui vertice si collocavano i finanziatori/promotori MAZZA Antonino, BONURA Salvatore e ZARCONE Massimiliano. Tra questi e la manovalanza costituita dai pusher che si alternavano nell’attività di spaccio, si frapponeva un livello intermedio rappresentato, in particolare, da CATANZARO Salvatore e da PULEO Paolo, deputati alla supervisione delle attività illecite, alla gestione e alla spartizione delle dosi tra gli spacciatori nel corso dei vari turni, alla raccolta delle somme di denaro costituenti il provento dello spaccio. Quanto a BILLECI Elena (moglie di ZARCONE Massimiliano e madre di ZARCONE Antonino), non è stata rilevata solo una sua generica partecipazione ai loschi affari del gruppo criminale, poiché è risultato evidente che alla donna fosse stata attribuita la precipua funzione di tenere la “contabilità” degli affari dell’organizzazione, essendo deputata ad annotare le somme di denaro ricavate da ciascun pusher ed il numero delle dosi distribuite durante il turno.

La suddivisione interna dei ruoli e dei compiti tra gli associati, tuttavia, non era rigida ed inviolabile, anzi alcuni ruoli risultavano intercambiabili ed alcuni indagati erano chiamati, a seconda delle esigenze, talvolta alla raccolta del denaro incassato dai pusher e al loro rifornimento di stupefacente, talvolta ad occuparsi essi stessi dello smercio al dettaglio, rivestendo contemporaneamente i ruoli di vedette, fornitori e spacciatori. Tale caratteristica ha ulteriormente dimostrato l’esistenza di un’organizzazione stabile e continuativa, con dinamiche interne ben definite e predisposizione di mezzi per il perseguimento di un fine comune. La fungibilità dei ruoli è riprova della reciproca consapevolezza degli associati circa i compiti e l’incarico di ciascuno.

Oltre alla palese condivisione di scopi, strategie e rischi, i membri dell’organizzazione, nonostante le distanze fossero brevi, sovente condividevano anche mezzi di trasporto per spostarsi agevolmente e rapidamente nel corso delle attività illecite.

Le attività di riscontro effettuate nel corso dell’indagine, oltre alle 29 segnalazioni di assuntori di droga all’autorità amministrativa, hanno già consentito di arrestare in flagranza di reato 22 persone, responsabili di singoli episodi di spaccio e detenzione illecita di sostanze stupefacenti.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Fabrizio Corona, Tribunale Sorveglianza accoglie istanza e concede domiciliari

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Fabrizio Corona esce dal carcere di Monza e torna ai domiciliari. Il Tribunale di Sorveglianza di Milano, infatti, ha accolto la richiesta dei difensori di sospensione dell’esecuzione del provvedimento con cui nelle scorse settimane era tornato in carcere, in attesa che decida la Cassazione sul punto.

La difesa, infatti, coi legali Antonella Calcaterra e Ivano Chiesa, aveva fatto ricorso in Cassazione contro il precedente provvedimento che aveva fatto tornare l’ex agente fotografico in carcere. Accolte, dunque, a quanto si è saputo, dai giudici le questioni sollevate dalla difesa sullo stato di salute mentale dell’ex fotografo dei vip, che necessita di proseguire il percorso di cure fuori dal carcere. 

Il Tribunale di Sorveglianza di Milano l’11 marzo scorso aveva revocato, per una serie di violazioni delle prescrizioni, il differimento pena in detenzione domiciliare che era stato concesso nel dicembre 2019 a Corona per una patologia psichiatrica di cui soffre. Decisione che era stata duramente contestata sia dall’ex agente fotografico, che si era ferito ad un braccio, aveva rotto il vetro di un’ambulanza ed era finito in ospedale in psichiatria per oltre 10 giorni, sia dalla sua difesa. Tra l’altro Corona per giorni, prima in ospedale e poi in carcere, ha portato avanti uno sciopero della fame. Ora i giudici (un altro collegio della Sorveglianza), però, spiegano che il provvedimento di marzo non è adeguatamente motivato e per questo hanno deciso di sospendere lo stop al differimento pena in attesa che sul merito si pronunci la Cassazione. Nel nuovo provvedimento, a quanto risulta, i giudici fanno riferimento anche ai gesti autolesionistici messi in atto dall’ex ‘re dei paparazzi’ nelle ultime settimane, oltre che alle relazioni degli esperti già agli atti e che avevano messo in luce la necessità che Corona proseguisse nel percorso di cure fuori dal carcere. La sospensiva, tra l’altro, è stata disposta anche tenendo conto dei recenti atti di autolesionismo dell’ex agente fotografico. La Sorveglianza, inoltre, fa notare che non era stata valutata la richiesta della difesa di una perizia sulla compatibilità di Corona con la detenzione in carcere. E sempre i giudici chiariscono, in sostanza, che le esigenze di tutela della salute devono prevalere nella fase di esecuzione della pena.

Bastoni, ritorno ai domiciliari decisione equa – La decisione dei giudici del Tribunale di Sorveglianza di Milano, che hanno accolto la richiesta dei legali di Corona che avevano domandato la sospensiva dell’ordinanza con cui lo stesso tribunale aveva revocato la detenzione domiciliare è “equa e compatibile con il uso stato di salute. La carcerazione è stata una soluzione decisamente discutibile”. È questo il commento di Max Bastoni, consigliere comunale e regionale della Lega nonché segretario della Commissione lombarda Carceri. “Le esigenze di tutela della salute devono prevalere nella fase di esecuzione della pena. Trovo grave che tale circostanza sia stata ignorata nel primo provvedimento”, ha aggiunto.

Continua a leggere

Cronaca

Rieti, minaccia di morte due persone e ferisce un carabiniere

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

RIETI – I Carabinieri della Stazione di Orvinio hanno arrestato un uomo originario della provincia di Roma, ma dimorante a Paganico Sabino (RI).

Nel primo pomeriggio di ieri la Centrale Operativa ha ricevuto una richiesta di intervento da parte di due uomini, i quali riferivano di essere stati minacciati, anche di morte, da un giovane nel corso di un alterco scaturito per futili motivi nei pressi delle sponde del lago del Turano. 

Una volta giunti sul posto, i militari hanno constatato che il giovane versava in forte stato di agitazione continuando ad inveire con veemenza nei confronti dei due uomini che avevano richiesto l’intervento, oltre che nei confronti dei carabinieri intervenuti. Mente questi ultimi tentavano di riportare alla calma il giovane, quest’ultimo ha improvvisamente estratto una baionetta che fino a quel momento aveva tenuto nascosta all’interno della manica del giaccone, inducendo quindi i militari ad immobilizzarlo per evitare che potesse nuocere anche gravemente alle altre persone presenti. Nel tentativo di divincolarsi il giovane ha ripetutamente spintonato e colpito i militari uno dei quali ha riportato lesioni, fortunatamente lievi.

Per quanto accaduto l’uomo, già noto alle forze dell’ordine, è stato arrestato in flagranza di reato e sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione. Al termine dell’udienza di convalida tenutasi presso il Tribunale di Rieti, è stato nuovamente sottoposto agli arresti domiciliari. 

Continua a leggere

Cronaca

Palermo, mandamento mafioso Pagliarelli: arrestati due prestanome e sequestrati beni per 2 milioni e mezzo di euro

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

PALERMO – Arrestati due fratelli imprenditori accusati di avere svolto le funzioni di prestanome di Giuseppe Calvaruso. A eseguire l’arresto i Carabinieri del Comando Provinciale su delega dalla Procura Distrettuale Antimafia di Palermo in esecuzione all’ordinanza del GIP di Palermo che dispone la misura cautelare detentiva nei confronti dei due, nonché il sequestro di attività commerciali, beni e conti correnti nei confronti del presunto reggente del mandamento mafioso palermitano di Pagliarelli Giuseppe Calvaruso e di altri indagati, ritenuti responsabili, in concorso, del delitto di trasferimento fraudolento di valori aggravato dal metodo e dalle modalità mafiose.

L’azione di oggi di contrasto al mandamento mafioso di Pagliarelli costituisce la naturale prosecuzione dell’operazione “Brevis” eseguita la scorsa domenica di Pasqua, scaturita dall’indagine coordinata da un gruppo di sostituti diretti dal Procuratore Aggiunto Salvatore De Luca, durante la quale, tra gli altri, è stato ristretto proprio il Calvaruso.

Uno dei due fratelli è rientrato in Italia la sera dello scorso lunedì 12 aprile dalla Spagna dove, a Lanzarote – nelle isole Canarie – voleva aprire una attività commerciale per la somministrazione di cibi e bevande), cui è riconducibile un noto ristorante del centro storico di Palermo.

Giuseppe Calvaruso, inoltre, mostrando ancora una volta le sue abilità imprenditoriali e notevoli capacità relazionali, progettava insieme ai due arrestati di costruire un “impero commerciale” che potesse garantire, nel futuro, ingenti entrate formalmente lecite.

Nel corso dell’operazione è stata sequestrata anche la ditta “Edil Professional”, azienda edile, secondo l’ordinanza del GIP, fittiziamente intestata a due indagati, fra cui Giovanni Caruso, anch’egli ristretto nel corso della precedente trance dell’operazione, verso cui Giuseppe Calvaruso aveva fatto convergere numerose commesse per la ristrutturazione di appartamenti e palazzi del capoluogo siciliano.

Sequestrati, infine, conti correnti riconducibili ai due imprenditori raggiunti dalla misura custodiale, attraverso i quali, in più occasioni, Calvaruso era riuscito a ricevere somme di denaro per fare fronte alle spese legate alla prenotazione di viaggi, alberghi e cene.

I beni sequestrati ammontano a circa 2 milioni e mezzo di euro.

Continua a leggere

I più letti