Connect with us

Metropoli

Palombara Sabina, spunta un faro sul Monte Gennaro: Italia Nostra presenta un esposto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

In un’area protetta della rete comunitaria Natura2000 che tutela i pipistrelli

Nell’area sommitale del Monte Gennaro, che domina la pianura di Roma, nel Parco Naturale Regionale dei Monti Lucretili (PNML), si nota da diversi mesi la presenza di uno o più fari, di tale potenza che in
condizioni di visibilità normali la luce è visibile da Monterotondo a Montecompatri, e fino alla periferia di Roma. Molti penseranno a qualche utilità pubblica, forse a un’installazione militare. Ma l’area, a quanto ci risulta, è gestita da un privato, proprietario di una baita recentemente ricostruita presso la stazione terminale della funivia abbandonata. L’edificio ha avuto problemi di autorizzazione, è stato
soggetto a sequestro giudiziario, e c’è un ricorso pendente al Commissariato agli Usi Civici.
Fari e baita si trovano all’interno dell’area della rete della comunità europea Natura 2000 “Monti Lucretili” (ZPS IT 6030029), e nelle immediate vicinanze dell’area “Monte Gennaro” (ZSC IT6030030), istituite a protezione della flora e della fauna. La forte luce non può non arrecare disturbo alla fauna notturna, e inoltre altera il ciclo giorno/notte della vegetazione, per cui non sembra compatibile con le
misure di gestione stabilite per le aree Natura2000. La legge comunque prevede una Valutazione d’Incidenza (VINCA), ma non risulta che sia stato avviato il procedimento. Le potenti sorgenti di luce sembrano anche in contrasto con il regolamento del PNML, che rimanda alla normativa regionale per la prevenzione dell’inquinamento luminoso, e prevede una valutazione dell’ARPA (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale).
Italia Nostra ha presentato un esposto alle autorità competenti.
Rimane il mistero della motivazione della potente illuminazione, che non ha alcuna utilità pratica evidente, e appare in contrasto con precise norme di tutela delle aree protette. Sembra una celebrazione di vittoria sulle norme di tutela, che non è in genere concessa ai comuni cittadini.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Metropoli

Anguillara Sabazia, plesso di via Verdi: la Regione finanzia i lavori di sistemazione

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – La Regione Lazio ha appena approvato il finanziamento in favore del Comune di Anguillara Sabazia per la sistemazione del plesso scolastico di Via Verdi. “Una risposta concreta ad un problema che è durato troppo a lungo.” ha detto il Consigliere regionale del Pd Emiliano Minnucci. “Correttamente chiamata in causa dall’Amministrazione comunale, – ha detto ancora Minnucci – la Regione Lazio ha risposto presente e non poteva essere altrimenti. Questo passaggio è figlio di un’interlocuzione seria tra istituzioni e forze politiche, da un’attività amministrativa di verifiche tecniche e progettualità auspicate da tutti. Ora il passaggio alla Pisana in commissione VI e l’ultima ratifica in giunta.” 

Minnucci non ha mancato di lanciare una stoccatina agli ex amministratori pentastellati che avevano chiuso il plesso: “Rimane il rammarico – ha detto Minnucci – di non essere stati ascoltati al momento dell’improvvida chiusura dell’edificio. Allora cercammo in tutti i modi di farlo capire, ma senza essere presi in considerazione. Ora acceleriamo e restituiamo la loro scuola, ancora più bella ed accogliente, ai nostri figli.” 

Continua a leggere

Metropoli

Fiano Romano, zona industriale: delegazione di FDI con i lavoratori per una ripresa all’insegna del “Made in Italy”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

FIANO ROMANO (RM) -“Oggi sono stato a Fiano Romano insieme alla delegazione FDI in visita alla zona industriale. Abbiamo ascoltato gli imprenditori e lanciato alcune proposte programmatiche in vista delle prossime amministrative, insieme al candidato sindaco di Fiano Romano, Ulderico Bellocchi“.  Così in una nota Marco Silvestroni deputato di Fratelli d’Italia e Presidente della Provincia di Roma del partito di Giorgia Meloni che nell’occasione ha rilanciato sulla necessità di una ripresa per le tante professionalità e il tanto artigianato di qualità assoluta presente a Fiano Romano tutto “rigorosamente made in Italy”.

Una visita dove erano presenti anche i Consiglieri regionali di FDI Giancarlo Righini, Chiara Colosimo e Massimiliano Maselli, che è stata anche occasione di approfondimento e di confronto insieme agli imprenditori con il candidato civico del centrodestra alle prossime elezioni autunnali, il sindacalista Ulderico Bellocchi sul quale è ricaduta la scelta unitaria di Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia.

“Gli imprenditori e i lavoratori – ha detto ancora Silvestroni – chiedono soltanto una cosa: di essere messi nelle condizioni di poter lavorare, che per loro vuol dire abbassare il costo del lavoro e avere infrastrutture per essere competitivi in Europa e nel mondo. Queste devono essere le priorità! Niente ius soli, niente cittadinanze regalate o redditi da divano e monopattini.”

Continua a leggere

Metropoli

Anguillara Sabazia, tutto pronto per un fine settimana alla riscoperta dell’arte del ricamo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

“Ricamar Parlando”, il 26 e 27 giugno al Museo della Civiltà Contadina e della Cultura Popolare dalle 10 alle 13 e dalle 16 alle 19 – Ingresso libero

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Nuovo appuntamento al Museo della Civiltà Contadina e della Cultura Popolare “Augusto Montori” di Anguillara, sul lago di Bracciano. Nell’ambito del calendario Giorniverdi – Vivi i Parchi del Lazio, il 26 e il 27 giugno è in programma il Laboratorio in due appuntamenti “Ricamar Parlando”.

Un seminario-laboratorio sull’antica arte del ricamo condotto da Sandra Mariotti per imparare i punti base ma anche per promuovere uno scambio tra le diverse tecniche di ricamo.

“Per me il ricamo – spiega Mariotti – è una forma di meditazione, ma ci sono arrivata dopo un po’ di tempo. Da piccola curiosavo nei cassetti di mia nonna e mi piaceva la bella sensazione dei tessuti tra le mani soprattutto il lino ma ho iniziato a ricamare più tardi nei periodi in cui non avevo lavoro e mi deprimevo. Sentivo che ricamare mi faceva bene e mi veniva bene. E poi è nata una grande passione che ho cercato di mantenere nel tempo. Ritengo – aggiunge – che sia una forma di arte che richiede dedizione concentrazione, pazienza. E’ un ozio creativo che ti dà soddisfazione anche se fai una piccola cosa. È anche il piacere della solitudine creativa che porta anche alla meditazione. Il contratto delle mani con il tessuto e i colori fanno il resto. Il segreto da trasmettere consiste nel rallentare i ritmi prendersi il proprio tempo rilassarsi per vivere meglio. Il Ricamo è un potente antistress”.

L’iniziativa, che si svolge con il patrocinio del Comune di Anguillara Sabazia, prevede inoltre una Mostra di creazioni a ricamo nelle sale museali nelle due giornate con orario 10-13 e 16-19.

“Dopo il successo del laboratorio di tessitura a mano realizzata con Manifatture Erranti e che riproporremo a settembre – spiegano dall’Associazione Culturale Sabate – siamo molto soddisfatti di poter ospitare un’iniziativa che potrà avvicinare nuovi appassionati ad un sapere antico, tramandato spesso tra donne di generazione in generazione. Un’attività che esalta i colori, la tecnica, ma anche la creatività e che costituisce un artigianato identitario e di qualità da custodire e valorizzare”.

Continua a leggere

I più letti