Connect with us

Cultura e Spettacoli

PETROSINO: BILANCIO PIÙ CHE POSITIVO PER LA 22IMA EDIZIONE DEL CARNEVALE

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 4 minuti L’appuntamento a Petrosino è sabato 13 febbraio al PalaCarnival, per il carnevalone

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 4 minuti
image_pdfimage_print
GALLERY IN FONDO ALL'ARTICOLO [CLICCARE SOPRA LE FOTO PER INGRANDIRLE]
 
di Angelo Barraco
 
Petrosino (TP) – Quest’anno si è tenuta a Petrosino la 22esima edizione del Carnevale, una festa che ogni anno prevede un’organizzazione quasi chirurgica e un dispendio di energia determinato dalla voglia di unione e condivisione che hanno i giovani che vi partecipano. Il Sindaco Gaspare Giacalone, sempre pronto a migliorare il proprio Comune, ha trovato delle soluzioni che hanno permesso ai cittadini di trascorrere le giornate che andavano dal 6 al 9 febbraio in totale tranquillità, comodità e versatilità.
 
Petrosino quest’anno ha offerta una meravigliosa visione di ben quattro carri che hanno sfilato lungo le strade della città, ricordiamo inoltre che erano: “La Guerra dei Pagliacci” presentato dall’associazione Micael, il medesimo carro ha inoltre vinto la 22esima edizione del Carnevale di Petrosino ed è stato premiato dal Sindaco sul palco; l’associazione Petrosinis ha presentato il carro “Orso e Masha”, l’associazione Gruppo Musa ha presentato “Spongebob”, l’associazione La Speranza ha presentato il carro “Cappuccetto Rosso – Semo mucca o Lupo”. Hanno inoltre partecipato due gruppi mascherati all’evento, il gruppo “Spongebob” e il gruppo “La Pace”.

Ma non è stato soltanto questo Petrosino, poiché lungo il viale è stata allestita la “Via dei Sapori”, dove i cittadini hanno potuto degustare le prelibatezze locali. In fondo al viale è stato allestito il PalaCarnival, una struttura che ha riscosso un enorme successo di pubblico e che ha è stato un appuntamento fisso per tutti i giovani presenti in piazza e non solo. Importante la collaborazione di Rmc101 che con ottima musica ha fatto ballare tanti presenti. Ma c’era anche uno spazio dedicato ai più piccolo, tante giostre e giochi di vario genere, situate dietro il Palacarnival. Il centro Polivalente è diventato un luogo in cui si svolgevano spettacoli di Cabaret e intrattenimento ed era sempre gremito di gente. Vi era anche un info point, che offriva informazioni utili ai turisti e anche sul concorso fotografico lanciato su Instagram dove i partecipanti dovevano pubblicare  le foto con i tags  ‪#‎carnevalepetrosino2016‬ e ‪#‎igerstrapani‬.

Le foto dovevano avere come tema il Carnevale di Petrosino, i Carri, strutture, maschere e gruppi mascherate. Numerose le Navette che portavano i turisti dall’aeroporto a Petrosino. Ma il Carnevale è divertimento agli occhi di chi guarda, ma anche tanto lavoro per chi realizza le magnifiche opere allegoriche, il Sindaco ringrazia sulla sua pagina facebook tutti i partecipanti e gli organizzatori con il seguente messaggio: “Mentre ci avviciniamo alla proclamazione dei vincitori ed alla chiusura di quest’altra edizione del Carnevale di Petrosino desidero porgere i miei più sentiti ringraziamenti a tutti coloro che hanno collaborato a rendere grande questo spettacolare evento. Primi tra tutti i ragazzi che hanno lavorato alla costruzione dei carri, senza il vostro impegno non potrebbe esserci il Carnevale” aggiunge inoltre “Le associazioni Micael, Petrosinis, La Speranza, Gruppo Musa, New Generation, La Pace. E poi ancora il Comitato Carnevale rappresentato dalla sua valorosissima Presidente Katia Centonze. Un grazie speciale lo voglio poi rivolgere alle forze dell’ordine: i carabinieri coordinati dal comandante Andrea D’Incerto, i vigili urbani ed il personale della security coordinati dal comandante Giuseppe Pace. Le associazioni di volontariato e Protezione Civile per aver contribuito fortemente all’ordine pubblico. Al Personale medico e paramedico del Pronto Soccorso Mobile. Avete fatto un lavoro eccellente e la vostra presenza è stata visibile ed apprezzata da tutti nel permettere un Carnevale SICURO. Un gran lavoro è stato fatto anche dal personale dell’Ufficio Tecnico Comunale e dall’Ufficio Turismo del Comune di Petrosino, sotto la direzione impeccabile del coordinatore logistico del Carnevale Maurizio Cocchiara”. Tante le pattuglie di Carabinieri, personale security e protezione civile lungo le strade del Comune. Ma il Carnevale di
 
Petrosino rappresenta l’unione e la condivisione di un grande lavoro, in questo il comune ha dimostrato che l’unione con gli altri comuni fa la forza. Il Comune di Trapani ha dato la disponibilità per la segnaletica, il Comune di Poggioreale ha dato la disponibilità per un palco, il Comune di Favignana il personale dei Vigili Urbani e il Comune di Campobello di Mazara ha offerto il modulo antincendio. Sempre sul suo profilo facebook il Sindaco ha proseguito i ringraziamenti: “Ancora grazie ai colleghi sindaci di Trapani (Vito Damiano), di Poggioreale (Lorenzo Pagliaroli), di Favignana (Giuseppe Pagoto) e di Campobello di Mazara (Giuseppe Castiglione) per averci dato una grossa mano nella logistica. Alle imprese Putaggio per i lavori pubblici, Speedneet di Pipitone per lo streaming, RMC101 per il PalaCarnival, Gianclaudia Marino per la grafica, Anna Ranieri e Giada Di Girolamo per la promozione turistica, Egadi Resort per il contest fotografico, tutti i gestori del luna-park e delle attività della via del gusto, a tutte le attività commerciali e strutture turistiche di Petrosino per la calorosa accoglienza ai visitatori”, ha concluso il messaggio dicendo: “grazie a tutto il mio staff ed ai miei assessori, al consiglio comunale ed in particolare alla straordinaria assessore al turismo Federica Cappello. Sono tempi in cui i comuni hanno pochissime risorse finanziarie ma, nonostante tutto, noi vogliamo continuare ad investire sul nostro Carnevale e sul turismo perchè come abbiamo visto anche in questi giorni rappresentano ossigeno puro di sviluppo e di rinascita per la nostra economia. Il grazie più grande va alla cittadinanza di Petrosino che ancora una volta ha vinto con la sua voglia di vivere”

Pochi giorni prima del Carnevale, precisamente il 2 febbraio, è stato sospeso a Petrosino il servizio raccolta rifiuti. Il Problema non riguardava solamente Petrosino ma tutti i comuni dell’ATO TP2. C’è stata una sollecitazione fatta anche alla prefettura. Il 3 febbraio il Sindaco Gaspare Giacalone, in assenza di comunicazioni per sbloccare la situazione, firma un’ordinanza per far fronte alla situazione d’emergenza e adotta misure urgenti e temporanee per garantire ai propri cittadini la pulizia delle strade e l’igiene. Il 4 febbraio riprende regolarmente la raccolta dei rifiuti a Petrosino, la città torna a risplendere. 
 
L’appuntamento a Petrosino è sabato 13 febbraio al PalaCarnival, per il carnevalone. 

Cultura e Spettacoli

Roma, al Teatro Manzoni arriva lo show “C’è Costa per te”: il sorriso come rimedio naturale per il benessero psicofisico

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

ROMA – Due ore di risate e di leggerezza che “alleggerisce”. Questa la ricetta del comico siciliano Antonello Costa in scena al Teatro Manzoni di Roma dal 27 gennaio al 20 febbraio 2022 con il nuovo spettacolo “C’è Costa per te”.

Una sorta di omaggio alla regina della tv Maria de Filippi che, con il suo format dedicato al valore dei sentimenti, fa sorridere i cuori registrando da anni record di ascolti. E cosa c’è di più sano di una risata come farmaco naturale per il proprio benessere psicofisico? Costa  lo sottolinea nel suo varietà insieme alla sorella, la soubrette Annalisa Costa, che da sempre lo accompagna con un bellissimo corpo di ballo.

Ben 13 pillole di puro divertimento legate a 13 personaggi diversi, con altrettanti cambi scena, in un concentrato travolgente di monologhi, canzoni e danza. Uno show dal ritmo serrato ed incalzante, che coinvolgerà anche il pubblico in sala in una parodia di quello che eravamo e che stiamo diventando.

Dal proprio posto, in totale sicurezza, ogni spettatore potrà  trasformarsi per una serata in uno dei protagonisti dello spettacolo e scegliere se recitare o cantare con il poliedrico mattatore, pronto ad affrontare ogni sfida grazie al suo innato talento per ogni forma d’arte.  Un inno alla gioia e all’allegria, che tutte le sere farà esclamare al pubblico: “E’ già finito?!”

Continua a leggere

Cultura e Spettacoli

Milano, 30mila visitatori per la “straordinaria bellezza sospesa” della mostra “Realismo magico” a Palazzo Reale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 4 minuti
image_pdfimage_print

“I dipinti di Longhi, Casorati, Oddi, Cagnaccio di Sanpietro rappresentano creature sospese nell’attesa della tragedia della guerra” spiega l’architetto delle luci Francesco Murano

Prosegue “Realismo Magico”, in programma a Palazzo Reale di Milano sino al 27 febbraio 2022, a cura di Gabriella Belli e Valerio Terraroli: l’esposizione, che ha raggiunto i 30mila visitatori, è stata ampiamente apprezzata sia dalla critica che dal pubblico. Il progetto espositivo, promosso e prodotto dal Comune di Milano-Cultura, Palazzo Reale e 24 ORE Cultura-Gruppo 24 ORE, punta – secondo una precisa ricostruzione filologica e storiografica del fenomeno del Realismo Magico – a far scoprire al visitatore più di ottanta capolavori di questa complessa e affascinante corrente artistica, con un allestimento curato dallo Studio Bellini.

LA “STRAORDINARIA BELLEZZA SOSPESA” DI REALISMO MAGICO – A curare l’illuminazione delle opere è Francesco Murano, oggi tra i più richiesti progettisti italiani d’illuminazione al servizio dell’arte e autore delle luci delle più importanti mostre in Italia. Una esposizione “dalla straordinaria bellezza, tanto delle opere esposte, quanto dell’allestimento dello Studio Bellini”.

Molti dei dipinti esposti derivano proprio dalla collezione di Mario Bellini, uno dei Maestri del design italiano, anche progettista dell’allestimento. “Ebbi la fortuna di conoscerlo quando frequentavo il master della Domus Academy spiega il light designer – che vantava professori come Mario Bellini, Alessandro Mendini, Ettore Sottsass, Andrea Branzi e Clino Castelli con il quale ho iniziato ad occuparmi di luce. E’ stato quindi davvero emozionante ritrovarmi dopo molti anni a collaborare con lo Studio Bellini, come se si chiudesse così un cerchio che avevo cominciato a tracciare più di trent’anni fa”.

LE OPERE IN MOSTRAIl percorso cronologico-filologico ruota intorno a capolavori italiani di questa specifica temperie, a loro volta messi in relazione con alcune opere della Neue Sachlickheit, la cosiddetta “Nuova oggettività” tedesca, che per primo Emilio Bertonati promosse e fece conoscere alla cultura italiana agli inizi degli anni Sessanta attraverso la Galleria del Levante, nelle sedi di Milano e di Monaco di Baviera. I confronti saranno anche con i caratteri del Novecento Italiano di Margherita Sarfatti, dai quali il Realismo Magico si distingue, ma con il quale condivide alcune personalità artistiche come Achille Funi, Mario Sironi, Ubaldo Oppi.

In mostra vengono esposte le opere originalissime di Felice Casorati, come il Ritratto di Silvana Cenni del 1922, così come le prime invenzioni metafisiche di Giorgio de Chirico come L’autoritratto e L’ottobrata del 1924, ma anche le proposte di Carlo Carrà, con Le figlie di Loth del 1919, e Gino Severini con i suoi Giocatori di carte; tutti propongono un originale e tutto italiano “ritorno all’ordine”.

I dipinti di Longhi, Casorati, Oddi, Cagnaccio di Sanpietro rappresentano creature sospese nell’attesa della tragedia della guerra – dichiara Francesco Murano – ma la loro attesa non esprime né dramma né partecipazione e vivono la stessa atmosfera borghese nella quale si muovono ad esempio i personaggi de “Gli indifferenti” di Alberto Moravia. Per molto tempo si è confusa questa indifferenza per complicità e questo ha impedito il reale apprezzamento delle opere di questi artisti che oggi possono essere ammirate senza preconcetti”.

COME ILLUMINARE LE OPERE IN MOSTRA – Dal punto di vista luministico, occorreva ricreare l’atmosfera sospesa, quasi di attesa, che le bellissime opere sembravano richiedere. Per questo Murano, che prossimamente curerà le luci delle mostre di Monet a Genova e a Trieste, di La Chapelle, Cartier Bresson e Chagall a Milano, di Disney e Il Barocco a Roma – ha scelto di sfumare la luce, affinché questa svanisse nella parete scura, così da non interferire in alcun modo con i dipinti e con le sculture.

Per la mostra sono stati impiegati nuovi apparecchi di illuminazione, che si sono rivelati come ottimi proiettori per potenza e qualità della luce – rivela Murano ma che sono ancora privi di alcuni accessori, da me molto adottati, come portafiltri e bandierine. Abbiamo quindi dovuto trovare un modo per applicarvi artigianalmente sia il cinefoil, sottile foglio di alluminio nero usato per tagliare la luce, sia i filtri diffusori utili ad ammorbidirne il contorno”.

BIOGRAFIA DI FRANCESCO MURANO – Francesco Murano è docente nei master di illuminotecnica della Scuola di Design, nonché membro del laboratorio “Luce e colore” del Politecnico di Milano e tiene corsi di design presso l’Istituto Marangoni e in diverse Università italiane ed estere. Architetto, ha conseguito un master presso la Domus Academy. Poi un dottorato di ricerca in disegno industriale con una tesi di laurea dal titolo “Le figure della Luce”. Ha svolto ricerche accademiche, scientifiche, programmi e attività di progettazione per importanti industrie italiane ed estere, concentrandosi sulla progettazione illuminotecnica e illuminando molte delle più importanti mostre d’arte in Italia e all’estero. È inoltre autore del libro “L’illuminazione delle opere nelle mostre d’arte” edito da Maggioli, un prezioso manuale per la corretta illuminazione del nostro patrimonio artistico.

Continua a leggere

Cultura e Spettacoli

Friuli, in mostra le aurore boreali di Gabriele Menis

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Menis è definito ‘cacciatore di aurore boreali’

Sabato 8 gennaio 2022, con inizio alle ore 20.30, presso la sala consiliare del Comune di Majano è in programma l’evento “Arctic Lights – l’aurora boreale e la magia della Lapponia” organizzato dall’Amministrazione Comunale di Majano, Udine, e a cura del fotografo professionista friulano Gabriele Menis.

La serata è moderata dal giornalista Alessandro Di Giusto. Le immagini e i video, correlati da contenuti inediti, ritraggono il fascino dell’estremo nord della Lapponia, fulcro della cultura ‘Sámi’, luoghi dove regna la natura ancora vergine, tra nevi, ghiaccio, renne e le spettacolari “luci del nord”.

“In concomitanza con l’inizio dell’anno nuovo e la fine delle festività natalizie – ha dichiarato il locale assessore alla cultura e alle politiche giovanili, Giulia Benedetti – abbiamo deciso di invitare il fotoreporter friulano Gabriele Menis per far assaporare un po’ di magia della Lapponia anche agli interessati del nostro Comune”. Menis è definito ‘cacciatore di aurore boreali’ perché percorre quei territori da diversi anni e accompagna i viaggiatori in itinerari fotografici fuori dalle rotte turistiche. Le zone ritratte nelle fotografie e nei video raffigurano le terre lapponi più lontane dall’inquinamento luminoso, a nord del Circolo Polare Artico nella zona di Inari, Ivalo e Capo Nord e nei pressi nella Valle del Tornio, fiume che divide la Finlandia dalla Svezia. Al termine dell’evento sarà inoltre disponibile il calendario fotografico 2022, che raccoglie alcune delle più belle immagini scattate da Menis negli ultimi otto anni di esplorazioni nel Grande Nord.

L’ingresso è gratuito, ma è necessario il certificato vaccinale rafforzato. La prenotazione è obbligatoria chiamando l’Informagiovani Majano al numero 0432/948455 int. 234 o mandando una mail a informajano@comune.majano.ud.it.

Continua a leggere

I più letti