Connect with us

Rieti

POGGIO MIRTETO: BLITZ DEI MILITARI DURANTE IL "CARNEVALONE LIBERATO"

Clicca e condividi l'articolo

Trovati due pregiudicati in possesso di stupefacenti, città al setaccio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Redazione

Rieti – Controlli a tappeto da parte dei carabinieri in occasione della consueta manifestazione annuale del “carnevalone liberato”. Già dalle prime ore della mattina, erano scattati i controlli da parte dei militari. Controlli minuziosi che sono proseguiti per tutto l’arco della giornata.
Proprio in due di questi, nel pomeriggio, cadevano nella rete dei militari, il trentatreenne c. D. Residente a latina e il venticinquenne a. F. Residente a roma, entrambi con precedentiu penali a loro carico.
Il primo e’ stato trovato in possesso di circa 10 grammi di anfetamina ridotta in polvere, gia’ suddivisa in 12 dosi mentre il secondo di circa 20 grammi di hashish suddivisa in 18 dosi, il tutto quindi, gia’ pronto per lo spaccio.Tutto lo stupefecente e’ stato sequestrato in attesa delle analisi quantitative/qualitative da esperire da parte dei carabinieri del ris, mentre per i due si sono aperte le porte del carcere di rieti in attesa del processo.
Oltre ai due arrestati, sono state altresi’ sequestrate circa 60 gr. Di sostanza stupefacente tra spinelli, hashish, marjuana e cocaina e segnalati alla locale prefettura quali assuntori, nr. 16 persone.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Rieti, mercati e rispetto norme anti Covid-19: i carabinieri intensificano i controlli

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

RIETI – I Carabinieri della Compagnia di Rieti, nell’ultima settimana hanno intensificato i servizi di controllo del territorio.

In particolare sono stati predisposti specifici servizi in occasione dei mercati svoltisi nel capoluogo, che hanno visto l’impiego di pattuglie a piedi, automontate, nonché della Stazione Mobile in dotazione al Comando Provinciale di Rieti.

I militari sono stati impiegati al fine di vigilare sul corretto svolgimento dei mercati, prevenendo la commissione di reati predatori come furti e borseggi, ma anche con una particolare attenzione rivolta alla verifica del rispetto del distanziamento sociale e delle altre normative emanate per il contenimento della diffusione del COVID-19.

La presenza della Stazione Mobile rappresenta un segno tangibile di vicinanza al cittadino. Il mezzo, infatti, è una vera e propria Stazione Carabinieri “su ruote”, attrezzata del necessario per consentire di ricevere al suo interno cittadini che debbano rappresentare problematiche, sporgere denunce o anche semplicemente chiedere informazioni.

Continua a leggere

Cronaca

Monteleone Sabino, “sequestra” un cane di razza: lo trattiene anche dopo il parto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

MONTELEONE SABINO – I militari della Stazione Forestale CC di Poggio Moiano, a
conclusione di un’attività d’indagine scaturita dalla presentazione di una querela, hanno deferito in
stato di libertà alla Procura della Repubblica di Rieti B.M. classe ‘83 per il reato di appropriazione
indebita; in sostanza la donna si era resa responsabile della mancata restituzione di un cane di razza
“corso”, cedutogli dal querelante con un contratto di affidamento che prevedeva la restituzione dello
stesso al termine dei 60 gg necessari allo svezzamento dei cuccioli.

Continua a leggere

Cronaca

Rieti, condannati in primo grado 16 appartenenti all’organizzazione criminale che gestiva lo spaccio di sostanze stupefacenti nel territorio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Complessivamente, il Tribunale di Rieti ha condannato gli spacciatori stranieri ad oltre 65 anni di reclusione, con pene che vanno da più di 2 anni ad oltre 7 anni, ed al pagamento di oltre 340.000 di multa.

RIETI – Il Tribunale di Rieti, a conclusione del procedimento giudiziario di 1° grado, relativo all’arresto di 22 cittadini nigeriani e di un cittadino camerunense, resisi responsabili di spaccio di sostanze stupefacenti (cocaina, marijuana ed eroina), operato dagli investigatori della Squadra Mobile lo scorso 11 febbraio 2020 nell’ambito dell’operazione antidroga denominata “Angelo Nero” che, di fatto, ha neutralizzato il principale canale di spaccio di sostanze stupefacenti nel capoluogo reatino, ha emesso il dispositivo della sentenza di condanna per 16 di loro.

In particolare, le condanne sono state per: E.O., 7 anni e 8 mesi di reclusione; A.J., 4 anni e 2 mesi di reclusione; O.I., 3 anni e 1 mese di reclusione; E.P., 7 anni e 4 mesi di reclusione; D.G., 2 anni e 10 mesi di reclusione; E.J., 3 anni e 10 mesi di reclusione; O.S., 6 anni e 10 mesi di reclusione; O.P., 4 anni e 2 mesi di reclusione; G.K., 3 anni e 9 mesi di reclusione; O.E., 2 anni e 6 mesi di reclusione; B.R.C., 3 anni di reclusione; C.D., 3 anni di reclusione; P.G., 5 anni di reclusione; O.O., 2 anni di reclusione; J.P., 5 anni e 1 mese di reclusione; O.F., 3 anni e 4 mesi di reclusione.

Inoltre, uno dei locali commerciali sequestrato agli spacciatori è stato restituito al legittimo proprietario.

L’operazione antidroga scaturita dalle indagini condotte dalla Squadra Mobile della Questura di Rieti dal 2018 per contrastare l’attività di spaccio di sostanze stupefacenti nel capoluogo reatino, aveva visto impegnati oltre 170 Agenti delle Squadre Mobili di Rieti, Venezia, Caserta, L’Aquila, Agrigento, Campobasso, con l’ausilio dei Reparti Prevenzione Crimine e di Unità Cinofile Antidroga della Polizia di Stato, coordinati dal Servizio Centrale Operativo della Polizia di Stato.

Durante tale attività erano stati eseguiti provvedimenti restrittivi nei confronti di 16 uomini e 7 donne straniere, con una età compresa tra i 22 ed i 40 anni, di cui  10 richiedenti asilo, 8 titolari di permesso per protezione sussidiaria, 3 titolari di permesso di soggiorno per motivi familiari e 2 stranieri irregolari sul territorio nazionale, effettuate numerose perquisizioni ed il sequestro anche di un bar e di due negozi di generi alimentari, gestiti dagli spacciatori ed utilizzati per nascondere e spacciare la droga e sequestrata.

Gli investigatori della Polizia di Stato, nella circostanza, avevano neutralizzato il principale gruppo di spacciatori del capoluogo reatino che riusciva a piazzare sul mercato ogni mese circa 300 dosi di cocaina, oltre mille dosi di eroina e oltre 10.000 dosi di   marjuana, quest’ultima destinata  in buona parte a giovani, anche minorenni.

Gli spacciatori facevano arrivare a Rieti lo stupefacente tramite corrieri, gran parte dei quali viaggiavano sui pullman della linea Roma – Rieti, che nascondevano la sostanze in borse da passeggio, sacchetti della spesa o fra gli indumenti indossati.  Parte della marijuana, della cocaina e dell’eroina veniva invece acquistata e prelevata direttamente nelle piazze di spaccio di Roma, Venezia e Castel Volturno (CE).

La droga veniva poi ceduta ai “clienti” che, talvolta, raggiungevano in bicicletta il luogo dell’appuntamento telefonicamente concordato. In particolare gli spacciatori operavano anche nei pressi di Porta Conca, presso la stazione ferroviaria, a piazza Mazzini, nel parco di via Liberato di Benedetto ed in tutto il centro storico.

Continua a leggere

I più letti