Connect with us

Calcio

Polisportiva Borghesiana (calcio), Rovere: “Alcune società sono scorrette e fanno partitine”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Roma – La Polisportiva Borghesiana rispetta le regole. Un concetto che il responsabile del settore agonistico Antonio Rovere ci tiene a ribadire: “E’ un periodo molto complicato, con tante restrizioni che limitano le attività. Ma il nostro club ha sempre rispettato i protocolli e dispiace essere messi in difficoltà dalle azioni di altre società che non fanno altrettanto. Nelle ultime settimane, infatti, è capitato che qualche nostro tesserato ci abbia chiesto il nulla osta per allenarsi in altri club solo per il fatto che lì si potessero fare le partitine interne. Per noi si tratta di una situazione molto pesante, anche nella gestione del rapporto coi genitori: la Federazione dovrebbe fare maggiori controlli per punire chi non sta nelle regole. Inoltre il comitato dovrebbe prendere una posizione definitiva sui campionati e sulla eventuale loro disputa perché questa situazione di incertezza non fa bene a nessuno”. La Polisportiva Borghesiana ha preso una linea chiara da qualche tempo: “Nel settore agonistico abbiamo fermato la Prima categoria e l’Under 19, mentre siamo riusciti a portare avanti l’attività coi due gruppi “Giovanissimi” e i due “Allievi”. Per riuscire a formare tutti i gruppi, in estate, avevamo fatto uno sforzo notevole, ma purtroppo gli eventi ci hanno creato tutte queste difficoltà. Noi, comunque, non molliamo: proprio da questa settimana abbiamo ricominciato a fare tre sedute settimanali, una in più di quanto fatto negli ultimi mesi. Un modo per dare un segnale, anche se la questione delle partitine è molto “pesante” per i nostri ragazzi, mentre lo è decisamente meno per i piccoli calciatori della nostra Scuola calcio”. Rovere ha già deciso cosa farà nella prossima stagione: “Ho comunicato alla Polisportiva Borghesiana che seguirò il presidente Enrico Gagliarducci nella sua nuova avventura al Casilina calcio dove mi occuperò ancora del settore agonistico. Con Enrico abbiamo un rapporto di amicizia da anni, da direttore sportivo tempo fa lo scelsi come allenatore e mai avrei pensato di ritrovarmelo qualche tempo dopo come presidente. Una persona di parola e buono d’animo, forse anche troppo in un mondo dove non esiste la riconoscenza. A Finocchio il calcio ha una grande considerazione e credo che col Casilina si possano fare cose importanti. Per me sarà un ritorno perché lì ho cominciato a fare l’allenatore quasi trent’anni fa: nell’ultima stagione in cui non c’è stata una squadra di calcio al “De Fonseca”, l’ambiente è stato molto penalizzato. Ma c’è tanta curiosità attorno al nuovo progetto”.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Calcio

Cynthialbalonga (calcio, serie D), Tiozzo: “Ho lavorato tanto sulla testa di questi ragazzi”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Genzano (Rm) – Da quando è arrivato lui, la Cynthialbalonga ha cambiato passo. Mister Luca Tiozzo è stato autore di un ottimo bottino nelle dieci gare di campionato della sua gestione in cui i castellani hanno racimolato venti punti, piazzandosi (in questo specifico tratto di stagione) solo alle spalle di Torres e Giugliano (23 punti) e del Team Nuova Florida (22). “Ma pensando alle sconfitte contro la Vis Artena e soprattutto quella rocambolesca contro il Carbonia, le cose potevano andare anche meglio. Va detto che il k.o. contro la formazione sarda, arrivato pure in extremis con un gol chiaramente irregolare, ci ha fatto toccare il fondo e ci ha dato la spinta per reagire immediatamente, tanto che nel turno successivo abbiamo vinto ad Aprilia. Non penso di aver fatto cose eccezionali, ma ho cercato di lavorare sulla testa dei ragazzi con cui ho provato a stabilire un rapporto di forte empatia. L’obiettivo, ora, è di cercare di fare il massimo e magari centrare un posto nei play off”. La Cynthialbalonga è ferma ormai dallo scorso 19 dicembre, visto che la successiva gara pre-natalizia col Real Monterotondo Scalo è saltata così come il “tormentato” sedicesimo di finale di Coppa Italia contro il Castelnuovo Vomano, in programma lo scorso 5 gennaio. “In questo periodo non ci siamo allenati a ranghi completi, ma chi lo ha potuto fare ha lavorato intensamente perché bisogna arrivare preparati alla seconda parte di stagione”. Che il club azzurro affronterà con due rinforzi importanti, ovvero il centrale difensivo albanese Syku e l’esterno offensivo (o trequartista) argentino Bolò: “Due giocatori straordinari dal punto di vista tecnico e umano che potranno darci una grossa mano. Il secondo era reduce da un piccolo problema muscolare che ora ha superato. Sono contento della rosa che ho a disposizione, ma sono certo che la società rimarrà vigile sul mercato qualora capitasse un’opportunità”. La formazione castellana è pronta alla ripresa che, salvo nuovi rinvii, dovrebbe vedere la Cynthialbalonga impegnata domenica sul campo della capolista Giugliano: “La Lnd, al momento, non ci ha dato indicazioni contrarie, quindi ci stiamo preparando per il duro e affascinante match coi campani”.

Continua a leggere

Calcio

Ssd Colonna (calcio, I cat.), il neo tecnico è Di Julio: “Questa società ha ambizioni importanti”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Colonna (Rm) – La Prima categoria della Ssd Colonna inizierà la seconda parte di campionato con un nuovo tecnico. Dopo la separazione con Luca Esuperanzi, la panchina è stata affidata a Dino Di Julio che fino all’anno scorso guidava la Roma VIII in Promozione dopo aver vinto con i capitolini proprio un campionato di Prima categoria. “Avevo ricevuto alcune proposte, anche in categorie superiori, ma non erano state convincenti – spiega Di Julio – Quando è arrivata quella del Colonna l’ho subito presa in considerazione: ho parlato con Roberto Muzzi, responsabile dell’area tecnica della New Energy (che da quest’anno ha dato un forte impulso all’attività societaria del Colonna, ndr), e ho capito presto ciò che questo club sta tentando di costruire. Non è stato un passo indietro tornare in Prima perché questa società ha ambizioni importanti, non solo per questa annata”. L’allenatore, che fino a poco tempo fa aveva lavorato soprattutto nel settore giovanile, ora è concentrato sulle prime squadre: “L’esperienza con la Roma VIII è stata importante, purtroppo dopo aver cominciato bene l’anno scorso in Promozione il club capitolino non ha proseguito il suo percorso e quest’anno mi sono trovato senza squadra”. Da qualche giorno Di Julio sta facendo la conoscenza della nuova squadra: “Ne ho parlato col direttore sportivo Gianluca Cippitelli che l’ha costruita ed è fortemente convinto del valore di questa rosa. In allenamento ho visto valori importanti sia dal punto di vista tecnico che caratteriale e sono curioso di vedere il comportamento di questi ragazzi durante le gare ufficiali. L’ultima gara è stata giocata il 19 dicembre e probabilmente ora riprenderemo il 30 gennaio e il 6 febbraio coi recuperi prima di tornare a giocare le gare di campionato programmate dal 13 febbraio. Questa lunga sosta a metà stagione potrebbe essere un problema, ma riguarderà tutti. Cercheremo di fare il massimo per essere protagonisti fino in fondo”.

Continua a leggere

Calcio

Valmontone 1921, il responsabile della Scuola calcio Luciano: “Il torneo di Natale è stato un successo”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Valmontone (Rm) – L’attività del settore di base del Valmontone 1921 è ripresa regolarmente dallo scorso 10 gennaio, anche se le nuove restrizioni anti-Covid hanno cancellato la possibilità di fare partite contro altre società. Raffaele Luciano, responsabile della Scuola calcio giallorossa, si dice contento di come stanno andando le cose: “I nostri piccoli calciatori crescono e si allenano con entusiasmo e costanza. Il recente torneo di Natale, nell’anno del centenario, ha sublimato quanto fatto nella prima parte di stagione: siamo stati molto soddisfatti dei riscontri avuti dai genitori dei nostri ragazzi e anche dalle squadre che hanno partecipato”. Luciano entra più nello specifico per parlare dell’evento partito il 27 dicembre e terminato il 5 gennaio: “Per ogni singola categoria, il torneo si è svolto su un’unica giornata iniziando gli incontri al mattino e finendo nel pomeriggio. Abbiamo fatto uno sforzo organizzativo notevole allestendo, grazie al nostro amico e main sponsor Manuel Del Brusco, una tensostruttura presso il campo dove chi ha voluto si è fermato a mangiare, ovviamente nel pieno rispetto delle disposizioni anti-Covid. Purtroppo la categoria 2014 è saltata proprio per le quarantene legate al virus e magari più avanti faremo un evento dedicato proprio a questi ragazzi. A livello tecnico i nostri gruppi si sono confrontati con società blasonate: siamo felici del loro comportamento e poi con i 2010 siamo arrivati a giocarci la finale. Devo ringraziare le società che hanno partecipato ovvero Lodigiani, Nuova Tor Tre Teste, Viterbese, Romulea, Savio, Giardinetti, Accademia Gialloazzurri, Accademia Calcio Roma, Colleferro, Vicovaro, Accademia Calciatori, Energy Calcio San Cesareo e Fiano Romano. Sin d’ora lavoriamo per organizzare un altro evento simile anche a fine stagione. E poi, grazie alla presenza di un personaggio di spessore come il nostro patron Manolo Bucci, siamo in contatto con club prestigiosi per ripetere la giornata di sfide “incrociate” che qualche tempo fa abbiamo organizzato con la Lazio e le sue squadre della Scuola calcio”.

Continua a leggere

I più letti