Connect with us

Roma

POMEZIA, "LA SUGHERETA": DA PARADISO A DISCARICA ABUSIVA

Clicca e condividi l'articolo

Parte l'iniziativa per salvare l'area

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

 

L'appuntamento per tutti è per sabato 28 marzo 2015  ore 9 al Campus Selva dei Pini in via Pontinia Km 31,4

 

di Cinzia Marchegiani

Pomezia (RM) – Rifiuti di ogni genere scaricati illecitamente, un degrado inaccettabile quello in cui perversa il Parco della Sughereta di Pomezia, un paradiso e un polmone che a pieno titolo è definito come il biotipo di notevole interesse sotto il profilo della conservazione. Un valore non solo scientifico ma naturale dunque la Sughereta, supportato da numerosi studi e relazioni appartenenti agli Ordii Agronomi e Forestali di Roma ed enti scientifici come il Dipartimento di Tecnologie,Ingegneria e Scienze dell’Ambiente e delle Foreste dell’Università della Tuscia, Dipartimento Biologia Vegetale Università la Sapienza e il Dipartimento Biologia dell’Università degli Studi Roma Tre.

La Sughereta è il più importante dei lembi relitti di boschi con Sughera tra Roma e le sugherete dell’area intorno al monte Circeo e alla Piana di Fondi. Un patrimonio dunque di immenso valore che invece di raccogliere consensi per la sua bellezza unica è entrato nelle cronache del litorale romano per la denuncia lanciata dai cittadini del forte impatto di inquinamento in cui silentemente è minacciata. Dei ragazzi di Pomezia durante alcune escursioni in Sughereta, si sono resi conto di come la situazione sia ormai diventata insostenibile: "qui la natura è stata per anni deturpata dall’agire senza criterio di una parte degli abitanti del comune, che, o sporcando direttamente o semplicemente non avvedendosi di quello che gli si parava intorno, ha contribuito alla situazione di deterioramento dell’ambiente.”

Testimonianza fattiva di come questo posto magico venga deturpato dai continui scarichi abusivi di rifiuti sono le attività di monitoraggio, infatti lo scorso ottobre 2014 la Polizia locale di Pomezia fermava un uomo che scaricava calcinacci all'interno del parco della Sughereta, mentre presso il Campus Selva dei Pini, bloccavano tre minori che si accingevano ad arrecare danni alle strutture esistenti. I tre ragazzi poi sono stati identificati e segnalati agli organi competenti.

Il degrado per questi ragazzi è stato inaccettabile, così armati solamente di buste, guanti e molta pazienza, hanno iniziato a raccogliere durante le loro passeggiate tutta l’immondizia che riuscivano a trasportare, dedicando quindi anche una sola ora delle loro giornate alla causa. Ma il piccolo sforzo ha ottenuto il massimo risultato, tanto che il sindaco di Pomezia, Fabio Fucci, ha preso molto a cuore la vicenda e quando gli è stata proposta un’intera giornata dedicata esclusivamente alla pulizia della Sughereta prevista per il prossimo 28 marzo 2015, egli ha subito accettato e ha addirittura proposto i mezzi adibiti al trasporto dei rifiuti più pesanti, che di certo non entrano in semplici buste. Questo tipo di cittadinanza attiva è stato ulteriormente supportato dal consiglio comunale della città attraverso l’approvazione di un atto amministrativo, che dà la possibilità, a chi si volesse rendere utile sul territorio comunale per azioni di questo genere, di non incorrere in sanzioni o provvedimenti amministrativi.

L’iniziativa è stata accolta felicemente anche dal gruppo ecologista di Roma “Istinto Animale”, promotore di molte altre iniziative del genere sul territorio regionale, che ha garantito quindi sabato 28 marzo le braccia dei militanti e strumenti di prima utilità per chiunque volesse partecipare all’occasione, dando nuova linfa vitale alla causa.

I ragazzi vogliono dare risalto a questa giornata affinché ci sia una larga partecipazione della popolazione locale, nella speranza che l’azione non si fermi ad una sola giornata, ma diventi simbolo di un ideale di rispetto, conservazione e armonia con la Natura e l’ambiente in cui si vive.

La Sughereta ha una sua magia quasi esclusiva, molti raccontano come sia il loro luogo di passeggiate a due passi dal centro cittadino. Ma l’immondizia, ormai è diventata parte integrante di quest’area, è una ferita che gli stessi fruitori vogliono curare. La consapevolezza di un tesoro è la strada giusta affinché la sua valorizzazione sia l’arma per difenderla dagli scempi di chi pensa possa essere utilizzata come una discarica illecita.
Istinto Animale oltre a dare mani e braccia per il recupero di ogni tipo di rifiuto, conferma che aiuterà, assieme al mezzo di trasporto messo a disposizione a fine giornata dal comune di Pomezia, a portare via i materiali raccolti.

Insomma, una giornata all’insegna del rispetto di quei patrimoni che abbiamo a portata di mano, il 28 marzo tutti presenti dalle ore 9:00, il Meeting Point è al Campus Selva dei Pini Via Pontinia Km 31,4
L’unico accorgimento, si chiede di andare muniti di guanti (resistenti e non usa e getta) e chi può gli attrezzi da lavoro (pale, rastrelli, ecc…).

Salviamo la Sughereta una straordinaria occasione per diventare tutti più grandi.

Litorale

Torvaianica, al via la campagna di prevenzione per la salute della pelle al sole

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

TORVAIANICA (RM) – Ha preso il via la campagna di prevenzione per la salute della pelle al sole “Sole, Mare 2021. Conosci e proteggi la tua pelle al sole”, promossa da IDI Farmaceutici e patrocinata dal Comune di Pomezia in collaborazione con le farmacie comunali.

L’iniziativa di sensibilizzazione – partita ieri a Torvaianica in viale Spagna 40, che si terrà anche nei giorni: 1, 4 e 5 agosto – prevede un check-up gratuito della pelle per la valutazione del fototipo. Secondo le ultime stime AIOM (Associazione Italiana Oncologia Medica) nel 2020 le nuove diagnosi di melanoma in Italia sono state 12.300, di cui 6.700 tra gli uomini e 5.600 tra le donne. 

“Le campagne di sensibilizzazione – evidenziano le Assessore Miriam Delvecchio e Simona Morcellini – rappresentano uno strumento utile per la prevenzione delle neoplasie. Dobbiamo favorire un cambiamento culturale partendo dalla conoscenza dei danni provocati da una scorretta esposizione alle radiazioni ultraviolette e dalla necessità di adottare, quando ci si espone al sole, stili corretti di comportamento”.

“Conoscere il nostro fototipo, saper scegliere il solare più adatto alla protezione della nostra pelle, imparare le regole fondamentali per una corretta e sana esposizione al sole – spiega il dott. Luciano Ragni, vice Presidente esecutivo IDI Farmaceutici – sono i tre focus su cui si concentreranno le relazioni e le dimostrazioni degli addetti di IDI Farmaceutici”.

“Un’iniziativa importante – commenta il Sindaco Adriano Zuccalà – volta a sensibilizzare i tanti residenti e turisti presenti sul nostro litorale sulla fotoprotezione solare specifica per la prevenzione dei tumori cutanei. Ringraziamo IDI Farmaceutici, che è da poco entrata a far parte della nostra rete POINT, per aver lanciato questa campagna informativa anche sul nostro territorio”.

Continua a leggere

Litorale

Torvaianica, torna il presidio medico sanitario

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Al via il servizio, attivo fino al 5 settembre

TORVAIANICA (RM) – Torna per il terzo anno consecutivo il presidio medico sanitario a Torvaianica. Partito sabato 31 luglio, il servizio di assistenza sanitaria dedicato ai tanti residenti e turisti che nel mese di agosto frequentano la località balneare, sarà operativo fino a domenica 5 settembre.

Il presidio, ubicato in viale Francia 98 accanto alla Farmacia comunale n.2, sarà attivo dal mercoledì al venerdì dalle ore 16.30 alle ore 18.30 per attività di guardia medica. Il sabato e la domenica, dalle ore 08.00 alle ore 18.00, sarà posizionata nel parcheggio antistante la stessa farmacia un’ambulanza con medico specialista di Pronto Soccorso e operatore BLSD.

“Un servizio di assistenza sanitaria utile a chi si trova in vacanza e al mare – hanno spiegato gli Assessori Miriam Delvecchio e Stefano Ielmini –. Ringraziamo le farmacie comunali per la preziosa collaborazione che ci consente di attivare, per il terzo anno consecutivo, un presidio medico integrativo con tariffe calmierate sulla base delle tabelle regionali”.

“Abbiamo deciso di concentrare in un’unica area una serie di servizi sanitari di cui i cittadini possono avere bisogno: dalla prescrizione medica all’acquisto dei farmaci – ha evidenziato il Sindaco Adriano Zuccalà – I residenti e i turisti che Torvaianica accoglie nei mesi estivi, e in particolare ad agosto, hanno risposto positivamente all’iniziativa durante le due estati precedenti e abbiamo ritenuto quindi importante confermare anche per il 2021 questo servizio a tutela della collettività”.

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, 732 euro per 2 cartelli della Città del Vino

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Secondo molti residenti i 732 euro forse sarebbero risultati più utili per dei cartelli riportanti la scritta “Vietato scaricare rifiuti”

NEMI (RM) – Ben 732 euro per acquistare 2 cartelli stradali recanti la scritta “Nemi Città del Vino” utilizzati poi per qualche giorno e subito tolti di mezzo. Questo quanto impegnato dalle tasche comunali a favore dell’Associazione Città del Vino per l’acquisto delle due insegne.

Lo scorso mese di giugno, all’ingresso di Nemi sulla via Nemorense, era apparso un bizzarro cartello riportante la scritta “Benvenuti a Nemi Città del Vino”. Subito si era scatenata una valanga di critiche, da parte dei nemesi e dei residenti del paese, riguardo il fatto che con un colpo di spugna si era cancellata la tradizione di quello che da decenni viene definito “il paese delle fragole” o delle “fragole e fiori” e che improvvisamente ci si appropriava di un’altra identità: città del vino.

Fatto sta che dopo qualche giorno il cartello è sparito, probabilmente riposto in qualche magazzino e secondo molti residenti i 732 euro forse sarebbero risultati più utili per dei cartelli riportanti la scritta “Vietato scaricare rifiuti” vista la pesante situazione di degrado e incuria che interessa in particolare modo via della Radiosa e la zona intorno allo stadio comunale dove quotidianamente vengono depositati rifiuti e di fatto l’area è sempre più considerata come una discarica a cielo aperto a servizio anche degli altri comuni limitrofi. Una situazione che va avanti ormai da anni in presenza di un pozzo di acqua situato nelle vicinanze che dovrebbe essere tutelato dalla legge ma che ad oggi ancora appare come abbandonato a se stesso, nonostante le innumerevoli denunce fatte dai cittadini.

Continua a leggere

I più letti