Connect with us

Sport

Premier League, fine di un sogno

Clicca e condividi l'articolo

Ranieri, trionfatore lo scorso anno col Leicester è stato esonerato dopo la sconfitta col Siviglia

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

 

di Silvio Rossi

 

Pochi mesi fa era Sir Claudio, King Claudio, era il trionfatore. Oggi è stato mandato via dalla squadra che, per la prima volta nella sua centenaria storia, ha portato alla vittoria della Premier League.
Claudio Ranieri, romano di Testaccio, allenatore giramondo, che ha collezionato una serie di trofei minori in mezza Europa, impreziositi da una Supercoppa Europea, conquistata col Valencia nel 2004 (la squadra spagnola aveva vinto la coppa Uefa l’anno precedente con Rafa Benitez), ha costruito il suo trionfo con l’impresa realizzata lo scorso anno vincendo il campionato inglese con una squadra di secondo piano, portata al successo contro i pronostici di tutti.
Ieri, dopo la sconfitta del Leicester in Champions League contro il Siviglia, soprattutto anche a causa dei risultati in campionato, con la squadra quartultima a un punto dalla zona retrocessione, la società ha esonerato colui che solo otto mesi fa era portato in trionfo.
Una vicenda che nel calcio moderno succede troppo spesso, l’ansia di risultato, che stritola chiunque finisce, per colpe sue o di altri, nell’ingranaggio. Lo scorso anno il Leicester non era certamente la squadra più forte, se andiamo a prendere il valore tecnico dei singoli giocatori. La vittoria nel campionato è stato il frutto della determinazione di tutti gli attori, calciatori, dirigenti, pubblico e allenatore.
Pretendere che quest’anno la squadra ripetesse l’exploit è pura follia. Come diceva un film francese del dopoguerra, i miracoli non si ripetono. Certo, il risultato è comunque sotto le attese, era lecito supporre almeno una media classifica tranquilla, invece di una lotta per evitare la retrocessione, ma accusare oggi il tecnico romano per i pochi punti, appare un filo esagerato.
La cacciata è giunta, inoltre, dopo una sconfitta di misura, in trasferta con un gol segnato, avendo ancora tutta la possibilità di ottenere nella gara di ritorno la qualificazione per i quarti di finale in Champions, evento che sarebbe storico per il club delle Midlands orientali.
Si vocifera che il sostituto di Ranieri potrebbe essere un altro italiano, Roberto Mancini, che a Leicester ha terminato la sua attività di calciatore, e che come il collega ha già vinto una Premier da allenatore alla guida del Manchester City nel 2012.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Calcio

Lupa Frascati e Fc Frascati, Ceccarelli farà lezioni di tecnica individuale per la Scuola calcio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Frascati (Rm) – Un ex giocatore professionista, frascatano doc, al “servizio” dei piccoli calciatori della Lupa Frascati e del Football Club Frascati. Le due società, che quest’anno hanno voluto unire i rispettivi settori di base, offriranno (compreso nella quota di iscrizione annuale) un servizio in più a tutti i tesserati della Scuola calcio: Giancarlo Ceccarelli, ex calciatore della Lazio (fu campione d’Italia con la Primavera e poi giocò a lungo tra serie B e C con le maglie di Avellino e Samb, tra le altre), sarà al campo “Otto Settembre” tutti i lunedì e i mercoledì nella fascia tra le 17 e le 18,30 per fare lezioni di tecnica individuale. “Abbiamo cominciato da lunedì scorso – racconta Ceccarelli – Ho preso per circa venti minuti quattro ragazzini che poi sono tornati ad unirsi al loro gruppo e poi ho continuato con altri alla stessa maniera. In questo modo si possono correggere più facilmente eventuali errori di impostazione del gesto tecnico, in tutti i suoi aspetti. Vanno molto di moda le lezioni private, la società invece mette a disposizione questo servizio in forma gratuita per tutti i tesserati. Il calcio moderno è diventato molto fisico e spesso viene colpevolmente trascurata la parte tecnica”. Ceccarelli si concentrerà esclusivamente su questa attività nella stagione 2021-22, senza prendere un gruppo specifico: “Con l’impegno della mia attività commerciale (una famosa cantina in piazza San Rocco che tra l’altro pochi giorni fa, dopo una messa di commemorazione per gli ex allenatori biancocelesti Sergio Guenza e Paolo Carosi, ha ospitato diversi giocatori della Lazio Primavera in cui giocò Ceccarelli, tra cui Giordano e Manfredonia, ndr), non riesco a garantire la presenza nei primi giorni di settembre e da metà maggio in avanti. Inoltre così avrò l’opportunità di trasmettere le mie conoscenze a più ragazzini e non solo a quelli di un gruppo”. Agli impegni quotidiani, Ceccarelli ha aggiunto pure quello politico: “Mi sono tuffato in quell’avventura solo perché penso di poter dare il mio contributo al mondo dello sport frascatano”. La chiusura dell’esperto allenatore è dedicata alla forte sinergia comune trovata dalla Lupa Frascati e dal Football Club Frascati: “Personalmente mi sono sempre fortemente speso per un accordo di questo tipo che non potrà che fare il bene dei ragazzini. Sta nascendo una Scuola calcio magnifica per numeri e qualità e in futuro ci saranno ricadute molto positive anche per il settore agonistico, che oltre ai titoli regionali e d’Elite non perderà nemmeno la parte dedicata al provinciale”.

Continua a leggere

Calcio

La Rustica RRdP (calcio, Eccellenza), Ferrari: “Punto giusto ed importante col Casal Barriera”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Roma – Il La Rustica RRdP muove subito la classifica. Nella prima giornata del campionato di Eccellenza la squadra del presidente Tonino D’Auria ha costretto al pari (1-1) il Casal Barriera, una delle migliori compagini del massimo torneo regionale nelle ultime stagioni. “Il primo tempo non era cominciato nel migliore dei modi – dice il centrocampista classe 2000 Alessandro Ferrari – Gli ospiti, indubbiamente una squadra di valore, sono subito passati in vantaggio e per noi la partita non si era messa bene sotto il punto di vista mentale. In ogni caso non ci siamo mai disuniti e abbiamo reagito, trovando il pareggio nel secondo tempo grazie a un calcio di rigore procurato da Piccirilli e trasformato da Cittadino. E’ stato bello giocare in una cornice festosa, visto che c’erano i tifosi della squadra ospite e anche tante persone che erano venute a sostenerci. Cosa ci ha detto mister Nunzio Iardino alla ripresa degli allenamenti? Che abbiamo avuto un grande spirito di squadra, ma che siamo una squadra giovane e abbiamo tanto da lavorare. Comunque abbiamo meritato il pareggio e il risultato positivo rappresenta un buon inizio di campionato”. L’ex giocatore dell’Audace, nonostante la giovane età, è tra gli elementi della rosa capitolina che conosce meglio la categoria: “E’ il mio quinto campionato d’Eccellenza dopo quello alla Cynthia, i due al Montespaccato (uno dei quali concluso con la vittoria finale, ndr) e quello all’Audace. Cercherò di dare il mio contributo al gruppo: l’obiettivo è ovviamente quello della salvezza e, anche se la formula di questa stagione è complicata, siamo convinti di potercela fare”. Domenica prossima arriva la sfida esterna col Falaschelavinio: “Ci aspetta un’altra battaglia su un campo non bellissimo. Tra l’altro sarà la nostra prima gara ufficiale fuori casa, visto che oltre all’esordio in campionato abbiamo giocato sul nostro campo le precedenti due gare di Coppa Italia. Bisognerà dimostrare da subito la giusta personalità, ma sappiamo bene che non dobbiamo mollare di un centimetro”.

Continua a leggere

Calcio

Colleferro (calcio, Eccellenza), Roberto Galeazzi è sicuro: “I risultati non tarderanno ad arrivare”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Colleferro (Rm) – Il Colleferro prova a mettersi alle spalle la beffa subita in quel di Terracina. La squadra di mister Antonio Battistelli ha ceduto per 2-1 sul difficile campo del Terracina nel match d’apertura del campionato d’Eccellenza. “Una partita in cui è accaduto davvero di tutto – racconta Roberto Galeazzi, esterno o mezz’ala classe 1997 al suo sesto anno in rossonero – Dopo pochi minuti abbiamo perso Felici per uno scontro col portiere avversario e la sua assenza si è aggiunta a quelle di altri giocatori importanti come Cerroni e Amici. Poi al quarto d’ora abbiamo subito un calcio di rigore con contemporaneo cartellino rosso ad un altro giocatore esperto come Lisi e il Terracina è passato in vantaggio. Ma a quel punto la squadra ha reagito compattandosi e non avendo reazioni isteriche, ma continuando a giocare a calcio fino al gol del pareggio di Tornatore a un quarto d’ora dalla fine del match. Poi l’arbitro ha concesso cinque minuti di recupero, ma ha fatto continuare anche oltre e il Terracina ha trovato il gol del successo al 96esimo. Davvero una beffa, anche se le partite come quella di domenica ci dicono che siamo sulla strada giusta: volevamo riscattare il k.o. pesante subito in Coppa Italia contro la Lupa Frascati e a livello di prestazione lo abbiamo fatto. Inoltre abbiamo giocato con sette colleferrini nella formazione iniziale più altri che sono subentrati e questo è un aspetto da rimarcare”. Galeazzi descrive il clima sereno che si respira a Colleferro: “L’ingresso della nuova proprietà ha dato una forte spinta: la società vuole crescere nel giro di poco tempo e sta facendo passi concreti per riuscirci. C’è una bella atmosfera dentro e fuori dal campo, ora sta a noi capire che l’Eccellenza è una categoria dove devi limitare al massimo gli errori”. Domenica i rossoneri ospiteranno l’Audace per il debutto casalingo in campionato: “Conosco molto bene Denni che è un amico e so che loro fanno sempre delle buone squadre, quindi dovremo stare attenti e concentrati. Comunque sono certo che i risultati non tarderanno ad arrivare e centreremo gli obiettivi prefissati”.

Continua a leggere

I più letti