Connect with us

Cultura e Spettacoli

PRESENTAZIONE LIBRO: "MOSTRO DI FIRENZE: AL DI LA' DI OGNI RAGIONEVOLE DUBBIO", INTERVISTA A PAOLO COCHI

Clicca e condividi l'articolo

Lunedì 30 maggio, alle ore 18, verrà presentato il libro presso la Libreria Nardini di Firenze, in Via delle Vecchie Carceri all’interno del complesso delle Murate

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print
di Angelo Barraco
 
Firenze – Lunedì 30 maggio, alle ore 18, verrà presentato il libro “Mostro di Firenze, al di là di ogni ragionevole dubbio”, edito da Enigma Edizioni. Gli autori sono: Paolo Cochi, Michele Bruno e Francesco Cappelletti e lo presenteranno presso la Libreria Nardini di Firenze, in Via delle Vecchie Carceri all’interno del complesso delle Murate. Oltre agli autori vi saranno anche: L’Avvocato Cecilia Bevacqua, l’Avvocato Nino Filastò, l’Avvocato Fiammetta Pezzati e l’Avvocato Vieri Adriani, legale delle vittime francesi. Il libro verrà presentato una seconda volta in data 8 giugno presso la libreria CentroLibro di Scandicci alle ore 18 e vi presenzierà la criminologa Roberta Bruzzone, che ha curato la prefazione del libro. Gli autori hanno hanno ripercorso 48 anni di dubbi e misteri su uno dei fatti di cronaca più intrinseco di mistero che la storia italiana abbia mai avuto, una lunga scia di sangue che ha stroncato la vita ad almeno 16 vittime e morti “collaterali”. Gli autori hanno ricostruito l’intera vicenda con l’aiuto di esperti di medicina legale e di entomologia forense e criminologico. La vicenda raccontata attraverso i verbali, i rapporti giudiziari e atti ufficiali di un’inchiesta lunga e tortuosa, con il fine di una nuova valutazione e per evidenziare aspetti rimasti inediti. In questo libro viene totalmente scardinato il racconto del reo-confesso Giancarlo Lotti, che ha accusato i compagni di merende –cagionando loro la condanna- e si è autoaccusato. Il libro ridimensiona le dichiarazioni di Lotti e ne esce fuori un racconto privo di credibilità, alla luce di elementi oggettivi presenti negli atti del processo. Inoltre, tutta la cronologia degli eventi e nuove conclusioni emersi da recenti studi nel campo entomologico e medico legale che hanno portato alla luce una dicotomia inconciliabile con i risultati fino ad oggi processualmente accertati. Nel libro vi è inoltre una perizia medico legale comparativa tra il delitto del 1983 di Giogoli e il delitto di Scopeti datato 1985.
 
Noi de L’Osservatore d’Italia abbiamo intervistato in esclusiva Paolo Cochi, uno degli autori del libro nonché noto documentarista.
 
– Come nasce il libro?
 
Nasce dalla volontà degli autori di raccontare tutta l' interminabile vicenda, utilizzando i dati certi e reali, attingendo totalmente agli atti ufficiali. Tutta la storia viene esposta in maniera dettagliatissima e scevra da ipotesi o considerazioni personali, che troppo spesso hanno condizionato gli appassionati della vicenda creando addirittura "scontri" ideologici sulle varie tesi esistenti  . Sarà  dunque il lettore a farsi un'idea libera da condizionamenti . Non proponiamo tesi alternative , ma solo riscontri oggettivi derivanti dagli atti ufficiali.

– Cosa è emerso dai vostri studi sulla vicenda?

L'elemento più significativo, a mio avviso , riguarda il testimone reo-confesso e chiamante in correita' , Giancarlo Lotti. In un capitolo del libro si evidenziano le numerosissime incongruenze dei suoi racconti ed in talune circostanze ha sicuramente mentito. Nel suo confuso racconto sui delitti, racconta di situazioni ed elementi assolutamente impossibili. Non solo sul giorno del delitto di scopeti ma anche negli altri 3, nei quali avrebbe partecipato. Sul delitto di Baccaiano , ad esempio,  ci descrive una situazione materialmente impossibile, ma questa la potrete ben apprendere nel libro.
 
– Quali sono i punti da chiarire sulla vicenda del Mostro di Firenze?
 
La vicenda é totalmente da chiarire. A mio avviso si é arrivati ad una verità parziale dal punto di vista giuridico, che non si sposa affatto con quella storica .
 
– Alla luce dei nuovi elementi messi in evidenza, c'è la possibilità di riaprire il caso?
 
Il caso del mostro , non mi risulta si sia mai chiuso. Le indagini, come hanno gia' riportato alcuni media, sono ancora in essere. Anche in considerazione del fatto che 3 duplici omicidi, non hanno alcun colpevole dal punto di vista giudiziario. Penso sarà difficilissimo arrivare ad individuare il responsabile o i responsabili. Troppi anni sono passati .

Cultura e Spettacoli

Cerveteri a Umbria Jazz con Michael Supnick e il Maestro Travagliati

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Serata a “tinte etrusche” al Far Art Club di Terni A Umbria Jazz, la più importante kermesse jazzistica del Centro Italia, è risuonata anche la musica di Cerveteri.

Domenica 19 settembre, nella suggestiva cornice del Fat Art Club a Terni, la città etrusca era presente con due dei suoi massimi esponenti della musica jazzistica: Micheal Supnick, trombonista e trombettista statunitense oramai stabilitosi da tanti anni a Cerveteri e in cartellone con il “Supnick Swing”, e il Maestro Augusto Travagliati, Direttore del Gruppo Bandistico Caerite e della Moonlight Big Band, intervenuto in veste di ospite. Ad affiancare la “Supnick Swing” in veste di manager organizzatrice, come sempre, Jole Stragapede.“È certamente un motivo di orgoglio per Cerveteri che due suoi concittadini abbiano preso parte ad una manifestazione ricca di storia e di caratura internazionale come Umbria Jazz – dichiara il Sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci – Michael Supnick e Augusto Travagliati sono due musicisti sopraffini, eclettici, che con la loro arte ci regalano sempre grandi emozioni e momenti di spettacolo straordinario. In un anno così difficile per il mondo della musica e dello spettacolo dal vivo, dove a Cerveteri nonostante le tantissime restrizioni e regole dettate dalla situazione pandemica siamo ugualmente riusciti ad allestire un programma estivo di livello altissimo, siamo felici che due nostri concittadini, due artisti di Cerveteri, abbiano preso parte ad una rassegna che ogni anno ospita artisti di fama nazionale ed internazionale”.“A Michael e Augusto – conclude il Sindaco – i miei complimenti e ringraziamenti per il grande lavoro che sempre svolgono per la musica nel nostro territorio, riuscendo, come in questo caso, ad esibirsi in una manifestazione davvero importantissima nel panorama artistico”.Ad affiancare Michael Supnick, un gruppo di musicisti di assoluto livello: Bepi D’Amato, clarinetto e sax tenore, Carlo Ficini, trombone Alessio Magliari, pianoforte Giordano Panizza, contrabbasso Alberto Botta, batteria. Ospiti speciali i ballerini Valentina Raimondi e Danilo Bruschetti.

Continua a leggere

Cultura e Spettacoli

Bracciano, fa tappa Rai 1 con “Paesi che vai…”: viaggio sulle tracce degli Odescalchi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

All’interno di un meraviglioso parco regionale naturale, nel cuore della Tuscia Romana, Bracciano accoglie i visitatori con il suo borgo carico di storia e meraviglie. Da qui lo sguardo si perde sul grande lago omonimo, immaginando l’antica Sabatia, leggendaria città sommersa dalle acque, come Atlantide. Proprio qui sorgeva il ducato che vide la reggenza di nobili famiglie, le quali seppero portare lustro al feudo pontificio, circondandosi d’arte e di cultura e trasformando un’antica rocca in uno dei castelli più grandi e celebri d’Europa.

“Paesi che vai… luoghi, detti, comuni…”, lo storico programma di RAI UNO, ideato, scritto e condotto da Livio Leonardi, patrocinato dal MiC ( Ministero della Cultura ), che va in onda ogni domenica mattina dalle 9.40 alle 10.30, arriva a Bracciano. Livio Leonardi, partendo da Bracciano, dove sorge uno dei castelli più grandi e meglio conservati d’Europa, condurrà il suo pubblico in un immaginifico viaggio, seguendo le tracce degli Odescalchi, tuttora proprietari di nobili dimore, che seppero perpetrare la cura per l’arte e la bellezza come già gli Orsini prima di loro. Col consueto linguaggio fiabesco, che da sempre contraddistingue il noto programma di Rai Uno, e quella capacità di far rivivere il passato nel racconto televisivo, Livio Leonardi – insignito proprio per questi motivi di importanti riconoscimenti quali la Medaglia d’Oro della Società Dante Alighieri per la diffusione della lingua e della cultura italiana nel mondo – catturerà gli spettatori riportandoli nelle splendide corti che, dal rinascimento, cambiarono aspetto e ruolo, attraverso il barocco e arrivando all’unità d’Italia.

Dal castello di Bracciano, dove il conduttore sarà invitato dagli ospiti di Livio Odescalchi, a prender parte a un meraviglioso ricevimento nei giardini con vista sul lago, il racconto proseguirà con la storia di come la fortezza, centro della politica rinascimentale degli Orsini, divenne dimora di prestigio per la nobile famiglia di banchieri comaschi. Le telecamere si sposteranno poi prima a Palo Laziale, passando dal lago al mare, per scoprire un castello di rara bellezza, che domina il piccolo molo su cui sbarcò Caravaggio, e poi a Santa Marinella, per raccontare la storia di come proprio gli Odescalchi, nell’ottocento, seppero dar vita a una delle località di vacanza più elitarie della provincia di Roma.

Il già citato Caravaggio sarà poi al centro di un affascinante racconto, legato al mistero di una delle sue opere più importanti, che “Paesi che Vai” avrà l’esclusivo privilegio di osservare dal vivo, nella dimora privata di Palazzo Odescalchi a Roma. Ma non è tutto… sempre con Livio Leonardi – vincitore del Premio Internazionale “VISIONI” della Fondazione (Agnelli) Civita di Bagnoregio – dall’arte celebrata a corte, si passerà all’arte sul grande schermo, in un divertente confronto tra set e realtà, ricordando alcune delle pellicole, più di 150, girate al castello di Bracciano. E infine “Paesi che vai” porterà i telespettatori a scoprire le incontaminate bellezze di una riserva naturale che si estende per circa 6000 ettari, in un’area di elevata biodiversità, dal bosco alla costa: la tenuta presidenziale di Castelporziano. Paesi che vai… Prossimamente su RAI UNO. Vi aspettiamo!

Continua a leggere

Cultura e Spettacoli

A Monterotondo, Mentana e Fiano Romano la prima edizione del festival letterario “Voci d’autore”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

MONTEROTONDO (RM) – Prima edizione di “Voci d’autore” il festival letterario itinerante che si terrà dal 19 settembre al 31 Ottobre a Monterotondo, Mentana e Fiano Romano.

L’iniziativa, organizzata e promossa dalla Libreria Mondadori di Monterotondo e che beneficia del patrocinio dei tre comuni, ha l’obiettivo di valorizzare il territorio e offrire occasione d’incontro fra lettori e grandi nomi della letteratura nazionale e internazionale.

L’impegno è quello di creare una rete fra i paesi e di fornire occasione di scoperta e valorizzazione sia per i cittadini che per chi desidererà, attirato dalla manifestazione culturale, di giungere da aree limitrofe per godere delle bellezze delle città incontrando la letteratura, promuovendo attivamente il turismo e l’interscambio fra comuni adiacenti.

Ospite della serata d’apertura, che si svolgerà presso Palazzo Orsini di Monterotondo in Piazza Angelo Frammartino domenica 19 settembre alle ore 18:30, l’autrice francese Sophie Daull, che presenterà il suo ultimo libro “Il lavatoio”, edito da Voland Edizioni, alla presenza anche della traduttrice Cristina Vezzaro. Modera l’evento Véronique Viriglio, avvalendosi della traduzione di Frédérique Coquillat e delle letture di Dania Appolloni. Durante l’incontro sarà presentato il programma del Festival.

Continua a leggere

I più letti