Connect with us

Costume e Società

Prodotti senza glutine: “L’asino che vola” location Capitolina d’eccezione per la presentazione del nuovo marchio “Gluten free”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

 

ROMA – La location scelta per la presentazione del brand Zeglù, una novità nel panorama dell’offerta gluten free nella capitale è stata il pub “L’asino che vola”, davanti a un pubblico di almeno un centinaio di persone. In un’atmosfera retrò, tra strass e lustrini, i soci dell’azienda hanno brevemente presentato la filosofia dell’azienda, ma soprattutto hanno dato prova dei propri prodotti grazie a un buffet, apprezzato particolarmente dai presenti.

“La scelta di produrre prodotti senza glutine non è stata determinata da un bisogno dovuto a intolleranze di qualcuno – ci dicono i responsabili dell’azienda –  ma è stata determinata da una filosofia di vita orientata alla ricerca di prodotti più naturali, che sono meno fastidiosi per l’organismo, anche per chi non ha intolleranze. Vogliamo dimostrare che i nostri prodotti sono buoni, e non si nota che sono senza glutine”.

La serata è stata allietata da un’esibizione teatrale di Patrizia Bernardini e dal un trio vocale, composto da Emanuela Gabrieli, Erma Pia Castriota e Carla Petraschi, che hanno reinterpretato in chiave swing vecchi successi, con un’energia che ha contagiato i presenti, che hanno improvvisato balli in pista, e hanno dimostrato l’apprezzamento con fragorosi applausi.

Abbiamo intervistato Sergio Siciliano, che ci ha illustrato la filosofia aziendale

Buonasera. Volevo chiederle, lanciare il marchio con una serata del genere, con un’atmosfera vintage, abiti in stile Charleston, cosa rappresenta?

Perché non c’è tempo, nel senso che il tempo non ha età, non ha condizioni, non ha limiti. Quindi il tempo per noi è fondamentale perché il brand che stiamo lanciando che è Zeglù, vuole essere per tutti, senza condizioni e senza limiti.

È una linea lanciata da una vostra esigenza? C’è qualcuno di voi, o nelle vostre famiglie che è celiaco?

No, nasce da una mia follia. E nel volermi sperimentare, ed è stato così nel gluten free.

Comunque una follia calcolata, dato che il mercato dei prodotti senza glutine è in crescita

Io ho iniziato sette anni fa, con un altro brand, già mi sono affermato. Ora ho iniziato questo percorso con loro che sono i nuovi soci, soprattutto con un nuovo chef, che ha dato qualcosa in più ai prodotti, quindi io gli ho dato il mio know how, e lui l’ha modificato, e l’ha rielaborato con la sua esperienza.

Questo è un marchio che si troverà nei ristoranti, nei negozi specializzati, o dove?

Si troverà ovunque, nei supermercati della grande distribuzione, nei piccoli negozi specifici, nei ristoranti, nelle pasticcerie. Stiamo diversificando. Per il momento già ci troviamo nel mercato centrale, che è una struttura fantastica, e ha scelto proprio noi dopo una serie di assaggi.

 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Costume e Società

Rai Yoyo e Rai Gulp dominano la top 10 dei canali digitali per ragazzi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

I dieci programmi più visti nel 2020 sui canali per ragazzi in Italia sono tutti trasmessi dalla Rai. Sul podio tre cartoni animati di Rai Yoyo: Vampirina (436.172 spettatori), PJMasks (404.500) e 44 Gatti (401.578).

I cartoni animati rimangono il genere televisivo prediletto dai più giovani: sui primi 25 programmi se ne trovano 22 di animazione, a cui si aggiungono il programma da studio “Bumbi” di Rai Yoyo, la serie per ragazzi “JAMS” e una replica del “Collegio”, entrambe su Rai Gulp.

La graduatoria del 25 programmi più visti vede 18 programmi dei canali Rai (15 Rai Yoyo e 3 Rai Gulp) e 7 programmi delle reti commerciali.  In Italia ci sono 8 canali televisivi in chiaro per bambini e ragazzi, di cui due della Rai.

Di seguito la Top Ten completa, con gli ascolti delle trasmissioni più viste: 1) Vampirina (Rai Yoyo) con 436.172 spettatori; 2) PJ Masks (Rai Yoyo) con 404.500; 3) 44 Gatti (Rai Yoyo) con 401.578; 4) Topolino e gli amici del Rally (Rai Yoyo) con 400.721; 5) Il Collegio (Rai Gulp) con 398.350; 6) Topolino Strepitose Avventure (Rai Yoyo) con 366.987; 7) Topo Gigio (Rai Yoyo) con 359.885; 8) Dott.ssa Peluche (Rai Yoyo) con 357.072; 9) La Casa di Topolino (Rai Yoyo) con 355.958; 10) Puppy Dog Pals (Rai Yoyo) con 354.503.

Grazie a RaiPlay i titoli di Rai Ragazzi sono inoltre nel corso del 2020 sono stati tra i più seguiti anche in modalità on demand. Rai Gulp ha dominato nel consumo VOD, e nella top 50 programmi on demand dei canali Kids Rai Yoyo è al primo e secondo posto con “Bing” (732.173 di Tempo totale speso) e “Winx Club” (510.965). Al terzo posto la serie “Braccialetti rossi” (490.590). Seguono “Jams” (443.652), “Sara e Marti – #lanostrastoria” (406.889) e “Cercami a Parigi” (348.070).

Continua a leggere

Costume e Società

La musica attraversa l’oceano e invade il pianeta partendo dalla Casa delle Culture di Velletri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

VELLETRI (RM) – La Fondazione di Partecipazione Arte & Cultura Città di Velletri, nella persona del Presidente Tullio Sorrentino e di tutto il CDA, esprime orgoglio e soddisfazione per la prima data dell’evento internazionale “The Bösendorfer Recital” trasmesso in streaming dalla Casa delle Culture e della Musica.

L’Auditorium, e con esso Velletri, è arrivato nelle case, sui computers, sugli smartphone e i tablet di tutto il mondo con centinaia di persone che minuto dopo minuto si sono collegate da ogni parte del globo.

Le opere di Beethoven, un genio che non necessita di ulteriori parole per essere descritto, hanno unito in un momento di forte divisione tutto il pianeta facendo di Velletri il fulcro di questa condivisione non solo virtuale.

Grande merito a Carlo Grante, un professionista ineguagliabile, che ha dato vita a questa connessione anti-pandemica insieme a Bruce Adolphe. Il Maestro Grante, con il suo “fido Bösendorfer”, per parafrasare Fabio Ludovisi, “riesce superbamente a trasferire nell’intimo questo mondo di sensazioni, pur dovendoci accontentare di assistere a questa performance da uno schermo”.

La Fondazione di Partecipazione Arte & Cultura, nel ringraziare tutti gli attori impegnati nell’organizzazione di questa iniziativa unica nel suo genere, attende con ansia e curiosità i prossimi cinque eventi nel segno di Scarlatti, Mozart. Schubert, Schumann e Brahms.

Velletri nel mondo con le note musicali che attraversano l’oceano e danno un segnale universale in tempi di pandemia: quanto di più bello ci possa essere per allietare queste strane feste.

Continua a leggere

Costume e Società

Meghan Markle: il regalo di Natale speciale per William

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Quasi un anno è passato dal giorno in cui è scoppiata la bomba della Megxit. L’8 gennaio 2020, infatti, Meghan Markle e il Principe Harry hanno annunciato la volontà di rinunciare ai ruoli senior a Palazzo e di rendersi indipendenti economicamente.

Da quel giorno, sono cambiate tantissime cose e la Royal Family britannica si è trovata davanti alla necessità di affrontare nuovi equilibri. A metterli a rischio ci ha pensato il libro Finding Freedom, la biografia dei Duchi di Sussex scritta da Carolyn Durand e Omid Scobie. Tra le pagine di questo volume, che ha subito fatto il pieno di vendite, vengono rivelati diversi dettagli del passato della coppia, con un focus, come è chiaro dal titolo, sul processo che ha portato alla Megxit.

Nella biografia dell’ex attrice di Suits e del secondogenito di Carlo si parla anche del primo Natale trascorso da Meghan con la Famiglia Reale. Per raccontarlo bisogna tornare indietro al 2017, anno in cui la coppia non era ancora convolata a nozze. La presenza di Meghan è stata un’eccezione alla regola: per rendersene conto, basta ricordare che Kate Middleton ha trascorso il Natale con la Famiglia Reale solo dopo il Royal Wedding dell’aprile 2011.

Ai tempi, Meghan Markle conquistò William con un regalo davvero speciale. Come ricordato dal sito www.lettoquotidiano.it, l’allora attrice scelse per il cognato un cucchiaio con la scritta “Cereal Killer”.

Per capire bene il significato di questo dono, è necessario fare presente che i reali britannici hanno un’usanza molto particolare, ossia quella di scambiarsi doni particolarmente ironici. Un esempio? La cuffia da doccia decorata con la frase “Ain’t life a [expletive]” donata da Harry a nonna Elisabetta.

Una tradizione antica e molto importante per la Regina Elisabetta

La tradizione di scambiarsi regali ironici e bizzarri è molto importante per la Regina Elisabetta, che ha mantenuto fino ad oggi un’abitudine che ha avuto inizio tanto tempo fa, ossia negli anni in cui sul trono d’Inghilterra sedeva la Regina Vittoria.

Il Natale 2017 è stata una vera e propria audizione per l’allora 36enne attrice americana. Come rivelato al tabloid People da una fonte vicina alla Famiglia Reale inglese, nonostante fosse già una diva affermata e una donna capace di gestire situazioni professionali anche molto difficili, Meghan prese molto seriamente l’occasione del pranzo di Natale a Sandringham. Sempre secondo l’insider, ai tempi l’ex attrice, oggi mamma del piccolo Archie, era seriamente intenzionata a fare una buona impressione sui suoi futuri parenti (a Natale 2017 era già stato ufficializzato il suo fidanzamento con Harry, che avrebbe poi sposato nel maggio 2018).

Da allora, come sopra specificato, tanta acqua sotto i ponti è passata. La coppia si è sposata, Lady Markle è diventata mamma del piccolo Archie nella primavera 2019 e, dopo la Brexit, si è trasferita con il figlio e il marito prima in Canada e successivamente a Los Angeles, in una bellissima villa in località Montecito.

Per il 2021, i suoi progetti sono numerosi e importanti. Tra questi spicca senza dubbio il lancio ufficiale della fondazione filantropica Archewell, intitolata al bimbo nato quasi due anni fa. Si parla inoltre – e le fonti sono testate come il Daily Mail e Hola! – di un ritorno della coppia in Gran Bretagna. Meghan e Harry, infatti, sarebbero intenzionati a rinegoziare con la Regina Elisabetta, Carlo e William i termini dell’addio alla Famiglia Reale. Secondo fonti accreditate, la coppia avrebbe intenzione di chiedere il mantenimento del patrocinio di diverse associazioni che hanno rappresentato nel corso dei mesi in cui sono stati membri senior di The Firm.

Continua a leggere

I più letti