Connect with us

Castelli Romani

Protezione Civile Nazionale: a Velletri, al campo operativo R.N.R.E, presentate le novità per il soccorso dei dispersi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

VELLETRI (RM) – Un’eccellenza Made in Italy che per il nono anno consecutivo ha organizzato tre giornate di confronto, una  occasione d’incontro sia per le unità componenti la Colonna Mobile Nazionale di pronto intervento che di tutte le strutture operative del Raggruppamento Nazionale per le Radiocomunicazioni di emergenza (R.N.R.E.). L’edizione 2018 è stata dedicata a fare conoscere e testare le apparecchiature della nuova rete DMR (Digital Mobile Radio) che rappresenterà la struttura portante collegata ai sistemi satellitari del sistema di comunicazioni in emergenza approvato dal Dipartimento.

“L’Italia è prima nel mondo per le nuove tecnologie nella copertura della connettività nelle prime 36 ore dall’emergenza”

A permettere questo primato, spiegato nei dettagli durante il campo operativo allestito a Velletri, è Fausto D’Angelo insieme ad Alberto Barbera rispettivamente presidente e vicepresidente e fondatore del Raggruppamento. Un’associazione che rientra tra i fiori all’occhiello negli interventi a supporto del Dipartimento Nazionale in caso di emergenze nazionali.

100 i volontari arrivati da tutta Italia

Ai Pratoni del Vivaro – Colle dell’Acero nel comprensorio del comune di Velletri sono stati oltre 100 i volontari arrivati da tutta Italia per confrontarsi sull’utilizzo delle apparecchiature. Tra queste una valigetta satellitare portatile e compatta che consente di avere il collegamento attraverso il satellite con internet e dotata di un sistema automatico di puntamento.

La vera sorpresa è stata un prototipo “fatto in casa” inventato dall’associazione R.N.R.E.

dopo l’evento di Rigopiano per cercare i dispersi. Una creazione geniale che dovrà essere discussa e testata ampiamente prima che venga messa in campo. La creazione è simile a un microripetitore telefonico in gsm in grado di agganciare i telefoni accesi senza campo delle persone in difficoltà. Con l’isolamento completo si captano tutti gli apparecchi ai quali si può inoltrare un messaggio che avvisa, ad esempio, che la Protezione Civile è in azione per il salvataggio delle persone.

“Uno strumento straordinario” lo ha definito così Massimo La Pietra responsabile nazionale dei volontari della Protezione Civile che ha tenuto a sottolineare che “R.N.R.E. rientra nell’Elenco centrale del Dipartimento tra l’elite delle associazioni di volontariato, perché sono volontari in grado di consentire radiocomunicazioni di emergenza nelle prime 40 ore dalla calamità naturale e avere in tempo reale notizie e immagini e poter straordinariamente parlare con la sede operativa e stabilire contatti celeri che oggi sono fondamentali per la gestione di eventi catastrofici”

Alessandro Poggio

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Castelli Romani

Usura, truffe e matrimoni combinati: in manette tre persone ai Castelli Romani

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

I finanzieri del Comando provinciale di Roma impegnati nell’operazione “Loan Shark” stanno eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare agli arresti domiciliari – emessa dal gip di Velletri – a carico di 3 residenti nella zona dei Castelli romani ritenuti responsabili, a vario titolo, dei reati di associazione per delinquere finalizzata all’usura ed all’esercizio abusivo dell’attività finanziaria, truffa e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina.

Il provvedimento e stato adottato sulla base delle indagini svolte dalle Fiamme gialle di Frascati, coordinate dalla Procura di Velletri, che hanno fatto luce su un gruppo criminale promosso da C.A., 74 anni (padre), C.D., 49 anni (figlio) e R.M.M., 46 anni (nuora), tutti pluripregiudicati. Con la collaborazione di altre 10 persone, i tre gestivano numerosi prestiti di denaro con tassi esorbitanti, superiori, in alcune circostanze, al 223% annuo. Le indagini hanno permesso di ricostruire i ruoli e le funzioni degli altri complici: (procacciatore di clienti, contabile, addetti alla riscossione), uomini e donne facenti parte di “un’organizzazione ben strutturata e radicata sul territorio che da anni erogava denaro a piccoli imprenditori, artigiani e commercianti locali, ma, soprattutto, a soggetti in precarie condizioni di salute fortemente bisognevoli”. Oltre 50 i casi documentati.

E’ inoltre emerso che C.A., capostipite e promotore dell’organizzazione, dichiarato invalido civile al 100% in quanto affetto da patologie mentali di tipo psichiche, articolari e cardiache, percepiva da anni l’indennità di accompagnamento laddove invece era perfettamente in grado di svolgere tutte le normali attività della vita quotidiana, guidava l’auto e frequentava assiduamente diversi locali della movida romana.

La truffa ai danni dell’Inps per l’indennità indebitamente percepita è stata accertata in circa 70.000 euro. Particolarmente gravi inoltre le condotte di 5 soggetti che, al fine di favorire la permanenza nel territorio italiano di F.Y., 33 anni – pluripregiudicato di origine marocchina arrestato più volte e gravato da due decreti di espulsione – organizzavano un finto matrimonio con tanto di compiacenti testimoni. Particolarmente significativi al riguardo i dialoghi intercettati in cui il C.D. mette in guardia la futura “sposa”, A.E., 26 anni, sulle risposte da fornire alle domande dei funzionari della prefettura nell’ambito dei controlli effettuati per accertare la regolarità del matrimonio. L’organizzatore si raccomanda addirittura con la sposa affinché indossi un abito elegante cosi’ da rendere piu’ realistica la messa in scena. I cinque coinvolti, fra cui i “finti sposi” e i due testimoni, sono indagati per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. In corso perquisizioni e sequestri e la notifica dell’avviso di conclusione delle indagini preliminari nei confronti dei 15 indagati.

“Decisamente preoccupante quanto emerso dall’indagine delle Fiamme gialle di Frascati sull’organizzazione criminale che da tempo agiva sui Castelli Romani. – Ha dichiarato il deputato di Fratelli d’italia, On. Marco Silvestroni – Oltre all’usura e all’esercizio abusivo dell’attività finanziaria, – prosegue Silvestroni – tra i reati contestati anche il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Purtroppo questa vicenda è l’ennesima conferma che il business dei migranti continua ad essere un’attività considerata particolarmente redditizia per i delinquenti.
Un paese serio non può continuare a consentire, semplicemente per rispondere all’ipocrisia del falso buonismo e alla retorica dell’accoglienza tout-court della sinistra, che la criminalità organizzata faccia cassa sulla pelle di esseri umani e a spese degli italiani, che ne pagano amaramente le conseguenze. La fuga dei migranti ospitati dal Centro “Mondo Migliore” di Rocca di Papa, lo scontro tra bande di stranieri dedite allo spaccio di droga e alla microcriminalità a Velletri – tanto per citare i casi più recenti prima di quanto emerso su Frascati – sono la dimostrazione plastica di un modello fallimentare di gestione dei flussi migratori a cui bisogna mettere un freno immediatamente e sul quale speriamo che il Governo dia presto risposte adeguate”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Genzano, circolazione paralizzata: in piazza Buttaroni vietata la sosta fino a dicembre. Abbatini resta molto grave

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

GENZANO (RM) – Restano molto gravi le condizioni di Alessandro Abbatini rimasto ustionato a causa dell’esplosione della palazzina al civico 17 che affaccia su piazza Buttaroni nel centro storico di Genzano. Abbatini è in prognosi riservata, ricoverato in terapia intensiva all’ospedale Sant’Eugenio con gravi ustioni di secondo grado su tutto il corpo e diversi traumi. La compagna è ricoverata all’ospedale di Albano Laziale ma non è in pericolo di vita sebbene abbia riportato diverse contusioni ed ustioni su tutto il corpo. A causare lo scoppio è stata una fuga di gas avvenuta nell’appartamento al primo piano dove viveva l’allenatore di calcio di 47 anni, figlio dell’ex calciatore degli anni sessanta Bruno, detto “Schiccherò”, morto lo scorso anno e al quale è stato intitolato lo stadio della città. Con lui c’era la compagna, di 41 anni di Roma che è stata vista volare fuori dalla finestra dell’edificio al momento dello scoppio.

Abbatini invece, si è visto crollare il solaio ed è precipitato nel negozio sottostante che fa angolo.

VIGILI DEL FUOCO E POLIZIA SCIENTIFICA ENTRANO NELLO STABILE

Le cause

Dalle prime ricostruzioni, sembrerebbe che i due avessero il camino acceso e uno di loro avesse cambiato bombola del gas. Una piccola fuga avrebbe dunque provocato l’esplosione ma le cause dovranno essere accertate dagli inquirenti.  Le bombole sono state sequestrate.

Viabilità compromessa nel centro storico

La viabilità a Genzano è compromessa nel centro storico e già da questa mattina ci sono stati diversi rallentamenti nella circolazione fortemente congestionata sul corso principale del Paese.

I negozi intorno alla palazzina sono tutti posti sotto sequestro

Inoltre la zona è interdetta al traffico per dei lavori di rifacimento alla condotta idrica che dureranno fino al 7 dicembre prossimo. Si arriverà, dunque sotto Natale con una viabilità fortemente compromessa. Intanto gli sfollati, circa 100, hanno trovato sistemazione in delle strutture che si sono offerte di ospitarli come Villa Robinia, l’agriturismo le due Torri, il ristorante Le Carceri e anche i Salesiani.

Purtroppo chissà quanto tempo dovrà passare prima che possano fare rientro nelle loro abitazioni e per qualcuno quel “ritorno” non potrà neppure esserci perché le condizioni della palazzina sono precarie, basta una piccola oscillazione e rischia di crollare metà stabile.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Genzano, palazzina “sfortunata”: ecco cosa è successo 21 anni fa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

GENZANO (RM) – L’esplosione di ieri notte dovuta ad una fuga di gas, in pieno centro storico a Genzano, dove una palazzina di tre piani è stata gravemente compromessa, tanto che i Vigili del Fuoco hanno fatto evacuare l’intera struttura, ha riportato alla memoria dei genzanesi una mattina di 21 anni fa. Il 20 aprile del 1997 nello stesso stabile dove è avvenuta l’esplosione di ieri notte un boato tremendo, sempre a causa di una fuga di gas, aveva svegliato l’intero circondario.

All’epoca restava gravemente ustionato l’affittuario dell’appartamento, Corrado Barbini, mentre rimanevano illesi i dirimpettai e i vicini di casa. Solo due persone, Elvira Fagiolo di 95 anni e Dario Pavoni di 51 erano ricorsi alle cure dei sanitari a causa del forte choc.

L’immobile venne sgomberato dai Vigili del Fuoco e 24 famiglie trovarono nell’immediato alloggio presso il Comune di Genzano

Lo scoppio aveva divelto il tetto dello stabile che era crollato sul solaio sottostante, rendendo inagibile la mansarda del palazzo, fortunatamente disabitata. I vigili abbatterono le pareti e i cornicioni pericolanti e tutta la struttura perimetrale del palazzo risultava gravemente danneggiata.

Oggi, a distanza di 21 anni lo scenario si ripete

Ci sono 35 famiglie sfollate e ciò che è peggio è il grave stato in cui si trova Alessandro Abbatini che versa in gravissime condizioni a causa delle ustioni riportate.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

ottobre: 2018
L M M G V S D
« Set    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

L’Osservatore su Google+

Le più lette

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it