Connect with us

Economia e Finanza

RAPPORTO SVIMEZ: L’ITALIA, UN PAESE DIVISO E DISEGUALE, DOVE IL SUD SCIVOLA SEMPRE PIÙ NELL’ARRETRAMENTO E POVERTA’

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

RAPPORTO SVIMEZ: ANALISI SPIETATA, L’ITALIA, UN PAESE DIVISO E DISEGUALE, DOVE IL SUD SCIVOLA SEMPRE PIÙ NELL’ARRETRAMENTO E POVERTA’

In tredici anni, dal 2000 al 2013, l’Italia è stato il Paese che, in termini di Pil in PPA, è cresciuto meno di tutti i paesi considerati, +20,6% rispetto al +37,3% dell’area Euro a 18, addirittura meno della Grecia, che ha segnato +24% quale effetto della forte crescita negli anni pre crisi, che è riuscita ad attenuare in parte il crollo successivo

di Cinzia Marchegiani

Video Renzi: Italiani sempre più ricchi https://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=2&cad=rja&uact=8&ved=0CCgQtwIwAWoVChMI8o232f2CxwIViJpyCh2QHgg3&url=http%3A%2F%2Fwww.youtube.com%2Fwatch%3Fv%3DR-mANPQPzeE&ei=dim6VfL6I4i1ygOQvaC4Aw&usg=AFQjCNGezHjKewIoZ0tiVOMYZ8Hk55oLVw


La fotografia scattata dal Rapporto SVIMEZ sull’economia del Mezzogiorno 2015 presentato il 30 luglio 2015 a Roma, è spietata. Nel 2014 per il settimo anno consecutivo il Pil del Mezzogiorno è ancora negativo (-1,3%); il divario di Pil pro capite è tornato ai livelli di 15 anni fa; negli anni di crisi 2008-2014 i consumi delle famiglie meridionali sono crollati quasi del 13% e gli investimenti nell’industria in senso stretto addirittura del 59%; nel 2014 quasi il 62% dei meridionali guadagna meno di 12mila euro annui, contro il 28,5% del Centro-Nord.

In base a valutazioni SVIMEZ nel 2014 il Pil è calato nel Mezzogiorno dell’1,3%, rallentando la caduta dell’anno precedente (-2,7%), con un calo superiore di oltre un punto percentuale rispetto al Centro-Nord (-0,2%). Da rilevare che per il settimo anno consecutivo il Pil del Mezzogiorno registra segno negativo, a testimonianza della permanente criticità dell’area. Il peggior andamento del Pil meridionale nel 2014 è dovuto soprattutto ad una più sfavorevole dinamica della domanda interna, sia per i consumi che per gli investimenti. Anche gli andamenti di lungo periodo confermano un Paese spaccato e diseguale: negli anni di crisi 2008-2014 il Sud ha perso -13%, circa il doppio del pur importante -7,4% del Centro-Nord. Il divario di Pil pro capite tra Centro-Nord e Sud nel 2014 ha toccato il punto più basso degli ultimi 15 anni, tornando, con il 53,7%, ai livelli del 2000.

La crisi nel 2014 si attenua nella maggior parte delle regioni del Centro-Nord, molto meno in tutte quelle del Sud. La regione più povera è la Calabria, con 15.807 euro. Il divario tra la regione più ricca, il Trentino Alto Adige, e la più povera, la Calabria, è stato nel 2014 pari a quasi 22mila euro.
I consumi continuano a calare al Sud, mentre riprendono a crescere nel resto del Paese Guardando invece agli anni di crisi 2008-2014, la caduta cumulata dei consumi delle famiglie ha superato nel Mezzogiorno i 13 punti percentuali (-13,2%), risultando di oltre due volte maggiore di quella registrata nel resto del Paese (-5,5%). In particolare, negli anni 2008-2014 il calo cumulato della spesa è stato al Sud del -15,3% per i consumi alimentari, a fronte del -10,2% del Centro-Nord; e di ben il -16% per il vestiario e calzature, il doppio del resto del Paese (-8%).
Significativo e preoccupante anche il crollo della spesa delle famiglie relativo agli altri “beni e servizi”, che racchiudono, come indicato, i servizi per la cura della persona e le spese per l’istruzione: -18,4% al Sud, oltre tre volte in più rispetto al Centro-Nord (-5,5%). Continua la caduta degli investimenti, specie al Sud. A livello settoriale, crollo epocale al Sud degli investimenti dell’industria in senso stretto, ridottisi dal 2008 al 2014 addirittura del 59,3%, oltre tre volte in più rispetto al già pesante calo del Centro-Nord (- 17,1%).
Giù anche gli investimenti nelle costruzioni, con un calo cumulato del -47,4% al Sud e del – 55,4% al Centro-Nord; in agricoltura, (-38% al Sud, quasi quattro volte più del Centro-Nord, -10,8%).
Giù inoltre soprattutto al Sud i trasferimenti in conto capitale a favore delle imprese pubbliche e private: tra il 2001 e il 2013 si è registrato un calo del 52%, pari a oltre 6,2 miliardi di euro. A trainare al ribasso i trasferimenti, il crollo degli incentivi alle imprese private.
Nella crisi, giù tutti i settori. Al Sud il calo continua nel 2014. In calo anche le costruzioni, il cui valore aggiunto è diminuito cumulativamente al Sud del -38,7% a fronte del – 29,8% del Centro-Nord. Scendono nel periodo in questione anche i servizi, -6,6% al Sud e -2,6% al Centro-Nord.
Segno negativo anche se si guarda al solo 2014, ma soprattutto al Sud: l’agricoltura perde infatti nel Mezzogiorno addirittura -6,2%, mentre il Centro-Nord guadagna +0,4%; l’industria flette nel Sud del 3,3%, una perdita di due punti percentuali superiore a quella del Centro-Nord (-1,3%); i servizi segnano -0,5% al Sud contro +0,3% dell’altra ripartizione.

Da segnalare che in tredici anni, dal 2000 al 2013, l’Italia è stato il Paese che, in termini di Pil in PPA, è cresciuto meno di tutti i paesi considerati, +20,6% rispetto al +37,3% dell’area Euro a 18, addirittura meno della Grecia, che ha segnato +24% quale effetto della forte crescita negli anni pre crisi, che è riuscita ad attenuare in parte il crollo successivo. Situazione decisamente più critica al Sud, che nel 2001-2013 cresce nel periodo n questione la metà della Grecia, +13%: oltre 40 punti percentuali in meno della media delle regioni Convergenza dell’Europa a 28 (+53,6%).
Il Sud è ormai a forte rischio di desertificazione industriale, con la conseguenza che l’assenza di risorse umane, imprenditoriali e finanziarie potrebbe impedire all’area meridionale di agganciare la possibile ripresa e trasformare la crisi ciclica in un sottosviluppo permanente. Nel 2014 occupati al Sud come nel 1977. Il Mezzogiorno tra il 2008 ed il 2014 registra una caduta dell’occupazione del 9%, a fronte del -1,4% del Centro-Nord, oltre sei volte in più. Delle 811mila persone che in Italia hanno perso il posto di lavoro nel periodo in questione, ben 576mila sono residenti nel Mezzogiorno. Nel Sud, dunque, pur essendo presente appena il 26% degli occupati italiani si concentra il 70% delle perdite determinate dalla crisi. Nel 2014 i posti di lavoro in Italia sono cresciuti di 88.400 unità, tutti concentrati nel Centro-Nord (133mila). Il Sud, invece, ne ha persi 45mila. Il numero degli occupati nel Mezzogiorno torna così a 5,8 milioni, sotto la soglia psicologica dei 6 milioni; il livello più basso almeno dal 1977, anno da cui sono disponibili le serie storiche dell’Istat. Tornare indietro ai livelli di quasi quarant’anni fa testimonia, da un lato, il processo di crescita mai decollato, e, dall’altro, il livello di smottamento del mercato del lavoro meridionale e la modifica della geografia del lavoro.
Allarme povertà: una persona su tre a rischio al Sud, una su dieci al Nord. In Italia negli ultimi tre anni, dal 2011 al 2014, le famiglie assolutamente povere sono cresciute a livello nazionale di 390mila nuclei, con un incremento del 37,8% al Sud e del 34,4% al Centro-Nord. Quanto al rischio povertà, nel 2013 in Italia vi era esposto il 18% della popolazione, ma con forti differenze territoriali: 1 su 10 al Centro-Nord, 1 su 3 al Sud. La regione italiana con il più alto rischio di povertà è la Sicilia (41,8%), seguita dalla Campania (37,7%). La percentuale di famiglie in povertà assoluta sul totale delle famiglie è aumentata al Sud nel 2014 rispetto al 2011 del 2,2% (passando dal 6,4% all’8,6%) contro il +1,1% del Centro-Nord (dal 3,3% al 4,4%). Nel periodo 2011-2014 al Sud le famiglie assolutamente povere sono cresciute di oltre 190mila nuclei in entrambe le ripartizioni, passando da 511mila a 704mila al Sud e da 570mila a 766mila al Centro-Nord. A livello di reddito, guadagna meno di 12mila euro annui quasi il 62% dei meridionali, contro il 28,5% del Centro-Nord. Particolarmente pesante la situazione in Campania (quasi il 66% dei nuclei guadagna meno di 12mila euro annui), Molise (70%) e Sicilia (72%).

Dati agghiaccianti, che rappresentano famiglie, aziende, pensionati, gioventà nel baratro più profondo alla soglia del 2015. Si parla di arretratezza, povertà, desertificazione, mentre lo Stato italiano sembra voler fortemente accentuare tagli, tasse che stanno portando in una sprilare senza via d'uscita la morte al rallentatore di una nazione che ha visto tempi d'oro economicamente e politicamente, la propserità e l'ingegno italiano. Un crollo che le famiglie sentono sulla propria pelle, mentre Renzi andava a Bruxelles a racconatere la favola con testuali parole: "In un tempo di crisi le famiglie italiane hanno visto crescere i propri risparmi, passati da 3,5 a 3,9 triliardi di euro dal 2012 al 2014. In questi mesi l'Italia ha visto aumentare i propri risparmi, paradossalmente le famiglie si stanno arricchendo perché hanno preoccupazione e paura".

Governare significa prendere consapevolezza dei problemi e affrontarli, il nostro premier evidenteme ha un cattivo rapporto con i numeri e questa purtroppo è una seria e grave constazione.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Economia e Finanza

Fisco, riforma cartelle esattoriali: al vaglio ipotesi cancellazione dopo 5 anni

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Restringere a cinque anni la prescrizione dei crediti iscritti a ruolo accorciando così i tempi della riscossione per renderla più efficiente. Rinunciare all’illusione dei 1000 miliardi custoditi dal cosiddetto “magazzino” dell’Agezia delle Entrate, facendo piazza pulita delle cartelle che risultano inesigibili.

Infine nel riavviare a fine giugno la macchina delle cartelle, sospese dal marzo 2020, si pensa di prevedere un meccanismo di ripresa dei pagamenti soft, con allungamento delle rateizzazioni soprattutto per non far perdere tale diritto a chi la rateizzazione aveva chiesto.

Sono le ipotesi che girano sulle scrivanie di chi lavora alla riforma del Fisco e alla riforma della Riscossione. Mentre ancora non è chiaro se i due pacchetti vivranno ognuno di vita e percorso attuativo proprio o se rientraranno entrambi nella legge delega che il Governo preparerà anche in base al documento redatto dalle commissioni Finanze di Camera e Senato al termine della dell’indagine conoscitiva condotta in questi mesi. Dal Ministero dell’Economia arriva, intanto, la buona notizia che migliorano, e di molto, le entrate tributarie erariali. Segnale ulteriore di una ripresa avviata. Nel primo quadrimestre dell’anno le entrate accertate in base al criterio della competenza hanno toccato quota 133,816 miliardi di euro, segnando un incremento di oltre 10 miliardi rispetto allo stesso mese dell’anno precedente (+ 8,2%). L’effetto ripresa emerge soprattutto dal balzo dato dall’Iva (+6,380 miliardi pari a un +20,7%) e in particolare dall’Iva sugli scambi interni (+5,768 miliardi per un +21,3%). Portare a 5 anni il tempo entro il quale L’Agenzia dell Entrate-Riscossioni può riscuotere quanto dovuto, oltre il quale questi vengono dichiarati inesigibili è una decisa riduzione.

Continua a leggere

Cronaca

Turismo, dopo il profondo rosso inizia la ripresa: l’allentamento delle misure anti Covid, inizia a dare i suoi frutti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Il turismo extralberghiero ha registrato un’inversione di tendenza nel mese di maggio dopo un aprile in profondo rosso: a Milano si passa dal -80% di aprile 2021 al -50% di maggio 2021, uno dei migliori dati da inizio pandemia, a Roma da -82% a -65%, a Firenze da -84% a -71%.

E’ quanto emerge dalle proiezioni di Otex, primo osservatorio sul turismo residenziale extralberghiero in Italia promosso dall’associazione Property Managers Italia. L’allentamento delle misure anti Covid, dunque, ha iniziato a dare i suoi frutti in termini di flussi turistici facendo archiviare un mese di aprile che aveva fatto registrare ingenti perdite. Venezia e Firenze, due tra le principali mete turistiche del Paese, ad aprile hanno registrato un calo di fatturato dell’84% rispetto al periodo pre-Covid. Meno estremi, ma comunque drammatici i dati di Palermo, Bologna, Verona e Torino, che in aprile 2021 si sono assestate intorno a una perdita del -70%. “In questo inizio di 2021 abbiamo visto un andamento molto in linea con le restrizioni dettate dal Covid – commenta Marco Nicosia, Ceo di Full Price e data analyst di Otex -. Da inizio anno, infatti, l’andamento del fatturato ha avuto alti e bassi proprio per l’arrivo della terza ondata e delle relative restrizioni.

Il mese di maggio, però, ha fatto segnare un’inversione di tendenza e, soprattutto la seconda metà del mese, ha portato degli effetti positivi, e questo dato sembra sensibilmente migliorare nei prossimi mesi. Le aperture regionali e nazionali spingono le prenotazioni e danno un forte segnale di fiducia ai gestori che possono contare anche sulla grande voglia di viaggiare che si registra dopo un anno di chiusure”. Per quanto riguarda l’offerta di strutture extralberghiere, invece, la tendenza è ancora verso il basso: il mese di aprile ha registrato il dato più negativo di sempre in termini di attività aperte con una riduzione dell’offerta di oltre il 30% rispetto allo stesso mese del 2019. “Questo dato – commenta Stefano Bettanin, presidente Property Managers Italia, associazione nazionale di categoria del turismo residenziale e Ceo di Rentopolis e Shomy – denota da una parte le difficoltà che il reparto ha avuto e che continua ad avere nel mantenere aperte le proprie attività, per le quali servirebbe un sostegno concreto da parte della Stato, ma dall’altra può essere visto anche come un’opportunità per le strutture attive che, in questo complicato 2021, avranno meno concorrenza”.

Continua a leggere

Economia e Finanza

Banca d’Italia e le vicende della Popolare del Lazio: non c’è peggior sordo… (L’inchiesta 13 parte)

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Egregio dott. Luigi Mariani, o chi per lei in Banca d’Italia: vogliamo fare un “regalo giornalistico” che speriamo sappiate apprezzare e valorizzare

Tredicesisma puntata della nostra inchiesta su Banca Popolare del Lazio che ha visto casi singolari e varie vicende che interessano direttamente Banca D’Italia e i “poveri” risparmiatori. E questi ultimi, sempre più spesso, finiscono protagonisti di vicende che li vedono soccombere e rimanere vittime di un sistema che in alcuni casi assiste a trattamenti diversi a seconda delle conoscenze, insomma “figli e figliastri”.

CLICCARE QUI PER VISIONARE TUTTE LE PUNTATE

Ci occupiamo di Banca D’Italia, l’istituto che nelle intenzioni dei padri costituenti si sarebbe dovuto ergere a paladino dei deboli e colpire tutte le eventuali pratiche e comportamenti posti in essere dai vertici delle Banche in violazione dei principi di sana e prudente gestione, senza indugio e soprattutto prima che i risparmi dei poveri ed ignari investitori possano volatizzarsi.

La condotta del “buon padre di famiglia”, purtroppo, è sempre meno in voga in Italia, soprattutto da circa vent’anni a questa parte e ne sono storia più o meno recente i fallimenti delle più o meno grandi Banche.

Tra gli esempi più recenti, quello della popolare di Bari, con il solito balletto delle responsabilità che venivano rimbalzate da Banca D’Italia alla Procura e dalla Politica a Banca D’Italia fino a colpire gli unici indifesi: coloro che hanno pagato e continueranno a pagare gli errori di altri: i soci e gli investitori.

La Banca D’Italia in quest’ultimo ventennio sembra essere una spettatrice e non più motivata a perseguire in maniera strenua il compito per il quale è stata istituita. È diventata forse vittima o facile suddita dell’oppressione di poteri politici che ne nominano i vertici ed evidentemente ne condizionano l’attività? E perché agire così? Non vogliamo assolutamente pensare che sia per ricevere in cambio un blando se non inesistente controllo sugli immensi finanziamenti che i vertici degli istituti di credito garantiscono alle loro personali campagne elettorali ed altro.

Non c’è dubbio che il commercio del denaro, attività riservata alle sole Banche, costituisca una fortissima attrazione per coloro che grazie ai nostri voti dovrebbero tutelarci dalle loro stesse corrotte tentazioni. Ogni volta che qualche voce, in un rigurgito di onestà, tenta di ergersi a paladina degli indifesi, viene tacitata. E anche noi tramite le colonne de L’ Osservatore d’Italia, portando avanti l’inchiesta su Banca Popolare del Lazio, abbiamo subito non poche pressioni.

L’oblio della Commissione Banche

Ne è un chiaro esempio l’oblio nel quale è stata relegata la Commissione Banche tanto sbandierata dai nuovi “POLLIticanti” in sede di ricerca del consenso elettorale ed oggi volutamente e completamente sparita dal panorama politico al pari del Senatore Gianluigi Paragone che sulla vicenda sembrava avere le idee chiare, talmente tanto chiare da sembrare oggi invisibili.

Un esempio lampante di quanto descritto è costituito dalle incomprensibili, per noi umani, affermazioni dell’allora vice capo della Vigilanza di Banca d’Italia, oggi direttore della sede di Roma Luigi Mariani, che appaiono come contraddittorie.

Nel corso di questa inchiesta giornalistica, noi più di chiunque altro, abbiamo compreso bene come sono andate le vicende legate a personaggi quali il Consigliere comunale di Velletri Salvatore Ladaga e del Presidente onorario BPL Italo Ciarla, su cui vi aggiorneremo nel corso delle prossime puntate della trasmissione di approfondimento giornalistico Officina Stampa.

Ma quello che oggi appare davvero singolare è che tale comprensione sembra non sia arrivata anche al dott. Luigi Mariani direttore della sede di Roma della Banca d’Italia e ai suoi colleghi, che ben prima di noi, avendone tutti gli strumenti, avrebbero potuto arginare quella che viene definita come sana e prudente gestione dell’attività bancaria.

Nel solco segnato da tale metodo ben si inquadra la sostituzione dal ruolo di vice capo dell’Ispettorato Vigilanza del dott. Luigi Mariani “spostato” alla direzione della sede di Roma al posto del dott. Francesco Giuffrida, rispetto al quale cronache nazionali hanno reso note alcune vicende, tra cui il presunto fatto che le sue attività sembrerebbero essere state compiute in conflitto di interessi nel paese di origine, Montevago in provincia di Agrigento. “Giuffrida è soprattutto noto per il fatto che all’epoca del processo Dell’Utri venne incaricato dalla procura di studiare l’origine dei flussi di denaro che dettero origine al gruppo Fininvest. Il dirigente, allora a capo della sede di Palermo della Banca d’Italia, concluse il suo lavoro affermando di non poter “risalire in termini di assoluta certezza e chiarezza all’origine, qualunque essa fosse, lecita o illecita, dei flussi di denaro investiti nella creazione delle holding Fininvest” e – chiamato in causa da Fininvest – nel 2007 ha accettato di transare con la società riconoscendo “i limiti delle conclusioni rassegnate nel proprio elaborato e delle dichiarazioni rese al dibattimento”.” (Il fattoquotidiano 1 marzo 2016)

Se si conoscono le dinamiche, tutto sembra sempre avere una logica spiegazione nella quale rientra anche il nome di Francesco Giuffrida.

Vogliamo credere che l’attuale Capo di Governo Mario Draghi, decisamente esperto del mondo bancario, sicuramente avulso dalle logiche avanti descritte voglia mettere seriamente mano a questo grande giallo e appannato modus operandi di cui si alimenta il mondo bancario e dare serenità, sicurezza ai poveri investitori, oggi in balia di interessi a loro estranei.

Il principio di sana e prudente gestione

In merito a Banca Popolare del Lazio Luigi Mariani riferiva che le segnalazioni ricevute in merito alle posizioni di Salvatore Ladaga e Italo Ciarla non avrebbero violato il principio di sana e prudente gestione, ritenendo valide e sufficienti le giustificazioni del collegio sindacale che “dette operazioni sarebbero state antecedenti ai finanziamenti”.

Da evidenziare che il collegio sindacale è quello presieduto da Carlo Romagnoli presidente all’epoca dei fatti anche del collegio sindacale della Natalizia Petroli, il cui titolare, Giancarlo Natalizia – di cui sentiremo presto riparlare- sedeva al suo fianco in Consiglio di Amministrazione della Banca Popolare del Lazio).

Si spera che l’affermazione del Collegio Sindacale della Banca Popolare del Lazio, fatta propria dal dott. Luigi Mariani, sia frutto di sola confusione o mancata accortezza, circostanza che pur giustificando l’esito della attività della vigilanza, di certo non fa dormire sonni tranquilli ai poveri investitori.

In realtà dalla nostra inchiesta, eseguita con strumenti di gran lunga limitati rispetto a quelli in possesso dell’ex vice capo della Vigilanza dott. Luigi Mariani, risultava palese che il Notaio e Presidente BPL Edmondo Maria Capecelatro poneva in essere una serie di attività tese a favorire Salvatore Ladaga e Italo Ciarla a far sottrarre i propri beni dall’aggressione della BPL.

Il Notaio presidente faceva alienare dal Ladaga alla separata moglie tutti i propri beni immobili sottraendoli di fatto al credito vantato dalla Banca e per Luigi Mariani sarebbe stato sufficiente andare a leggere l’atto di citazione formulato dall’istituto bancario con richiesta di revocatoria del trasferimento dei beni dal Ladaga alla ex moglie ed in seguito la sentenza del Tribunale di Velletri.

Quanto all’ex Vicepresidente della Banca Italo Ciarla, oggi remunerato Presidente onorario, attore in giudizi per anatocismo ed usura promossi avverso altri istituti di credito, per salvare la posizione immobiliare dei consuoceri coniugi De Marzi/Masi e con l’ausilio del Notaio Presidente, e dopo (e non certo prima) il finanziamento eseguito ai De Marzi/Masi, per sottrarre beni immobili di questi ultimi alla garanzia del credito della Banca nei loro confronti, in data 6 marzo 2012 fece alienare una loro proprietà al figlio dell’ex Vice Presidente Italo Ciarla, nonché genero dei coniugi De Marzi/Masi.
Il ricavato della vendita venne trattenuto dai debitori e non certo versato alla BPLazio per estinguere almeno parzialmente il loro debito ed “ovviamente” la banca non propose azione revocatoria come nel caso eclatante di Salvatore Ladaga, (forse per non colpire il figlio di un “illustre” consigliere?), anzi clamorosamente lo finanziò con un mutuo necessario a Guido Ciarla per acquistare l’immobile di proprietà dei suoceri.

Egregio dott. Luigi Mariani, queste operazioni sono state eseguite dopo e non prima dei finanziamenti fatti a Salvatore Ladaga e ai coniugi De Marzi/Masi.

Egregio dott. Luigi Mariani, o chi per lei in Banca d’Italia: vogliamo fare un “regalo giornalistico” che speriamo sappiate apprezzare e valorizzare.

Proprio per la posizione debitoria dei consuoceri dell’attuale e remunerato Presidente Onorario, Rag. Italo Ciarla, ai quali la BPLazio ha già fatto un riconosciuto regalo nel fargli alienare l’unico bene libero da ipoteche, a favore del Sig. Guido Ciarla, ben consapevole all’epoca dei fatti dei debiti intrattenuti dai suoceri con la BPLazio, e in barba all’intelligenza di ciascuno di noi per aver seguito la vendita con provvista messa a disposizione dalla stessa BPLazio, ha creduto opportuno fare un ulteriore regalo.

Del resto, come scritto nell’11esima puntata di questa inchiesta giornalistica, la giostra gira e si alimenta di queste attività, nessuno la ferma poiché tutti ne traggono giovamento e poco importa se qualcuno esagera, nel vorticoso giro di denaro tutto si confonde.

Ma non ci distraiamo, non vorremo che Luigi Mariani dovesse assopirsi confondendosi con i sonnacchiosi consigli di amministrazione di Edmondo Maria Capecelatro e Giancarlo Natalizia di cui narrano i ben informati

Ebbene l’unico immobile rimasto di proprietà dei consuoceri del remunerato Presidente onorario Rag. Italo Ciarla veniva posto all’asta e finalmente aggiudicato in data 9 gennaio 2020 per l’importo di 110.500,00 euro che a fronte del credito vantato dalla BPLazio (circa 400.000,00 euro) appare ben poca cosa; detratte le spese alla BPLazio venivano attribuite poco più di 86.000,00 euro con una perdita di oltre 310.000,00 euro, somme di cui hanno goduto la famiglia del consuocero dell’attuale Presidente Onorario e che è stata ripianata sottraendo utili ai soci e valore alla stessa BLazio.

Una delle tante operazioni sulle quali il dott. Luigi Mariani, evidentemente, non ha creduto fosse necessario indagare e che ci lascia a dir poco basiti

Ovviamente le sorprese non potevano finire qui, il meglio (si fa per dire) viene solo adesso…

Bene, in ogni caso, possono affermare i più convinti sostenitori della bontà dell’operazione “Ciarla” posta in essere dai vertici, anche quelli attuali, della BPLazio, tra le cui fila possiamo ormai annoverare anche il dott. Luigi Mariani, un immobile dei debitori (De Marzi/Masi) è stato venduto e la BPLazio ha recuperato almeno 86.000,00 euro. Proprio così, ingenui lettori, chi credete che abbia acquistato l’immobile all’asta? Vorremmo tenervi ancora sulle spine, ma molti di voi sono già giunti alla soluzione e quindi diremo ai più ingenui che l’aggiudicazione all’asta del 9 gennaio 2020 è stata fatta a favore dell’unico offerente, senza il quale il prezzo si sarebbe ulteriormente ridotto, ormai avete quasi tutti indovinato: la Real Estate Banca Popolare del Lazio, straordinario vero?

In pratica, ed immaginiamo per non dover buttare fuori di casa i consuoceri dell’attuale Presidente Onorario, la BPLazio con la sua partecipata Real Estate Banca Popolare del Lazio ha acquistato l’immobile espropriato ai debitori De Marzi/Masi, diventandone proprietaria, evitando che la perdita di bilancio aumentasse in conseguenza di ulteriori riduzioni del prezzo d’asta; la BPLazio quindi ha preso i denari dalla tasca destra e li ha messi nella tasca sinistra, rimanendo proprietaria di un immobile che con qualche ulteriore e fantasiosa alchimia, verrà venduta al miglior offerente, probabilmente purché parente ed amico degli esecutati ovvero del loro consuocero, con un mutuo erogato sempre dalla BPLazio e magari con la possibilità di lasciare i vecchi proprietari esecutai nel possesso dell’immobile. E la giostra gira.

Ci dica dott. Luigi Mariani, il sig. Troiani, suo fidato ispettore all’epoca dei fatti, che non sembrava avvedersi nella sua ispezione della incredibile vicenda Protercave e che una volta denunciata nei dettagli anche da noi nel corso della trasmissione Officina Stampa, si limitava a giustificare le operazioni non certo di sana e prudente gestione con l’affermazione che essendo la posizione stata svalutata dalla Banca non costituiva un pericolo per il bilancio e quindi non meritava alcun approfondimento o segnalazione. In pratica affermando indirettamente che operazioni poco chiare sono sane e prudenti se poste in essere in Banche solide mentre le medesime operazioni non lo sono se poste in essere in Banche in difficoltà!

Abbiamo appreso una nuova nozione di cui noi non eravamo a conoscenza, che crediamo possa in futuro essere utile per tutti gli amministratori di Banche e per i sempre più spaesati investitori… Se dovete fare operazioni che definire poco chiare è un eufemismo, fatele in banche sane, non verrete indagati dalla Vigilanza; guai a fare le stesse operazioni in banche ormai corrose dalle stesse operazioni fatte quando erano sane. Sarcasmo, ovviamente, sarcasmo e ironia. O meglio, se voi amministratori dovete fare operazioni “Border Line” fatele fare al Capo dell’esecutivo, cioè al Direttore Generale che sembra sfuggire ai controlli e alle sanzioni di Banca D’Italia e che voi amministratori potrete far finta di non vedere in consiglio di amministrazione senza correre alcun rischio nei confronti della Vigilanza. Sempre sarcasmo, ovviamente, sarcasmo e ironia.

Del resto solo così si può spiegare l’affermazione del “Trioiano” il quale riferisce che dall’esame della sofferenza “Protercave” non sono risultati collegamenti con amministratori o Sindaci della BPLazio; certo, l’allora Direttore Generale Massimo Lucidi si era macchiato di tale operazione in conseguenza della quale mentre la BPLazio perdeva circa 1.5000.000 di euro, il figlio del Direttore Generale veniva assunto dalla Banca Popolare di Spoleto nel cui consiglio di amministrazione sedeva il titolare dell’azienda beneficiata dal 1.5000.000 perso dalla BPLazio.

Poco male se in seguito il Direttore Generale non solo non veniva rimosso dal CDA della BPlazio, ma al contrario si vedeva dapprima aumentare il proprio compenso annuo e successivamente cooptare in Cda e ricevere il ruolo di Amministratore Delegato, è chiaro, almeno al Sig. Troiani ed agli ispettori che si sono succeduti che il Consiglio non aveva alcun legame con la posizione Protercave né con colui che l’aveva posta in essere, il Direttore Generale Massimo Lucidi.

Il Sig. Troiani riferisce altresì che almeno altre due posizioni venivano riscontrate in quanto foriere di grosse perdite ma che non ha riscontrato eventuali responsabilità meritevoli di segnalazione all’autorità Giudiziaria, vedremo se le sue verranno confermate, del resto anche Protercave non era meritevole di segnalazione.

Per oggi ma solo per oggi, poiché gli argomenti verranno ripresi, vi lasciamo con un’ultima domanda alla quale noi stessi ancora non siamo in grado di dare risposta: per quale motivo vene trasferito il Comandante della Compagnia di Velletri della Guardia di Finanza Capitano Graziano Rubino, proprio mentre svolgeva le indagini delegate dal P.M. e prima del termine del proprio mandato?

Continua a leggere

I più letti