Connect with us

Sport

REAL CAVA FRATTOCCHIE CALCIO (II CAT.), PRIMA SCONFITTA – SANTAMAITA: «DOBBIAMO ESSERE PIÙ MATURI»

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Redazione

Marino (Rm) – Prima o poi doveva arrivare. Ma il modo non è piaciuto a mister Luca Santamaita. Il Real Cava Frattocchie, capolista del girone H di Seconda categoria, ha rimediato la prima sconfitta stagionale (0-2) sul campo dello Sporting Torbellamonaca nell’anticipo di sabato scorso. «La gara è stata decisa dall’espulsione del nostro capitano Godi per proteste alla mezzora del primo tempo e quando eravamo già sotto di una rete – analizza mister Santamaita -. Purtroppo siamo una squadra giovane che ha peccato di esperienza: il Torbellamonaca l’ha messa sul piano “agonistico” e noi siamo scivolati in un ambito che non ci competeva. Nonostante questo, nonostante l’inferiorità numerica e l’assenza di diversi giocatori, abbiamo creato almeno quattro opportunità per pareggiare prima di subire il raddoppio capitolino in pieno recupero». Il primo stop, in teoria, non dovrebbe preoccupare molto anche perché il Real Cava Frattocchie è rimasto primo in classifica anche se ora Arcefo e Clembofal sono a distanza ravvicinata, rispettivamente uno e due punti dietro. «Invece dobbiamo prendere questa prima sconfitta come un campanello d’allarme serio. Da quando abbiamo preso un certo vantaggio in classifica, gli avversari ci aspettano come è ovvio che sia visto che siamo primi in classifica. Per questo dobbiamo avere un atteggiamento più maturo in determinate situazioni se vogliamo rimanere nelle zone alte di classifica. Dobbiamo sfruttare la nostra capacità di giocare a calcio senza andare troppo dietro ad altre situazioni». Nel prossimo turno i ragazzi del presidente Roberto Grossi ospiteranno al “Ferraris” di Santa Maria delle Mole il Dacica (calcio di inizio domenica alle ore 11). «Ci aspetta una sfida non semplice, dovremo essere aggressivi, ma giocare con il cervello – spiega Santamaita -. Sarà la prima di due gare fondamentali, assieme a quella di Centocelle, prima della sosta natalizia. Non dobbiamo commettere altri passi falsi».
 

Calcio

Cavese Academy 1919 (calcio, Prima cat.), l’annuncio di Giacchè: “Il prossimo anno resto qui”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Cave (Rm) – Era la notizia che tutto l’ambiente aspettava. Emanuele Giacchè rimarrà l’allenatore della Prima categoria della Cavese Academy 1919: è lo stesso tecnico a dirlo, come sempre senza mezze misure e con grande chiarezza: “Ho un grande rapporto col presidente Daniele Flavi: mi ha dato la sua parola che il club farà di tutto per allestire un organico ancora più forte di quello di quest’anno e quindi a lui e anche al dirigente responsabile della prima squadra Fabio Scarozza non ho proprio potuto dire di no. Ho grande sintonia con tutto lo staff dirigenziale che annovera pure Armando Zammarrelli e Piero Monecchi e queste sono ottime basi per iniziare. Ma è chiaro che, se ho deciso di continuare questa avventura, è perché penso che possiamo fare un campionato migliore di quello che sta per concludersi”. Nell’ultimo turno la Cavese Academy 1919 si è imposta con un roboante 8-1 su uno Scalambra Serrone già in vacanza: a bersaglio tre volte Ronci, due Casali e una Nuhu, De Vecchis e Vincenzi. “Una partita che non ha avuto storia. Domenica chiuderemo le nostre fatiche stagionali sul campo del Valle Martella e sarà un’altra gara molto probabilmente ricca di reti”. Giacchè fa un passo indietro e racconta com’è andata la stagione: “Inizialmente alcuni impegni lavorativi e familiari mi hanno impedito di “scendere in campo” e così avevo deciso di dare il mio contributo al presidente Flavi in un altro modo. Per mister Umberto Fatello il lavoro da fare non era semplice: si è trovato un gruppo che aveva fatto molto bene in Seconda e all’inizio di un percorso societario quindi all’inizio, non per suoi demeriti, la squadra ha fatto fatica. Quando alla Cavese Academy 1919 è servito il mio aiuto non mi sono potuto tirare indietro: nei primi giorni dal mio ritorno in panchina ero fiducioso, poi sono usciti i limiti e le carenze di questa squadra che erano palesi soprattutto nelle gare con squadre di medio-bassa classifica. In tanti ci davano per spacciati o costretti ai play out, ma grazie anche all’amicizia che mi lega ad alcuni giocatori sono arrivati prima Stazi (già in estate), poi Moroni e l’altro innesto Mizzoni (lui portato dal ds Zammarrelli, ndr) quando sono subentrato e infine a gennaio De Vecchis e Alessio Chialastri che hanno decisamente cambiato il volto della squadra. Da lì, numeri alla mano, abbiamo tenuto un ritmo da squadra di alta-classifica e ci siamo salvati con ampio anticipo. Ora, però, è tempo di guardare al futuro perché questa piazza merita grandi soddisfazioni”.

Continua a leggere

Calcio

Rocca Priora RDP (calcio, Promozione), Giovannetti: “Siamo soddisfatti del nostro campionato”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Rocca Priora (Rm) – Il Rocca Priora RDP è a novanta minuti dalla conclusione della sua stagione. La squadra castellana terminerà al terzo posto nel girone D di Promozione dopo essere stata a lungo al comando. Ma il team manager Natale Giovannetti guarda al bicchiere mezzo pieno: “Il bilancio è sicuramente positivo, d’altronde all’inizio non tutti ci pronosticavano a questi livelli. La squadra ha fatto un grande campionato, giocando un bel calcio e rimanendo in vetta per diverso tempo. Quale è stata la fotografia più bella della stagione? Ci sono stati diversi momenti emozionanti, ma probabilmente la vittoria a Torrenova è stato il punto più alto della nostra stagione”. Per una squadra che ha guidato a lungo la classifica è inevitabile avere pure qualche piccolo rimpianto: “Il rammarico principale è legato ai tanti infortuni che ci hanno condizionato praticamente per tutta la stagione – dice Giovannetti – Tra i tanti voglio citare quelli capitati a Ulisse (fuori quasi tutto l’anno), Ristori (che ha giocato l’intera stagione stringendo i denti), Ceccarelli e altri ancora, ma in particolare quello di Scacchetti nella parte cruciale della stagione. A Gianmarco, comunque, mi lega un rapporto speciale visto che abitiamo pure a pochi passi l’uno dall’altro: finalmente sono riuscito ad essere un suo dirigente e lui un mio giocatore, gli faccio i migliori auguri per la futura paternità. E mi lego a questi auguri per rivolgere le più affettuose congratulazioni a Daniele Graziani che pochi giorni fa si è sposato”. Tra i fattori che hanno “rallentato” la corsa del Rocca Priora RDP c’è stato indubbiamente qualche episodio arbitrale non fortunato: “Le gare con Bellegra, Vicovaro e Grottaferrata sono rimaste nella nostra mente e ci hanno lasciato l’amaro in bocca. La classe arbitrale dovrebbe fare un pizzico di attenzione in più perché le società fanno enormi sacrifici per portare avanti l’attività e subire questi errori può pesare tanto”. Sulla volata finale dell’ultima giornata, Giovannetti sembra avere pochi dubbi: “L’Atletico Torrenova è padrone del suo destino e quindi probabilmente festeggerà il salto di categoria domenica prossima. Noi ospiteremo il Valmontone nel match conclusivo della stagione con l’obiettivo di finire bene un’annata comunque importante”. Intanto in casa Rocca Priora RDP già bolle qualcosa in pentola per il futuro: ci sono importanti novità in vista…

Continua a leggere

Calcio

Atletico Lariano (calcio, Prima cat.), mister Cavola: “Siamo andati oltre il limite, gioia immensa”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Lariano (Rm) – L’Atletico Lariano è in festa. Dopo uno strepitoso campionato, la Prima categoria di mister Damiano Cavola ha vinto il girone F. Il verdetto definitivo è arrivato domenica scorsa dopo la gara interna contro il Valle Martella vinta per 3-2, in un “Abbafati” gremito in ogni ordine di posto: “Riuscire a riportare un entusiasmo di questo tipo è stata la nostra vittoria più bella – dice Cavola – Eravamo partiti per far bene, ma sapevamo di doverci confrontare con avversari molto forti: siamo andati oltre il limite, lavorando tanto settimana dopo settimana con grande costanza. E’ stato un percorso simile a quello che ha fatto il Milan in serie A e alla fine ci siamo regalati una gioia immensa”. Per il tecnico si tratta della terza promozione dopo le vittorie di un campionato di Terza categoria (assieme ad una Coppa Provincia) e alla Coppa Lazio di Seconda categoria (con secondo posto in campionato). “Mi sono divertito tanto, ma ho anche speso parecchie energie mentali”. Cavola ha già disputato un campionato di Promozione, ottenendo la salvezza senza fare gli spareggi proprio sulla panchina dell’Atletico Lariano: “Il futuro? Ora mi godo un po’ questa vittoria, poi tra qualche giorno ci rivedremo con la società e faremo il punto della situazione. Questo gruppo rappresenta una buona base per affrontare il campionato di Promozione, i giovani già ci sono e questo è sicuramente un passo avanti. Ma è chiaro che qualche innesto serve per aumentare il livello qualitativo della rosa e affrontare una categoria ancora più difficile”. In attesa di chiudere le fatiche stagionali a Carpineto, l’allenatore fa un passo indietro per raccontare le emozioni della sfida di domenica scorsa: “Nel primo tempo siamo andati in vantaggio con un rigore di mio figlio Giacomo, ma il Valle Martella ha confermato di essere una squadra valida, tra l’altro accreditata da molti per stare ai vertici sin dall’inizio della stagione. Nonostante il vantaggio, abbiamo giocato in modo un po’ contratto e poi prima dell’intervallo è arrivato un gran gol ospite per l’1-1. Nella ripresa siamo rientrati in campo benissimo, creando occasioni ma non riuscendo a concretizzarle. Inoltre il Valle Martella è pure passato in vantaggio a un quarto d’ora dalla fine con un altro gol molto bello e a quel punto si è fatta dura. Ma la squadra, ancora una volta, ha dimostrato una grande tenuta mentale e ha pareggiato subito i conti con Gabriele Colasanti, siglando il sorpasso definitivo con Perciballi. Nell’ultima gara hanno segnato un ragazzo del 2000 e due del 2002, la fotografia perfetta del nostro gruppo”. E al termine, è scattata la festa con tutti i presenti (come perfettamente ritratto nello scatto di Stefano Verani): l’Atletico Lariano torna nella seconda categoria regionale.

Continua a leggere

I più letti