Connect with us

In evidenza

Referendum taglio parlamentari, l’Anpi invita a difendere la democrazia votando NO

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Il 20-21 settembre prossimi saremo chiamati alle urne per il rinnovo di alcune Amministrazioni comunali e di alcune Regioni, nonché per rispondere al quesito referendario sul taglio del numero dei parlamentari.

L’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia – Anpi – richiama l’attenzione dei cittadini sul rischio di una svolta antidemocratica e sull’importanza di questo passaggio elettorale.

“L’incidenza nella nostra vita dei problemi sui quali nell’occasione referendaria ci pronunceremo, – dichiarano dall’Anpi Grosseto – tanto più che le scelte di accorpare materie tanto diverse e di farci votare in estate difficilmente consentiranno agli italiani di esprimersi in modo informato e responsabile. Il mondo sta rischiando una grave recrudescenza del Covid-19: chi ha negato e nega l’emergenza, ritardando cure e tutele efficaci, e chi, al fine di speculare politicamente, continua a spararne grosse su un virus che sarebbe ormai vinto e rivendica piena libertà dei comportamenti espone tutti al pericolo che in una ulteriore recessione economica nel prossimo autunno, con insostenibili conseguenze sia sociali che sanitarie. Ne consegue la necessità di sconfiggere il negazionismo, anche elettoralmente, mettendo in primo piano il rispetto delle misure sanitarie contro l’epidemia, unitamente all’adozione di una politica economica lungimirante e giusta che costituisca un modello di vita e di consumo più evoluto e responsabile. La chiave è la lotta alle crescenti disuguaglianze sociali, tramite una distribuzione più equa della ricchezza e un sistema di welfare che tuteli i più deboli e indifesi. E’ la creazione di lavoro senza compromettere la natura, ma in perfetta armonia con essa. Il riscaldamento climatico annuncia l’apocalisse ecologica se non ripensiamo lo sviluppo, modellandolo sugli imperativi di un nuovo umanesimo, poiché quella ambientale è una questione che abbraccia ogni aspetto della nostra esistenza e direttamente ci riconduce all’uomo. L’occasione è offerta dalla destinazione delle ingenti risorse messe a disposizione dall’Europa, grazie all’impegno del governo italiano e di chi l’ha spalleggiato. E’ forte il rischio della dispersione in mille rivoli di quei soldi, mentre Confindustria ha già fatto ruvidamente sapere che vuole tutto per sé. L’impresa ha diritto al giusto profitto, ma deve prioritariamente onorare la responsabilità sociale ad essa assegnata dalla Costituzione, nei cui valori si trova la traccia per l’investimento dei finanziamenti adesso disponibili. La riduzione dei deputati e dei senatori non è un tabù: ma una cosa è proporla nel quadro di una politica che valorizza le Assemblee elettive, altro è se viene motivata dalla volontà di ridurre la spesa, come se la democrazia contasse meno di un pugno di euro. Essa non è mai uno spreco; è sempre un investimento. D’altronde dei contrappesi che erano stati individuati, quali una nuova legge elettorale proporzionale, indispensabile per dare voce a tutti i territori e a tutte le culture politiche. Se ci sono privilegi è su quelli che si dovrebbe agire; se c’è un problema di qualità del personale politico, questo risale alla società e ai partiti che lo esprimono, non alle istituzioni. Perciò ci rivolgiamo agli elettori – concludono dall’Anpi Grosseto – chiedendo loro di recarsi ai seggi e di esprimere un voto ragionato, un voto prima di tutto antifascista ed ecologista, che apra una nuova prospettiva di benessere per tutti gli italiani. Votiamo per forze progressiste e democratiche, che hanno a cuore la libertà e la pace, la solidarietà e l’uguaglianza, con la testa e i piedi nell’anima viva della Costituzione repubblicana, nata dalla Resistenza, e nella coeva Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo! Al referendum votiamo “NO” per la difesa e lo sviluppo della nostra democrazia!”

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Lago di Garda, la traversata di uno psichiatra di 76 anni: torniamo a vivere dopo il Covid

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

L’intervista rilasciata a TG com 24

Camillo Carlucci, psichiatra trentino e bresciano d’adozione, si è tuffato da Malcesine, sulla sponda veronese, per coprire la prima delle 14 tappe. “Ho visto la morte in faccia, ora rinasco”, dice a Tgcom24

A 76 anni ha deciso di fare il giro del Lago di Garda a nuoto per lasciarsi alle spalle il Covid e “rinascere”. Camillo Carlucci, psichiatra trentino e bresciano d’adozione, si è tuffato da Malcesine, sulla sponda veronese, per coprire la prima delle 14 tappe giornaliere del periplo che farà, per un totale di 140 chilometri, nuotando a dorso e stile libero. “Non è una competizione, una gara – spiega a Tgcom24. – Ad ogni bracciata guardo al futuro da persona viva e vitale, così come progettavo di fare durante la malattia”.

Come si sente dopo la prima nuotata?
“Dico la verità, avrei voluto proseguire, ma poi mia figlia Charlotte, che è il mio preparatore atletico, e l’amico Mario, che mi segue in barca per darmi la rotta, mi hanno consigliato di fermarmi, perché ho bisogno di energie anche per domani e per le prossime due settimane. Certo, 40 anni fa ci avrei messo di meno, ma mi accontento delle quasi 5 ore di oggi necessarie per coprire i primi 10 chilometri”.

Cosa è già riuscito a lasciarsi alle spalle dopo le prime bracciate?
“L’idea di questa impresa è nata in un momento molto brutto, perché ammalandomi di Covid ho visto la morte in faccia. Era il 20 marzo 2020 quando ero il numero 34 sotto il tendone degli Spedali civili di Brescia. Ho provato angoscia anche nel post ricovero: io psichiatra ero vittima del disturbo post-traumatico da stress. Non dovevo farlo diventare cronico e ho pensato che desiderare di compiere un’impresa alla mia età mi avrebbe fatto sentire vivo. Così, durante la quarantena, ho progettato questo periplo, allenandomi a casa, perché non volevo solo superare un trauma ma tornare diverso, un altro Camillo. E con le prime bracciate devo dire che ho potuto staccare dal mondo e dal lavoro”.

Come si è preparato atleticamente?
“A casa e in palestra da mia figlia una volta guarito. Ma durante la malattia e in attesa di negativizzarmi facevo tanta ginnastica respiratoria. Sa, al liceo ero un campioncino di nuoto, avrei dovuto partecipare alle Olimpiadi del ’64, ma ho dovuto ubbidire a mio padre e quindi rinunciare all’evento per conseguire la Maturità”.

Che messaggio vuole lanciare con questa impresa?
“Non voglio solo far promozione al Lago di Garda, ma voglio far capire che è importante tornare a vivere e fare sport, dopo il Covid. E soprattutto mi rivolgo ai miei coetanei. Li aspetto, con tanti altri giovani e adulti, l’anno prossimo, per il periplo di gruppo che organizzerò. Non bisogna lasciarsi andare, come succede spesso nella terza età, quando molti stanno davanti alla tv e l’unico movimento che fanno è quello del pollice per cambiare canale”.

Continua a leggere

Esteri

Siberia, monta la tenda da campeggio e viene sbranato da un orso

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Un turista è stato attaccato e sbranato da un orso mentre stava montando la tenda per campeggiare assieme ad alcuni amici nel Parco Naturale Yergaki, nella regione siberiana di Krasnoyarsk, in Russia. Yevgeny Starkov, 42 anni, non ha avuto scampo contro l’animale: “Avevamo cominciato a preparare i nostri zaini per montare le tende”, ha raccontato uno dei suoi amici presenti, Anton Shelkunov. “Quando l’animale è apparso, si è avventato subito contro di lui e lo ha ucciso divorandolo sotto i nostri occhi“. Gli altri del gruppo sono quindi fuggiti e hanno camminato senza scarpe per sette ore, in modo da poter dare l’allarme. A causa del maltempo però, le autorità non possono raggiungere il punto in cui Starkov è stato ucciso quindi il suo cadavere si trova ancora nel Parco.

Continua a leggere

In evidenza

Lazio, violenza contro le donne: c’è un bando per l’avviamento al lavoro

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

La pandemia ha fatto crescere i casi di violenza sulle donne. Un tema delicatissimo che da anni è in cima alle nostre priorità. 

Per questo oltre ai fondi destinati ad ampliare e potenziare la rete delle case rifugio e dei centri antiviolenza e quelli per il cosiddetto ‘contributo di libertà’ nei giorni scorsi abbiamo pubblicato un bando che vuole stimolare l’accesso al mondo del lavoro e della formazione. 

L’Avviso è rivolto a donne, giovani e adulte, vittime di violenza, residenti o domiciliate sul territorio della Regione Lazio, ospitate nei centri antiviolenza e nelle case rifugio gestiti dalle Associazioni sul nostro territorio. 

Si tratta di un altro tassello importantissimo. Mentre con le case rifugio o i centri antiviolenza forniamo un aiuto concreto e immediato alle donne dando loro un tetto che le aiuti a fuggire dai propri aguzzini e sostegno psicologico. E con il ‘contributo di libertà’ cerchiamo di agevolare l’indipendenza abitativa garantendo il pagamento dell’affitto, delle utenze e delle necessità più impellenti per se stesse e per i figli. 

Con questo bando cerchiamo di spezzare definitivamente le catene della ‘dipendenza economica’ attraverso la formazione e l’accesso al mondo del lavoro. 

Un ringraziamento va a tutta la giunta regionale, in particolare all’assessore Di Berardino e all’assessora Onorati per aver ancora una volta risposto in maniera fattiva agli imput della maggioranza regionale. Un grazie va anche alla Cabina di regia regionale contro la violenza di genere, presieduta da Cecilia D’Elia e a tutte le associazioni che sono impegnate nei Centri Antiviolenza e nelle case rifugio regionali.  Lo dichiara la consigliera regionale del Pd Lazio, Michela Califano 

Continua a leggere

I più letti