Connect with us

Cronaca

REGGIO CALABRIA: 18 ARRESTI PER DROGA E ARMI

Clicca e condividi l'articolo

E' stata chiamata operazione "Cirello", alcuni arrestati sono molto vicini alle cosche di 'ndrangheta dei Pesce di Rosarno

Print Friendly, PDF & Email

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Redazione

Reggio Calabria – Sono partiti dai piccoli spacciatori e hanno ricostruito l'intera filiera della droga, fino ad arrivare a coloro che organizzavano e gestivano i traffici.

Con l'operazione "Cirello", gli agenti del commissariato di Palmi (Reggio Calabria), coordinati dal procuratore capo della Repubblica presso il locale tribunale, Giuseppe Creazzo, hanno arrestato 16 uomini e 2 donne, appartenenti a un'organizzazione di narcotrafficanti. Di questi, nove sono finiti in carcere e altrettanti agli arresti domiciliari.

Le accuse nei loro confronti sono, a vario titolo e in concorso, di spaccio di sostanze stupefacenti nonché detenzione e porto abusivo di armi.

Dalle indagini, iniziate nel 2010, è risultato che alcuni degli arrestati sono molto vicini alle cosche di 'Ndrangheta dei Pesce di Rosarno e dei Mazzaferro di Marina di Gioiosa Ionica, tradizionalmente coinvolte nel traffico di grandi quantità di droga.

L'attività degli investigatori prende spunto dall'analisi dello spaccio al dettaglio, per concludersi ai vertici dell'organizzazione.

Gli agenti, monitorando i tossicodipendenti di Palmi, sono arrivati nelle zone di Cirello di Rizziconi (che dà il nome all'operazione) e Laureana di Borrello, entrambe nella provincia di Reggio Calabria.

I poliziotti hanno verificato che in quelle zone, oltre che a Rosarno e Marina di Gioiosa Ionica, arrivavano clienti da tutta la Calabria per rifornirsi di cocaina, eroina, hashish e marijuana.

Dopo aver individuato coloro che rifornivano quei mercati, sono riusciti ad individuare il livello superiore, arrivando così ai vertici dell'organizzazione.

Durante il corso delle indagini sono stati effettuati diversi sequestri di droga, e gli investigatori hanno stimato che i criminali riuscivano a vendere decine di chili di merce ogni settimana.

All'operazione hanno partecipato anche agenti della Squadra mobile di Reggio Calabria, dei commissariati di Gioia Tauro, Siderno, Taurianova, Cittanova, Polistena, Villa San Giovanni, Condofuri, Bovalino e del Reparto prevenzione crimine "Calabria", con il supporto di unità cinofile e di un elicottero del V Reparto volo reggino.

Print Friendly, PDF & Email

Cronaca

Roma, bus Atac prende fuoco sul Raccordo Anulare: paura tra gli automobilisti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Paura tra gli automobilisti in transito per un autobus che ha preso fuoco durante il servizio. Mentre viaggiava lungo il Raccordo, giunta all’altezza dello svincolo di Tor Bella Monaca, su una vettura fuori servizio si è sviluppato un incendio. Sono intervenuti i vigili del fuoco. Nessun problema per le persone. La vettura era in servizio da quasi 20 anni.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Treviso, sequestrate e stuprate a 13 anni: arrestato operaio

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

TREVISO – Violenza sessuale su due ragazzine 13enni e sequestro di persona: sono le pesanti accuse che hanno portato all’arresto nel trevigiano di un operaio di 45 anni. Le due minorenni conoscevano l’uomo.

Il fatto è avvenuto nel novembre scorso, ma solo pochi gironi fa – riferisce la ‘Tribuna di Treviso’ – con l’esito delle analisi di laboratorio su indumenti e pc sequestrati in casa dell’indagato è scattata la custodia cautelare, disposta dal gip di Treviso Angelo Mascolo.
Le due adolescenti sarebbero rimaste sequestrate un’intera notte, nel garage dell’uomo, e lì sottoposte alle violenze.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Cronaca

Milano, in manette due fratelli pregiudicati: aggrediscono un 37enne per motivi sentimentali

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

MILANO – Arrestati, per lesioni personali aggravate in concorso, due fratelli italiani, rispettivamente di 32 e 29 anni, entrambi nullafacenti, tossicodipendenti e pregiudicati per reati vari anche contro la persona (il più anziano dei due era stato già arrestato lo scorso 19 febbraio per violenza e resistenza a Pubblico Ufficiale dai Carabinieri della Stazione di Cerro Maggiore, intervenuti su richiesta della madre che lui aveva colpito con uno schiaffo.

Nel pomeriggio di ieri i due fratelli armati di una chiave per lo smontaggio di pneumatici, hanno aggredito un 37enne italiano residente a Nerviano, pregiudicato, colpendolo al volto.

I motivi del gesto sono stati ricondotti a motivi sentimentali in quanto l’ex fidanzata del più anziano dei fratelli risulta attualmente frequentarsi con la vittima, che veniva trasportata dal personale sanitario presso il pronto soccorso dell’ospedale “Mater Domini” di Castellanza in provincia di Varese dove veniva medicato e dimesso con prognosi di giorni 10 s.c. per “policontusioni al volto”.

A mettere le manette ai polsi ai due uomini i Carabinieri della Stazione di Cerro Maggiore che hanno trattenuto gli arrestati nelle camere sicurezza in attesa del giudizio di convalida.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti