Connect with us

Cronaca

Reggio Calabria, ‘ndrangheta: arrestato latitante

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

REGGIO CALABRIA – I carabinieri del Comando provinciale di Reggio Calabria, con il supporto dei militari della capitale e del Ros, hanno individuato e arrestato a Roma un latitante di ‘ndrangheta, Filippo Morgante, di 48 anni, indicato come esponente di spicco della cosca “Gallico” di Palmi. Morgante viene definito dai carabinieri come “pluripregiudicato per associazione mafiosa, traffico di sostanze stupefacenti, estorsione e illecita detenzione di armi”.

“Le forze dell’ordine gli hanno dato la caccia per un anno e adesso l’hanno sbattuto in carcere. I boss devono marcire in galera. Grazie ai carabinieri, che l’hanno braccato, e a tutti gli uomini e donne in divisa d’Italia: siamo orgogliosi di voi”, ha commentato il ministro dell’Interno Matteo Salvini.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Bari, misure anti-assembramenti: il sindaco chiude alcune zone della città

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

BARI – A Bari il sindaco Antonio Decaro, in accordo con Asl e comitato provinciale per l’ordine pubblico, ha firmato una ordinanza di chiusura di alcune zone della città dove c’è il rischio di assembramenti, come disposto dall’ultimo Dpcm sulla norme anti-Covid.

Sono state individuate tre aree in altrettanti quartieri della città, nel centro storico (piazza Mercantile, piazza Ferrarese, via Manfredi, il primo tratto di via Venezia fino al Fortino), nel quartiere Poggiofranco (via Pappacena, via Caccuri e la piazzetta tra le due strade) e nella zona della movida nel rione Madonnella, il cosiddetto Umbertino (via Cognetti, via Brescia, un pezzo di via de Niccolò, via Bozzi, largo Giordano Bruno, largo Giannella, piazza Diaz, molo San Nicola).

Continua a leggere

Cronaca

Rieti, mercati e rispetto norme anti Covid-19: i carabinieri intensificano i controlli

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

RIETI – I Carabinieri della Compagnia di Rieti, nell’ultima settimana hanno intensificato i servizi di controllo del territorio.

In particolare sono stati predisposti specifici servizi in occasione dei mercati svoltisi nel capoluogo, che hanno visto l’impiego di pattuglie a piedi, automontate, nonché della Stazione Mobile in dotazione al Comando Provinciale di Rieti.

I militari sono stati impiegati al fine di vigilare sul corretto svolgimento dei mercati, prevenendo la commissione di reati predatori come furti e borseggi, ma anche con una particolare attenzione rivolta alla verifica del rispetto del distanziamento sociale e delle altre normative emanate per il contenimento della diffusione del COVID-19.

La presenza della Stazione Mobile rappresenta un segno tangibile di vicinanza al cittadino. Il mezzo, infatti, è una vera e propria Stazione Carabinieri “su ruote”, attrezzata del necessario per consentire di ricevere al suo interno cittadini che debbano rappresentare problematiche, sporgere denunce o anche semplicemente chiedere informazioni.

Continua a leggere

Cronaca

Cuneo, sgominata banda criminale specializzata in furti in appartamenti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

CUNEO – Misure cautelari e perquisizioni nei confronti degli appartenenti ad un sodalizio criminale dedito alla commissione di furti in abitazione.

L’operazione di polizia è scattata questa mattina con oltre un centinaio di poliziotti coinvolti nell’operazione condotta dalla Squadra Mobile della Questura di Cuneo con la partecipazione del Reparto Prevenzione Crimine, di Unità Cinofile, del Reparto Mobile, del Reparto Volo di Milano e di altre Squadre Mobili del Piemonte.

I criminali, tutti di etnia sinti-piemontese, a cui sono riconducibili almeno venti  furti in appartamento avvenuti tra Cuneo, Asti e Torino, che avrebbero fruttato centinaia di migliaia di euro, hanno avuto come vittime prevalentemente persone anziane, che vivevano in  solitudine; soggetti particolarmente fragili e psicologicamente vulnerabili.

Continua a leggere

I più letti