Connect with us

Cronaca

Reggio Emilia, truffe su internet: sgominata organizzazione criminale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

REGGIO EMILIA – Un bottino in gioielli e abbigliamento di alta moda per migliaia di euro – acquistati via Internet utilizzando codici di carte di credito rubati a cittadini stranieri – è quanto mirava a realizzare un´organizzazione criminale, composta prevalentemente da cittadini nigeriani residenti nella provincia di Reggio Emilia, prima che un´operazione della Polizia di Stato ponesse fine nella mattinata odierna al disegno criminoso. L´indagine nasce da una serie di segnalazioni pervenute alla Polizia Postale da parte di una nota azienda di gioielli la quale, si era insospettita per i numerosi ordinativi, giunti sul proprio sito, da parte di improbabili acquirenti stranieri che chiedevano, tutti, di ricevere la merce nella provincia di Reggio Emilia.

Le indagini

Gli investigatori della Polizia Postale, appartenenti agli Uffici investigativi di Venezia e Udine, in stretta collaborazione con il Servizio Polizia Postale e delle Comunicazioni di Roma, e con il supporto dei colleghi di Bologna, procedevano ad effettuare gli accertamenti sulle carte di credito emesse e clonate in paesi stranieri, con ogni probabilità acquistate sul black-market. Nel corso delle indagini, di tipo tradizionale e tecnico, è stato immediatamente appurato che gli Istituti di credito di appoggio dei titoli di credito, infatti, erano ubicati addirittura tra le Isole Fiji e la Turchia.

Le contestuali e approfondite indagini tecniche, volte a dipanare i complessi sistemi di anonimizzazione utilizzati per la navigazione, consentivano di appurare che le transazioni erano state eseguite attraverso una connessione proveniente da una abitazione ubicata in provincia di Reggio Emilia, luogo di residenza di una 25enne nigeriana, con precedenti per stupefacenti.

Le consegne venivano poi veicolate tutte all´indirizzo della 25enne cittadina nigeriana, segnalata per ricettazione, che fungeva da punto di raccolta e smistamento per l´organizzazione.

Oltre a vari pacchi, appena consegnati, contenenti refurtiva per decine di migliaia di euro sono stati rinvenuti numerosi computer e supporti informatici, nonché carte di credito con i quali i malviventi effettuavano gli acquisti on line e organizzavano le truffe.

Gli investigatori hanno monitorato la merce durante il suo smistamento travestiti da vettori e hanno seguito le consegne rese particolarmente difficili dal contesto ambientale in cui dovevano avvenire per la presenza di “sentinelle” e “pali”. In questa tipologia di reati la manovalanza criminale, stante l´ingente valore dei beni, viene essa stessa controllata da altri adepti, in tal modo vi è un controllo costante e continuo tra coloro che maneggiano i pacchi assicurandosi che nessuno possa impossessarsi della refurtiva e che questa giunga ai capi dell´organizzazione come previsto.

Le indagini sono state coordinate dalle Procure di Udine e di Reggio Emilia, in ragione della presenza dei principali indagati in quella zona.

Cronaca

Rieti, arrestato e portato in carcere l’autore di due rapine a mano armata

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

RIETI – Manette ai polsi per un pregiudicato 46enne che lo scorso anno si è reso responsabile di due rapine a mano armata al  supermercato “Tigre” di via Paolessi. Ad arrestare l’uomo sono stati i poliziotti della Squadra Mobile di Rieti che hanno eseguito l’ordinanza di carcerazione cautelare emessa  dal GIP di Rieti  su richiesta del Sostituto Procuratore della Repubblica dott. Lorenzo Francia.

Le rapine sono state fatte rispettivamente il 4 ed il  23 aprile del 2019 e avevano creato particolare allarme sociale nel capoluogo laziale poiché erano state commesse con un coltello, creando quindi una situazione di terrore tra i clienti presenti all’interno del supermercato.

In entrambe le occasioni il rapinatore aveva agito da solo, si era presentato con il volto coperto da uno scalda-collo ed era entrato in azione con estrema determinatezza, minacciando le cassiere del supermercato che erano state costrette a consegnare l’intero incasso della giornata.

Gli investigatori della Polizia di Stato avevano acquisito i filmati registrati dalle telecamere del circuito di sicurezza che hanno consentito di evidenziare una serie di indizi, sul comportamento dell’uomo e sulla sua postura,  che hanno indirizzato subito le indagini nei confronti di un soggetto reatino, già noto agli uomini della Squadra Mobile per essere stato arrestato in precedenza per aver commesso una rapina in danno di una farmacia di Borgo Quinzio.

Nel corso delle indagini gli investigatori hanno anche proceduto all’analisi del traffico telefonico del cellulare e alla perquisizione dell’abitazione del 46enne, individuando anche l’auto utilizzata per la fuga dopo le rapine,  una Toyota Yaris grigia di proprietà della sua compagna.
 
Le risultanze della complessa attività investigativa sono quindi confluite  nell’informativa della Squadra Mobile che ha consentito alla locale Procura della Repubblica di richiedere l’emissione del provvedimento restrittivo.

L’uomo è stato arrestato la scorsa settimana presso la sua abitazione di Poggio Moiano, dove, peraltro, si trovava ristretto agli arresti domiciliari a seguito di una precedente rapina consumata lo scorso anno
in danno del supermercato Conforama di Rieti.

Il 46enne è stato quindi accompagnato presso il Carcere Romano di Rebibbia a disposizione dell’Autorità giudiziaria per rispondere del reato di rapina aggravata.

Continua a leggere

Cronaca

Cingoli, litiga con i fratelli e colpisce un carabiniere

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

MACERATA – Alle ore 17.00 di ieri i Carabinieri della Stazione di Cingoli in servizio perlustrativo ricevevano una richiesta di intervento da parte di un 45enne di Apiro che stava litigando con gli altri due fratelli di 42 e 57 anni.

Giunti sul posto insieme ai colleghi della Stazione di Apiro vedevano che i tre stavano animatamente litigando per la gestione di un magazzino sito in via Pianore ad Apiro, distante circa 300 metri
dal luogo ove si trovavano.

Mentre stavano cercando di tenere separati i tre contendenti, che continuavano ad urlare ed a inveire uno contro l’altro colpendosi reciprocamente con calci e pugni, il più giovane dei tre raccoglieva un bastone da terra per tirarlo contro il fratello più vecchio colpendo però viceversa uno dei militari alla mano sinistra procurandogli la lussazione di un dito; medicato al pronto soccorso dell’ospedale di Jesi ha ottenuto una prognosi di 15 giorni.
Per tale motivo l’uomo è stato arrestato per violenza a pubblico ufficiale e ristretto presso la propria abitazione agli arresti domiciliari in attesa dell’udienza di convalida fissata per oggi 01 giugno.

Continua a leggere

Cronaca

Arce, morto Guglielmo Mollicone lo stesso giorno che sua figlia è scomparsa

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Si è spento Guglielmo Mollicone, il padre di Serena, la studentessa di Arce (Frosinone) uccisa nei primi giorni di giugno 2001 e ritrovata in un boschetto a poca distanza dal suo paese. “Serena adesso è con il suo papà”, ha scritto un familiare sui social. L’uomo, 72 anni, lo scorso novembre era stato colpito da un infarto e da allora era ricoverato in una struttura di lungodegenza.L’Osservatore d’Italia ha avuto modo di intervistarlo, parlarci. Ha lottato vent’anni per avere giustizia per sua Serena ma purtroppo è morto prima di vedere condannati gli assassini della sua giovane figlia.

Il padre di Serena non assisterà all’epilogo delle nuove indagini sull’omicidio di sua figlia avvenuto, per uno strano scherzo del destino, il 1° giugno del 2001. Esattamente 19 anni fa Serena usciva di casa per non rientrarci mai più. Guglielmo Mollicone aveva avuto un infarto mesi fa e il suo fisico non si era più ripreso. Muore mentre la giustizia, dopo anni di indagini e colpi di scena, aveva ora imboccata una strada netta chiedendo il rinvio a giudizio del maresciallo Franco Mottola, ex comandante della
stazione dei carabinieri di Arce, della moglie Anna Maria, del figlio Marco, del maresciallo Vincenzo Quatrale, e dell’appuntato Francesco Suprano. Mottola, i suoi familiari e Quatrale sono accusati di concorso in omicidio.

Il Covid-19 ha rallentato il processo – Era attesa per il mese di marzo la decisione da parte della procura sul processo a carico del maresciallo Franco Mottola, della moglie Anna Maria, del figlio Marco, del maresciallo Vincenzo Quatrale e dell’appuntato Francesco Suprano. Mottola, i suoi familiari e Quatrale sono accusati di concorso in omicidio. Per Quatrale si ipotizza anche l’istigazione al suicidio del brigadiere Santino Tuzi, mentre l’appuntato Francesco Suprano deve rispondere di favoreggiamento.

Spinta contro una porta in caserma e uccisa – Secondo la Procura di Cassino la studentessa morì dopo essere stata spinta contro una porta dentro la caserma dei carabinieri di Arce, forse dopo un litigio con il figlio di Mottola, Marco. La ricostruzione del delitto tratteggiata dalla perizia medico-legale indicò una compatibilità tra lo sfondamento della porta dell’alloggio della caserma dei carabinieri di Arce e la frattura cranica riportata dalla 18enne. Fu inoltre accertata la “compatibilità tra i microframmenti rinvenuti sul nastro adesivo che avvolgeva il capo della vittima e il legno della porta, così come con il coperchio di una caldaia della caserma”, aveva spiegato il procuratore di Cassino, Luciano d’Emmanuele.

Il corpo portato nel bosco dopo la morte – La svolta nelle indagini fu la perizia del Ris che rilevò come il corpo di Serena, ormai senza vita, fu spostato nel boschetto dell’Anitrella dove fu poi trovato con mani e piedi legati dal nastro adesivo e una busta di plastica in testa. Durante le nuove indagini, gli inquirenti hanno ascoltato 118 testi, molti dei quali scelti tra i 1.137 più volte sentiti nei diciotto anni di ricerca della verità per il delitto di Arce. La vicenda giudiziaria dell’omicidio della 18enne è stata lunga, tortuosa e segnata da episodi anche inquietanti. Due anni dopo il delitto fu arrestato con le accuse di omicidio e occultamento di cadavere Carmine Belli, un carrozziere poi prosciolto nel 2006 da ogni accusa della Cassazione. Ad aggiungere mistero anche il suicidio del carabiniere Santino Tuzi che nel 2008, prima di essere ascoltato dai magistrati, si uccise sparandosi nella sua auto.

Un caso che resta avvolto dal mistero, un omicidio che potrebbe essere stato scatenato da un movente terribile: forse Serena il giorno in cui morì era andata nella caserma dei carabinieri per denunciare alcuni traffici legati alla droga. Successivamente la lite e poi la tragedia.

Continua a leggere

I più letti