Connect with us

Primo piano

REGIONE PIEMONTE: TUTTI GLI ELETTI IN REGIONE CON SERGIO CHIAMPARINO PRESIDENTE

Clicca e condividi l'articolo

Nove Gruppi regionali, contro 16, e 50 consiglieri anziché 60. L’ex sindaco di Torino conquista il 47,09% dei voti nella regione.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Redazione

Piemonte – Sergio Chiamparino è il nuovo presidente del Piemonte. A scrutinio terminaato (4.832 sezioni su 4.832), l’ex sindaco di Torino conquista il 47,09% dei voti nella regione. Testa a testa fra il candidato del centro destra, Gilberto Pichetto, e quello di 5 Stelle, Davide Bono. Pichetto a spoglio teminato ha ottenuto il 22,09% dei voti in tutta la regione. Bono, invece, si attesta al 21,45% in regione. Seguono Guido Crosetto per Fdi-An (5,24% in regione), Enrico Costa per Ncd-Udc (2,98%) e Mauro Filingeri per L’Altro Piemonte a sinistra (1,12%).

Sergio Chiamparino, presidente del Piemonte, commenta dal palco di piazza Madama Cristina a Torino: “Ormai abbiamo i numeri per governare senza fare alleanze e alchimie politiche”. Tra i primi atti conferma il taglio dei rimborsi, mentre dichiara di non aver mai pensato a un “testa a testa” con il Movimento Cinque Stelle. “Con Renzi? Ci siamo trainati a vicenda”. E incassa il ‘tweet’ di Renzi che manda “un abbraccio ai nuovi sindaci” e un “bentornato a casa @SergioChiampa #italiariparte”.

Nove Gruppi regionali, contro 16, e 50 consiglieri anziché 60. In base ai dati del Ministero dell'Interno, diffusi a tarda notte a spoglio ormai concluso, e alle riforme dell'ultima legislatura, prende corpo il nuovo Consiglio regionale del Piemonte. Chiamparino, presidente eletto, si porta dietro i 10 consiglieri del listino. Nella quota proporzionale il centrosinistra elegge anche 17 consiglieri Pd, 2 della lista Chiamparino per il Piemonte, uno ciascuno per Moderati, Sel e Scelta Civica.
Le opposizioni eleggono invece il candidato presidente secondo classificato, Gilberto Pichetto Fratin. Eletti anche sei consiglieri di Forza Italia, due della Lega Nord, otto del Movimento 5 Stelle e uno di Fratelli d'Italia.
Non superano lo sbarramento, e quindi non eleggono consiglieri, Ncd e L'Altro Piemonte a sinistra.
Ecco i dieci consiglieri eletti nel listino di Chiamparino: Aldo Reschigna, Enrica Baricco, Maria Carla Chiapello, Marco Grimaldi, Gabriele Molinari, Silvana Accossato, Valentina Caputo, Nadia Ponticelli, Antonio Ferrentino, Giorgio Ferrero.
Sulla base delle preferenze accreditate dal Ministero dell'Interno, i consiglieri eletti sono:

– Pd – Davide Gariglio, Gianna Pentenero, Mauro Laus, Nino Boeti, Raffaele Gallo, Daniele Valle, Andrea Appiano, Elvio Rostagno (Torino); Francesco Balocco, Paolo Alemano (Cuneo); Domenico Ravetti, Domenico Ottria (Alessandria); Augusto Ferrari (Novara); Giovanni Corgnati (Vercelli); Vittorio Barazzotto (Biella), Angela Motta (Asti), Aldo Reschigna (Verbania – eletto anche nella quota maggioritaria, dovrà optare).
– Chiamparino per il Piemonte – Mario Giaccone (Torino); Alberto Valmaggia (Cuneo).
– Moderati – Giovanni Maria Ferraris (Torino).
– Sel – Monica cerutti (Torino).
– Scelta Civica – Alfredo Monaco (Torino).
– Forza Italia – Daniela Ruffino, Claudia Porchietto, Gian Luca Vignale (Torino); Franco Graglia (Cuneo); Massimo Berutti (Alessandria); Diego Sozzani (Novara).
– Lega Nord – Alessandro Benvenuto (Torino); Gianna Gancia (Cuneo).
– Movimento 5 Stelle – Davide Bono, Giorgio Bertola, Francesca Frediani, Stefania Batzella, Federico Valetti (Torino); Mauro W.
Campo (Cuneo); Paolo Mighetti (Alessandria); Gianpaolo Andrissi (Novara).
– Fratelli d'Italia – Maurizio Marrone (Torino).

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Economia e Finanza

Mario Draghi all’assemblea di Confindustria: “Il Governo non ha intenzione di aumentare le tasse”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

“La crescita che abbiamo davanti è un rimbalzo, legato alla forte caduta del prodotto interno lordo registrata l’anno scorso. Nel 2020, l’economia italiana si è contratta dell’8,9%, una delle recessioni più profonde d’Europa. Era dunque inevitabile che alla riapertura si accompagnasse una forte accelerazione dell’attività. La sfida per il Governo – e per tutto il sistema produttivo e le parti sociali – è fare in modo che questa ripresa sia duratura e sostenibile.” Lo dice, all’assemblea di Confindustria, il premier auspicando un “patto economico, produttivo, sociale del Paese”. “Ci sono tantissime cose di cui discutiamo continuamente che possono essere materia di questo patto – ha rilevato -. La definisco una prospettiva economica condivisa. Bisogna mettersi seduti tutti insieme”

Il presidente del Consiglio ha anche tenuto a precisare che il governo non intende aumentare le tasse. “Voglio riaffermare, penso sia importante, -che il governo da parte sua non ha intenzione di aumentare le tasse. In questo momento i soldi si danno e non si prendono”.  

“Le previsioni del governo che presenteremo a giorni stimano una crescita intorno al 6% quest’anno, a fronte del 4,5% ipotizzato in primavera”, ha detto  Draghi. 

“Per assicurare la sostenibilità della ripresa dobbiamo prima di tutto impedire che ci siano altre significative ondate di contagio – ha aggiunto il premier – Il governo sta agendo con la massima determinazione per evitare nuove chiusure. Voglio quindi ringraziare ancora una volta gli italiani per la convinzione con cui hanno aderito alla campagna vaccinale, e le imprese per l’impegno dimostrato nel cooperare alla sua organizzazione”.

“Dobbiamo evitare i rischi congiunturali che si nascondono dietro questo momento positivo, preservare buone relazioni industriali, perché assicurino equità e pace sociale e accelerare con il nostro programma di riforme e investimenti, per migliorare il tasso di crescita di lungo periodo dell’economia italiana”, ha sottolineato Draghi  

“A oggi, oltre 41 milioni di italiani hanno completato il ciclo vaccinale, quasi il 77% della popolazione con più di 12 anni – ha detto ancora -. E siamo vicini a raggiungere e poi superare l’obiettivo che c’eravamo posti, ovvero immunizzare entro fine settembrel’80% della popolazione vaccinabile”.

 ll “green pass” – per il presidente del Consiglio, è uno strumento di libertà e sicurezza, per difendere i cittadini e i lavoratori e tenere aperte le scuole e le attività economiche. Voglio ringraziare Confindustria che ha da subito lavorato insieme al governo e ai sindacati per trovare un accordo sull’estensione del “green pass” ai luoghi di lavoro”

“Se riusciremo a tenere sotto controllo la curva del contagio, potremo allentare ulteriormente le restrizioni che sono ancora in vigore – ad esempio nei luoghi di lavoro, nei cinema, nei teatri, negli stadi e negli altri spazi di sport e cultura”

“Nel mese di ottobre – ha annunciato Draghi -, intendiamo approvare un provvedimento che dia impulso alla concorrenza. A voi imprese chiedo di appoggiarlo con convinzione. Il rafforzamento dell’economia passa attraverso l’apertura dei mercati e non la difesa delle rendite”.   

“Niente è più facile che nel momento in cui il quadro complessivo cambia ha sottolineato -, le relazioni industriali vadano particolarmente sotto pressione e invece bisogna essere capaci di tenerle. Le parole di Bonomi suggeriscono che si possa iniziare a pensare a un patto economico, produttivo, sociale del Paese. Ci sono tantissime cose di cui discutiamo continuamente che possono essere materia di questo patto. La definisco una prospettiva economica condivisa. Bisogna mettersi seduti tutti insieme”. 

“Le buone relazioni industriali sono il pilastro della unità produttiva – ha continuato -. Questa mia frase viene da apparente somiglianza tra oggi e il dopoguerra come ricordava Bonomi prima, c’è stata una catastrofe, come allora, c’è una forte ripresa, come allora, con tassi che abbiamo visto solo in quegli anni”, ha affermato Draghi.

“Mi è venuto spontaneamente di chiedermi come mai dopo gli anni ’60 si sono interrotti i tassi di crescita e, come mi disse un amico, il giocattolo si è rotto. Le mutazioni del quadro internazionale, Bretton Woods, il prezzo del petrolio, due guerre, la grande inflazione, hanno cambiato il quadro internazionale, ma anche in questo quadro così difficile alcuni Paesi hanno affrontato gli anni ’70 con successo e una caratteristica che separa gli altri Paesi dall’Italia è il sistema delle relazioni industriali che lì sono state buone, mentre da noi col finire degli anni ’60 si è assistito alla totale distruzione delle relazioni industriali. Perciò insisto su questo, perché niente è più facile che nel momento in cui il quadro cambia, le relazioni vadano particolarmente sotto pressione e invece bisogna essere capaci di tenerle”. 

Confindustria si augura che il premier Mario Draghi “continui a lungo nella sua attuale esperienza” e avverte: prosegua “senza che i partiti attentino alla coesione del Governo pensando alle prossime amministrative con veti e manovre in vista della scelta da fare per il Quirinale”. Il presidente Carlo Bonomi dedica ampio spazio della sua relazione all’assemblea annuale degli industriali alla figura di Draghi, uno degli “uomini della necessita”, diverso dagli “uomini della provvidenza” come chi ha dato vita a “un regime ventennale di oppressione” e dagli “uomini del possibile”, quelli del “calcio alla lattina”, del “rinvio eterno”. Le riforme bisogna farle adesso. Basta rinvii, basta giochetti, basta veti. Davvero basta”, avverte il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, esprimendo la “preoccupazione” per il cronoprogramma per le rforme legate al Pnrr che “rischia di slittare”. Per gli industriali “è una strada profondamente sbagliata quella del gioco a risiko delle bandierine del consenso effimero”. Confindustria “si opporrà a tutti coloro che vorranno intralciare il precesso delle riforme”; ” A chi flirta con i no vax invece di pensare alla sicurezza di cittadini e lavoratori, come a chi pensa che questo Governo è a tempo”.

Continua a leggere

Esteri

Usa, ok di Fda a somministrazione 3 dose Pfizer da 65 anni in su

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

La Food and Drug Administration (Fda), l’agenzia Usa preposta al controllo dei farmaci, ha autorizzato la terza dose del vaccino Pfizer per le persone dai 65 anni in su e per quelle fragili, ossia ad alto rischio di contrarre forme severe di Covid-19 o di gravi complicazioni.

L’agenzia ha seguito le raccomandazioni date nei giorni scosi dal suo comitato di esperti indipendenti. A breve dovrebbe esprimersi anche i Centers for Disease Control and Prevention (Cdc), l’agenzia federale Usa per la prevenzione delle malattie.

Continua a leggere

Primo piano

Covid, ancora in calo i casi insieme a ricoveri e terapie intensive

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Continuano a calare i casi di Covid-19, segnando un -14,9% in una settimana, così come calano ulteriormente ricoveri e terapie intensive.

Stabili i decessi di persone infettate dal Sars-Cov-2, pari a 394 in una settimana (di cui 33 riferiti a periodi precedenti). Lo evidenzia il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe relativo al periodo 15-21 settembre, che ribadisce però preoccupazioni per la ripresa del nuovo anno scolastico, considerato che “con la variante delta le attuali misure risultano insufficienti a limitare i contagi”.

A fronte di scorte che superano le 10 milioni di dosi, crollano i nuovi vaccinati, che in sole due settimane vedono una riduzione del 41% con solo poco più di 486.000 prime dosi effettuate dal 15 al 21 settembre. L’esitazione vaccinale persiste negli over 50 e frena la vaccinazione nella fascia 12-19 anni. Lo evidenzia il nuovo monitoraggio della Fondazione Gimbe. 

Continua a leggere

I più letti