Connect with us

Rieti

Rieti, arrestato pusher 55enne mentre spaccia cocaina a Vazia

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

RIETI – In manette un pregiudicato 55enne di Rieti colto in flagranza di reato mentre spacciava cocaina. Ad arrestare il pusher i Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia di Cittaducale impiegati da giorni in servizi finalizzati a reprimere lo spaccio di stupefacenti.

I militari, nel pomeriggio di ieri, transitando davanti ad un noto esercizio commerciale di Vazia, hanno notato due uomini, già noti a loro noti, che si appartavano parlando in modo circospetto mentre si scambiavano qualcosa con le mani.

Il tempestivo intervento e la successiva perquisizione personale immediatamente eseguita a carico dei due ha permesso di sequestrare 4,5 grammi di cocaina, confezionate in più dosi da mezzo grammo l’una pronte per la vendita, delle quali una appena passata di mano tra i due, nonché il sequestro di 150,00 euro, ritenuti provento dell’attività di spaccio.

Nel corso della perquisizione domiciliare eseguita a carico dell’individuo individuato quale spacciatore, è stato rinvenuto e sequestrato anche materiale per il confezionamento delle dosi ed un bilancino di precisione.
A.F., dopo il fotosegnalamento, è stato sottoposto al regime degli arresti domiciliari presso la propria abitazione, a disposizione della Procura della Repubblica di Rieti.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Cronaca

Rieti, scomparsa di Silvia Cipriani: trovati resti umani riconducibili alla pensionata

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

RIETI – Ritrovati oggi pomeriggio di oggi resti umani che con tutta probabilità appartengono al corpo di Silvia Cipriani, la 77enne di Rieti scomparsa lo scorso 21 luglio. Oltre ai resti anche alcuni vestiti della donna che sono stati repertati e portati a Roma per la verifica del Dna. Le ricerche erano ripartite questa mattina dopo che lo scorso lunedì era stata trovata l’auto in zona Scrocco a Montenero Sabino, e ieri di una scarpa e della borsa della donna.

Silvia Cipriani 77 anni è scomparsa tra Cerchiara e zona viale Matteucci, dove risiede, lo scorso mese di luglio dopo essersi allontanata a bordo della sua Fiat Palio grigia metallizzata.

Continua a leggere

Cronaca

Cittaducale, prevenzione truffe agli anziani: i Carabinieri incontrano la popolazione

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti

image_pdfimage_print
CITTADUCALE (RI) – I Carabinieri della Stazione di Cittaducale, con la collaborazione del Sindaco Leonardo Ranalli e dei Presidenti dei Centri Sociali di Cittaducale e Santa Rufina, hanno incontrato la popolazione più vulnerabile per sensibilizzarla e tutelarla contro l’aumento delle truffe, in particolar modo telefoniche, registrate negli ultimi tempi.
 
Delinquenti scaltri e senza scrupoli, fingendosi finti avvocati, appartenenti alle forze dell’ordine, funzionari delle Poste o della Banca, con modi estremamente cortesi e affabili, spesso prima avvicinano telefonicamente la persona anziana chiedendo soldi, assolutamente non dovuti, per sanare una vicenda giudiziaria di un parente, ripianare un debito, pagare delle bollette insolute, pagare un prodotto ordinato da parte di parenti della vittima stessa, facendo subito dopo presentare dei complici presso le abitazioni dei malcapitati per il ritiro del denaro e di oggetti preziosi.
 
L’appello rivolto alla popolazione dagli uomini dell’Arma ai cittadini, e in special modo agli anziani che vivono soli e in zone più isolate, è quello di non fidarsi di chi non si conosce: i truffatori hanno un’apparenza distinta, una voce cordiale, offrono la massima disponibilità e hanno un aspetto tranquillizzante, insomma l’ideale per conquistare la fiducia e riuscire ad introdursi nelle case con cattive intenzioni. Quando al telefono qualcuno chiede denaro per qualsiasi motivo bisogna rivolgersi  immediatamente alla Stazione Carabinieri del proprio paese o al numero 112, e, se questo non fosse possibile, ad un vicino di casa o ad un parente, segnalando ogni richiesta formulata da sconosciuti, così che possano essere effettuati tempestivi interventi risolutivi nei confronti di questi malviventi, i quali, sapientemente, ricorrono ad efficaci tecniche di manipolazione per poter indurre in errore ignare vittime e procurarsi ingiusti profitti.
Durante l’incontro, che ha destato l’interesse dei presenti, è stato commentato e diffuso un volantino, redatto dal Comando Provinciale di Rieti, contenente consigli e suggerimenti pratici per difendersi dalle truffe.
 
 
 



Continua a leggere

Cronaca

Truffe su TikTok: denunciate due pseudo maghe. Si cerca terzo complice

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

RIETI – Due donne, residenti a Genova ed in provincia di Monza Brianza, sono state denunciate dal personale della Squadra Mobile della Questura di Rieti per i reati di estorsione in concorso tra loro e con una persona al momento rimasta ignota.

Durante i servizi finalizzati al contrasto della criminalità diffusa, gli Agenti della Polizia di Stato hanno ricevuto la denuncia di una donna reatina che ha raccontato di alcune perduranti minacce subite da parte di due donne e di un uomo, alle quali si era rivolta, sulla piattaforma TikTok, per avvicinarsi alla c.d. “magia bianca” che l’avrebbe potuta aiutare nella sua vita.

Gli investigatori della Polizia di Stato hanno intrapreso una attività di indagine volta al rintraccio ed alla identificazione dei responsabili, evidenziando come la vittima, una donna reatina di quasi 50 anni, dopo essere entrata in contatto con le due sedicenti “cartomanti”, era stata costretta ad effettuare numerose ricariche di carte PostePay, rivelatesi poi nella disponibilità delle due “maghe”, per importi variabili da 30 a 200 euro, dietro minacce perpetrate da un uomo che contattava la vittima telefonicamente, costringendola a pagare per evitare di subire accadimenti infausti.

Le due “fattucchiere” sono state, pertanto, denunciate in stato di libertà alla locale Autorità Giudiziaria per il reato di estorsione, in concorso tra di loro e con un uomo, al momento rimasto ignoto e le cui indagini, che proseguono da parte degli investigatori reatini, sono volte al suo rintraccio.

Continua a leggere

I più letti