Connect with us

Rieti

RIETI: CON LA “BANDANA” SULLA SALARIA A FOLLE VELOCITA’

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti Facebook e Gopro (minitelecamera) e scatta la sfida fra centauri.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Redazione

Rieti – Cosa hanno a che fare uno dei più conosciuti Social Network con la Gopro minitelecamera ormai tanto  in voga tra gli appassionati di sport estremi, e una potente moto da strada?  Sembrerebbe nulla….. invece il nesso è semplicissimo; ci si incontra fra centauri su Facebook, si concorda il giorno e la strada, si monta la telecamera sulla moto  e il “gioco” è fatto.

Purtroppo, però, quello che potrebbe sembrare un’interessante combinazione di passioni, diventa una sorta di  pericolosissimo gran premio motociclistico sulle strade di tutti i giorni, dalle conseguenze spesso tragiche.

E’ esattamente quanto è accaduto  sulla Salaria, dove  tre “piloti” in sella alle loro potenti moto,  percorrendo la consolare in direzione Rieti, seminavano il panico tra gli automobilisti che increduli pensavano  bene  di avvisare il 113 per evitare gravi incidenti stradali e  porre fine alla folle corsa.

La Sala Operativa della Polizia Stradale di Rieti  a seguito delle numerosissime  segnalazioni, predisponeva tempestivamente una pattuglia nei pressi della galleria “Colle Giardino”, alle porte della città,  che  riusciva ad intercettare i tre motoveicoli lanciati a folle velocità.

Manca la “bandana” ???…….no anzi!! Gli spericolati motociclisti avevano anche quella, ma non sotto il casco o al collo come verrebbe facile da pensare, ma saldamente  avvolta sulla targa,  al fine di renderla illeggibile ed eludere eventuali posti di controllo della Stradale  risparmiando così costosissime soste ai box.

Forti di questo stratagemma due di loro, anziché fermarsi all’alt dei poliziotti, proseguivano la marcia rischiando inoltre di travolgere l’operatore della Stradale  e si allontanavano velocemente, facendo perdere le loro tracce, mentre il terzo motociclista decideva giudiziosamente di  fermarsi subito e fare i conti con la legge.

Da un primo controllo della moto, emergeva da subito l’uso della bandana sulla targa e veniva  individuata la famosa Gopro montata sul fianco sinistro del mezzo; diramata la descrizione delle moto fuggite, una seconda pattuglia  intercettava le stesse alla fine della galleria, ma ancora una volta  i conducenti  non ottemperavano all’obbligo di fermarsi imposto dagli agenti e proseguivano la marcia, dileguandosi  di nuovo.

Dopo essersi separati per rendere ancora più difficili le ricerche, uno dei due motociclisti veniva individuato grazie alla prontezza operativa e al colpo d’occhio della seconda pattuglia della Stradale, che nel  frattempo si era messa sulle loro tracce, all’interno di una’area di servizio nascosto dietro la struttura del bar per non essere scorto.

Anche qui lo stesso copione, targa rigorosamente coperta dalla bandana e telecamera  sulla moto: a questo punto il terzo motociclista veniva “invitato” dal compagno a raggiungerlo per  fare  due chiacchiere con la Polizia Stradale.

I tre “piloti”  venivano identificati per  B.A. 26 di Roma, P.L. 24 anni di Roma e S.O.A. 26 anni  nato in Romania ma residente a Palombara Sabina:  i primi due venivano denunciati per resistenza a Pubblico Ufficiale  per non  essersi fermati all’alt imposto dagli agenti  e per falsità materiale e uso di atto falso  in relazione alla targa coperta con la bandana,  mentre il terzo motociclista, l’unico fermatosi fin da subito, veniva denunciato per i soli reati previsti per l’occultamento doloso della targa.

Gli operatori della Polizia stradale  visionavano  le immagini registrate dalle videocamera montate sulle moto  e accertavano condotte pericolosissime: velocità: sorpassi mozzafiato  e curve al limite, adrenalina allo stato puro dove la realtà prendeva, purtroppo,  il posto della simulazione. Fortunatamente  l’intervento degli agenti ha messo fine alla  folle corsa evitando il peggio.    

Cronaca

Rieti, Nas chiude un ristorante cinese: gravi carenze igienico – sanitarie

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

I Carabinieri della N.A.S. di Viterbo, nell’ambito di una campagna di
controllo nel settore della ristorazione e degli alimenti etnici, disposta dal
Comando Carabinieri per la Tutela della Salute di Roma, hanno segnalato
all’A.S.L. di Rieti il gestore di un ristorante cinese.
Il controllo, effettuato unitamente ai Carabinieri della Stazione di Rieti,
infatti, ha consentito di riscontrare nel ristorante gravi carenze igienico-
sanitarie e strutturali e un’attività esercitata in modo non conforme alle norme
sulla sicurezza alimentare.
Il personale dell’ASL di Rieti, in relazione alle criticità rilevate, ha disposto
l’immediata chiusura dell’attività, il cui valore è stimato intorno ai 500.000
euro, fino al ripristino delle condizioni di sicurezza.
Ammonta a 1000 euro l’importo delle violazioni amministrative contestate al
ristoratore.

Continua a leggere

Cronaca

Castel di Tora, operativa la nuova Stazione dei Carabinieri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

CASTEL DI TORA (RI) – Nuova Stazione dei Carabinieri a Castel di Tora. Il nuovo comando è diventato operativo a partire dallo scorso giovedì 5 maggio e ha di fatto sostituito il Comando di Ascrea ereditandone la giurisdizione e cioè i territori dei Comuni di Ascrea, Paganico Sabino e Colle di Tora oltre ovviamente a quello di Castel di Tora.

La nuova Caserma si trova in via Piana nr. 1 ed è già aperta al pubblico secondo gli orari stabiliti per Ascrea, esposti all’ingresso della Stazione.

In orario di apertura, è possibile contattare telefonicamente i Carabinieri di Castel di Tora, comandati dal Maresciallo Maggiore Alberico LUPI, all’utenza telefonica 0765/723113 oltre che al 112, Numero Unico di Emergenza Europeo.

Continua a leggere

Cronaca

Cantalice, 50enne arrestato quattro volte nel giro di due settimane

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Ruba una moto da mini cross e sfreccia per il paese

CANTALICE (RI) – Arrestato per la quarta volta nel giro di sole due settimane un 50enne di Cantalice. L’uomo, che si trovava già sottoposto alla sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno nel proprio comune, è stato arrestato in flagranza di reato dai Carabinieri di Cantalice e della Stazione di Rivodutri per il furto di una mini-moto da cross.

I militari, durante un servizio sul territorio hanno notato il 50enne sfrecciare alla guida di una mini moto da cross. Lo stesso, veniva immediatamente fermato e al controllo il mezzo presentava il blocchetto di accensione forzato in quanto era stato appena sottratto al legittimo proprietario, che ne ha successivamente denunciato il furto.

L’uomo, dopo il foto segnalamento, è stato denunciato in stato di arresto per il reato di furto alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Rieti.

Continua a leggere

I più letti