Connect with us

Rieti

RIETI PENDOLARI TRASPORTO PUBBLICO: DOMANDE URGENTI A COTRAL, TRENITALIA, REGIONE LAZIO, RFI

Clicca e condividi l'articolo

Molti i problemi evidenziati, molte le promesse fatte, poche quelle mantenute ad oggi soprattutto da Co.Tra.L.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

A cura del Comitato pendolari reatini

Pendolarismo a Rieti e provincia: certezze…….o solo promesse? E' giunta l'ora di smettere di nasconderci dietro un dito e di cominciare a scoprire le carte!

L'abbiamo sempre detto e lo confermiamo anche ora: non facciamo sconti a nessuno! Era il 26 novembre 2013 quando il Prefetto di Rieti riuniva intorno allo stesso tavolo Regione Lazio, Co.Tra.L, Trenitalia, Comitati di rappresentanza dei pendolari, Comune di Rieti e Provincia di Rieti per affrontare in maniera forte e decisa il problema del pendolarismo nella nostra Provincia.
Molti i problemi evidenziati, molte le promesse fatte, poche quelle mantenute ad oggi soprattutto da Co.Tra.L.

Ne sono testimonianza gli episodi avvenuti tra mercoledì 7 e venerdì 9 maggio, dove una stessa vettura, il pullman bipiano n° 0027, ha subito la stessa avaria in 3 giorni consecutivi, pur effettuando servizi in linea differenti.

La vettura si è dovuta fermare per problemi di temperatura dell’acqua di raffreddamento del motore , con grave rischio da parte dell’autista di rovinare il motore e con ripetuti disagi per l’utenza.
Non c’è da meravigliarsi poi se sulla stampa siano presenti, con sempre maggior frequenza, notizie inerenti pullman Co.Tra.L che prendono fuoco. Stiamo assistendo purtroppo ad una ennesima commedia tragicomica degna del miglior teatro shakespeariano.
Come quella andata in scena in occasione del ritrovamento della famosa zecca, con l’azienda Co.Tra.L a ribadire che le pulizie e le igienizzazioni delle vetture erano in linea con l’appalto Cometa, versione poi sconfessata dall’indagine ispettiva dell’ASL di Rieti, o come quella avvenuta un venerdì mattina dello scorso anno, documentata da una telecamera di RAI 3, dove mentre un pullman in servizio scolastico giungeva nel piazzale del capolinea di Rieti con la porta anteriore penzolante, l’AD Vincenzo Surace ribadiva che sicuramente si trattasse dello scherzo di qualcuno e che la manutenzione dei mezzi fosse puntuale ed efficiente.
E’ di poco prima di Pasqua la notizia da parte di Co.Tra.l della messa in campo di nuova turnazione tra gli autisti, turnazione entrata in vigore il 14 aprile scorso e che stando alle premesse doveva o avrebbe dovuto garantire il rispetto delle tabelle di esercizio.
Così è sembrato essere nei primi giorni di messa in esercizio della nuova turnazione, con pochissime soppressioni e pochissimi guasti, ma è bastato superare il ponte pasquale e quello del 1 maggio, per ritrovarci a segnalare dapprima una giornata con ben 13 vetture ferme per varie avarie e nell’ultima settimana la vettura sopramenzionata ferma per ben 3 volte in 3 giorni diversi per lo stesso identico problema.

E’ evidente oramai che non si possa più rimandare un intervento che ponga rimedio ad un parco vetture vecchio e cadente, dove forse non basta più nemmeno una manutenzione costante ed efficace, e che non serva soltanto un razionale utilizzo o un maggior utilizzo di risorse umane rispetto a quelle attuali se a mancare sono vetture idonee per un servizio in linea con i migliori standard di efficienza.
Come Comitato chiediamo ora interventi risolutivi e risolutori, chiediamo di porre in essere ogni possibile soluzione per uscire da questa tunnel buio e questa richiesta la rivolgiamo indistintamente all’azienda Co.Tra.L e alla Regione Lazio.
Nello specifico, per non alimentare dubbi ulteriori e incomprensioni, chiediamo all’AD Surace e al Presidente De Vincenzi di fornire risposte, pubblica ed ufficiale, sulle seguenti criticità:

1) i motivi di queste continue avarie, anche alla luce delle problematiche patite dalla vettura 0027 sopramenzionata, e se esista un piano di manutenzione, costante ed efficiente che interessi l’intero parco pullman.

2) se ci siano sufficienti professionalità, sia in termini di esperienza sia in termini numerici, per manutenere l’attuale parco pullman e se queste siano interne o esterne.
E qualora fossero esterne, il perché si debba appaltare all’esterno un servizio di manutenzione (vedasi anche l’ultimo bando di gara di maggio 2014 di Euro 14.753.367 pubblicato sul sito ufficiale Co.Tra.L (http://www.cotralspa.it/Bandi_visualizza.asp ) , anche e soprattutto alla luce dell’annuncio della realizzazione di un nuovo deposito Co.Tra.L a Rieti, fiore all’occhiello dell’azienda, come pubblicamente affermato e sbandierato dai vertici aziendali lo scorso anno;

3) perché ad oggi, dopo la ricapitalizzazione operata dalla Regione Lazio, non siano state ancora attivate le procedure per il sub-affido del 10% dei km percorsi annualmente dal Co.Tra.L, affidando a privati o cooperative linee periferiche dirottando mezzi e uomini sulle maggiori direttrici, possibilità prevista nel contratto di servizio in essere con la Regione Lazio;

4) perché le procedure per poter utilizzare pullman in leasing, in attesa dell’acquisto di nuovi pullman per la flotta Co.Tra.L., non si siano potute attivare già da tempo invece di attendere la chiusura dell’attuale anno scolastico, così come contenuto in una vs. email del 15.04.2014 in risposta ad un sollecito da parte della Prefettura del 29.03.2014;

5) perché sulla direttrice Rieti-Roma non sia ancora partita la campagna “Controllo a vista” avendo ripetutamente segnalato la presenza di portoghesi sia nel tratto extraurbano sia e soprattutto nel tratto urbano di Roma;

6) perché non si è ancora incentivato e potenziato il collegamento Rieti-Pass Corese, per formulare un’offerta che tenga conto dell’integrazione gomma/ferro più volte ascoltata negli incontri in Regione Lazio;

Al Presidente della Regione Zingaretti e agli Assessori Civita e Refrigeri invece chiediamo una risposta, pubblica ed ufficiale, sul perché con un bando di gara per l’acquisto di 600 nuovi pullman chiuso con assegnazione a giugno 2013, ad oggi non ci siano ancora certezze sulla data del primo ordinativo di 200 pullman e soprattutto se esista realmente la copertura finanziaria per lo stesso.

Congiuntamente a Co.Tra.L e alla Regione Lazio chiediamo risposta, pubblica ed ufficiale, ad alcune richieste specifiche da noi inoltrate e sollecitate più volte:

1) perché non è più partito o non è più stato avviato un nuovo monitoraggio delle frequentazioni di fermate e tratte, da noi proposto a più riprese, mirante ad ottenere una razionalizzazione ed un’ottimizzazione di risorse e mezzi attuali;

2) perché non è mai stata fornita risposta alla nostra richiesta di attivazione di 2 fermate (Mascagni e Stazione Tiburtina) di estrema importanza per l’utenza della Provincia di Rieti e alla nostra richiesta di regolamentazione di utilizzo delle fermate nel transito urbano in entrata ed uscita da Roma;

3) perché non è mai stata fornita risposta alcuna alle nostre proposte per il miglioramento e l’efficientamento sia del capolinea Tibus di Roma sia del capolinea di Rieti e cioè lo spostamento del presidio Co.Tra.L vicino gli stalli del Tibus e l’installazione di pensiline e punti vendita per abbonamenti annuali a Rieti, quest’ultimi da concertare con il Comune di Rieti;

4) perché non è mai stata fornita risposta alle nostre richieste di chiarimenti in merito alle normative e ai regolamenti riguardo l’uso delle bagagliere, la gestione del superamento del numero di persone in piedi ammesso durante la marcia e la regolamentazione delle modalità di salita degli utenti nella zona del capolinea.

Concludiamo con Trenitalia, RFI e Regione Lazio alle quali chiediamo risposte, pubblica ed ufficiale, ad alcune richieste peraltro recenti ma sollecitate più volte, inerenti la linea ferroviaria L’Aquila-Rieti-Terni-Roma:

1) istituzione di una ulteriore corsa diretta nelle primissime ore del mattino e di ulteriori 1 o 2 corse dirette nella fascia oraria del tardo pomeriggio/sera;

2) verifica dei nuovi orari previsti a partire dal 14 giugno per evitare assolutamente

l’interruzione della linea durante il periodo estivo per manutenzione della stessa

(proponibile farlo durante le ore notturne o limitarlo solo alla tratta interessata), verificando le

motivazioni che insistono dietri queste attività manutentive, scongiurandone l’eventuale

paventata eliminazione dei punti di incrocio fisici, attività che penalizzerebbe

irrimediabilmente il futuro della stessa linea;

3) monitoraggio e ottimizzazione dei tempi di incrocio attuali sulla linea e ripristino di tutti o parte degli incroci ad oggi disattivati, per velocizzare la percorrenza lungo l’intera tratta L’Aquila-Rieti-Terni;

4) garanzia delle coincidenze, ove non possibile l’attivazione di altre corse dirette, rendendo più agevole il cambio treno in prossimità dell’orario di coincidenza a Terni (sia in termini di intervallo di tempo sia in termini di attestamento dei treni sulla banchina vicino o di fronte a

quella di arrivo/partenza dei treni da e verso Roma);

5) ufficializzazione dell’accordo tra Regione Umbria, Regione Lazio e Trenitalia, per l’abolizione dell’autorizzazione particolare ed il riconoscimento della validità dei titoli metrebus a zone, previa esibizione del proprio documento attestante la residenza a Rieti e Provincia, che permetta il transito tra Orte e Labro via Terni, e di conseguenza il passaggio da Roma a Rieti;

Rimaniamo in attesa di riscontri alla presente, questa volta non con l’auspicio ma con la ferma volontà di voler ottenere risposte finalmente definitive e tempi e date certi.

 

Cronaca

Borgorose, arriva il metano: 40 chilometri di nuove condotte

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

BORGOROSE (RI) – Il metano è finalmente una realtà anche per i cittadini e per la zona industriale di Borgorose. Il 17 giugno il Comune e Italgas inaugurano, infatti, la rete di distribuzione cittadina del gas
naturale con la tradizionale cerimonia di accensione della fiaccola.

L’impianto ha richiesto la posa da parte di Italgas di 40 chilometri di nuove condotte che serviranno a collegare alla rete – proveniente dalla zona industriale – il nucleo abitato e le famiglie di Borgorose che saranno così stabilmente approvvigionate del gas naturale, fonte energetica sicura, economica e sostenibile.

Borgorose va così ad aggiungersi a tutte le località che, negli ultimi mesi, hanno potuto contare sui benefici del metano e sulle possibilità di sviluppo ad esso connesso.

Le famiglie e le aziende interessate ad allacciarsi alla rete, sono invitate a sottoscrivere l’apposita richiesta quanto prima. In seguito alla richiesta di allaccio alla rete gas e alla regolare stipula del contratto di fornitura con una società di vendita, Italgas provvederà all’installazione di misuratori intelligenti di ultima generazione (smart meters) in grado di consentire, tra le altre funzioni, la lettura in tempo reale dei consumi. Un vantaggio per il cliente finale, che vedrà la sua bolletta sempre più aderente ai consumi reali, e un importante beneficio anche per l’ambiente in virtù dei minori spostamenti necessari per svolgere la tradizionale attività di rilevazione manuale.

Continua a leggere

Cronaca

Rieti, boschetto della droga: rintracciato a Firenze uno dei pusher ricercati

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

RIETI – I Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Rieti, hanno condotto un’importante operazione rintracciando e arrestando un uomo di nazionalità marocchina ricercato in quanto destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per reati in materia di stupefacenti.

L’operazione si inserisce nella più complessa attività d’indagine che nel mese di giugno 2020 aveva portato all’arresto di tre soggetti accusati di numerose cessioni di stupefacenti, mentre altri due avevano già fatto perdere le proprie tracce. Oggi uno dei due, è stato tratto individuato a Firenze e immediatamente arrestato dai Carabinieri del capoluogo reatino.

Nel corso dell’indagine i Carabinieri erano riusciti a disarticolare il sodalizio criminale che gestiva la “piazza di spaccio” allestita all’interno dell’area boschiva in località Magnalardo del Comune di Rocca Sinibalda (RI).

Durante l’attività investigativa, nel complesso furono arrestate cinque persone, tra cui due italiani, vennero sottoposti a sequestro, in totale, oltre 200 grammi di eroina, quasi 300 grammi di cocaina e 70 di hashish, numerosi telefoni cellulari, bilancini di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi, nonché la somma di oltre € 5.000 in banconote di vario taglio provento dell’attività illecita.

I sequestri operati dai Carabinieri furono tra i più ingenti operati nel capoluogo sabino, per quantità e varietà di sostanze recuperate: lo stupefacente sequestrato, infatti, una volta immesso sul mercato, avrebbe procurato un profitto di oltre 20.000 euro. Il “volume di affari” stimato relativamente durante il periodo dell’indagine si attestò su decine di migliaia di euro, di cui in buona parte furono trasferite all’estero dove sono stati investiti per finanziare l’acquisto e la costruzione di immobili, pertanto il Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Rieti su richiesta della locale Procura della Repubblica che coordinò le indagini, emise cinque provvedimenti cautelari nei confronti di quattro soggetti di nazionalità  marocchina e di un algerino residente a Rieti.

All’epoca due marocchini vennero ristretti in carcere, rispettivamente a Pisa e Terni, mentre l’algerino venne ristretto presso la propria abitazione in Rieti in regime di arresti domiciliari. Per i due soggetti resisi irreperibili venne avviata una scrupolosa attività di ricerca culminata con l’arresto dei uno dei ricercati, rintracciato e tratto in arresto nella città di Firenze ed associato presso la casa circondariale del capoluogo toscano.

Continua a leggere

Cronaca

Rieti, festeggiamenti Santa Rita da Cascia: don Giacinto e don Casimiro benedicono i Carabinieri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

RIETI – In occasione dei festeggiamenti in onore di Santa Rita da Cascia, i Carabinieri impegnati nel servizio di controllo del territorio di Rieti sono transitati anche nei punti allestiti per la benedizione dei veicoli.

In Largo Salvo d’Acquisto, presso la Parrocchia di Santa Maria Madre della Chiesa, i militari della Compagnia e della Stazione di Rieti hanno ricevuto la benedizione dai sacerdoti don Giacinto e don Casimiro, i quali hanno invocato la protezione della Santa per gli uomini e le donne impegnati nella vigilanza a favore della popolazione reatina.

Continua a leggere

I più letti