Connect with us

Rieti

RIETI, SABINA UNIVERSITAS: ARRIVA IL POLO UNICO DEGLI STUDI UNIVERSITARI

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti L'annuncio durante un incontro tra i soci del consorzio universitario con i rettori delle università La Sapienza e Tuscia

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Red. Cultura

Rieti – Dal prossimo anno accademico la Sabina Universitas avrà una sede unica. Ad annunciarlo è stato il presidente del consorzio Maurizio Chiarinelli durante un incontro avvenuto giovedì 11 febbraio 2016 tra i soci del consorzio universitario con i rettori delle università La Sapienza e Tuscia, rispettivamente Eugenio Gaudio e Alessandro Ruggieri.

L'importante novità, arrivata dopo le decisioni prese in materia dalla Provincia di Rieti, rappresenta una svolta per  il futuro del centro formativo reatino che individuava da tempo nella necessità di creare un polo unico degli studi universitari una delle possibili chiavi per fare un decisivo cambio di passo.

Ad ospitare la sede unica del consorzio Sabina Universitas sarà l'attuale istituto per Geometri, dove già oggi c'è un spazio del consorzio, che sarà destinato ad ospitare in tutto l’edificio i corsi di ingegneria, quelli degli studi sanitari e quelli di scienze della montagna. Ad esprimere tutta la propria soddisfazione per quanto fatto è stato il presidente Maurizio Chiarinelli: "Avere qui i soci del consorzio e i rettori delle nostre università di riferimento mi riempie di orgoglio dati i risultati che stiamo ottenendo con lo sforzo di tutti che cade in un momento comunque difficile per gli enti locali e per i privati che hanno investito moltissimo nel progetto. Con l'entusiasmo di sempre e l'ottimismo che caratterizza il nostro lavoro annunciamo un risultato di primissimo piano che è quello dell'ottenimento della sede unica. Una priorità che avevamo da tempo e che crea unitarietà di luogo e di azione in un contesto favorevole che si trova in un'area centrale. Oltre a questo ci sarà una razionalizzazione dei costi che ci permetterà di rilanciare l’offerta con la certezza di poter crescere sempre di più. Ad oggi abbiamo circa 1500 iscritti, molti dei quali vengono da fuori regione, e da un calcolo fatto gli stessi generano economie per circa 10milioni di euro ogni anno. Un fattore di grande rilievo nel quale il territorio deve credere considerando il valore che rappresenta e quello che produce in termini di formazione in un contesto dove le difficoltà generali non hanno frenato l'azione messa in campo. Per questo ringrazio i soci e le due università di riferimento alle quali ribadisco che siamo pronti per nuove sfide e nuove scommesse perché la nostra azione è mirata alla crescita esponenziale dei servizi per gli studenti e alla qualità dell'offerta formativa".

Durante l'incontro i rettori Gaudio e Ruggieri, accogliendo con grande favore la notizia della sede unica, hanno evidenziato la necessità di caratterizzare sempre di più i corsi di studio del consorzio Sabina Universitas implementando formazione e numero degli iscritti. Di qui la fiducia nel percorso programmato e nell'attività consortile con la volontà di investire sempre di più nel territorio insieme agli attori locali purché si programmi a lungo termine e con la volontà di crescere progressivamente.
 

Castelli Romani

Lazio, elezioni comunali: ecco tutti i sindaci eletti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 3 minuti
image_pdfimage_print

Ecco tutti i sindaci eletti nei vari comuni del Lazio che andavano alle urne.

ROMA (provincia)

Allumiere: eletto Luigi Landi del Fronte civico per Allumiere con il 68,79% dei consensi.
Camerata Nuova: il sindaco è Settimio Liberati, eletto con il 48,09% con la lista Sviluppo e Tradizione. Sei le liste in gara. Il secondo classificato, Filippo Vittori (Camerata si rinnova) ha preso il 46,82%.
Capena: Roberto Barbetti, lista Futuro adesso, è stato eletto sindaco con il 32,46%.
Casape: eletto Giuliano Colagrossi, che ha ottenuto il 54,2% dei voti con la lista Rinascita Casape.
Castel Gandolfo: con il 62,98% il sindaco è Alberto De Angelis della lista Castel Gandolfo Futura.
Castelnuovo di Porto: Riccardo Travaglini, della lista Movimento cittadino Castelnuovo rinasce, è stato eletto soindaco con il 72,95% dei voti.
Ciciliano: Massimiliano Calore, unico candidato in quanto è stata ammessa solo la sua lista (Idee in Comune) è diventato sindaco con il 100% dei voti.
Labico: Danilo Giovannoli (Labico Bene Comune) ha vinto con il 68,23% dei voti
Lanuvio: eletto sindaco Andrea Volpi con la lista Lanuvio per la democrazia: ha preso il 54,27%.
Lariano: eletto Francesco Montecuollo, lista Insieme per Lariano, con il 55,45%.
Manziana: Alessio Telloni ha vinto con la lista Si amo Manziana e con il 67,37% dei consensi.
Mazzano Romano: con il 57,32% delle preferenze è stata eletta sindaca Nicoletta Irato (lista Progetto Mazzano).
Nemi: eletto sindaco Alberto Bertucci, lista Uniti per Nemi, con il 74,22% delle preferenze.
Nerola: con il 51,51% è diventato sindaco Domenico Lelli, della lista Il bene in comune.
Torrita Tiberina: eletta Rita Colafigli, lista Torrita bene comune, con 511 voti (il 100%)

VITERBO

Barbarano Romano: Rinaldo Marchesi eletto sindaco con il 66,72% dei voti. Si è presentato con la lista Barbarano Unito.
Capodimonte: eletto Mario Fanelli con il 44,62%, lista Capodimonte rinasce.
Capranica: Pietro Nocchi (lista Senza Frontiere) ha sconfitto gli avversari con il 74,73% dei consensi.
Castel Sant’Elia: Vincenzo Girolami, di Cambiamo insieme, eletto con il 73,75% dei voti.
Latera: Francesco Di Biagi (Insieme per Latera) eletto con il 95,91 per cento delle preferenze.
Montalto di Castro: con il 32,79% eletta Emanuela Socciarelli, lista Idee in comune.
Ronciglione: Mario Mengoni eletto sindaco con la lista Insieme partecipiano. ha preso il 63,43% dei consensi.

RIETI

Antrodoco: con il 63,2% è stato eletto Alberto Guerrieri con la lista Antrodoco futuro insieme.
Casaprota: Cosimo Mastrorocco eletto sindaco con Progetto Futuro Condiviso. Ha ottenuto 285 voti, l’83,33%.
Cittaducale: con l’80,45% dei consensi è stato eletto sindaco Leonardo Ranalli, a capo della lista Svolta comune
Nespolo: Luigino Cavallari di Futuro e Tradizione è eletto sindaco del Comune di Nespolo con il 55,63% di voti.
Pescorocchiano: eletta Ilaria Gatti della coalizione «Slancio sul futuro con il 58,28% dei voti.
Salisano: eletta Gisella Petrocchi con il 53,43% dei voti.

FROSINONE

Campoli Appennino: eletta sindaca Pancrazia Di Benedetto (lista Vivere Campoli) con il 65,47% dei voti, cioè 711 voti.
Castelnuovo Parano: Oreste De Bellis, lista Impegno per Castelnuovo la ginestra è stato eletto con il 92,39 per cento.
Picinisco: eletto con l’82,26% delle preferenze Marco Scappati, lista Progetto Picinisco.
Pofi: Angelo Mattoccia, lista Siamo Pofi, è sindaco con il 60,59% dei consensi.
San Biagio Saracinisco: Antonio Iaconelli, con il 52,07% dei voti, ha battuto i candidati sindaco di altre cinque liste.
San Giovanni Incarico: Paolo Fallone è stato eletto con il 67,09% dei voti. Guidava la lista Con te per San Giovanni Incarico.

LATINA (provincia)

Cori: eletto Mauro De Lillis con il 78,97% dei consensi.
Ponza: eletto sindaco Francesco Ambrosino con la lista Cambiamo il vento: ha ottenuto il 55,23% dei voti (1.093) contro Pompeo Porzio di Crescere insieme (44,77% pari a 886 voti).
San Felice: eletta Monia Di Cosimo, della lista Circeo Futura, con il 61,84% delle preferenze.
Santi Cosma e Damiano: Franco Taddeo eletto con il 56,8% con la lista Alleanza per Santi Cosma e Damiano continuiamo insieme.
Ventotene: eletto sindaco Carmine Caputo, a capo della lista Insieme per Ventotene: è stato scelto dal 55,02% degli isolani.
San Felice Circeo: eletta Monia Cosimo della lista Circeo Futura , con il 61,84% dei voti.

Continua a leggere

Cronaca

Rieti, Nas chiude un ristorante cinese: gravi carenze igienico – sanitarie

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

I Carabinieri della N.A.S. di Viterbo, nell’ambito di una campagna di
controllo nel settore della ristorazione e degli alimenti etnici, disposta dal
Comando Carabinieri per la Tutela della Salute di Roma, hanno segnalato
all’A.S.L. di Rieti il gestore di un ristorante cinese.
Il controllo, effettuato unitamente ai Carabinieri della Stazione di Rieti,
infatti, ha consentito di riscontrare nel ristorante gravi carenze igienico-
sanitarie e strutturali e un’attività esercitata in modo non conforme alle norme
sulla sicurezza alimentare.
Il personale dell’ASL di Rieti, in relazione alle criticità rilevate, ha disposto
l’immediata chiusura dell’attività, il cui valore è stimato intorno ai 500.000
euro, fino al ripristino delle condizioni di sicurezza.
Ammonta a 1000 euro l’importo delle violazioni amministrative contestate al
ristoratore.

Continua a leggere

Cronaca

Castel di Tora, operativa la nuova Stazione dei Carabinieri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

CASTEL DI TORA (RI) – Nuova Stazione dei Carabinieri a Castel di Tora. Il nuovo comando è diventato operativo a partire dallo scorso giovedì 5 maggio e ha di fatto sostituito il Comando di Ascrea ereditandone la giurisdizione e cioè i territori dei Comuni di Ascrea, Paganico Sabino e Colle di Tora oltre ovviamente a quello di Castel di Tora.

La nuova Caserma si trova in via Piana nr. 1 ed è già aperta al pubblico secondo gli orari stabiliti per Ascrea, esposti all’ingresso della Stazione.

In orario di apertura, è possibile contattare telefonicamente i Carabinieri di Castel di Tora, comandati dal Maresciallo Maggiore Alberico LUPI, all’utenza telefonica 0765/723113 oltre che al 112, Numero Unico di Emergenza Europeo.

Continua a leggere

I più letti