Connect with us

Castelli Romani

Rocca di Papa, casa di cura San Raffaele. La direzione sanitaria contesta quanto emerso dal sopralluogo della ASL e dei NAS e scrive a tutti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ROCCA DI PAPA (RM) – La direzione sanitaria della casa di cura San Raffaele di Rocca di Papa contesta quanto emerso dal sopralluogo effettuato ieri dagli Ispettori della Asl Rm6 e dai carabinieri del NAS di Roma.

Rocca di Papa, pazienti da soli e senza operatori sanitari alla clinica San Raffaele: ecco l’esito del blitz ASL e NAS

Il Dott. Domenico Damiano Tassone Direttore Sanitario della struttura ha inviato una Pec – indirizzata
ai vertici della ASL Rm6, all’assessore regionale alla Sanità, alla sindaca di Rocca di Papa, al Dirigente del Commissariato di Polizia di Frascati, al Comando Carabinieri del NAS di Roma, alla Procura della Repubblica di Velletri, al Prefetto di Roma, alla Protezione Civile e infine alla Presidenza del Consiglio dei Ministri – dove fa presente che:

  • In riferimento alla non presenza di personale infermieristico ed assistenziale programmato per il turno di notte del 20/04/2020, sì chiarisce che le presenze del personale in turno in tale data constano di 7 infermieri e 2 me-dici di guardia (come da estrazione informatizzata -allegato 1 ).
  • In riferimento alla apodittica affermazione contenuta nel Verbale Prot. 5752 del 20 aprile 2020 a firma del Dr Cangiano “Dato il numero di pazienti, soprattutto quelli COVID-19+ che di fatto trasformano la strut-tura in una RSA COV/D-19+ di tipo estensivo [ .. .]”, si contesta tale assunto e sì chiarisce che la scrivente Direzione Sanitaria ha quotidianamente richiesto il trasferimento dei casi positivi lvi ricoverati in quanto tale RSA, per sua natura e conformemente all’autorizzazione sanitaria rilasciata non possiede i requisiti strutturali ed organizzativi che consentano la permanenza di pazienti ad alto rischio infettivo per COVID-19.
  • Al riguardo si ricorda che, come da normativa regionale riguardante i requisiti organizzativi delle RSA, non è previsto un organico medico h24, ma solo attività medica garantita dai Medici di Medicina Generale del Servizio Sanitario Regionale i quali, peraltro, sin dal primo caso positivo, non si sono più recati presso la nostra RSA, pur avendo la responsabilità medica prevista dalla normativa regionale vigente.
  • E’ altrettanto inesatta la dichiarazione che, presso la nostra struttura, sia prevista la presenza di un solo medico di guardia. Come risulta dalla rilevazìone informatizzata delle presenze della notte del 20/04/2020, infatti, sono previsti 2 medici di guardia in servizio (e nello specifico il Dott. Lucci Mauro e Dott.ssa Vita Silvia).
  • In riferimento all’affermazione della Vicesindaca di Rocca di Papa, che riferiva la presenza in struttura di sole 5 unità per l’assistenza, si risponde allegando le timbrature delle presenze del 19/04/2020 del personale della Casa di Cura, già comunicate allo stesso Dott. Cangiano, che rilevano 65 unità totali, di cui 44 Operatori Sanitari.
  • Infine, in risposta alla richiesta di documentazione del Dott. Cangiano, pervenuta in
    data odierna, si trasmette in allegato quanto richiesto, relativamente al personale in
    servizio e in carico alla Struttura e il dettaglio numerico dei pazienti
    tuttora ricoverati suddivisi per reparto e per pazienti COVID-19 positivi e COVID-19
    negativi.

Alla luce di tutto quanto sopra esposto ed allegato si chiede che codesta Asl RM6 ne dia atto e modifichi, in via formale, le conclusioni dei predetti verbali, mediante apposite note da inviare a tutti i destinatari delle medesime. Si chiede altresì al Vice Sindaco di Rocca di Papa di dare atto, in via formale, di quanto sopra esposto ed allegato, quale adempimento di cui all’Ordinanza n. 48 del 20 aprile 2020 in parte qua, avendo con separata comunicazione via pec odierna già adempiuto alle disposizioni di cui al punto 2 della stessa relativa alla gestione dei rifiuti ai fini dell’esimente di cui ai punti 3 e 4 della precitata Ordinanza, anticipata via Facebook e notificata in data odierna alle ore 14,50, mediante apposite note da inviare a tutti i destinatari della medesima.
Con salvezza di ogni nostro diritto eccezione e ragione.

Print Friendly, PDF & Email

Castelli Romani

Monte Compatri, guerra a chi non differenzia bene i rifiuti: questa mattina pioggia di multe elevate dalla polizia locale

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

MONTE COMPATRI (RM) – A partire da oggi, ogni mercoledì la Polizia Locale accompagnerà gli operatori Tekneko durante la raccolta dei rifiuti nel territorio di Monte Compatri.

Gli agenti potranno così multare gli utenti che non fanno una corretta differenziazione dei rifiuti.

“Chi non segue le regole verrà sanzionato. Questa mattina è stato fatto un numero elevato di contravvenzioni”, dichiara l’Assessore all’Ambiente, Igiene e Sanità Sabrina Giordani. “Spero che questa iniziativa scoraggi tutti quelli che ancora non fanno la differenziata nel modo corretto. Conferire i rifiuti nel modo giusto è importante per tutta la comunità. Ricordo l’importanza di usare i mastelli e di inserire i rifiuti all’interno. Chi li ha rotti o smarriti li può ritirare il martedì dalle 10:00 alle 12:00 e il giovedì dalle 13:00 alle 15:00 in Piazza del Mercato 7 presentando l’ultima bolletta Tari pagata e un documento di identità. Ricordo inoltre che i cittadini si possono recare all’isola ecologica sita in Via Santa Maria le Quinte – Pantano Borghese – il martedì, giovedì sabato e domenica mentre le isole mobili si trovano il 2° mercoledì del mese al parcheggio del Campo Sportivo e il 4° mercoledì del mese a Molara in Piazza Madonna di Molara”. 

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, palazzo Ruspoli: il cornicione a rischio crollo: intervengono i Vigili del Fuoco

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

A marzo del 2018 segnalavamo su questo quotidiano lo stato preoccupante della parete esterna del Castello dove era visibile a occhio nudo una infiltrazione d’acqua molto grande

NEMI (RM) – Pericolo di crollo per il cornicione di palazzo Ruspoli a Nemi dove sono intervenuti i Vigili del Fuoco, allertati dai Carabinieri del posto, per un rigonfiamento sulla parete del castello che guarda il lago.

Messa in sicurezza l’intera area che è stata recintata e interdetto il traffico sia veicolare che pedonale lungo la via che costeggia palazzo Ruspoli. Un intervento preventivo visto il pericolo che l’intonaco si possa distaccare dalla parete e cadere in strada da un’altezza di 15 metri.

Una storia ormai vecchia, quella del castello di Nemi la principale attrazione culturale del paese delle Fragole che dovrebbe essere la punta di diamante per i turisti che visitano il borgo storico e che invece sta diventando un vecchio stabile da demolire. Lo stato di degrado è visibile a tutti: le finestre sono rotte o inesistenti e i cornicioni, in alcune parti, sono staccati dal muro e rischiano di causare feriti tra i passanti. Alcune parti del palazzo sono usate come sale riunioni o per organizzare conferenze.

A marzo del 2018 segnalavamo su questo quotidiano lo stato preoccupante del Castello dove era visibile a occhio nudo una infiltrazione d’acqua molto grande che inibiva la parete retrostante il palazzo dalla parte che affaccia sul lago, dove oggi c’e’ il rigonfiamento. Avevamo avvertito l’ufficio stampa del Comune di Nemi, che ci aveva fatto sapere che l’Ufficio Tecnico comunale non aveva ricevuto in quei giorni segnalazioni di infiltrazioni d’acqua al Castello Ruspoli, ma che comunque l’amministrazione si era resa disponibile a verificare lo stato dei luoghi qualora fosse stata allertata.

Eppure nel 2015, dopo ben 11 anni di attesa, la Regione Lazio ha approvato la proposta di accordo di programma per la realizzazione dell’intervento relativo il recupero di Palazzo Ruspoli a Nemi, in variante al P.R.G.

La proposta di accordo della Poligest S.p.A, società proprietaria del castello, all’epoca disponibile ad un notevole investimento per il Palazzo e per Nemi, fu discussa nel consiglio comunale di Nemi del 14 febbraio 2004 dove sotto l’allora giunta guidata dal sindaco Alessandro Biaggi venne approvato il progetto e adottata la conseguente variante urbanistica.

Il 25 maggio 2004, si tenne un nuovo Consiglio comunale finalizzato a verificare eventuali osservazioni e opposizioni riguardo l’approvazione del progetto di restauro di palazzo Ruspoli precedentemente deliberata nella seduta del 2 marzo 2004.

Si tenne quindi, il 2 marzo 2005, la conferenza di servizi tra le parti interessate – Poligest S.p.A., Comune di Nemi, Provincia di Roma, Agenzia Sviluppo Provincia (ASP), Regione Lazio – per discutere la fattibilità del progetto relativo il recupero dell’antico maniero che sovrasta piazza Umberto I a Nemi. 

Dal 2015 ad oggi sono passati altri 6 anni e palazzo Ruspoli, tra annunci, proclami e soliti spot elettorali sembra ormai stanco di aspettare un intervento che ancora oggi non si è visto.  

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Rocca di Papa, San Raffaele: Ugl pronta a scendere in campo a tutela dei lavoratori

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ROCCA DI PAPA (RM) – L’Ugl Salute interviene sulla grave situazione che interessa i lavoratori della struttura sanitaria San Raffaele di Rocca di Papa dopo la revoca dell’accreditamento da parte della Regione Lazio dello scorso marzo 2019. “Abbiamo sollecitato un incontro al Presidente Zingaretti ma per ora tutto tace” dichiarano Gianluca Giuliano, Segretario Nazionale della UGL Salute, e Valerio Franceschini Segretario Provinciale di Roma. “Siamo di fronte a una grave dramma che riguarda gli operatori sanitari di questa struttura. La revoca dell’accreditamento regionale avvenuto nello scorso marzo ha di fatto chiuso la struttura mettendo intere famiglie in una condizione di assoluto disagio.”

Dal sindacato hanno evidenziato il fatto che nonostante l’invito del Consiglio di Stato alla Regione Lazio di considerare la riapertura con riaccreditamento del San Raffaele Rocca di Papa, almeno per fronteggiare l’emergenza epidemiologica che ci sta travolgendo, nulla a livello istituzionale è stato fatto.

“Da parte sua l’azienda in numerosi incontri – hanno dichiarato ancora Giuliano e Franceschini – ha più volte espresso la propria preoccupazione per la tenuta dei livelli occupazionali non essendo possibile un eventuale ricollocamento del personale coinvolto all’interno di altre strutture del gruppo. A pagare sono quindi ancora una volta i lavoratori che, prostrati da una situazione insostenibile e che non assicura nulla per il loro futuro, si sono visti anche negare, con un atto inqualificabile, le vaccinazioni dalla Asl Roma 6 per coloro che sono ancora impegnati nell’assistenza dei pochi pazienti ricoverati. Siamo al limite della persecuzione per tanti professionisti che chiedono una sola cosa: la tutela del proprio diritto al lavoro. Invece si assiste ad un continuo contenzioso tra Regione e Azienda con rimpallo di responsabilità che all’orizzonte non fa scorgere alcuna conclusione positiva e priva il territorio di importanti servizi di assistenza presenti da oltre 30 anni. La Ugl Salute – concludono i sindcalisti – in assenza di un riscontro che possa portare a una soluzione positiva della vicenda è pronta a mettere in atto, come già accaduto in passato, ogni azione a tutela di lavoratori e cittadini”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti