Connect with us

Roma

ROMA, AUTOMOBILISTI A RISCHIO SU STRADE SENZA TOMBINI

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti La sicurezza delle nostre strade messa a rischio per racimolare quattro spicci

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

di Silvio Rossi

Roma – Via Jonas Edward Salk è una strada che collega la zona di Labaro con via di Grottarossa, in prossimità dell’ospedale Sant’Andrea, percorsa la mattina da un gran numero di autovetture che preferiscono effettuare percorsi alternativi invece di imbottigliarsi nel traffico di via Flaminia, una costante per gli spostamenti cittadini.

Fuori dalle ore di punta, però, è una strada “secondaria”, dove per un lungo tratto non insistono abitazioni, e l’unica attività commerciale è un centro di recupero auto, quindi poco frequentata.
Percorrendola si possono notare, ai due margini della carreggiata, diversi punti segnalati con le reti di plastica arancioni, di colore catarifrangente, tipiche dei cantieri stradali. All’autista distratto potrebbero sembrare segnalazioni per lavori, anche se non si vede a nessun’ora del giorno alcun operaio nei pressi.

Le reti sono state invece messe per impedire alle autovetture di cadere nei tombini posti a lato della strada, cui sono state tolte le coperture in ghisa. Il furto di materiale metallico, in maniera analoga a quanto avviene con i cavi di rame che bloccano i trasporti ferroviari, con grave disagio per i pendolari, mette in questo caso a rischio l’incolumità degli automobilisti che percorrono la strada. Non è l’unico tratto di strada che ha subito questo tipo di attenzione. Anche su Via Enzo Tortora sono state asportate le coperture dei tombini, nel tratto prospicente l’edificio pericolante che ha determinato la chiusura della strada al traffico.

Ma se nel caso di via Enzo Tortora il pericolo è minimo, proprio per via della chiusura al traffico, su via Salk il rischio di vedere un’autovettura con una ruota dentro al tombino, nonostante le reti, è reale.
È mai possibile che la sicurezza delle nostre strade venga messa a rischio così impunemente per racimolare quattro spicci dalla vendita della ghisa dei tombini? Non si può adottare una sorveglianza maggiore? 

Castelli Romani

Nemi, il sindaco uscente segnala Azzurra Marinelli alla Corte D’Appello

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Revocata dalla carica di Presidente di seggio

La Corte d’Appello di Roma ha revocato la nomina di Azzurra Marinelli da presidente del seggio elettorale della sezione 2 del Comune di Nemi.

La revoca arriva dopo una segnalazione scritta dall’attuale sindaco uscente Alberto Bertucci, datata 17 maggio 2022. Bertucci segnala che Marinelli è la moglie del candidato sindaco “della lista di opposizione” all’attuale primo cittadino uscente.

Da circa 25 anni, Azzurra Marinelli ricopre il ruolo di presidente di seggio in occasioni delle elezioni amministrative di Nemi. Anche nel 2017 con il marito candidato sindaco, Marinelli ha svolto l’attività di presidente di seggio senza che l’allora sindaco Alberto Bertucci segnalasse l'”inopportunità”.

Il Consiglio di Stato a più riprese ha ribadito che la parentela tra componenti dell’ufficio elettorale di seggio e candidati sindaco o amministratori non costituisce presupposto di incompatibilità.

Continua a leggere

Cronaca

Guidonia Montecelio, inaugurato il polo affido familiare del distretto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Il sindaco Barbet: “La nostra Amministrazione Comunale crede molto in questo strumento che abbiamo finanziato e su cui puntiamo grazie alla collaborazione con la Asl Roma 5″

GUIDONIA MONTECELIO (RM) – Nella giornata di martedì 24 maggio il Sindaco Michel Barbet, il Presidente della Commissione Sociale Consiliare Matteo Castorino con la Presidente della Commissione Pari Opportunità della Regione Lazio Eleonora Mattia e la dottoressa Stefania Salvati della Asl Roma 5 hanno inaugurato il polo affido familiare del distretto che si trova a Setteville in Via Pascoli 52.

“Il polo affido familiare si pone come scopo quello di mettere in contatto le famiglie affidatarie ed i bambini e ragazzi in difficoltà- spiega il Presidente Castorino- con l’obiettivo di consentire un graduale rientro del minore nella famiglia di origine a fronte di un progetto personalizzato di aiuto e supporto”.

“La nostra Amministrazione Comunale crede molto in questo strumento che abbiamo finanziato e su cui puntiamo grazie alla collaborazione con la Asl Roma 5. Tutelare i minori in difficoltà è un compito che spetta alle amministrazioni pubbliche e che dobbiamo perseguire con tutti gli strumenti a nostra disposizione”- conclude il Sindaco Michel Barbet.

Continua a leggere

Roma

Roma, scomparso lo storico comandante dei Vigili Giovanni Catanzaro

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Milani (Sulpl): “Ci lascia una delle figure più carismatiche ed amate del Corpo”

ROMA – Si rincorre sulle chat e sulle pagine Facebook il tam tam di cordoglio per la scomparsa di Giovanni Catanzaro, storico comandante della Polizia Locale di Roma, un uomo che nel Corpo aveva percorso tutti i gradini della propria carriera.

Tra i molti a ricordarlo il SULPL (Sindacato Unitario Lavoratori Polizia Locale), che in una nota del Segretario Romano Marco Milani dichiara: “Esprimiamo dolore e cordoglio per la scomparsa di uno dei Comandanti più carismatici ed amati che il Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale abbia mai avuto. Nell’esprimere le nostre più sentite condoglianze alla famiglia, ci piace ricordarlo come un uomo capace di stimolare i suoi uomini al conseguimento dei migliori risultati, esercitarne il controllo in maniera anche rigida ed al contempo difenderli ed assisterli a fronte qualsiasi imprevisto. Qualità tipiche di un Comandante che saputo fare la sua gavetta all’interno del Corpo fino a giungere all’apice. Ci auspichiamo che amministrazione e Comando, sappiano tributargli la giusta memoria”. Così concludono dal sindacato, con quello che appare essere un messaggio indirizzato all’amministrazione Gualtieri.

Continua a leggere

I più letti