Connect with us

Roma

ROMA, BERTOLARIE: 50 MILA ROMANI AL VOTO… DICONO

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti Numeri da prendere con le pinze, considerando quanto denunciato dal quotidiano Il Tempo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Red. Politica

Roma – Circa 45-48 mila, secondo quanto stimato da Guido Bertolaso durante la conferenza stampa a Roma, i romani ai gazebo. Numeri da prendere con le pinze, considerando quanto denunciato dal quotidiano Il Tempo che durante la giornata di sabato ha inviato una giornalista in giro per i vari gazebo la quale ha votato per Bertolaso ben 22 volte. E se la matematica non è un opinione 50 mila diviso 22 fa 2.272. Ma questi sono solamente i conticini fatti da L'Osservatore d'Italia che se fossero confermati vedrebbero rinunciare alla corsa elettoralel'ex capo della Protezione Civile.

"Dobbiamo ringraziare Matteo Salvini – Ha dichiarato Bertolaso – che con il suo agire che va contro l'interesse della Capitale ha stimolato invece una reazione positiva di molti romani".

"FdI ha collaborato attivamente ai gazebo, speriamo in un esisto positivo per Bertolaso che abbiamo sostenuto fin dal primo memento, anche per una riaggregazione del centrodestra". Lo ha sottolineato il capogruppo di Fdi alla Camera, Fabio Rampelli, parlando da un gazebo a piazza Bologna con al suo fianco il candidato sindaco Guido Berrolaso.

Berlusconi, politico a posto Bertolaso? Gli riderò in faccia  – "Quando arriverà un politico e mi dirà voglio andare al posto di Bertolaso, io gli riderò in faccia e gli dirò 'dove vuoi andare che non sei neanche capace di amministrare un'edicola'". Lo afferma il leader di FI, Silvio Berlusconi, al gazebo a Portuense per Guido Bertolaso, sottolineando come anche in passato quando era presidente del Consiglio a volte gli alleati non se li sia scelti lui ma "me li sono trovati". Questa volta "non ho nulla da perdere, ho deciso di dire solo e sempre la verità", aggiunge il leader azzurro.

Nessun passo indietro su Guido Bertolaso, "il fuoriclasse che tirerà Roma fuori dal degrado". Silvio Berlusconi, quasi 'incurante' dello scontro totale con la Lega di Matteo Salvini, decide di mettere la faccia sull'ex numero uno della Protezione Civile e presenzia, unico tra i tre leader del centrodestra, le attese 'gazebarie' di Roma. Consultazioni che erano state sollecitate proprio da Lega e Fdi ma che entrambi i partiti hanno disertato, con Salvini pronto a ribadire anche ieri che Giorgia Meloni è la miglior candidata possibile e la Meloni ancor più vicina, rispetto a qualche giorno fa, ad una sua discesa in campo.

La giornata di ieri, aldilà del netto endorsement di Berlusconi all'ex numero uno della Protezione Civile, registra l'ennesimo scontro tra l'ex premier e la Lega.
Ed è il primo, infastidito da quello che considera uno scorretto dietrofront rispetto all'accordo iniziale, ad attaccare la seconda. "La Lega? Qui a Roma conta l'1,4%", sottolinea Berlusconi dal gazebo del Pantheon per poi rincarare la dose dal 'seggio' di Conca d'Oro: "cosa c'entra Salvini con questa città?".

Parole alle quali replica il capogruppo della Lega al Senato Gian Marco Centinaio. "Gli attacchi personali non aiutano né il centrodestra né Roma dove noi vogliamo vincere", spiega il senatore ribadendo la convinzione leghista che, con Bertolaso candidato, si aiuterebbe Matteo Renzi.

Metropoli

Canale Monterano, salvo il fico del Marchese del Grillo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

La pianta secolare dopo essere parzialmente crollata era rimasta gravemente danneggiata

CANALE MONTERANO (RM) – Salvo il fico centenario, rimasto danneggiato per cause naturali la scorsa settimana, meglio conosciuto come fico “di Don Bastiano”, presso il Convento di San Bonaventura a Monterano. Una vera e propria “icona” monteranese celebre, anche, grazie al film ‘Il marchese del Grillo’.

La pianta, situata all’interno del convento di San Bonaventura a Monterano nei giorni scorsi è crollata. Il grosso fico durante la notte tra il 25 e il 26 giugno ha subito il distaccamento di parte del tronco e dei rami ad esso collegati.

L’amministrazione comunale di Canale Monterano insieme alla Riserva si sono attivati immediatamente facendo rimuovere le parti schiantate o spezzate e facendo operare una potatura specifica delle parti sopravvissute. Così, grazie alle cure operate secondo le indicazioni prescritte dal tecnico forestale della Riserva Naturale, Dott. Fabio Scarfò, la pianta è stata salvata e ora gode nuovamente di un aspetto sano e bello.

“Vogliamo ringraziare la competente Soprintendenza per il supporto fornito dall’Assistente di zona Sig. Luigi Vittorini – commenta il Direttore della Riserva Naturale Regionale Monterano, Fernando Cappelli – e l’Azienda Agricola Camilletti Cesare, affidataria del servizio, per l’attenzione e la cura nei dettagli dimostrata nell’attuazione dell’intervento.”

“Incrociamo le dita – aggiungono il Sindaco di Canale Monterano, Alessandro Bettarelli e il Consigliere delegato alla Riserva Giovanni D’Aiuto – ma sembra che il peggio sia passato. L’augurio è di vedere il fico di San Bonaventura presidiare con la sua maestosa vecchiaia la navata di San Bonaventura per almeno altri cent’anni”.

Continua a leggere

Metropoli

Anguillara, si ribalta betoniera: un ferito

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Traffico in tilt sulla Braccianese all’altezza di Anguillara Sabazia a causa di autobetoniera che si è rivaltata al km 12. Sul posto è intervenuta la squadra VVF di Bracciamo con l’ausilio dell’ autogru. Nessun altro mezzo è stato coinvolto, le cause dell’accaduto al momento restano imprecisate; è stato necessario l’intervento dei soccorritori VVf affinchè la persona venisse estratta viva ed ancora cosciente dalla cabine del mezzo industriale .La stessa è stata affidato al personale del 118 e trasportata al pronto soccorso.

Continua a leggere

Roma

Roma, piazza Venezia: non si fermano all’alt dei Carabinieri e vanno a sbattere

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

ROMA – Due ragazzi 19enni romani, a bordo di una moto, non si sono fermati all’alt di una pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Roma San Lorenzo in Lucina, questa notte, in piazza Venezia e si sono dati alla fuga, fino a raggiungere il Lungotevere Tor di Nona, dove hanno perso il controllo scivolando a terra, per fortuna senza farsi male.

Il conducente del veicolo è stato sottoposto a test con etilometro dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma, poiché in evidente stato di ubriachezza, risultando positivo all’esame, con tasso superiore al limite di legge per cui la patente gli è stata ritirata. Entrambi dovranno rispondere anche dell’accusa di resistenza a pubblico ufficiale.

Continua a leggere

I più letti