Connect with us

Roma

ROMA. CONTROLLI DELLA QUESTURA NELLA MOVIDA POST FERRAGOSTO.

Clicca e condividi l'articolo

Cinque gli arresti. Furto, vilipendio alla bandiera, lesioni, resistenza e minacce a pubblico ufficiale i reati contestati.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Redazione

 Roma – Anche nel weekend successivo al Ferragosto i controlli della Questura hanno registrato un buon numero di presenze sulle strade e nei locali nei luoghi della “Movida”.

Tra cittadini e turisti sono 187 le persone e 125 i veicoli controllati e 10 le infrazioni al Codice della strada elevate nelle zone di San Lorenzo, Pigneto e rione Monti, dove una coppia in stato di ubriachezza si è rifiutata di sottoporsi al previsto alcooltest.

L’uomo è stato arrestato e la compagna denunciata in stato di libertà per resistenza, violenza e lesione a pubblico ufficiale dopo aver aggredito i poliziotti con calci e pugni. 

Durante le attività di controllo delle attività commerciali per la ristorazione e l’intrattenimento della clientela sono state verificate e sanzionate  4 inadempienze.

Un etiope di 35 anni, già noto alle forze dell’ordine per vari precedenti di Polizia,  in piazza Vittorio Emanuele II, dopo aver rubato un borsello all’interno di un’auto parcheggiata, ha cercato di darsi alla fuga. Alcuni testimoni presenti sul posto, hanno immediatamente cercato di bloccare il giovane iniziando ad inseguirlo insieme ad alcuni passanti.

La scena non è passata inosservata ad una pattuglia del Commissariato Celio, impegnata nel controllo del territorio,  l’uomo è stato arrestato per furto su autovettura. Il borsello è stato recuperato e restituito al legittimo proprietario.

Una pattuglia del Commissariato Trevi Campo Marzio invece era in piazza dei Cinquecento per controllare alcune attività commerciali, ma è stata fermata da alcuni dipendenti dell’Atac che, indicandogli un egiziano Y.A.I.H. di 26 anni, riferivano di averlo visto bruciare e danneggiare delle bandiere poste sulla recinzione adiacente al box delle informazioni turistiche.

Quando i poliziotti l’hanno fermato, aveva ancora l’accendino in mano pronto ad incendiare altre due bandiere, una italiana e l’altra americana ed  ha iniziato a minacciarli scagliandosi contro di loro e procurandogli alcune lesioni.

Assicurato all’interno della volante il fermato ha continuato a minacciare ed oltraggiare i poliziotti, che lo hanno arrestato per vilipendio alla bandiera e danneggiamento oltre che per lesioni, minacce e resistenza a pubblico ufficiale.

E’ finito “in cella di sicurezza” anche un cittadino rumeno di 53 anni, mentre cercava di scardinare le finestre di uno stabile in abbandono sulla Tuscolana, per impossessarsi dell’anima in ferro degli infissi. Sorpreso ancora “all’opera” è stato arrestato per tentato furto.

L’ultimo a finire in manette è C.M., un romano di 40 anni.

Ubriaco infastidiva i clienti di un bar proprio, quando hanno cercato di calmarlo questo ha iniziato prima a minacciarli e poi gli si è scagliato contro sferrando calci e pugni verso i poliziotti.

Dopo una breve colluttazione con i poliziotti è stato accompagnato in ospedale dove ha minacciato anche il personale sanitario.

Il suo atteggiamento aggressivo, ha provocato così l’interruzione delle normali  attività di pronto soccorso. Per questo motivo è stato anche denunciato per interruzione di pubblico servizio.

Roma

Roma, al via lo sgombero e abbattimento di 8 costruzioni dei Casamonica

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ROMA – Sono iniziate le operazioni di sgombero e abbattimento di 8 costruzioni, tra capannoni e villette abusive con piscina, in via Fratelli Marchetti Longhi, in zona Romanina a Roma riconducibili al clan Casamonica.

Sul posto circa 100 uomini tra Polizia, Polizia locale e Carabinieri. L’operazione di oggi avviene a circa 2 anni dalla precedente demolizione di 8 ville abusive Casamonica al Quadraro.

L’attività nasce da un lavoro portato avanti in seno all’Osservatorio territoriale della sicurezza presso il VII Municipio, diretto e coordinato dalla Prefettura di Roma.
   

Continua a leggere

Roma

Roma, cucciolo di cane intrappolato nell’argine del Tevere salvato dagli uomini della Guardia di Finanza

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ROMA – Un cucciolo di cane rimasto intrappolato nell’argine destro del fiume Tevere è stato salvato grazie all’intervento dei Finanzieri in servizio al Centro Logistico della Guardia di Finanza di Villa Spada.

Un salvataggio difficile che però alla fine ha avuto un lieto fine. In attesa della restituzione al suo proprietario il cucciolo è stato ribattezzato Grifo.

Continua a leggere

Cronaca

Roma, riqualificazione dell’ospedale Forlanini. Simeone: “Sopralluogo nella massima sicurezza”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

“Occorre affrontare quanto prima il tema del rilancio dell’ex complesso ospedaliero Carlo Forlanini, anche in considerazione della possibile scelta di questo plesso quale sede dell’Agenzia europea per la Ricerca Biomedica e per la gestione delle crisi sanitarie.

Per il 15 ottobre scorso era stato inizialmente programmato un sopralluogo della commissione Sanità proprio presso l’ex ospedale Forlanini, poi per motivi precauzionali legati alla crescente diffusione del virus, si è deciso di spostare la visita in altra data. Faremo in modo che il sopralluogo possa svolgersi nella massima sicurezza. Riteniamo doveroso verificare di persona la situazione dell’enorme complesso chiuso come presidio sanitario da circa 6 anni, in attesa che si concretizzi il piano per il recupero della struttura. Occorre tutelare questo grande patrimonio immobiliare esistente e possibilmente valorizzarlo.

Non c’è dubbio che il completamento della riqualificazione dell’ex ospedale potrebbe rappresentare un elemento importante per la ripartenza socioeconomica di un intero settore e per il rilancio dei servizi e dell’immagine di Roma Capitale.

Non dobbiamo infine dimenticare come proprio recentemente il Procuratore regionale della Corte dei Conti, in sede di parificazione del bilancio regionale, ha invitato la Regione Lazio ad avviare al più presto i lavori di recupero della storica struttura dell’ex ospedale Forlanini, per scongiurare il rischio di degrado e di definitivo abbandono”.

Lo dichiara in una nota Giuseppe Simeone, capogruppo di Forza Italia al Consiglio regionale del Lazio e presidente della commissione Sanità, politiche sociali, integrazione sociosanitaria e welfare

Continua a leggere

I più letti