Connect with us

Roma

ROMA CRIMINALE, "MAGLIANA": GROSSO TRAFFICO DI STUPEFACENTI PER 50 MILA EURO AL MESE

Clicca e condividi l'articolo

Dodici arresti e 10 denuncie per l'operazione antidroga dei Carabinieri del gruppo di Roma

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print
Redazione
 
Roma – Dalle prime luci dell'alba, i Carabinieri del Gruppo di Roma hanno dato esecuzione ad un'ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Roma, nei confronti di 12 persone (8 in carcere, 2 agli arresti domiciliari e 2 da sottoporre all'obbligo di dimora), di età compresa tra i 21 e i 49 anni, ritenute responsabili di gestire un traffico di sostanze stupefacenti, in particolare cocaina, nella nota zona della "Magliana", per un giro d'affari di 50mila euro al mese. I Carabinieri della Stazione Roma Villa Bonelli, nel corso dell'indagine, che convenzionalmente è stata denominata "Angelus", coordinata dalla DDA di Roma, hanno accertato che la banda, multietnica, aveva una struttura gerarchica con a capo un 21enne di origini greche e vi facevano parte altri di origini italiane, egiziane, brasiliane, somale. Circa venti le perquisizioni, presso le abitazioni degli arrestati e degli altri indagati, dove sono già state rinvenute 2 pistole, una calibro 7,65 predisposta per applicare il silenziatore con matricola abrasa e una calibro 38 modificata. Migliaia le dosi di cocaina sequestrate.
Quattro dei destinatari di OCC sono accusati di associazione armata finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti e i restanti 8 di detenzione e spaccio di stupefacenti nel quartiere romano della Magliana. Nella medesima operazione di polizia giudiziaria sono state altresì denunciate a piede libero altre 10 persone, tra cui una donna, coinvolte a vario titolo nell'attività di spaccio.
L'inizio dell'attività investigativa che ha portato all'emissione dei provvedimenti cautelari risale al gennaio 2012, quando i Carabinieri della Stazione di Roma Villa Bonelli, dipendenti dalla Compagnia di Roma Eur, nello svolgimento dei quotidiani servizi di pattugliamento del territorio, hanno effettuato una serie di sequestri ravvicinati di singole dosi di cocaina a carico di giovani consumatori della Magliana.
Ne scaturiva dunque una più approfondita attività investigativa che, condotta anche con l'ausilio di intercettazioni, riscontrate da numerosi servizi di osservazione, controllo e pedinamento nelle principali aree di aggregazione del quartiere (in particolare i porticati di via dell'Impruneta), ha consentito di individuare una fitta rete di soggetti che, pressoché giornalmente, soprattutto in ore tardo serali e notturne, incontravano, anche per pochi secondi, un garagista di origini egiziane, detto Billy-Bibo,. Dalle conversazioni telefoniche intercorse sull'utenza del garagista, utilizzando dei termini in codice ben conosciuti dagli acquirenti ("benzina", "biglietti", "cane" per indicare la sostanza stupefacente richiesta e "gatto" per indicare in generale le armi) giornalmente riforniva una vasta clientela, e che solitamente fissava gli incontri con gli acquirenti nella piazzetta di Via Lari, nel quartiere Magliana, sotto i porticati di via dell'Impruneta, ovvero presso il garage in cui lavorava come dipendente, al Portuense. Le indagini evidenziavano che il garagista, nell'attività di spaccio, operava in posizione di "subordinazione" rispetto a tale Angelo, successivamente identificato in un 21 enne di origini greche, ricevendo da questo ordini e disposizioni relative alla vendita della cocaina e al modo in cui approvvigionarsi. La sostanza stupefacente era solitamente custodita presso l'abitazione di un 23enne che lavora come addetto in un'impresa di pompe funebri, detto Crepino. Le successive investigazioni consentivano ben presto di individuare una vera e propria associazione per delinquere finalizzata al traffico di cocaina i cui membri si identificavano proprio negli arrestati: Angelo, procacciatore dello stupefacente e coordinatore delle diverse fasi dell'attività di spaccio, Billy-Bibo, con il ruolo di partecipe, coadiuvando il capo e provvedendo alla vendita a terzi dello stupefacente e alla raccolta dei proventi dell'attività di spaccio, Crepino, con il ruolo di partecipe provvedendo alla custodia dello stupefacente e, in qualche caso, alla cessione dello stupefacente, un altro romano 24 enne, con il ruolo di partecipe provvedendo alla custodia dello stupefacente, alla preparazione e, in qualche caso, alla cessione dello stupefacente, e gli altri con il ruolo di partecipi provvedendo alla vendita a terzi dello stupefacente. Ad aggravare ulteriormente la condotta criminale dei participi all'organizzazione concorre il fatto che la stessa avesse la disponibilità di armi; in particolare, nel corso delle indagini sono state sequestrate una pistola cal. 7,65 con caricatore, priva di marca e con matricola abrasa, predisposta per l'applicazione di un silenziatore, rinvenuta presso l'abitazione di uno di loro, nonché un'altra pistola modificata cal. 38, rinvenuta nella disponibilità del garagista.
Svincolati da tale associazione ma accomunati dal fatto di approvvigionare di cocaina i medesimi acquirenti, i restanti soggetti arrestati, appartenenti al medesimo contesto criminale.
L'indagine "Angelus" ha complessivamente permesso di rinvenire e porre sotto sequestro 250 g di cocaina e 2.500 euro in contanti provento attività illecita.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Albano Laziale, Borelli-Orciuoli: è confronto… a distanza [VIDEO]

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ALBANO LAZIALE (RM) – Confronto a distanza tra Massimiliano Borelli candidato sindaco di centrosinistra e Matteo Mauro Orciuoli candidato sindaco di centrodestra.

L’intervista di Massimiliano Borelli a Officina Stampa del 17/09/2020
Matteo Mauro Orciuoli commenta le dichiarazioni di Massimilano Borelli

Continua a leggere

Roma

Roma, Raggi presenta i nuovi bus Atac: 30 mezzi già in servizio per il quadrante nord capitolino

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Con la slogan +BusXRoma, la sindaca Virginia Raggi ha presentato, sulla piazza Saxa Rubra a Roma Nord, gli autobus ATAC nuovi di zecca,  di cui 30 già  in servizio nel quadrante nord della città, nell’ambito della fornitura da 328 veicoli acquistati dal Comune di Roma.

I nuovi bus serviranno le zone di Grottarossa, Prima Porta, Fidene, Saxa Rubra, via Flaminia e Cassia. Presenziavano all’incontro con cittadini e stampa l’amministratore unico di Atac Giovanni Mottura, l’assessore alla Città in Movimento Pietro Calabrese, e, per il Municipio XV, il presidente Stefano Simonelli e l’assessore all’ambiente Pasquale Annunziata.

Portiamo nuovi bus nel quadrante di Roma nord per migliorare e velocizzare gli spostamenti. Grazie ai nuovi mezzi già in strada e a quelli in arrivo nelle prossime settimane potremo migliorare i collegamenti tra i quartieri della periferia nord e potenziare le linee di connessione con il centro, garantendo un servizio più efficiente per cittadini e residenti”, ha dichiarato la sindaca di Roma, e, a sua volta, l’assessore Calabrese ha aggiunto che “Continua il nostro percorso di rinnovo e potenziamento della flotta di ATAC Questa fornitura ci permetterà inoltre di abbassare drasticamente l’età media dei mezzi nel deposito di Grottarossa, il più grande della città, portandola da oltre 11 a circa 4 anni. È un passo avanti importante per il servizio di trasporto pubblico in un’ampia zona della Capitale”.

Virginia Raggi ha rivendicato il forte impegno profuso dalla sua gestione nella salvezza di una società che, con il suo miliardo e trecento milioni di debito, era praticamente fallita e che è stata risollevata fino a produrre gli ultimi due bilanci in attivo. 

Per anni ATAC è stata al servizio della città e doveva restare pubblica. Si è trattato di un investimento complessivo iniziale, per questa nuova flotta, di ben 167 milioni di euro. Mottura ha specificato che “si tratta di autobus di nuova generazione, dotati di tecnologie avanzate. L’obiettivo è quello di dare ai romani il piacere di prendere il mezzo pubblico, di reinnamorarsi di Atac”.

Per il  presidente Simonelli i nuovi autobus arrivano in un territorio “che è una città nella città: infatti  questa piazza (quella di Prima Porta ndr) – ha spiegato – è un luogo simbolo: l’interconnessione della città con i comuni limitrofi, lo scambio tra gomma e ferro”.

Il capolinea dei bus ATAC adiacente è anche una delle fermate principali della Ferrovia Roma Nord usata dai pendolari in arrivo da Viterbo, dai territori lungo la Flaminia. “Quando inizierannoi lavori sulla Roma-Civitacastellana-Viterbo diventerà uno snodo ancora più fondamentale e serviranno interventi. Già questi nuovi mezzi sono un segnale importante per la periferia”.  S

i arriverà ad oltre 800 nuovi autobus entro il 2021, con più di metà della flotta Atac completamente rinnovata. Per Calabrese “Questi sono i fatti reali di una Capitale che rinasce dopo decenni di malaffare, che evidentemente a qualcuno danno molto fastidio”. I Citymood, prodotti da Industria Italiana Autobus, sono veicoli di moderna concezione, dotati di impianto di videosorveglianza, climatizzazione e pedana manuale per i portatori di disabilità. Sono 100 in tutto i bus che, nell’ambito della fornitura citata arriveranno nella rimessa lungo la Flaminia.

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, scuola. Genitori preoccupati per l’impianto di areazione dei bagni: scattano le prime due interrogazioni comunali

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

NEMI (RM) – La scuola di Nemi al centro di alcune interrogazioni comunali presentate da tutti gli esponenti consiliari di opposizione, dopo che alcuni genitori, al termine del primo giorno di scuola, hanno segnalato problemi inerenti l’impianto di aerazione nei bagni del plesso e la presenza di persone all’interno dell’edificio scolastico della scuola primaria e della scuola secondaria durante la tarda serata di lunedì.  

Lo scorso 15 settembre è scattata la prima richiesta di chiarimenti presentata dai consiglieri di “Ricomincio da Nemi” Carlo Cortuso e Patrizia Corrieri per chiedere al Responsabile dell’ufficio Tecnico e al Segretario comunale chi fossero le persone presenti nell’edificio scolastico durante la notte di lunedì 14 settembre 2020 (dalle 22 in poi), che tipo di intervento stessero effettuando e chi ha autorizzato il loro ingresso nella scuola, oltre a chiedere se si è provveduto, prima dell’inizio delle lezioni, alla pulizia e sanificazione da parte di personale adeguato come da protocollo INAIL e MIUR.

Altra interrogazione, quella protocollata oggi dal consigliere comunale Stefano Tersigni di “Insieme per Nemi”, diretta al Sindaco, per sapere quale è il reale stato del sistema di aerazione dei servizi igienici della scuola e come viene gestita la turnazione degli studenti per recarsi in bagno.

Intanto è stato fissato un incontro per il prossimo lunedì tra la Dirigente scolastica e i rappresentanti di istituto e di classe dove si tireranno le prime somme riguardo la gestione scolastica anche alla luce di questa prima settimana di lezioni in presenza nell’era del post lockdown.

Continua a leggere

I più letti