Roma, discarica Monte Carnevale: il Campidoglio tira dritto nonostante i no

ROMA – Nessun passo indietro da parte della giunta Raggi riguardo la scelta del sito di Monte Carnevale, per ospitare la futura discarica di Roma.

Raggi non arretra nonostante i pareri negativi espressi prima
della direzione Rifiuti dello stesso Comune e poi dal dipartimento Urbanistica
e dell’Esercito che a valle Galeria ha un distaccamento.

“I pareri contrari verranno inviati alla stessa cabina tecnica che ha stilato la lista delle strutture idonee a ospitare i rifiuti della capitale”. Hanno spiegato dal Campidoglio rimandando quindi la patata bollente ai tecnici di Roma Capitale, Città Metropolitana e Regione. E in particolare alla Pisana, che per legge dovrà rilasciare l’autorizzazione finale sulla trasformazione dell’attuale sito per inerti in una vera e propria discarica.

Intanto nella giornata di oggi l’Associazione Cives è scesa
in piazza a sostegno dei comitati, le associazioni, i residenti e tutti coloro
che hanno partecipato all’odierna manifestazione convocata a via di Ponte
Galeria 276.

“Abbiamo partecipato con lo spirito di non osteggiare
tutto ciò che si presenta come soluzione all’emergenza rifiuti – dichiarano dalla
Cives – anche se comunque a nostro avviso ogni tentativo di proporre una
discarica, deve prevedere dei piani industriali di lavoro comprensivi di:
tempistiche, termini, calcoli di impatto sul territorio ben studiati (viabilità
compresa), TMB, aumento raccolta differenziata, informare i residenti. Altrimenti,
come spesso accade, ciò che inizialmente è stato studiato come provvisorio,
rischia di diventare definitivo, e lo spettro di una nuova Malagrotta, così
come avvenuto anche per le ipotesi di Pian dell’olmo, Quadro Alto e
Tragliatella, si intravede in lontananza.”