Connect with us

In evidenza

Roma, dopo le aggressioni di Natale i lavoratori Atac chiedono rassicurazioni all’azienda per Capodanno

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ROMA – Quanto avvenuto la sera di Natale nei vagoni della ferrovia Roma-Lido ha rimesso al centro della discussione l’accordo sindacale sottoscritto lo scorso 20 dicembre dalla CGIL, CISL e UIL – e maldigerito –, riferito alla programmazione del servizio per la notte di Capodanno. E sotto il profilo della sicurezza, tema assai sentito dai lavoratori di Atac. Che ora, considerate le aggressioni e gli atti delinquenti, chiedono rassicurazioni all’azienda.

Spintoni e rissa, psicosi da spray urticante e caos dilagante, sono gli ingredienti principali dell’entusiasmante serata – si fa per dire – vissuta dai passeggeri della Lido partiti da Porta San Paolo col treno delle 20.30 la sera del 25. Scandita da una donna che, presa dal panico, ha tirato il freno d’emergenza, inchiodando il convoglio tra le fermate di Vitinia e Casal Bernocchi, in aperta campagna, e terminata, dopo il primo intervento pacificatore del personale di macchina, con l’arrivo della Polizia. Fortuna che lo spray spruzzato da uno dei due litiganti, entrambi romani, non fosse al peperoncino e che, inoltre, nessuno dei presenti sia rimasto ferito nel disordine creatosi tra i vagoni.

Ma tanto è bastato, archiviata la rissa, a innescare una reazione a catena nei dipendenti della municipalizzata, anche da coloro che sono iscritti alle sigle Confederali, firmatarie dell’accordo, per nulla esplicativo (e lo avevamo detto) su ciò che concerne la sicurezza.

Strappo, in primis sindacale, che si è concretizzato con la nota inviata questa mattina ai vertici di Atac: “Le scriventi RSU, componenti del collegio 18 Atac, dato quanto accaduto la sera di Natale sulla Roma-Lido e la mancata risposta al fonogramma su quanto accade ogni sabato sera sulla stessa, chiedono all’Azienda di essere informati sulle disposizioni che intende emanare per garantire la sicurezza a tutti i lavoratori che saranno chiamati ad opera nella notte di Capodanno”.

Insomma, non c’è pace, al malessere derivato dalle retribuzioni previste, contenute del documenti, si aggiunge quello legato alla sicurezza. E non è poco, anche se la Triplice ce la sta mettendo tutta per onorare quanto sottoscritto con Atac. Forse troppo.

David Nicodemi

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Costume e Società

“Ci vediamo a via Veneto”, la puntata speciale dedicata alla festa della Repubblica

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Appuntamento speciale con “Ci vediamo a via Veneto” quello di martedì 2 giugno 2020 dove sulla via della “Dolce Vita”, all’esterno dello storico locale dell’Harry’s Bar, che vede come ospiti il dottor Tommaso Bove e il Prefetto Francesco Tagliente rispettivamente Presidente e Delegato ai Rapporti Istituzionali dell’ANCRI, l’Associazione Nazionale Insigniti dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana.

Chiara Rai intervisterà, inoltre in collegamento telefonico anche il noto tenore e socio dell’ANCRI Francesco Grollo protagonista, nello stesso pomeriggio presso l’ospedale Spallanzani di Roma, dello spettacolo benefico “Francesco Grollo per l’Italia Unita e Solidale” alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

IL CANALE YOUTUBE DI “CI VEDIAMO A VIA VENETO”
IL CANALE FACEBOOK DI “CI VEDIAMO A VIA VENETO”

Continua a leggere

Ambiente

3 giugno, giornata mondiale della bicicletta: in Italia migliaia di chilometri percorribili lungo i corsi d’acqua

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Dal 2018, per iniziativa dell’Organizzazione delle Nazioni Unite, il 3 Giugno è la Giornata Mondiale della Bicicletta; in Italia sono migliaia i chilometri percorribili lungo i corsi d’acqua, curati dagli enti di bonifica: una straordinaria opportunità per una stagione turistica, rivolta soprattutto al mercato interno

Nell’occasione, a ricordarlo è l’Associazione Nazionale dei Consorzi per la Gestione e la Tutela del Territorio e delle Acque Irrigue (ANBI), che indica, nel modenese, l’esempio recente del canale Cavata Orientale diventato, a circa un anno dall’intervento di riqualificazione, una delle mete naturalistiche più visitate in Emilia Romagna.

La proficua collaborazione tra il Consorzio di bonifica dell’Emilia Centrale ed il Comune di Carpi (nell’ambito del progetto Life Rinasce, promosso in collaborazione con la Regione Emilia-Romagna ed approvato dalla Commissione Europea) sta portando a significativi risultati naturalistici e sociali oltre che per la sicurezza idraulica del territorio.

I lavori sul canale Cavata Orientale, conclusi un anno fa con la creazione di una cassa di espansione, mostrano ora l’elevato valore ambientale per il territorio: la zona umida, costruita all’interno del bacino di laminazione, è ormai frequentata da numerose specie di uccelli; gli anfibi iniziano a colonizzarla e l’ecosistema palustre sta iniziando a strutturarsi, mentre le circa mille specie di alberi ed arbusti stanno crescendo sotto attento monitoraggio.

Il progetto comunitario – sottolinea Francesco Vincenzi, Presidente di ANBIintegra riqualificazione idraulica e salvaguardia ambientale: la risagomatura dei corsi d’acqua risponde ai più moderni indirizzi di riqualificazione fluviale. Con la fine del lockdown, il bacino di laminazione è diventato un luogo identitario per il territorio ed una delle mete preferite dai tantissimi amanti della bicicletta.”

Il complesso intervento (valore: oltre 2 milioni di euro finanziati da ente consorziale, Regione Emilia-Romagna ed Unione Europea) è volto al miglioramento della qualità ambientale e della sicurezza idraulica di alcuni canali di bonifica emiliani, diminuendo il rischio di inondazioni e salvaguardandone lo stato ecologico.

“Questa esperienza emiliano-romagnola – prosegue il Presidente di ANBIè la migliore risposta ai pregiudizi verso la realizzazione delle casse di espansione, che non solo salvaguardano i centri abitati dalle ondate di piena e possono diventare un bacino di accumulo idrico, ma svolgono un’importante funzione ambientale.”     

 “Questo progetto – afferma Matteo Catellani, Presidente del Consorzio di bonifica dell’Emilia Centrale – costituisce un concreto esempio di come la gestione delle opere di bonifica sia improntata non solamente alla massima efficienza idraulica, ma anche alla valorizzazione dell’habitat.”

“Dal Nord al Sud dell’Italia – aggiunge Massimo Gargano, Direttore Generale di ANBI – nei Consorzi di bonifica è ormai costante la ricerca della compatibilità fra le esigenze della manutenzione idraulica ed il rispetto dei tempi della natura. La pianura padana, in particolare, è uno degli ecosistemi maggiormente antropizzati al mondo, in cui i corsi d’acqua sono le uniche riserve di biodiversità e rappresentano un luogo fruibile alle comunità. In tutta Italia, i Consorzi di bonifica gestiscono circa 200.000 chilometri di corsi d’acqua, i cui argini, dove percorribili in sicurezza, rappresentano anche una straordinaria opportunità ciclopedonale per la promozione del territorio.”

“Si tratta di un eccellente lavoro, il cui valore sinergico è altissimo – conclude Riccardo Righi, Assessore all’Ambiente del Comune di Carpi – Mette in evidenza come la collaborazione virtuosa tra enti sia un vantaggio sia dal punto di vista ambientale che funzionale. L’area è diventata una delle mete preferite dai cittadini che, con la fine dell’emergenza sanitaria, ne riscoprono la frequentazione sociale.”

Continua a leggere

Cultura e Spettacoli

Torino, riapre il Museo Nazionale del Cinema

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Il Museo Nazionale del Cinema riapre il 2 giugno, dalle 9:00 alle 20:00, in contemporanea a molti musei torinesi dopo la sosta forzata del lockdown.

Un’apertura straordinaria, simbolicamente fissata nel giorno della Festa della Repubblica, che proseguirà il venerdì, il sabato e la domenica con orario 9:00-20:00.

L’ingresso al Museo è possibile esclusivamente con biglietto pre-acquistato on-line; tariffa con ingresso ridotto per tutte le categorie di visitatori e con l’indicazione dell’orario di accesso al museo.

“Il flusso del pubblico è stato definito grazie a un programma sperimentale – racconta il responsabile della sicurezza Ing. Giuseppe Amaro di Gae Engineering – che ha simulato il percorso di visita tenendo conto del distanziamento sociale. Gli ingressi contingentati permettono di garantire una fruizione ottimale della visita, garantendo potenzialmente il numero di visitatori standard del museo. Il personale di sorveglianza sarà inoltre munito di devices che monitorano in tempo reale il numero di persone presenti ai diversi livelli della Mole Antonelliana”.

Tutti i visitatori dovranno essere muniti di mascherina e lungo il percorso troveranno dei dispenser di gel disinfettante. Il personale di pulizia, facilmente identificabile e sempre presente, igienizzerà continuamente tutte le zone di contatto.

Il senso della visita sarà unidirezionale e in questo modo è possibile garantire un percorso in sicurezza, che utilizza anche parte delle vie di evacuazione che dalla cima della rampa elicoidale attraversano l’orecchia sinistra e portano all’uscita laterale della Mole Antonelliana.

“Abbiamo lavorato in questi mesi per un ritorno alla normalità, che sarà sicuramente differente da come la si intendeva prima – afferma Domenico De Gaetano, direttore del Museo Nazionale del Cinema. Riapriamo con nuove misure di controllo che possano garantire una fruizione ottimale, in coordinamento con tutti i fornitori che si sono allineati alle misure di sicurezza messe in atto. Siamo molto soddisfatti perché tutta la Mole sarà visitabile, con poche e ragionate restrizioni. Il percorso di visita è rimasto pressoché inalterato: dall’Archeologia del Cinema all’Aula del Tempio fino alla straordinaria mostra “cinemaddosso”, rimasta aperta per solo due settimane. E poi ci saranno delle guide che in punti strategici accompagneranno con il loro racconto il visitatore a vivere l’esperienza museale nella sua totalità. A giugno l’orario di apertura del museo è limitato ai weekend. Resta inteso che siamo pronti a riaprire a pieno regime non appena ci saranno le condizioni necessarie e la possibilità di spostamento delle persone su tutto il territorio nazionale”.

“Tra i compiti di un ente come il nostro vi è anche dare il buon esempio, spingere le persone ad allargare i propri orizzonti culturali, incentivando la condivisione del sapere – commenta Enzo Ghigo, presidente del Museo Nazionale del Cinema. Il museo è stato completamente sanificato e tutti i protocolli di sicurezza sono stati verificati e certificati. È proprio con questo spirito che riapriamo il Museo Nazionale del Cinema, consci che da qui in avanti sarà tutto un nuovo costruire.

È stata prorogata fino al 18 gennaio 2021 la mostra cinemaddosso. I costumi di Annamode da Cinecittà a Hollywood, a cura di Elisabetta Bruscolini e allestita nell’Aula del Tempio e sulla rampa elicoidale, cuore del Museo Nazionale del Cinema. Qui cinema, arte, moda si fondono per celebrare la straordinaria Sartoria Annamode, eccellenza del Made in Italy dagli anni Cinquanta a oggi nella realizzazione di abiti per grandi produzioni cinematografiche nazionali e internazionali. La mostra ha anche una sua estensione online, sul sito www.cinemaddosso.com, dove vengono illustrate le diverse sezioni della mostra, in una sorta di catalogo online multimediale e interattivo.

L’ascensore panoramico resta chiuso fino alla conclusione dei lavori di manutenzione programmata attualmente in corso.

Continua a leggere

I più letti