Connect with us

Roma

ROMA, ESCLUSIVA CASO MORO: I TEMPI CHE NON COINCIDONO, L'OMBRA DI UNA DONNA E L'INTERVISTA A GIULIO ANDREOTTI CON PARTI INEDITE REALIZZATA NEL 2008

Clicca e condividi l'articolo

L'incognita dell'uomo e della donna che parcheggiarono al Renault 4 alle 8 del mattino

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Luca Pagni

Roma, aggiornamenti caso Moro e fatti inediti – Dove ed a che ora è stato assassinato Aldo Moro ? Perché Francesco Cossiga si trovava in via Cetani prima del ritrovamento? Diversi interrogativi riaffiorano e inevitabilmente portano ancora ad accendere i riflettori sul caso Moro. L’artificiere Vito Antonio Raso ha pubblicato il libro “La bomba umana” ed. Seneca, in cui affronta anche il caso Moro, anticipandone il ritrovamento di almeno 2 ore e con  l'avvenuto abbandono della Renault 4 con il cadavere dello statista ben prima della telefonata di Morucci al professor Francesco Tritto, collaboratore di Moro. Telefonata, che venne intercettata verso le 12:13 e nella quale si annunciava l'avvenuta esecuzione del presidente Dc ed il luogo in cui sarebbe stato possibile trovarne il cadavere.

Vito Antonio Raso ricorda che era presso la sede Commiliter quando la volante 23 della Polizia lo prelevò per portarlo in via Cetani. Durante il trasporto non sapeva ancora che lì avrebbe trovato il corpo di Aldo Moro chiuso nel bagagliaio di una Reanault 4 rossa, tra le 10,30 e le 10,45.

L’esperto artificiere ricorda che tra via delle Botteghe Oscure e via Caetani , “la situazione era tranquilla e non c’erano transennamenti o blocchi del traffico che facessero pensare ad un pericolo bomba. Il Commissario Federico Vito si trovava già sul posto ed era solo in una strada ancora deserta. C’era da controllare la Renault 4 perché era stata ricevuta una telefonata anonima e si riteneva che dentro potesse esserci una bomba. Dei bossoli esplosi erano posti sul tappetino anteriore sia dal lato guidatore che passeggero – continua la precisa descrizione – mentre giravo attorno alla macchina si avvicinò una ragazza alta, magra, capelli scuri e vestita in un modo che definirei “alternativo” che mi chiese a bruciapelo: “ ‘E’ vero che in quella macchina c’è il cadavere di Aldo Moro?’”.

Come faceva la ragazza a sapere che Aldo Moro era proprio in quella macchina ?

Vito Antonio Raso continua… “Cercai di mantenere la calma per evitare di mandarla a quel paese anche perché, conoscendo bene il bagagliaio e sapendo che Moro era di statura non certo piccola, non avrei mai pensato che sarebbe potuto entrare in quel piccolo spazio. Ma tant’è. Su L’Unità si parlò anche di una testimone che avrebbe visto un uomo ed una donna che parcheggiavano la Renault 4 verso le 8 del mattino.”

A proposito, dubbi e interrogativi sui nominativi di Valerio Morucci ed Adriana Faranda

Vito Antonio Raso continua a rivelare particolari della sua ispezione alla Renault 4

“Mentre ispezionavo l’auto mi avvicinarono il capo della Digos romana Domenico Spinella, il comandante del nucleo investigativo dei Carabinieri Colonnello Cornacchia, ed il Ministro Cossiga. Quando aprii lo sportello posteriore destro ed uscii dalla macchina. Il gruppetto di personaggi assieme a Cossiga era in fondo alla strada e io gli feci cenno di avvicinarsi. Quando furono abbastanza vicini, parlando a voce bassa per non farmi ascoltare da orecchie indiscrete dissi: “Ministro, dentro quell’auto c’è il cadavere di Aldo Moro”. Restarono impassibili. Nessun segno di sgomento o stupore, nè lui e neppure gli altri funzionari che gli erano accanto. Come se già sapessero”.

Curiosamente, secondo il racconto, erano da poco passate le 11,30 mentre le immagini ufficiali che sono collocate ben oltre le 13.30,infatti le prime riprese della tv privata Gbr furono girate intorno alle ore 14, alla prima identificazione del corpo fatta proprio da Raso.

Cosa accadde ? Perché mai Francesco Cossiga si recò due volte in via Caetani ? Tutto questo lo ha rivelato ieri l’Ansa creando sconcerto tra studiosi, giornalisti, e forse  anche tra i magistrati che hanno da poco deciso di riaprire il caso Moro.

Curiosamente le dichiarazioni più eclatanti sono venute a galla dopo la morte dei Senatori a vita Francesco Cossiga e Giulio Andreotti, che non possono più dire la loro.

Chi ha ucciso Aldo Moro? Chi aveva interesse ad abbandonarlo al suo destino ?

Il Giudice Imposimato documenta  che “L’operazione era stata neutralizzata da un ordine dall’alto”

A questi ed altre domande hanno cercato di rispondere in tanti, tra i quali annoveriamo Sandro Provvisionato e Ferdinando Imposimato (allora Giudice Istruttore) nel libro “Doveva Morire”, edito nel 2008 da Chiarelettere.

Essi provano che il sequestro Moro, partito come azione brigatista con l'appoggio della Raf e l'interesse di Cia, Kgb e Mafia, venne gestito dal Comitato di Crisi presso il Viminale.

Secondo Imposimato tutti prendevano ordini da Licio Gelli (Gran Maestro Venerabile della Loggia Massonica Propaganda due) che contava almeno 52 tesserati nelle strutture di indagine, ed era amico di Francesco Cossiga e Giulio Andreotti.

Tutti questi dopo il rapimento e la strage in via Fani il 16 marzo 1978, vanificarono le opportunità emerse per salvare Moro.

La Polizia giunse alla porta della prigione di via Gradoli 96 per perquisizioni già il 18 marzo 1978 ma all’interno 11 sc. A suonarono il campanello senza irrompere come dall’ordine di perquisire tutti gli appartamenti.

Imposimato denuncia che alla tipografia dove andava Moretti prima dell'assassinio, in via Pio Foà, l’Ucigos giunse il 28 marzo 2008 senza allertare ne la Procura di Roma ne la Digos, così come quando giunsero a via Montalcini 8 subito dopo la strage.

Dal 19 aprile 1978 non venne pedinato Teodoro Spadaccini che gestiva la Renault 4 usata per l'assassinio ed il trasporto di Moro.

Furono bloccati gli ordini di cattura emessi il 24 aprile 1978 contro pezzi da novanta del terrorismo, di cui molti presenti in via Fani per la strage.

Molti documenti scomparvero o vennero manomessi come i documenti e le registrazioni video del processo delle BR a Moro. Andreotti, Zaccagnini e Cossiga sostengono che Moro non abbia mai manifestato timori di sorta, ma tra le carte ritrovate c’è anche un appunto del Sismi diretto al Ministero dell’Interno in cui si accenna alle dichiarazioni di ORESTE LEONARDI ( n. 1926 – m. 1978 a cui Fabrizio Fratangeli nel 2008 ha fatto intitolare un giardino  tra via Casalinuovo, via Adolfo Ravà e via di Grotta Perfetta)

capo scorta di Moro su qualcuno che controllava anche in vacanza i movimenti del Presidente DC. Carmine Pecorelli, vicino ai servizi segreti, alludette sul primo numero di Osservatorio Politico (OP) al possibile sequestro di Moro prima del marzo 1978, e pure la Polizia sapeva che le BR volevano sequestrare a Roma un politico importante.

Sergio Flamigni ne “La tela del ragno. Il delitto Moro” asserisce che esisterebbe, tra le deposizioni dei brigatisti e le indagini peritali, una contraddizione non risolta giacchè Moretti e Maccari hanno detto che Moro fu ucciso nel garage di via Montalcini tra le sei e le sei e trenta ma le perizie stabiliscono che lo statista fu ucciso tra le nove e le dieci di mattina. E' probabile, quindi, che l'ostaggio sia stato portato sulla cesta situata nel bagagliaio della R4 in un'altra prigione situata nella zona del ghetto ebraico, per poi spostarlo dopo le 10 in via Caetani.

Francesco Mazzola descrisse in forma romanzata, ne I giorni del diluvio (Rusconi, 1985), un’operazione per liberare un ostaggio, secondo le modalità suggerite dal commissario Schiavone nella riunione presso lo Stato maggiore della Difesa. Nel romanzo di Mazzola, tuttavia, l’azione falliva perché il prigioniero era stato spostato.

“E invece Moro non era stato affatto spostato e venne ucciso nel garage di via Montalcini la mattina del 9 maggio 1978, come mi confermò anche Prospero Gallinari nel 2007 a Reggio Emilia.” Lo rivela Il Giudice Istruttore Ferdinando Imposimato, nel suo recente libro “I 55 giorni che hanno cambiato l’Italia” in cui si testimonia che i militari erano arrivati alla casa vicina a quella dove stava Moro. Hanno avuto l’ordine di fermarsi. “Erano arrivati a venti metri […]. Quindi lo sapevano benissimo [dov’era l’ostaggio]”. Inoltre il poliziotto era rimasto “talmente schifato che si e dimesso dalla polizia”. A questo punto, anche i corpi speciali della polizia avevano deciso di intervenire militarmente nell’appartamento prigione per salvare Aldo Moro, e si stavano preparando in sinergia con i carabinieri di Dalla Chiesa quando l’operazione era stata neutralizzata da un ordine dall’alto, capace di suscitare la reazione disgustata anche degli uomini dei Nocs. E’ un fatto che addolora per la crudeltà dimostrata da chi prese quella decisione, ma conforta perché conferma che i bersaglieri, come Giovanni Ladu, uomini dell’esercito come Oscar Puddu e tutti gli uomini dei gruppi speciali e i loro capi avevano deciso di salvare Moro anche a rischio della propria vita”.

Nel mese di febbraio del 2008 in occasione delle annuali commemorazioni del rapimento e dell’assassinio di Aldo Moro, per i quali sarebbe ricorso il Trentennale della morte il 9 maggio 2008, ho intervistato per Igea News il Sen. Giulio Andreotti.

 

Ripropongo oggi l’intervista integrale, con l’aggiunta di passaggi inediti

 

Moro fu rapito dalle BR per colpire il sistema politico. Che idea si fece all'epoca dei fatti e cosa ne pensa oggi, con il senno del poi ?

 Che vi fosse una realtà complessa dietro l'operazione di cattura e l'assassinio di Aldo fu unanime la convinzione. E certamente il bersaglio era duplice: DC e PCI.

 

Pare che le B.R. studiassero la possibilità di rapire Lei, Giulio Andreotti, Presidente del Consiglio, ma poi abbandonarono l’dea per la sua alta protezione. Cosa pensa di questa ipotesi e come visse la paura di poter subire un attentato alla sua vita?

Moro era l'obiettivo sia come esponente politico sia come personalità di grande fascino intellettuale. Per questo era più al rischio rispetto a tutti noi. Del resto anche dentro la Dc Aldo aveva una posizione molto accentuata.

 

Furono commessi errori nelle ricerche della prigione di Aldo Moro?

Errori no. Purtroppo non avevamo un apparato di sicurezza di grande spicco. Ma sarebbe stato difficile metterlo in piedi, quando già per quello modesto che avevamo vi era l'accusa di Stato di polizia.

 

Cosa fecero realmente lo Stato italiano ed il Vaticano, per liberare Aldo Moro?

 Attivammo tutti i canali possibili (e Mons. Macchi offrì anche un riscatto in danaro).

 

Che ruolo ebbero la P2 e le spie dell'ex Unione Sovietica nel rapimento di Aldo Moro?

Al riguardo vi sono state molte ipotesi e ricerche. Ma nulla di certo emerse.

 

Cosa pensa del coinvolgimento della Massoneria nel rapimento?

 Non ho elementi in proposito. Del resto della Massoneria non è che si conosca molto.

 

Lei personalmente ha dei rimorsi?

No. Tutto quello che si poteva fu attivato.

 

Le conseguenze politiche del rapimento di Moro furono da un lato l’esclusione del P.C.I. da ogni ipotesi

di Governo per gli anni successivi e dall’altro un ridisegno del cosiddetto “regime democristiano”.

Infatti la cosiddetta “DC di Andreotti” rimase partito di Governo fino al 1992, anno di tangentopoli.

Cosa altro ha comportato il rapimento di Aldo Moro ?

 E’ uno schema che non condivido in pieno. Non è mai esistita una “DC di Andreotti”

 

A trenta anni dal rapimento e dall’uccisione di Aldo Moro, sarà tolto il segreto dagli archivi di Stato ?

 Ma dove sono questi atti segreti ? E’ una leggenda.

 

Quando il popolo italiano potrà conoscere la realtà vera degli anni di piombo?

 Ma chi ha voglia già oggi può conoscere tutto (o quasi tutto).

 

 

Come scrisse Aldo Moro al Presidente del Senato:

“Muoio, se così deciderà il mio partito, nella pienezza della mia fede cristiana e nell’amore per una famiglia esemplare che io adoro e spero di vigilare dall’altpo dei cieli… Questo bagno di sangue non andrà bene né per Zaccagnini, né per Andreotti, né per la D.C. né per il Paese.

Ciascuno porterà le sue responabilità…Ma nessun responsabile si nasconda dietro l’adempimento di un presunto dovere. Le cose saranno chiare presto.”

 

Per approfondire lo studio del caso Moro, suggeriamo la lettura dei libri: "Un affare di Stato” di Andrea Colombo, "Eseguendo la sentenza" di Giovanni Bianconi, “Abbiamo ucciso Aldo Moro” di Emmanuel Amara,“La foto di Moro” di Marco Belpoliti,“Lettere dal patibolo” di Critica Sociale, “L’affaire Moro” di Leonardo Sciascia, “Moro si poteva salvare” di Folco Accame, “I 55 giorni che cambiarono l’Italia” di Ferdinando Imposimato da poco pubblicato dalle Newton Compton

Castelli Romani

Castel Gandolfo, nasce “El Perro Academy & Fitness”: sport e amici a 4 zampe per socializzare sulle rive del lago

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

CASTEL GANDOLFO (RM) – Un nuovo progetto dedicato agli amici a 4 zampe prende il via nella Città Vaticano II dove l’associazione sportiva Castel Gandolfo Outdoor, già sede degli allenamenti delle Unità Cinofile di Salvataggio in Acqua , ha presentato “El Perro Academy & Fitness” a Castel Gandolfo.

Si tratta di un Centro di Formazione Tecnica per le attività cinofile sportive ed operative, un progetto definito “ambizioso” dagli organizzatori che, sotto l’ègida degli Enti di Promozione Sportiva riconosciuti dal C.O.N.I., e l’ausilio di formatori tecnici altamente qualificati, veterinari ed osteopati animali, mira ad ampliare la cultura cinofila in generale, dalle attività sportivo-ricreative svolte dai binomi, sino alla formazione ed agli allenamenti delle più specialistiche unità cinofile operative.


“L’intento – spiega Paola Romanelli – Responsabile del Settore Cinofilo dell’associazione – è quello di spingere una vasta platea, dai piccoli ai meno giovani, ad approfittare della presenza di un cane in famiglia per approcciarsi ad uno stile di vita che metta l’attività motoria in primo piano, attività accompagnata da momenti di relax nei gruppi de “gli amanti dei cani”, ma anche nozioni che possano formare proprietari responsabili per la gestione del proprio cane a 360°. Ringraziamo gli Enti preposti per aver sostenuto la nostra iniziativa autorizzando l’accesso dei cani in area demaniale ed in acqua, sarà nostra cura rispettare l’ambiente del nostro territorio. Avanti con lo sport dunque, ma anche via al recupero della socializzazione all’aria aperta che nell’ultimo anno molti di noi hanno perso; grande spazio anche a progetti ambiziosi che coinvolgeranno altre Associazioni no profit, le Scuole del territorio per lavori specifici con I.A.A. (Interventi Assistiti con gli Animali)”

Continua a leggere

Castelli Romani

Nemi, gestione rifiuti vicino un pozzo di acqua: il Comitato scrive all’On. Valerio Novelli presidente della Commissione Ambiente

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Dopo l’interrogazione regionale presentata dal Presidente della Commissione Rifiuti On. Marco Cacciatore, il Comitato attende di essere convocato per essere ascoltato in Commissione Ambiente presieduta dall’Onorevole Valerio Novelli

NEMI (RM) – Il Comitato “I Corsi” – via della Radiosa, Nemi ha chiesto di essere ascoltato in audizione presso la Commissione Agricoltura e Ambiente del Consiglio Regionale del Lazio, presieduta dall’On. Valerio Novelli, per poter esporre e informare delle intenzioni dell’Amministrazione comunale di Nemi riguardo la realizzazione di un Centro comunale di raccolta rifiuti differenziati – isola ecologica in via della Radiosa nelle immediate vicinanze – circa 40 metri – di un pozzo di acqua potabile gestito da Acea che serve la popolazione di Nemi e all’occorrenza può servire anche altri comuni.

La richiesta di audizione è stata inviata lo scorso 7 maggio dove è stata riassunta la vicenda che appare in netto contrasto con quanto stabilito dalla Legge 152/2006 che vieta categoricamente, senza sorta di interpretazioni, la “gestione rifiuti” entro un’area di 200 metri – fascia di rispetto – dal pozzo di acqua.

“Il Comune di Nemi, – scrivono dal Comitato -dopo aver visto bocciato il suo precedente progetto da parte di ACEA ATO2, ha continuato a lavorare durante tutto il periodo tra il 2016 e oggi in ambito di Conferenza di Servizi, in chiaro contrasto con il d.lgs. 30 giugno 2016, n. 127 che stabilisce tempi certi per la chiusura delle Conferenze di Servizi” è evidente che cerca di “interpretare” l’Art. 94 della L. 152/2006 e ottenere l’autorizzazione alla realizzazione del centro raccolta – isola ecologica.

Acea Ato 2 ha detto per due volte no ma il Comune insiste e si rivolge alla dirigente Flaminia Tosini arrestata con l’accusa di corruzione, concussione, turbata libertà di procedimento di scelta del contraente.

Il Comitato ha chiesto e ricevuto da ACEA ATO2 alcuni documenti da cui si evince che su ulteriore sollecitazione del Comune di Nemi ACEA ATO2 ha fornito nel Luglio 2018 un ulteriore parere negativo. Il Comune di Nemi ha, a quel punto, fatto richiesta di ulteriore parere alla Regione Lazio – Direzione Politiche Ambientali Ciclo dei Rifiuti – Area Rifiuti e Bonifiche e questo, con prot. n. U0145826 del 22/02/2019 dopo aver asserito che “le attività che sono svolte all’interno del centro di raccolta non costituiscono alcun tipo di lavorazione, recupero, smaltimento sui rifiuti e pertanto potrebbero non costituire “centro di pericolo”, ha richiesto ad ACEA la redazione di uno studio sulla vulnerabilità della falda.

In data 15/3/2019 il comune di Nemi con Prot. 2950 alla luce del parere della Regione Lazio sollecitava nuovamente ACEA ATO2 a emettere un nuovo parere, invitando l’Ente Gestore delle acque a rivedere quello espresso in precedenza e di fornire lo studio di Vulnerabilità della falda come richiesto dalla Direzione Politiche Ambientali Ciclo dei Rifiuti – Area Rifiuti della Regione. In data 4/9/2020 ACEA ATO2 con lettera Prot. 0448288 al Comune di Nemi si limitava a trasmettere al Comune di Nemi lo studio richiesto ma non forniva alcun ulteriore parere”.

Un parere, quello della Regione Lazio, che porta la firma di Flaminia Tosini arrestata a marzo con l’accusa di corruzione, concussione, turbata libertà di procedimento di scelta del contraente.
Flaminia Tosini tenta in maniera più che opinabile e arrangiata una sorta di interpretazione della famosa legge 152/2006 art 94 facendo leva sui famosi casi di straordinarietà che prevedono la gestione di rifiuti in prossimità di un pozzo.

Peccato che non vi rientri assolutamente la fattispecie di via della Radiosa e non è possibile alcuna deroga di tale legge se non principalmente in caso di mareggiate (non c’è mare in quella strada ne ad esempio alghe che possano ostruire il pozzo a tal punto da prevedere la rimozione dei rifiuti e quindi una sorta di “gestione” finalizzata alla sola pulizia dello stesso).

Su questa vicenda che vede tanti cittadini battersi per cercare di far rispettare una Legge che non ammette nessun tipo di deroga – D.lg 152/2006 Art. 94 – dopo l’interrogazione regionale presentata dal Presidente della Commissione Rifiuti On. Marco Cacciatore, il Comitato attende di essere convocato per essere ascoltato in Commissione Ambiente presieduta dall’Onorevole Valerio Novelli.

Continua a leggere

Metropoli

Allumiere, Concorsopoli: Pasquini “caccia” Mori ma non annulla ancora il concorso dei miracoli. “Accuse” contenute nel parere del legale del Comune

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Diversi “idonei” sono stati ascoltati nei giorni scorsi dagli inquirenti

Il 9 maggio 2021 con una determinazione comunale il Sindaco di Allumiere Antonio Pasquini rescinde “per giusta causa il contratto a tempo indeterminato del dottor Andrea Mori. La rescissione arriva dopo l’acquisizione da parte del sindaco di un parere dell’Avvocato Stefano Trippanera, pervenuto in data 4 maggio 2021, da cui emerge un dato di fatto a dir poco sconcertante: “La procedura concorsuale risulta viziata”. Conclusioni che risuonano come macigni e a cui però segue un altro fatto ancora più paradossale: perché Pasquini ha annunciato da diversi giorni di voler procedere con l’annullamento del concorso in autotutela e ancora non lo ha fatto?

Tra l’altro nella determina di revoca si legge testualmente: il Comune di Allumiere può rivalersi contro Mori per tutti i danni anche di immagine ed erariali causati e “derivanti direttamente e indirettamente dalle attività illegittime poste in essere dal Dottor Mori durante le fasi del concorso..”.

Sembra che ad Allumiere ci sia un allarmante momento di stasi e immobilismo: se il sindaco non procede all’annullamento del concorso allora va da sé che Mori può risultare come inutilmente sospeso e potrebbe addirittura muoversi nelle sedi opportune per impugnare tale azione.

Imbarazzante il silenzio da parte della Regione Lazio. Che cosa si aspetta? La tempesta non sembra voler passare poi così in fretta. Ci sono delle indagini serrate e diversi “idonei” sono stati ascoltati nei giorni scorsi dagli inquirenti.

Continua a leggere

I più letti