Connect with us

Roma

Roma, estorsione aggravata dal metodo mafioso: in manette appartenente alla famiglia Casamonica

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ROMA – Nel corso della notte, a Roma e Monterotondo (RM), i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip presso il Tribunale di Roma, su richiesta della locale DDA, nei confronti di due soggetti accusati di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso (artt. 56, 81, 110, 629, 416 bis 1 CP), commessa a Roma tra il giugno ed il novembre 2018.

Le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Roma – Direzione Distrettuale Antimafia e condotta dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma, sono state avviate a seguito della denuncia presentata, nel luglio 2018, da due fratelli, titolari di una nota concessionaria di auto, impegnati in quel periodo nella realizzazione di un nuovo immobile aziendale ubicato su via Tuscolana, i quali hanno denunciato di essere stati vittima di continue richieste per versare la somma di 10.000 euro, quale “protezione” necessaria per il normale svolgimento dei lavori.

Gli approfondimenti investigativi, consistiti in attività tecniche e in assunzione di informazioni, hanno consentito di acquisire gli elementi necessari a comporre a carico degli indagati un grave quadro indiziario. In particolare, da quanto ricostruito dai militari, S.M., 38enne romano incensurato, e C.G., 59enne, con precedenti, appartenente alla famiglia Casamonica, hanno richiesto ai due imprenditori di versare la somma di 10.000 euro per poter continuare senza problemi i lavori su via Tuscolana che, a detta dei due, avevano creato dei danni a degli appartenenti alla citata famiglia Casamonica dimoranti in abitazioni limitrofe al cantiere.  Le richieste di denaro, da quanto emerso dalle indagini, sono state molto insistenti e molteplici sono stati i richiami all’impossibilità di sottrarsi alla richiesta estorsiva poiché proveniente dai Casamonica, prospettando, in caso di rifiuto, possibili danneggiamenti ai beni aziendali dei due fratelli.

I provvedimenti, che dispongono la custodia cautelare in carcere per gli indagati, sono stati notificati dai Carabinieri del Nucleo Investigativo di Roma presso l’abitazione e presso l’ospedale dove uno dei due è attualmente ricoverato e piantonato.

Roma

Roma. non si rassegna alla fine della relazione e trasforma la vita della sua ex in un incubo: arrestato impiegato 49enne

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

La Polizia Postale e delle Comunicazioni del Compartimento del Lazio ha arrestato un impiegato romano di 49 anni che, non rassegnatosi a perdere l´ex fidanzata, ha continuato per mesi ad inviarle e-mail e messaggi inquietanti con minacce di morte per lei ed i suoi cari, cercando di far ricadere la colpa su un altro uomo che, con la stessa, aveva avuto un rapporto sentimentale.

L´uomo si era anche finto vittima di analoghe azioni persecutorie, denunciando a sua volta di aver ricevuto messaggi dello stesso tenore che lui si inviava anche da dispositivi di cui aveva la disponibilità per ragioni di lavoro.

Per molto tempo la vittima, terrorizzata, aveva dovuto modificare le sue abitudini visto che lo stalker pareva conoscere ogni suo movimento. Telefonate continue, accessi abusivi alla posta elettronica e ai portali del lavoro, intrusioni sulle app di messaggistica.

Ottenuto il suo scopo il persecutore si era assurto a protettore della vittima dimostrandosi preoccupato per le sorti di questa e, una volta riconquistata la sua  fiducia, l´aveva accompagnata persino negli uffici di Polizia per farle sporgere le relative denunce.

Il comportamento premuroso non aveva lasciato indifferente la donna a cui era riuscito a fare il vuoto intorno, convincendola a non fidarsi di altri, il tutto nel tentativo di poter tornare con quello che considerava l´amore della sua vita.

La messinscena però non ha convinto gli investigatori della Polizia Postale che, grazie ad un attento lavoro, riuscivano a risalire alla vera identità dello stalker.

Riconosciuta la spiccata pericolosità sociale venivano disposti per lui gli arresti domiciliari. L´uomo dovrà rispondere oltre che per gli atti persecutori anche per i reati di accesso abusivo a sistema informatico, ricettazione e simulazione di reato.

Continua a leggere

Gallery

Formello, scoperta e sequestrata discarica abusiva con 42 tonnellate di rifiuti altamente inquinanti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

FORMELLO (RM) – Un terreno della superfice di circa 2600 metri quadrati adibito a discarica abusiva, su cui erano stati stoccate 42 tonnellate di rifiuti, è stato sequestrato a Formello dai Finanzieri del Comando Provinciale di Roma.

Il luogo di stoccaggio, nella disponibilità di una società operante nel settore della cosmetica, è stato avvistato da un elicottero della Sezione Aerea della Guardia di Finanza di Pratica di Mare, facendo scattare gli accertamenti del 3° Nucleo Operativo Metropolitano di Roma.

Le Fiamme Gialle, intervenute sul posto, hanno riscontrato la presenza di rifiuti speciali altamente inquinanti: batterie esauste di veicoli, plastiche parzialmente bruciate, lastre di vetro, materiale ferroso, legno, detriti provenienti da lavori di ristrutturazione edilizia e vecchi pneumatici, oltre a un’autovettura abbandonata.

I rifiuti rinvenuti, con il passare del tempo e l’esposizione agli agenti atmosferici, avrebbe potuto contaminare le falde acquifere sottostanti, con notevoli rischi per l’ambiente.

L’area è stata cautelata in attesa delle operazioni di bonifica e due persone – il rappresentante legale della società e il proprietario dell’autovettura – dovranno rispondere del reato di gestione di rifiuti pericolosi non autorizzata.

L’operazione rientra nel più ampio dispositivo di monitoraggio e controllo del territorio e testimonia il costante impegno della Guardia di Finanza di Roma a tutela della salute dei cittadini.

Continua a leggere

Roma

Casapound, notificato il provvedimento di sequestro della sede romana: soddisfazione di ANPI e Virginia Raggi

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Al termine di un’indagine condotta dalla Digos della Questura di Roma, la Procura della Repubblica capitolina ha chiesto ed ottenuto dal gip il sequestro preventivo, con riferimento al reato di occupazione abusiva, dell’immobile in via Napoleone III, sede del movimento Casapound. Sono in corso le procedure per la notifica del provvedimento. Lo rende noto la Questura di Roma.

“Siamo contenti che questa iniziativa sia stata assunta. Ora aspettiamo l’evoluzione dal punto di vista giudiziario”, commenta l’Anpi. “Esprimiamo viva soddisfazione per il provvedimento che era stato richiesto dalla Procura sulla base della nostra denuncia”, sottolinea il vicepresidente Emilio Ricci. Ed esulta anche la sindaca Virginia Raggi: “Un momento storico, una vittoria per la città”.

Continua a leggere

I più letti