Connect with us

Roma

Roma, il ritorno di “Totò truffa”: vende a 17 euro un biglietto usato dell’Atac spacciandolo per ingresso al Colosseo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ROMA – Ieri pomeriggio, nel corso di un servizio straordinario di controllo del territorio finalizzato al contrasto dell’abusivismo commerciale e del degrado nel quadrante del centro storico, in particolare nell’area del Colosseo, via dei Fori Imperiali, via del Corso e Fontana di Trevi, i Carabinieri della Compagnia Roma Centro hanno arrestato 3 persone e un’altra denunciata, contravvenzionato 8 venditori ambulanti, elevato sanzioni amministrative per 41.350 euro e sequestrato prodotti con marchi contraffatti e vari oggetti venduti senza autorizzazione.

In manette, con l’accusa di truffa aggravata, è finito un 57enne romano, senza occupazione e con precedenti

Sotto gli occhi dei Carabinieri in borghese, infiltrati tra la folla di turisti in piazza del Colosseo, l’uomo, spacciandosi per promotore turistico, è riuscito a vendere, per 17 euro, un biglietto ATAC usato, spacciandolo per biglietto di ingresso per l’ Anfiteatro Flavio, ad una turista francese di 79 anni. I Carabinieri dopo avere assistito alla scena lo hanno bloccato e lo hanno arrestato. In tasca aveva altri 6 biglietti usati pronti ad essere venduti come biglietti per il Colosseo.

In via dei Fori Imperiali e in via del Leoncino, arrestate anche due borseggiatrici, una 21enne bosniaca e una 26enne bulgara, colte in flagranza mentre derubavano due turisti del portafogli e dello smartphone.

In largo Corrado Ricci, i Carabinieri hanno denunciato un 65enne della Repubblica Domenicana, già noto alle forze dell’ordine, trovato in possesso di una borsa contenente una tronchese, un cacciavite, un coltello e una borsa schermata con carta stagnola, attrezzi probabilmente utilizzati per eludere i sistemi antitaccheggio dei negozi. Un 50enne peruviano, sprovvisto di patente perché revocata che guidava un veicolo già sottoposto a fermo amministrativo è stato contravvenzionato per un totale di 5000 euro.

Infine 8 cittadini stranieri (sette del Bangladesh e uno del Senegal) sono stati contravvenzionati per la vendita ambulante senza autorizzazione. I Carabinieri hanno rinvenuto e sequestrato migliaia di pezzi tra aste allungabili per selfie, power bank, cover per smartphone, borse da donna, cappelli e sciarpe che tentavano di vendere ai passanti, anche con fare insistente.

Print Friendly, PDF & Email

Roma

Roma, auto rubate in uno sfascio illegale in via Palmiro Togliatti: arrestate 5 persone

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ROMA – Al termine di un’attività di ricerca inerente il furto di un’autovettura, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile hanno arrestato cinque persone, due romani di 56 e 58 anni e tre cittadini romeni di 45, 49 e 42 anni, poiché sorpresi a smontare parti di un’autovettura risultata rubata.

I Carabinieri, arrivati in via Palmiro Togliatti, hanno accertato che i cinque, avevano allestito un vero e proprio autodemolitore all’interno di un’area demaniale, risultata già sottoposta a sequestro.

Successivamente i militari hanno appurato numerose irregolarità in materia ambientale: gestione rifiuti, mancanza di alcun titolo autorizzativo, mancanza di una superficie impermeabile, assenza sistemi decantazione e sgrassaggio, oltre alle carenze infrastrutturali e documentali.

All’interno della stessa area, pari a 3.500 mq, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno rinvenuto: 6 autovetture o parti di esse, risultate oggetto di furto e 19 targhe di autovetture, denunciate rubate.

L’intero sito è stato nuovamente sequestrato dai militari, mentre i 5 arrestati sono stati sottoposti agli arresti domiciliari, in attesa del rito di convalida, dovranno rispondere dei reati di; riciclaggio in concorso, ricettazione, violazione di sigilli e gestione illecita di rifiuti speciali e pericolosi

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Litorale

Pomezia, emergenza Coronavirus: chiuso l’Istituto Largo Brodolini”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

Su richiesta della Asl Roma 6 il Sindaco ha disposto la chiusura dell’Istituto a seguito dei numerosi casi d’infezione da Covid-19 registrati negli ultimi giorni in diverse classi della scuola

POMEZIA (RM) – Il Sindaco di Pomezia Adriano Zuccalà ha appena firmato un’ordinanza che dispone la sospensione di ogni attività all’interno dell’Istituto d’Istruzione Superiore Statale “LARGO BRODOLINI” da oggi 27 febbraio e fino al 13 marzo 2021 compreso.

La decisione arriva su richiesta della Asl di competenza, a seguito dei numerosi casi d’infezione da Covid-19 registrati negli ultimi giorni in diverse classi della scuola.

“Una misura precauzionale – spiega il Primo Cittadino – visto il numero di classi poste in quarantena per i casi di positività registrati, a tutela della salute e della sicurezza di studenti, docenti e personale scolastico. Per le prossime due settimane tutte le attività scolastiche saranno svolte a distanza”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Metropoli

Guidonia Montecelio, amministrazione M5s. Ammaturo (FdI): “Vietato pagare i creditori”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo


Riceviamo e pubblichiamo la nota di Giovanna Ammaturo capogruppo di FdI in Consiglio comunale a Guidonia Montecelio dove denuncia che: “Oltre a non pagare milioni di euro a società e professionisti, ad opporsi con liti giudiziarie, il sindaco Barbet e il M5 voglia forfettizzare i debiti a danno di chi non ha contante a causa della pandemia e del diminuito fatturato”.

Ecco la nota di Giovanna Ammaturo (FdI):

“30 milioni di euro è la cifra non ufficiale dei debiti commerciali del comune di Guidonia Montecelio. La pagina della trasparenza dell’Ente è ferma, purtroppo, al 31 dicembre 2019 ma a bilancio sono iscritti 47 mln di debiti. Per l’amministrazione pentastellata di Barbet le leggi valgono solo per gli altri. Al M5S poco importa, vista l’evidenza, che centinaia di società, ditte e professionisti dietro cui ci sono maestranze e famiglie oltre che bocche da sfamare e rispetto, abbiano reso un bene o un servizio all’Ente: debbono attendere. Il manto della burocrazia facilita la P.A. che prima di onorare il contratto ha l’obbligo di accertare che il creditore sia più cristallino di un diamante: Durc, Inps, Inail, Agenzia delle Entrate sono alcune di una decina di controlli che diventano liturgia a non pagare o meglio: aspettare. La burocrazia è andata anche oltre: la forfettizzazione. Un neologismo amaro che a seguito di un negoziato riduce l’importo. In pratica ti devo 100, ti do 70, e mi firmi una liberatoria che, tu mi hai chiesto il forfait. Le esigenze pressanti di una azienda che ha visto drasticamente diminuire il fatturato e manca il circolante in periodi di pandemia costringe i creditori a ridursi l’utile se non sottocosto pur di incassare. Uno squallido episodio di ignominia civile, sociale ed umana. Ho letto che la DIA è preoccupata che mafia acquisterebbe a buon prezzo aziende attanagliate dalla mancanza di contante e dalla pandemia- conferma Ammaturo- Ecco perché occorre pagare i creditori, non aiutarli per la discesa. Sarà anche legge ma è disumano che il lassismo, il trasferimento di fondi, permette a distanza di anni di stare seduti al caldo dietro una scrivania e stipendio assicurato e vessare chi ha lavorato o solo onorato il contratto. Per il M5S essere vicino a commercianti, aziende e professionisti è solo di facciata mentre il conto corrente della seconda città d’Italia non capoluogo di provincia non scende mai sotto i 20 mln di euro. Così mentre il sindaco Barbet scimmiotta Paperone sono centinaia le opposizioni a decreti ingiunti e altrettante le liti giudiziarie in corso che oltremodo inibiscono il creditore ad essere fornitore della P.A. Pubblicare una lettera sul sito dell’Ente invitando alla pace sociale tra locatari e locatori per reciproco interesse stride con chi non paga o voglia forfetizzare i debiti a danno solo della parte contrattuale più debole. Dal 31 marzo 2015 v’è l’obbligo della fatturazione elettronica e dal primo luglio 2020 è scattato l’obbligo di inserire i mandati di pagamento le scadenze delle fatture. Il tasso di interesse per ritardato pagamento è sempre stato durante l’amministrazione Barbet l’8%. Molte volte abbiamo sollevato il problema in Consiglio comunale – conclude Ammaturo- e siamo stati minacciati di denuncia penale se avessimo continuato a dire che c’erano milioni di euro di debiti non pagati. Abbiamo presentato una mozione sull’argomento che sarà discussa in Aula di Consiglio, il luogo più giusto e trasparente affinchè i cittadini possano comprendere come la Città è amministrata da Barbet ed il M5S.”

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

I più letti