Connect with us

Roma

Roma, in piedi sul davanzale viene salvata in extremis dai Carabinieri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ROMA – Ieri sera, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma unitamente ai colleghi del Nucleo Scalo Termini hanno tratto in salvo una donna, 26enne tunisina, che manifestava intenti suicidi.

Verso le ore 21, a seguito di diverse segnalazioni giunte al 112, i Carabinieri sono intervenuti in via Giovanni Giolitti dove alcuni abitanti di zona e passanti hanno indicato la donna in piedi sul davanzale della finestra al quarto piano di un condominio.

I Carabinieri hanno individuato e raggiunto l’appartamento, riuscendo ad entrare sfondando la porta d’ingresso

Raggiunta la donna, in evidente stato di shock, i Carabinieri hanno subito capito che ogni tentativo di instaurare un dialogo sarebbe stato vano e si sono avventati su di lei tirandola all’interno della stanza e trattenendola, impedendole di raggiungere una seconda finestra verso la quale ha tentato di dirigersi.

La 26enne è stata poi affidata al personale sanitario che l’ha accompagnata al Policlinico Umberto I, in codice rosso. Non c’è un movente vero e proprio, la donna avrebbe problemi di salute mentale e di tossicodipendenza che già in passato l’avevano portata a tentare il suicidio.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Nemi, cittadini furiosi per come è stata sistemata la fontana all’ingresso del paese

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

NEMI (RM) – Cittadini infuriati a Nemi per come è stata sistemata la fontana situata all’inizio di corso Umberto. “Nemi non merita questi orrori – scrivono su Facebook – L’amministrazione comunale l’ha “trasformata” in una specie di piscina azzurra. I cittadini di Nemi e non solo, chiedano che sia rimossa quell’assurda vernice”

In effetti la vasca della fontana che raccoglie l’acqua che sgorga dalle due fontanelle sono state trattate con un colore che ricorda quello delle piscine. “Se occorre trattarla – scrivono ancora su FB – si cerchi il materiale isolante più adatto e non buttandoci dentro quello schifo !!!”

Continua a leggere

Roma

Roma, Tor Bella Monaca: pregiudicato evade per comprare sigarette ma in fila c’è un carabiniere!

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ROMA – È stata una serata decisamente “sfortunata” quella di ieri per un pregiudicato romano di 34 anni.L’uomo, attualmente sottoposto agli arresti domiciliari, è arbitrariamente uscito dal suo appartamento di via Amico Aspertini per l’impellente bisogno di acquistare dei pacchetti di sigarette.Dopo essere entrato in una vicina tabaccheria, ha atteso il suo turno senza sapere che, alle sue spalle, si era appena messo in fila anche un Carabiniere della Stazione Roma Tor Bella Monaca – in quel momento libero dal servizio e in abiti civili – anche lui lì per la stessa esigenza.Il militare lo ha riconosciuto e per il 34enne è scattato, inevitabile, l’arresto con l’accusa di evasione.

Continua a leggere

Roma

Roma, Trullo: buttano calcinacci in strada e picchiano chi li scopre

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ROMA – A seguito della denuncia sporta da un romano di 58 anni che ha riferito di essere stato aggredito, domenica scorsa, da due persone da lui sorprese a scaricare calcinacci in strada, i Carabinieri della Stazione Roma Trullo hanno identificato e denunciato a piede libero i presunti responsabili. Si tratterebbe di padre e figlio, cittadini romani di 28 e 52 anni, entrambi già noti alle forze dell’ordine, che dovranno rispondere di lesioni personali in concorso, rapina aggravata in concorso e danneggiamento.Secondo quanto dichiarato in denuncia, l’uomo, vedendo gli “zozzoni” buttare i calcinacci in strada, li ha rimproverati riprendendoli con il cellulare e loro per tutta risposta lo avrebbero aggredito, strappandogli dalle mani il telefonino per poi scagliarlo a terra dalla loro auto in corsa, mandandolo in frantumi.I Carabinieri, sulla base delle indicazioni rese nella denuncia dal 58enne, in pochi giorni hanno identificato la coppia di aggressori ritenuta responsabile del vile gesto, inviando una dettagliata informativa alla Procura della Repubblica di Roma.

Continua a leggere

I più letti