Connect with us

Roma

ROMA, INDAGINE SUI PRONTO SOCCORSO: DATI IMPRESSIONANTI

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 5 minuti Per un codice Rosso si possono attendere anche 31 ore.

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 5 minuti
image_pdfimage_print

Redazione

Roma – La Uil Fpl di Roma ha condotto un indagine accurata su tutti i Pronto Soccorso di Roma e Lazio indicando il numero degli accessi totali, le principali modalità di arrivo, l’afflusso, e soprattutto il tempo di permanenza di codici Rossi e Gialli. I dati impressionano.

A comunicarlo è Sandro Bernardini, Segretario Responsabile della Uil Fpl di Roma.

Facendo una analisi veloce dei dati del Pronto Soccorso, vi è stato un continuo aumento dei cittadini che fanno ricorso al Pronto soccorso:nel solo 2011 un +1,8% .
Ad esempio il numero degli accessi tra gli ultrasettantacinquenni tra gli anni 2009-10 ed 2011 è aumentato. Considerando le previsioni Istat dell’andamento della popolazione anziana fino al 2020, si può stimare un incremento di accessi per quella data del 20% rispetto al 2010. In aggiunta alla considerazione che la percentuale di accessi che esita in ricovero negli ultra 75enni è di circa il 44%.

Per quello che riguarda l’accesso in Pronto Soccorso, le principali modalità di arrivo nel 2011 sono state circa 83% in modo autonomo,   nel 2012 l’81,68%; il 12% ambulanza pubblica nel 2011, mentre nel 2012 il 12,79%; 3% altre ambulanze nel 2011, 3,29% nel 2012); 1% Elicottero del 118 nel 2011, lo 0,06% nel 2012; 1% ambulanza privata mentre nel 2012 l 1,02%.

Gli accessi al Pronto Soccorso per il codice Rosso,  che corrispondono a emergenza con accesso immediato alla sala,sono in continuo aumento: si è passati a 20.204 del 2007 a 34.448 del 2011 pari all’1,7% sino ai 37.734 nel 2012 pari a 1,92% con punte pari al 5% presso l’Umberto I, 4,1% presso il San Filippo Neri, 3,9% presso il San Camillo/Forlanini,3,7 al Grassi di Ostia.

I Codici Gialli, che rappresentano le urgenze con criticità medio alta, sono aumentati da 303.055 del 2007 ai 418.686 del 2011 pari al 20,6% del totale sino ai 426.540 del 2012 pari al 21,73%, con punte sino al 40,6% al San Giuseppe presso l’Asl Roma H, al 39% allo Spaziani dell’Asl di Frosinone, al 34,8 del S.F.N.
In lieve calo i codici meno urgenti Verdi (cioè senza segni di imminente pericolo di vita) che rappresentano la maggioranza degli accessi con il 71% del totale 2011, pari a 1.443.792; 1.359.879 nel 2012 pari al 69,27%.

Quasi invariata la quantità di accessi in Codice Bianco (sono i casi non urgenti, a volte viene fatto coincidere con accesso improprio e quindi sottoposto al pagamento del ticket) che prevede anche il pagamento di un ticket pari a 25 euro con 127.649 accessi del 2011 pari al 6,3%, ai 127.974 nel 2012 pari al 6,52%; sul totale degli accessi in codice Bianco ben il 46,7% non hanno pagato il Ticket previsto sulla base delle varie esenzioni esistenti.

Sul totale degli accessi nei vari Pronto Soccorso del 2012, pari a 1.963.274, il maggior afflusso proviene dai cittadini residenti nell’Asl Roma E 345.618, dall’Asl Roma A 332.111 e dall’Asl di Latina 215.646, Asl Roma B 189.244 e via proseguendo sino all’Asl di Rieti con  36.888 accessi nei vari PS.

Il tempo di permanenza rappresenta uno degli indicatori (insieme al Tempo di attesa) che determina la capacità di un Pronto Soccorso di rispondere tempestivamente alle richieste di assistenza e la capacità di far fronte in modo adeguato ai casi con urgenza differibile.   Ora – prosegue Bernardini – produrremo una panoramica generale sui codici con maggiore gravità ed urgenza: i Codici Rossi e Gialli. 
Abbiamo effettuato una suddisione in:

Pronto Soccorso: San Carlo di Nancy, Civile di Bracciano, Parodi Delfino, Santissimo Gonfalone, Coniugi Bernardini, Angelucci, San Giuseppe, San Sebastiano Martire, Civile Paolo Colombo, Sant' Anna, Civile di Acquapendente, Andosilla, Civile di Tarquinia, Civile di Tarquinia, A. Fiorini, San Giovanni di Dio, Citta' di Aprilia, San Benedetto, Civile di Anagni, Santissima Trinita';

Dea I: San Giovanni Calibita – FBF, Policlinico Casilino, Sandro Pertini, Sant' Eugenio, Madre Giuseppina Vannini, Giovanni Battista Grassi, Santo Spirito, San Pietro – FBF, Aurelia Hospital, San Paolo, San Giovanni Evangelista, Generale Provinciale, Generale Provinciale, Belcolle, San Camillo de Lellis, Santa Maria Goretti, Dono Svizzero, Fabrizio Spaziani, Santa Scolastica, San Filippo Neri, S.Andrea, Policlinico Tor Vergata Generale;

Dea II: San Camillo – Forlanini Generale, San Giovanni, A. Gemelli, Policlinico Umberto I Centrale;

P.s. Specialistici: George Eastman, Regionale Oftalmico, C.T.O., Cristo Re, I.C.O.T. San Camillo-Forlanini Pediatrico, San Camillo – Forlanini Ostetrico, Bambino Gesu', Policlinico Umberto I Oculistica, Policlinico Umberto I Ostetrica, Policlinico Umberto I Pediatrica, Policlinico Umberto I Ematologico, Policlinico Tor Vergata Odontoiatrico.
 
Ora procediamo all’analisi dei dati in nostro possesso con i casi più eclatanti:

Per i Codici Rossi la maglia nera aspetta ad alcuni Dea di primo Livello:

Nel Policlinico Tor Vergata Generale la permanenza media dei 1530 cittadini nel 2012 è stata di ben 1876,70 minuti, vale a dire 31,27 ore;

Al Generale Provinciale nell Asl Roma H, la permanenza media dei 602 cittadini entranti in questo ospedale in codice rosso è stata di 1102,8 minuti, pari a  ossia 18,38 ore;

Nell’Azienda Ospedaliera Sant’Andrea la permanenza media dei 1072 cittadini entrati in codice rosso è stata di 1085,4 minuti, pari a 18,09 ore;
Altro Dea di primo Livello sopra la soglia dei 1000 minuti di permanenza è l’Ospedale Sandro Pertini nell’Asl Roma B, nello specifico le 2491 persone in codice rosso hanno atteso ben 1059,30 minuti, pari a 17,65 ore;

Per i Codici Rossi nei Dea di secondo livello abbiamo:

il Policlinico Umberto I Centrale, i cui 3425 cittadini entrati in questa struttura con il codice rosso nel 2012, hanno atteso ben 16,19 ore;
Al Gemelli la permanenza dei 1967 cittadini è stata di 659,3 minuti pari a 10,98 ore;
Al San Camillo Forlanini i 2364 cittadini hanno atteso 649,6 minuti pari a 10,82 minuti;
Si salva il San Giovanni Addolorata: la permanenza per i 1726 cittadini è stata di 231 minuti, pari a 3,85 ore.

In conclusione  – continua il Segretario della Uil Fpl di Roma – dividendo per livello di complessità, nel Pronto Soccorso sui 5705 accessi in Codice Rosso il tempo di permanenza medio è di 341,6 minuti, pari a 5,69 ore; nei DEA di I livello  i cui accessi totali nel 2012 sono stati  21953 il tempo medio di permanenza è di 11,27 ore ore circa; nei Dea di II livello i cui accessi totali nel 2012 sono stati di 9482 il tempo medio di permanenza  è stato  di 11,52 ore; nei Pronto Soccorso Specialistici i cui accessi sono stati 594 nel 2012 la media è stata di 151,5 pari a 2,52 ore.

Vediamo ora la situazione dei Codici Gialli:

Nei Dea di I livello ancora una volta i tempi medi di permanenza peggiori si registrano nel Policlinico Tor Vergata con 1768,70 minuti, vale a dire che in media gli 11.749 cittadini che sono entrati in codice giallo in questa struttura hanno atteso 29,48 ore;
A seguire il Sant’Andrea con 1064,5 minuti di permanenza media dei 9079 accessi, pari a 17,74 ore;
Sopra i mille anche il Sandro Pertini, precisamente 1025,80 di permanenza per gli oltre 11.201 accessi nel 2012 in codice giallo; ai 787,7 minuti del Policlinico Casilino nell’Asl Roma B, ad una permanenza media di 763,6 dei 12.57 accessi presso il San Filippo Neri; 635,4 minuti per il Vannini nell’Asl Roma C con 9167 accessi; ai 557,4 dell’Aurelia Hospital che ha registrato nel 2012 circa 6349 accessi; quasi 9 ore al Grassi presso l’Asl Roma D, presso il San Giovanni Evangelista nell’Asl Roma G.
Per il Dea di II Livello il tempo peggiore lo regista il Policlinico Umberto I: con i suoi 21.360 accessi nel 2012, la permanenza media è di 726,1 minuti, pari a 12,10 ore; 8,26 ore di permanenza media al Gemelli con 18258 accessi;
Nel Pronto Soccorso ad avere il dato peggiore è il Civile Paolo Colombo nell’Asl Roma H con una permanenza media di 630,1  minuti, pari a 10,50 ore con un accesso di 9705 persone nel 2012;

Riassumendo- afferma Bernardini – nel PS i 108.642 codici Gialli hanno una permanenza media  di 5 ore; nei Dea di I livello i 228.478 codici Gialli  9 ore circa; nei Dea di II livello i 66558 circa 10 ore ed infine nei PS Specialistici i 22.862 impiegano 3 ore circa.

Proposte Sandro Bernardini Uil Fpl Roma:

Oltre allo sblocco del Turn Over per potenziare il Pronto Soccorso, a partire dalle strutture con il più alto tempo di permanenza ormai a rischio default, occorre migliorare e potenziare le disponibilità dei posti letto sulla base delle attuali necessità.
Inoltre –conclude Bernardini – si dovrebbero attuare politiche volte a spostare almeno la meta degli accessi in Pronto Soccorso in altre strutture; questo è possibile con una concreta diffusione delle  ‘Case della Salute’ cosi come programmato dalla Regione Lazio, almeno una per ogni distretto con la presenza di medici di base, specialisti ambulatoriali, infermieri e tecnici.
 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Metropoli

Canale Monterano, salvo il fico del Marchese del Grillo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

La pianta secolare dopo essere parzialmente crollata era rimasta gravemente danneggiata

CANALE MONTERANO (RM) – Salvo il fico centenario, rimasto danneggiato per cause naturali la scorsa settimana, meglio conosciuto come fico “di Don Bastiano”, presso il Convento di San Bonaventura a Monterano. Una vera e propria “icona” monteranese celebre, anche, grazie al film ‘Il marchese del Grillo’.

La pianta, situata all’interno del convento di San Bonaventura a Monterano nei giorni scorsi è crollata. Il grosso fico durante la notte tra il 25 e il 26 giugno ha subito il distaccamento di parte del tronco e dei rami ad esso collegati.

L’amministrazione comunale di Canale Monterano insieme alla Riserva si sono attivati immediatamente facendo rimuovere le parti schiantate o spezzate e facendo operare una potatura specifica delle parti sopravvissute. Così, grazie alle cure operate secondo le indicazioni prescritte dal tecnico forestale della Riserva Naturale, Dott. Fabio Scarfò, la pianta è stata salvata e ora gode nuovamente di un aspetto sano e bello.

“Vogliamo ringraziare la competente Soprintendenza per il supporto fornito dall’Assistente di zona Sig. Luigi Vittorini – commenta il Direttore della Riserva Naturale Regionale Monterano, Fernando Cappelli – e l’Azienda Agricola Camilletti Cesare, affidataria del servizio, per l’attenzione e la cura nei dettagli dimostrata nell’attuazione dell’intervento.”

“Incrociamo le dita – aggiungono il Sindaco di Canale Monterano, Alessandro Bettarelli e il Consigliere delegato alla Riserva Giovanni D’Aiuto – ma sembra che il peggio sia passato. L’augurio è di vedere il fico di San Bonaventura presidiare con la sua maestosa vecchiaia la navata di San Bonaventura per almeno altri cent’anni”.

Continua a leggere

Metropoli

Anguillara, si ribalta betoniera: un ferito

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Traffico in tilt sulla Braccianese all’altezza di Anguillara Sabazia a causa di autobetoniera che si è rivaltata al km 12. Sul posto è intervenuta la squadra VVF di Bracciamo con l’ausilio dell’ autogru. Nessun altro mezzo è stato coinvolto, le cause dell’accaduto al momento restano imprecisate; è stato necessario l’intervento dei soccorritori VVf affinchè la persona venisse estratta viva ed ancora cosciente dalla cabine del mezzo industriale .La stessa è stata affidato al personale del 118 e trasportata al pronto soccorso.

Continua a leggere

Roma

Roma, piazza Venezia: non si fermano all’alt dei Carabinieri e vanno a sbattere

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

ROMA – Due ragazzi 19enni romani, a bordo di una moto, non si sono fermati all’alt di una pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Roma San Lorenzo in Lucina, questa notte, in piazza Venezia e si sono dati alla fuga, fino a raggiungere il Lungotevere Tor di Nona, dove hanno perso il controllo scivolando a terra, per fortuna senza farsi male.

Il conducente del veicolo è stato sottoposto a test con etilometro dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma, poiché in evidente stato di ubriachezza, risultando positivo all’esame, con tasso superiore al limite di legge per cui la patente gli è stata ritirata. Entrambi dovranno rispondere anche dell’accusa di resistenza a pubblico ufficiale.

Continua a leggere

I più letti