Connect with us

Roma

Roma, ingressi per Colosseo e Fori Imperiali: altri 11 tra “saltafila” e ambulanti abusivi sanzionati e allontanati

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

ROMA – I cosiddetti saltafila abusivi sono ancora nel mirino dei Carabinieri.

Dopo gli ingenti controlli della scorsa settimana che hanno portato i Carabinieri del Comando Roma Piazza Venezia a sanzionare già 19 promoter irregolari, anche nella giornata di ieri la massiccia presenza dei Carabinieri nelle aree turistiche adiacenti il parco archeologico del Colosseo e dei Fori Imperiali ha portato alla scoperta di altri 11 persone, sorprese ad esercitare illegittimamente la promozione turistica e l’intermediazione per la vendita di biglietti di ingresso al Colosseo, e altre quattro dedite al commercio illegale ambulante.

Bangladesh, Tunisia, Mali e Senegal le loro nazioni di origine, sono stati tutti identificati e sanzionati amministrativamente, per un totale di 30.400 euro, per violazioni del regolamento urbano di Roma Capitale.

Contestualmente è stata applicata anche la sanzione per la violazione del divieto di stazionamento, con ordine di allontanamento dall’area del Colosseo per 48 ore.

Di buon mattino i saltafila si organizzano per prenotare on line un cospicuo numero di biglietti per il Colosseo, contingentati a seguito dell’emergenza pandemica e li propongono a prezzi maggiorati ai turisti che ne arrivano sprovvisti.

Per consentire ai turisti di pagare i ticket con carte di credito o di debito mettono a disposizione pos collegati a conti correnti personali di persone fisiche, non collegati ad agenzie, come i due che ieri i Carabinieri del Comando Roma Piazza Venezia hanno scoperto e sequestrato, unitamente a  2 badge plastificati da “tour operator”, 13 volantini pubblicitari che promuovono giri turistici all’interno del Colosseo, 3 pettorine con scritta “staff information”, 53 biglietti per tour turistici nella Capitale, del valore commerciale di circa 3.000 euro, 25 bottiglie d’acqua, 18 bracciali in cuoio e 8 borse prive di marchio.

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Metropoli

Operazione Mandrakata: giro di truffe a operatori enogastronomici tra Roma, Monterotondo, Bracciano e Cesano

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Il GIP di Roma ha ordinato la custodia cautelare in carcere per 5 persone

ROMA – Dalle prime luci dell’alba, in Roma, Monterotondo, Cesano di Roma e Bracciano, i Carabinieri della Compagnia di Roma Parioli hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 5 persone emessa dal G.I.P. del Tribunale di Roma su richiesta della locale Procura della Repubblica, in relazione ad un’ipotesi di reato di associazione per delinquere finalizzata alle truffe e sostituzione di persona.

Gli inquirenti hanno fatto sapere che le indagini sono ancora in fase preliminare e le persone arrestate godono della presunzione di non colpevolezza.

Il provvedimento cautelare trae origine da un’indagine condotta dal dicembre del 2019 al settembre del 2020, dai Carabinieri del Nucleo Operativo della Compagnia Roma Parioli, nel corso della quale sono state scoperte 14 truffe perpetrate ai danni di operatori commerciali nel settore enogastronomico.

Le modalità poste in essere dai presunti responsabili prevedevano la creazione di account falsi di posta elettronica, attraverso i quali simulare ordini di merce provenienti da note società di forniture di beni e servizi nel settore alimentare; canalizzare la merce, ricevuta mediante artifizi e raggiri, in un sistema di mercato parallelo illecito, presso cui realizzare profitti economici, valutati nell’odine di complessivi 100.000 euro in nove mesi; suddividersi i ruoli, attraverso la designazione della figura deputata alla gestione delle comunicazioni, delle basi di stoccaggio della merce, reperimento degli strumenti per la contraffazione di marchi e la gestione delle risorse nonché la suddivisione dei guadagni illeciti; attrarre nella rete delle vittime società con sedi legali in varie parti del territorio nazionale.

Continua a leggere

In evidenza

Bracciano, tutto pronto per il confronto tra i 5 candidati a Sindaco

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

L’evento sarà trasmesso in diretta streaming sabato 25 settembre alle ore 16.30 (all’interno il link per seguire)

BRACCIANO (RM) – Tutto pronto per il confronto tra i 5 candidati a Sindaco di Bracciano che sarà moderato dal direttore Responsabile de L’Osservatore d’Italia la giornalista professionista Chiara Rai e dal direttore Responsabile de L’Ortica del venerdì settimanale la giornalista professionista Graziarosa Villani.

L’evento potrà essere seguito in diretta streaming sabato 25 settembre a partire dalle ore 16.30 sulla pagina Facebook di questo quotidiano all’indirizzo: facebook.com/paginaosservatoreitalia/

Le due giornaliste proporranno una serie di domande ai 5 candidati i quali avranno 3 minuti ciascuno per rispondere a ciascuna domanda e nel caso in cui uno dei candidati tiri in ballo un altro candidato quest’ultimo avrà diritto ad un minuto supplementare per poter replicare.

Una vetrina quella di sabato che darà ampia possibilità ai nostri lettori di conoscere i candidati a sindaco e soprattutto le loro proposte per Bracciano.

Hanno aderito e confermato la loro presenza tutti e cinque i candidati:

  1. Armando Tondinelli sindaco uscente che si propone per il secondo mandato sostenuto da tutto il centrodestra e da una lista civica
  2. Marco Crocicchi candidato di centrosinistra sostenuto da due liste civiche
  3. Alberto Bergodi sostenuto da due liste civiche
  4. Antonio Spica sostenuto da una civica
  5. Renato Cozzella sostenuto dal M5s   

Continua a leggere

Gallery

Anguillara Sabazia, palazzo Orsini diventa dimora storica

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Il Sindaco Angelo Pizzigallo: “Il nostro bellissimo territorio ora potrà acquisire maggiore visibilità”

ANGUILLARA SABAZIA (RM) – Palazzo Orsini, sede del Comune di Anguillara Sabazia, diventa dimora storica entrando ufficialmente nella rete delle dimore e dei giardini storici del Lazio.

Soddisfazione da parte del primo cittadino per l’accreditamento alla Rete delle Dimore e dei Giardini storici del Lazio che permetterà ora all’amministrazione locale di poter accedere a bandi per la concessione di contributi volti alla ristrutturazione e riqualificazione dei siti.

“Il nostro bellissimo territorio – dice il Sindaco l’Avv. Angelo Pizzigallo – potrà acquisire maggiore visibilità facendolo scoprire a turisti provenienti da ogni parte. Il Palazzo, – prosegue il Sindaco – sede storica del Comune di Anguillara Sabazia merita questo omaggio che contribuirà ad accrescere nei suoi abitanti il desiderio dell’arte e della cultura, valori di riferimento per l’indispensabile sviluppo e per il progresso del Paese”.

Palazzo Orsini ad Anguillara Sabazia – L’ufficio del Sindaco

L’edificio risalente ai primi decenni del Cinquecento, al suo interno conserva quasi intatti un complesso di affreschi dello stesso periodo. Le decorazioni hanno permesso di ricostruire la sequenza delle sale di una piccola, singolare dimora rinascimentale che l’ultimo conte dell’Anguillara, capitano guardia della flotta pontificia di Paolo III durante la guerra contro i pirati, aveva fatto costruire all’interno delle fortificazioni del castello.

Continua a leggere

I più letti