Connect with us

Roma

Roma, La Storta: decaduta istanza installazione antenna

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti Rollo (Pd): "Questa notizia sicuramente rassicurerà i genitori degli studenti e i residenti di zona che si erano addirittura mobilitati per risolvere la situazione con proprie risorse economiche"

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

 

Red. Cronaca


ROMA – E' ufficialmente decaduta, con recente comunicazione del Dipartimento Programmazione e Attuazione Urbanistica, l'istanza di installazione di una antenna di telefonia Telecom in zona La Storta che nell'ottobre 2014 allarmò i cittadini residenti e non solo, per l'eccessiva vicinanza a scuole e centro anziani.

"Quando il municipio comunicò nei tempi previsti la richiesta di installazione di un'antenna in Via Cassia 1670, fui contattata nell'immediato, – dichiara Agnese Rollo, consigliere PD del Municipio Roma XV e vice-presidente della Commissione Politiche Sanitarie – allora in qualità di Presidente della Commissione Politiche Sanitarie, – prosegue Rollo – da cittadini e genitori di bambini frequentanti la scuola elementare "Giuseppe Tomassetti" e la scuola media "Bruno Buozzi", site in Via Cassia 1694. Venne fatta quindi una verifica delle distanze dal sito scelto per l'antenna ai "luoghi sensibili", compreso il centro anziani, che non evidenziò distanze inferiori ai 100 mt, considerabili preoccupanti. Dopo diverse richieste di aggiornamento agli uffici tecnici municipali nell'anno 2015, ho continuato ad interessarmene, tanto da ricevere lo scorso 20 febbraio risposta ufficiale dal PAU, che specifica che l'istanza può ritenersi decaduta (ai sensi del D. Lgs. 259/03 art. 87 c. 10) considerato il lasso di tempo trascorso.

Questa notizia sicuramente rassicurerà i genitori degli studenti e i residenti di zona che si erano addirittura mobilitati per risolvere la situazione con proprie risorse economiche. Si è invece ancora in attesa di capire come procede la richiesta di installazione di una antenna radio base Vodafone, giunta in municipio nel luglio 2016, sempre in zona La Storta, da posizionare presso la stazione RFI. In quel sito già è presente da molti anni un'altra antenna, non si capisce quindi se si tratti di una richiesta di adeguamento o nuova istallazione. E a questo si aggiunge che, stando all'art. 7 comma 2 del nuovo regolamento degli impianti di telefonia mobile, si deve tener conto della rimozione di antenne preesistenti non regolari, se ritenute incompatibili con vincoli preesistenti o presenza di siti sensibili.
 
Le scuole sono ad una distanza superiore ai 100 mt, – conclude Rollo – ma di gran lunga inferiore è un centro medico. E' doveroso, da parte della amministrazione municipale, continuare a monitorare per dare risposte certe a chi, dall'oggi al domani, si vede spuntare davanti alla propria finestra una nuova antenna. Il nuovo regolamento comunale del 2015 è stata una grande conquista, frutto di numerose battaglie cittadine, ma il controllo delle istituzioni è essenziale".

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Marino, nuovo decoro al sito della Memoria a Villa Desideri

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Si è tenuta in forma essenziale, a causa delle prescrizioni anti Covid, la cerimonia commemorativa in occasione del Giorno della Memoria che ricorre oggi 27 gennaio.La delegazione comunale ha visto presenti il Sindaco Stefano Cecchi e la Giunta comunale quasi al completo insieme ad alcuni Consiglieri Comunali e rappresentanti della politica locale.Accompagnato dal Comandante F.F. della Polizia Locale Monica Palladinelli, il Sindaco ha scoperto la nuova targa installata presso l’Ulivo della Memoria nell’aiuola prospiciente la Biblioteca Civica “V. Colonna”.Successivamente l’omaggio di una corona di margherite gialle a ricordo della stella gialla di David che i nazisti obbligavano agli ebrei a cucirsi sui vestiti.“Sebbene sia stata una cerimonia semplice, scoprire la targa è stato come confermare a tutta la comunità che il ricordo è vivo, lucido, presente e indelebile anche qui sul nostro territorio.”

Continua a leggere

Roma

Roma, Santori (Lega): “Valorizzare sampietrini. Cantieri infiniti!”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

“I sampietrini romani sono un patrimonio unico che la città non riesce a valorizzare e custodire come dovrebbe. I cantieri sono infiniti, le strade restano chiuse per mesi e quando riaprono sono già piene di toppe, il commercio è ridotto al lumicino. Disabili bloccati, passi carrabili ostruiti da ruspe e camion, negozi chiusi”. Lo dichiara in una nota il consigliere della Lega e segretario in aula Giulio Cesare Fabrizio Santori, a margine della riunione odierna della commissione capitolina Lavori Pubblici di cui è componente. “Vogliamo saperne di più sul destino dei sampietrini rimossi dalle strade romane, faremo un sopralluogo per controllare i depositi nei quali sono custoditi. Chi conta gli storici blocchetti romani, chi li custodisce e chi li cataloga, soprattutto quando restano ammucchiati agli angoli delle strade. Sono una ricchezza”, afferma Santori, che annuncia sull’argomento una mozione in Assemblea capitolina. “Incuria e abbandono la fanno da padroni, basta guardare via Nazionale, dove dopo gli interventi il fondo stradale è di nuovo pieno di rattoppi, e via Baccina, ridotta a una discarica a cielo aperto, mentre degli operai che avrebbero dovuto completare i lavori non c’è più traccia. Via dei Cerchi e viale Aventino sono ormai ostaggio dei cantieri, le ciclabili un miraggio, la viabilità un incubo, e in questa triste danza di incompetenza e faciloneria Roma sprofonda quotidianamente nel caos”, conclude Santori.

Continua a leggere

Metropoli

Colleferro, 18enne sorpreso con 80 dosi di hashish

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

I Carabinieri della Stazione di Colleferro, al termine di un mirato servizio di controllo del territorio, hanno arrestato un 18enne del luogo, indagato per detenzione ai fini di spaccio di stupefacenti.Il giovane, già noto alle forze dell’ordine, è stato fermato dai Carabinieri e sottoposto a perquisizione personale, ad esito della quale è stato trovato in possesso di 65 g di hashish, suddiviso in 80 involucri, già confezionati e pronti per la cessione.Il 18enne, al termine dell’udienza di convalida dell’arresto, è stato sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di presentazione in caserma, in attesa del processo.  

Continua a leggere

I più letti