Connect with us

Roma

ROMA, SEI RAPINE IN DUE ORE: POLIZIA E CARABINIERI ARRESTANO TRE VENTENNI

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti Recuperati un fucile a canne mozze completo di 10 cartucce di cui due esplose, due mazze da baseball, numerose armi da taglio, (coltelli, pugnali, spade e un machete)

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Redazione

Roma – Sei rapine in due ore nella zona est di Roma. Le telefonate delle vittime sono giunte al 112 e al 113 una dietro l’altra ed è scattato l’allarme. A seguito delle richieste di intervento, le due sale operative di Polizia e Carabinieri hanno diramato le ricerche, attivando gli equipaggi dei Commissariati, del Reparto Volanti, nonché delle Stazioni e del Nucleo Radiomobile Carabinieri, presenti nella zona. La sinergia tra le due sale ha consentito in breve tempo, di organizzare, un servizio di chiusura di tutte le principali strade e arterie della zona per stringere il cerchio attorno ai malviventi e precludergli ogni via di fuga.
Impressionante la serie di rapine messe a segno dai tre malviventi in poche ore:

Alle 2.30 in via Radiciotti, località Campo Limpido a Tivoli, 3 persone armate di pistola e cacciavite hanno rapinato un uomo asportandogli l’autovettura, una Audi A3, e dopo averlo ferito ad una gamba con l’utensile sono fuggiti.

Mezz’ora più tardi, gli stessi malviventi, con l’auto appena rubata, mettono a segno altre due rapine ai danni di altrettante persone. La prima in via Tiburtina all’altezza di Ponte Mammolo e l’altra in via Zanardini. Intorno alle ore 04.00, in via Levanna, è ancora una volta un passante a farne le spese al quale hanno asportato la cifra di 20 euro. Trascorso poco tempo, una giovane coppia che passeggiava in via Dapporto, viene derubata di un cellulare e poche decine di euro.

Infine, in via Gemona del Friuli, dopo aver portato a termine la sesta ed ultima rapina, i tre malviventi hanno imboccato il G.R.A., ma giunti al km 24.400, due dei tre, sono stati intercettati e bloccati da pattuglie della Polizia e dei Carabinieri.

Identificati per L.R e A.S., romano il primo e originario del Bangladesh il secondo, entrambi 20enni, i due sono stati accompagnati presso gli Uffici del Commissariato San Basilio. Poco più tardi, le immediate attività di indagine, hanno consentito di identificare anche il terzo rapinatore, S.B., di anni 20, che è stato bloccato in località Guidonia.

Le conseguenti perquisizioni domiciliari hanno consentito di recuperare, a casa di S.B., un fucile a canne mozze completo di 10 cartucce di cui due esplose, due mazze da baseball, numerose armi da taglio, (coltelli, pugnali, spade e un machete), una tuta da lavoro di quelle usate dagli operatori di energia elettrica, un congegno elettronico per inibire le centraline di accensione di auto di grossa cilindrata, un paio di manette spagnole, una cassetta di pronto soccorso, guanti in lattice e un proiettile inesploso.
Positiva anche la perquisizione a casa di L.B.. All’interno della sua abitazione infatti gli investigatori hanno recuperato a sequestrato due bilancini di precisione, alcuni grammi di marijuana, 5 grammi di semi, probabilmente usati per la coltivazione della stessa sostanza, e diverse centinaia di euro in contanti. Recuperato anche il cacciavite usato per rapinare e ferire la vittima della prima rapina, mentre sono ancora in corso le indagini per cercare di recuperare la pistola della quale i giovani si sono disfatti prima di essere bloccati.
Al termine degli accertamenti per i tre giovanissimi sono scattate le manette. tutti dovranno rispondere rapina continuata e aggravata mentre il solo L.R., anche del possesso ai fini di spaccio della sostanza stupefacente.
 

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Castelli Romani

Nemi, il sindaco uscente segnala Azzurra Marinelli alla Corte D’Appello

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Revocata dalla carica di Presidente di seggio

La Corte d’Appello di Roma ha revocato la nomina di Azzurra Marinelli da presidente del seggio elettorale della sezione 2 del Comune di Nemi.

La revoca arriva dopo una segnalazione scritta dall’attuale sindaco uscente Alberto Bertucci, datata 17 maggio 2022. Bertucci segnala che Marinelli è la moglie del candidato sindaco “della lista di opposizione” all’attuale primo cittadino uscente.

Da circa 25 anni, Azzurra Marinelli ricopre il ruolo di presidente di seggio in occasioni delle elezioni amministrative di Nemi. Anche nel 2017 con il marito candidato sindaco, Marinelli ha svolto l’attività di presidente di seggio senza che l’allora sindaco Alberto Bertucci segnalasse l'”inopportunità”.

Il Consiglio di Stato a più riprese ha ribadito che la parentela tra componenti dell’ufficio elettorale di seggio e candidati sindaco o amministratori non costituisce presupposto di incompatibilità.

Continua a leggere

Cronaca

Guidonia Montecelio, inaugurato il polo affido familiare del distretto

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Il sindaco Barbet: “La nostra Amministrazione Comunale crede molto in questo strumento che abbiamo finanziato e su cui puntiamo grazie alla collaborazione con la Asl Roma 5″

GUIDONIA MONTECELIO (RM) – Nella giornata di martedì 24 maggio il Sindaco Michel Barbet, il Presidente della Commissione Sociale Consiliare Matteo Castorino con la Presidente della Commissione Pari Opportunità della Regione Lazio Eleonora Mattia e la dottoressa Stefania Salvati della Asl Roma 5 hanno inaugurato il polo affido familiare del distretto che si trova a Setteville in Via Pascoli 52.

“Il polo affido familiare si pone come scopo quello di mettere in contatto le famiglie affidatarie ed i bambini e ragazzi in difficoltà- spiega il Presidente Castorino- con l’obiettivo di consentire un graduale rientro del minore nella famiglia di origine a fronte di un progetto personalizzato di aiuto e supporto”.

“La nostra Amministrazione Comunale crede molto in questo strumento che abbiamo finanziato e su cui puntiamo grazie alla collaborazione con la Asl Roma 5. Tutelare i minori in difficoltà è un compito che spetta alle amministrazioni pubbliche e che dobbiamo perseguire con tutti gli strumenti a nostra disposizione”- conclude il Sindaco Michel Barbet.

Continua a leggere

Roma

Roma, scomparso lo storico comandante dei Vigili Giovanni Catanzaro

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Milani (Sulpl): “Ci lascia una delle figure più carismatiche ed amate del Corpo”

ROMA – Si rincorre sulle chat e sulle pagine Facebook il tam tam di cordoglio per la scomparsa di Giovanni Catanzaro, storico comandante della Polizia Locale di Roma, un uomo che nel Corpo aveva percorso tutti i gradini della propria carriera.

Tra i molti a ricordarlo il SULPL (Sindacato Unitario Lavoratori Polizia Locale), che in una nota del Segretario Romano Marco Milani dichiara: “Esprimiamo dolore e cordoglio per la scomparsa di uno dei Comandanti più carismatici ed amati che il Corpo di Polizia Locale di Roma Capitale abbia mai avuto. Nell’esprimere le nostre più sentite condoglianze alla famiglia, ci piace ricordarlo come un uomo capace di stimolare i suoi uomini al conseguimento dei migliori risultati, esercitarne il controllo in maniera anche rigida ed al contempo difenderli ed assisterli a fronte qualsiasi imprevisto. Qualità tipiche di un Comandante che saputo fare la sua gavetta all’interno del Corpo fino a giungere all’apice. Ci auspichiamo che amministrazione e Comando, sappiano tributargli la giusta memoria”. Così concludono dal sindacato, con quello che appare essere un messaggio indirizzato all’amministrazione Gualtieri.

Continua a leggere

I più letti