Connect with us

Roma

Roma Termini, 200 dipendenti del Gruppo Cremonini senza lavoro: primi effetti del restyling di Ferrovie dello Stato

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

“Oltre 200 dipendenti degli esercizi di ristorazione del Gruppo Cremonini a Stazione Termini rischiano di rimanere senza lavoro. Una situazione che richiede un tempestivo intervento da parte delle istituzioni: ho chiesto la convocazione urgente della commissione lavoro in Regione Lazio per cercare di salvare le duecento famiglie che avranno grandi difficoltà a trovare una nuova collocazione lavorativa, soprattutto in un momento emergenziale come quello che stiamo vivendo.
Non possiamo, inoltre, permetterci di far cadere nel buio la principale stazione del Paese per traffico di passeggeri, oltre ad essere l’unico nodo di scalo nel centro della Capitale, andando così a creare ulteriore degrado nella zona.” Così in una nota Laura Corrotti, consigliere Lega Regione Lazio

Grandi marchi al posto dei punti ristoro

I punti ristoro della stazione Termini chiuderanno il 31 ottobre, non per l’epidemia bensì per la decisione di Grandi Stazioni di assegnare i locali ad altre attività.

È quanto previsto nel restyling della società di Ferrovie dello Stato che si propone di dare un volto nuovo ad uno degli scali più frequentati d’Italia.

Nel mese di dicembre 2019, dato che per fare largo a vetrine e grandi marchi il destino del settore food era segnato, la Chef Express ha deciso di trasferire, pian piano, tutti i dipendenti in altre sedi della Capitale con tanto di accordo sottoscritto da ambo le parti.

Il Covid-19, però, ha sparigliato le carte e ora per 78 lavoratori su un totale di 180 si profila la perdita del posto di lavoro: si tornerà in cassa integrazione a turno e poi, dopo il 31 gennaio (prima lo impedisce la legge), potrebbe scattare la mobilità.

Castelli Romani

Castel Gandolfo, immersioni nel lago ed educazione ambientale: da qui il tuffo in un percorso virtuoso

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

CASTEL GANDOLFO (RM) – Immersione nel Lago Albano di Castel Gandolfo per il nucleo sommozzatori della Protezione Civile locale coordinata da Fausto D’Angelo.

I sub hanno perlustrato i fondali e si sono esercitati alla vigilia di un fine settimana che si è presentato ricco di sole e di visitatori che rispettosi delle regole di sicurezza hanno visitato il suggestivo lago alle pendici del Monte Cavo, incastonato nel verde della rinomata località dei Castelli Romani. 

Ad immergersi tutti e quattro gli istruttori del gruppo sub della Protezione Civile in capo al Sindaco di Castel Gandolfo Milvia Monachesi. Gli istruttori sono: Roberto Sciarra, Mauro Tentoni, Lionello Sclavo e Luca Norscia

Prossimamente, il Comune, insieme all’Associazione Lago di Castel Gandolfo parlerà delle iniziative che verranno messe in campo per la valorizzazione del lago e per la promozione di una linea di educazione alla tutela ambientale e rispetto del territorio. 

Di recente il Sindaco Milvia Monachesi, in occasione della settimana civica ha ospitato in Municipio gli alunni delle medie dell’istituto Comprensivo di Castel Gandolfo e nei prossimi giorni incontrerà le classi medie del plesso di Pavona e tra i temi affrontati ha dedicato particolare attenzione al rispetto dell’Ambiente.

Grazie a questi incontri l’amministrazione ha la possibilità di avere un confronto virtuoso con i ragazzi e di operare una azione di sensibilizzazione rispetto al tema “green”.  “Importante è che i ragazzi conoscano la storia del territorio che li circonda e imparino a conoscere le bellezze del “lacus Albanus”, dominato dal Monte Cavo. Un ecomuseo a cielo aperto. 

Continua a leggere

Primo piano

Roma, da metà giugno riaprono circa 400 alberghi. Il Governo: “Presto una data per la ripresa dei matrimoni”

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

“Moltissimi futuri sposi e operatori del wedding mi hanno scritto e io li rassicuro: il Governo ci sta lavorando e sulla base dell’andamento dei contagi presto daremo una data” per la ripresa “perchè i matrimoni vanno programmati per tempo. E lo stesso vale per lo sport. Già in settimana ci saranno cabine di regia con il Cts per dare date a questi settori”.

Così il ministro per gli Affari regionali e le autonomie, Mariastella Gelmini, a ‘Domenica in’ su Rai 1.

“C’è l’emergenza sanitaria – ha aggiunto – ma anche quella economica e presto arriverà il decreto Sostegni 2 con 40 miliardi a supporto delle categorie colpite”.

Ma nella Capitale quadruplicherà a partire da metà giugno il numero degli alberghi aperti fa sapere Il Messaggero: saranno 400 in più rispetto a oggi. Intanto la Regione accelera sul progetto “Isole Covid free”, con Ponza e Ventotene sul modello già lanciato a Procida. Spiega Lorenzo Necci, presidente del centro studi della Federalberghi capitolina: «A quanto ci stanno risulta, avremo entro giugno 400 hotel che riapriranno i battenti, oltre ai 120 già in attività». Ma non c’è un boom di richieste. «Se finora abbiamo avuto 5 camere su 100 prenotate – segnala Necci – potremmo salire a 25. Sempre un quarto del totale è». Si muove poi per invertire il trend la Regione.

Continua a leggere

Metropoli

Concorsopoli, salta la testa di Mori al Comune di Allumiere: spunta il giallo delle firme

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
image_pdfimage_print

Revocato l’incarico di responsabile del personale ad Andrea Mori presso il Comune di Allumiere. Oggi è stata pubblicata la determina di “rescissione per giusta causa” del contratto a tempo determinato di Mori, presidente della commissione dell’ormai famoso “concorsone” di Allumiere.

Nei giorni scorsi è stato già ascoltato dai Carabinieri come persona informata sui fatti.

Andrea Mori risulta il solo ad aver firmato il verbale del 16 luglio 2020 che riguarda la composizione della prima fortunatissima batteria di nomi che sono finiti tutti in Pisana e al Comune di Guidonia.

Come mai gli altri due componenti non hanno firmato proprio quel verbale che ha visto l’infornata di assunzioni di amici di… parenti di politici e portaborse, mentre hanno firmato tutti gli altri verbali? Forse non erano d’accordo?

Continua a leggere

I più letti