Connect with us

Roma

ROMA TIBURTINA: STRADA "KILLER"

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 2 minuti Santori presenta interrogazione urgente

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

Redazione

Roma – “La Tiburtina continua a rimanere una strada killer e visto il numero degli incidenti una tra le più pericolose d’Italia. La sicurezza della viabilità per prevenire gravi incidenti dovrebbe essere una delle priorità della Regione Lazio per le strade di sua competenza, ma stando al dissesto del manto e alla mancanza d’illuminazione che interessa il tratto Roma- Tivoli Tiburtina (ex SS5) sembra che l’Amministrazione regionale non abbia interesse a tutelare l’incolumità degli utenti in auto e soprattutto sui motocicli.” lo dichiara Fabrizio Santori, consigliere regionale del Lazio membro della commissione Mobilità.
“Nonostante i lavori di riqualificazione, avviati il 26 settembre 2013 e realizzati tramite i finanziamenti che la giunta regionale ha messo a disposizione del comune di Tivoli e di Astral Spa, cittadini e comitati di zona continuano a lamentare la pericolosità della S.R. Tiburtina Valeria che non permette a chi guida una adeguata visibilità in diversi tratti della strada, compresa la rotatoria da poco ultimata, all’altezza della località Setteville. Abbiamo presentato una interrogazione urgente al presidente Zingaretti per comprendere le motivazioni di queste falle nei lavori conclusi il 21 maggio 2014 e sapere se la Giunta regionale è al corrente delle gravi criticità per garantire un più alto standard di sicurezza ” prosegue Santori.
“Ci domandiamo come sia possibile che a soli 3 mesi dalla conclusione dei lavori già si presentano sulla ex SS5 serie difficoltà che mettono al repentaglio la vita degli automobilisti. Non è la prima volta che ci troviamo di fronte a segnalazioni in cui viene denunciato lo stato di abbandono delle strade di competenza dell’Astral Spa da parte degli utenti che le percorrono e annuncio la nostra intenzione di presentare un’ulteriore interrogazione per capire come verranno impiegati i € 6.118.030,89 disponibili sul bilancio dell’anno 2014 ed i € 5.500.000,00 dell’anno 2015 per interventi di viabilità e infrastrutture stradali” conclude Santori. 

Metropoli

Anguillara Sabazia, furti auto di turisti in sosta: 2 arresti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Era da qualche tempo che i Carabinieri di Anguillara Sabazia ricevevano segnalazioni per furti su autovettura, in particolare ai danni di turisti che, dopo avere parcheggiato su via Trevignanese, si recavano in spiaggia.Per arginare il fenomeno che stava turbando l’usuale serenità del comune sabatino, i Carabinieri hanno quindi organizzato un mirato servizio di osservazione nel corso del quale hanno notato due soggetti avvicinarsi con aria furtiva ad un’autovettura parcheggiata. I due, dopo avere infranto un finestrino laterale del veicolo, sono stati sorpresi a impossessarsi di un trolley e a tentare di allontanarsi immediatamente ma sono stati inseguiti e raggiunti dai Carabinieri, che li hanno bloccati e perquisiti. In loro possesso, i Carabinieri hanno rinvenuto due cassette degli attrezzi e un trapano, risultate provento di furto perpetrato poco prima con le medesime modalità e restituiti al legittimo proprietario.Gli arrestati, due uomini di 29 e 38 anni, dopo una notte passata in camera di sicurezza, sono stati sottoposti a giudizio con rito direttissimo presso il Tribunale di Civitavecchia, dove il loro arresto è stato convalidato, applicando la misura della custodia cautelare in carcere.

Continua a leggere

Castelli Romani

Castel Gandolfo, morto in ospedale il 35enne affogato ieri al lago

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

L’uomo era stato rianimato da alcuni bagnanti e trasportato in elisoccorso all’ospedale Gemelli

CASTEL GANDOLFO (RM) – E’ morto in ospedale il 35enne di nazionalità irachena che ieri era stato rianimato da alcuni bagnanti al lago Albano di Castel Gandolfo dopo aver avuto un malore ed essere annegato.

L’uomo era stato portato in elisoccorso all’ospedale capitolino del Gemelli in situazione disperata dove è poi deceduto a causa di alcune complicazioni.

Continua a leggere

Castelli Romani

Castel Gandolfo, annega nel lago e viene salvato in extremis da alcuni bagnanti

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

CASTEL GANDOLFO (RM) – Un 35enne annega nel lago Albano di Castel Gandolfo e viene salvato da alcuni bagnanti che avevano appena effettuato un corso di BSLD (manovre di primo soccorso con impiego di defibrillatore) promosso dagli operatori sanitari della Asl Roma 6 per la sicurezza in mare e nei laghi.

“Queste iniziative formative producono effetti benefici multidimensionali: ci aiutano a salvare vite; avvicinano le istituzioni ai cittadini; ci rendono persone migliori. I miei ringraziamenti vanno ai nostri operatori sanitari, che si stanno dedicando con grande passione a questo progetto” ha detto il direttore generale della Asl Roma 6, Cristiano Camponi.

Continua a leggere

I più letti