Connect with us

Roma

Roma, trans brasiliano tenta di uccidere a coltellate un 28enne romano

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ROMA – Ieri sera, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato un transessuale, 21enne brasiliano con precedenti, con l’accusa di tentato omicidio.

Intervenuti su richiesta giunta al 112 che segnalava una violenta lite in abitazione, i Carabinieri sono giunti in casa del 21enne, in viale Palmiro Togliatti, che poco prima, per una lite scaturita probabilmente per motivi sentimentali, aveva colpito con un coltello, al collo e al petto, un 28enne romano.

Bloccato l’aggressore, i Carabinieri hanno soccorso la vittima che è stata poi trasportata al Policlinico Casilino e ricoverata in prognosi riservata, per le gravi lesioni riportate.

I Carabinieri hanno perquisito l’abitazione e sequestrato 3 coltelli utilizzati dal 21enne che, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, è stato portato in carcere a “Regina Coeli”.

Le indagini dei Carabinieri proseguono per capire l’esatta dinamica dell’accaduto.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere
Commenti

Metropoli

Bracciano, affidamento impianti sportivi: gara andata deserta. Ora si passa alla procedura negoziata

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

BRACCIANO (RM) – Nuovi sviluppi sulla situazione degli impianti sportivi di via Cupetta delle Cartiere a Bracciano: “Siamo già in contatto con operatori economici – fa sapere il Sindaco di Bracciano Armando Tondinelli – per esperire una procedura negoziata post gara deserta che pur essendo autonoma rispetto alla gara espletata, vincola comunque i concorrenti al necessario rispetto delle prescrizioni della Lex specialis della gara pubblica che, con la procedura negoziata, viene necessariamente reiterata. L’obiettivo dell’amministrazione è di riqualificare e rilanciare l’impianto sportivo di Bracciano e a breve daremo una risposta positiva ai cittadini”.

La situazione dell’affidamento degli impianti sportivi ha visto una procedura di gara per la concessione in uso andata deserta nonostante alcuni imprenditori si fossero dimostrati interessati ad intervenire in modo decisivo sull’impianto.

“Adesso – conclude il Sindaco – con la procedura negoziata che mantiene integri i criteri della gara pubblica si procederà celermente ad affidare la gestione a un operatore economico composto da professionisti nel settore, superando definitivamente vecchie logiche restrittive che non permettono un avvio di gestione dell’impianto proiettata ad obiettivi futuri di crescita”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Nuovo stadio della Roma, il 5 novembre si apre il processo a Parnasi + 11: ci sono anche Palozzi e Civita

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

ROMA – Andranno a processo in 12, tra cui l’imprenditore Luca Parnasi, mentre per tre è stato accordato il patteggiamento.

Questa la decisione del gup della Capitale nell’ambito del filone principale dell’inchiesta sul nuovo Stadio della Roma calcio.

A giudizio, oltre a Parnasi, vanno l’ex vicepresidente del Consiglio della Regione Lazio, Adriano Palozzi di Forza Italia, l’ex assessore regionale, Michele Civita del Pd e il soprintendente ai beni culturali, Francesco Prosperetti. Vanno a processo anche Daniele Leoni, funzionario del Dipartimento Urbanistica del Comune di Roma, Giampaolo Gola, l’ex assessore allo sport del X Municipio, l’architetto Paolo Desideri, e Claudio Santini, ex capo di Gabinetto al Mibact.

Le accuse sono a vario a titolo di associazione per delinquere, corruzione e finanziamento illecito

I pm capitolini in particolare ipotizzano una presunta corruzione nell’ambito della variante del progetto per lo stadio che dovrebbe sorgere nella zona di Tor di Valle, approvato poi col taglio del 50% delle cubature rispetto al progetto iniziale.

Per questa vicenda Campidoglio e Regione Lazio hanno chiesto di costituirsi parti civili

I patteggiamenti a due anni riguardano invece alcuni ex collaboratori del costruttore romano. La prima udienza del processo in tribunale è stata fissata per il 5 novembre 2019.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Castelli Romani

Marino, depuratore sotto sequestro ma nessuno sa niente: Comandini chiede un Consiglio comunale straordinario

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo

MARINO (RM) – Sigillato e posto sotto sequestro un depuratore che serve circa 10mila abitanti a Marino Centro. Questo quanto si apprende da Marco Comandini, esponente territoriale di LEU, che fa riferimento a un intervento dei Carabinieri e del Prefetto di Roma.

Secondo quanto riferito da Comandini gli amministratori del Comune di Marino non avrebbero fatto nessuna comunicazione alla cittadinanza in merito alla natura del problema, che “per forza di cose non deve essere di scarsa rilevanza”

“Gli abitanti di Marino – ha scritto Comandini su Fb – hanno il diritto di essere informati, prima di tutto per sapere se vi sia un rischio ambientale e per la salute, visto che ci sono abitazioni ed attività nelle vicinanze ed a pochi metri un ufficio dove i cittadini vengono ogni giorno a pagare le multe delle strisce blu.

Senza contare poi – prosegue – delle salate bollette compresa la quota per la depurazione delle acque. Esiste un Sindaco, esistono Assessori ed un delegato ai rapporti con Acea, mi chiedo perché non dicano nulla in merito, tutto questo non mi pare affatto normale. Io penso che la minoranza debba convocare un consiglio comunale straordinario per Acea e la gestione di questo servizio, tra perdite, guasti, e questa situazione del depuratore allarmante e senza informativa, mi pare il minimo, e tra l’altro verificare se da contratto con Acea questa abbia rispettato tutti gli impegni sottoscritti, troppo facile incassare utili per poi vedere servizi quanto meno discutibili ad esser gentili”.

Print Friendly, PDF & Email

Continua a leggere

Traduci/Translate/Traducir

Il calendario delle notizie

Luglio: 2019
L M M G V S D
« Giu    
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

L’Osservatore su Facebook

I tweet de L’Osservatore

Le più lette di oggi

Copyright © 2017 L'Osservatore d'Italia Aut. Tribunale di Velletri (RM) 2/2012 del 16/01/2012 / Iscrizione Registro ROC 24189 DEL 07/02/2014 Editore: L'osservatore d'Italia Srls - Tel. 345-7934445 oppure 340-6878120 - PEC osservatoreitalia@pec.it Direttore responsabile: Chiara Rai - Cell. 345-7934445 (email: direzione@osservatoreitalia.it