Connect with us

Roma

ROMA, TRASPORTO DISABILI SU PULMINI NCC: INCONGRUENZE, PARADOSSI E ASSURDI DISSERVIZI

Clicca e condividi l'articolo

Tempo di lettura 5 minuti Lo sconcerto di un disabile: "non possono accompagnarmi in luoghi diversi da quelli prestabiliti perchè "il Comune non ha rilasciato loro alcuna autorizzazione".

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 5 minuti
image_pdfimage_print

Giulio Simeone

All'inizio di quest'anno, il Comune di Roma ha smantellato il vecchio sistema di trasporto dei disabili, che era basato sui taxi, e lo ha sostituito con uno nuovo che ha una considerazione molto scarsa delle esigenze degli utenti e che utilizza molto male le risorse a disposizione. Io, che non posso guidare la macchina, nè andare da solo in autobus a causa di un handicap motorio abbastanza serio, con il vecchio sistema avevo un buon livello di autonomia negli spostamenti: chiamavo il taxi, dicevo l'indirizzo al conducente e, nei limiti di un certo budget di spesa mensile, questi mi portava dove mi pareva.
Da gennaio, tale servizio è affidato a un insieme di società di pulmini e NCC: all'inizio le incongruenze erano enormi, basti dire che per trasportare singole persone venivano quasi sempre impiegati pulmini da
10-15 posti che peraltro erano inaccessibili a molte categorie di disabili. A seguito di mie vivaci proteste, almeno a me hanno iniziato a mandare veicoli in generale meno ingombranti e più accessibili; in giro, però a volte vedo ancora quei mastodontici pulmini che non servono assolutamente a nessuno.

A causa di regolamenti assurdi e di funzionari per niente disponibili a comunicare con gli utenti, permangono in ogni caso grossi problemi. Due settimane fa, purtroppo, una mia banale richiesta ha smascherato un grave limite del sistema. Io ero stato invitato in un posto e avevo chiesto, al ritorno dal lavoro, di essere accompagnato lì: tale posto peraltro era molto più vicino al mio ufficio di casa mia, pertanto il tragitto non
avrebbe comportato nè costi, nè tempi aggiuntivi. La sorprendente risposta che ho ricevuto dal call center della società di trasporti è “Non abbiamo ricevuto alcuna autorizzazione dal Comune per tragitti diversi da quelli usuali”. Ho mandato una lettera di richiesta spiegazioni alla Direttrice del Dipartimento (Gabriella Acerbi) che gestisce questo servizio: questa lettera, come già tante altre lettere che avevo mandato ai funzionari del Comune, è rimasta senza risposta. Gli operatori del servizio, dunque, sono autorizzati soltanto a riportarmi a casa, mentre portarmi da altre parti non costerebbe loro nulla, anzi. Adesso, io mi domando il motivo di questa restrizione assolutamente immotivata, che rende molto più difficile agli utenti del servizio la pianificazione delle giornate, è assurdo infatti pensare che la loro vita si riduca al tragitto casa-lavoro-casa. Non vorrei che tale limitazione sia dovuta a puro malanimo nei confronti degli utenti del servizio, che dopo il lavoro "devono tornare a casa" e non possono andare da altre partì a spese
del Comune.  Visto che la comunicazione con il Comune è molto problematica, è difficile capire ciò che passa per la testa a chi stabilisce i termini di questo servizio. Sicuramente un servizio importante come questo deve essere gestito da persone capaci, disponibili al dialogo e di mentalità flessibile. Al centro di tutto vanno poste le necessità degli utenti, che non sono pacchi da spedire da una destinazione all'altra, ma persone che, come tutti, si trovano spesso ad affrontare giornate molto complesse e possono avere necessità di spostarsi lungo percorsi variabili. Non deve assolutamente più succedere che l'efficacia del servizio sia limitata da paletti regolamentari assurdi, che non hanno assolutamente nessuna giustificazione nè organizzativa, nè di bilancio. Condividiamo e diffondiamo il messaggio affinchè arrivi a chi di dovere.

LEGGI ANCHE:

01/09/2013 ROMA CAPUT NCC

24/08/2013 NEMI DENUNCE NCC: L'INCHIESTA DE L'OSSERVATORE LAZIALE PROSEGUE

 23/08/2013 NEMI, INCHIESTA NCC: DENUNCIATI DAI CARABINIERI TITOLARI LICENZE NCC E PRIVATI CITTADINI

 18/08/2013 ROMA, FIUMICINO E CIAMPINO: SEMPRE PIU' SERRATI I CONTROLLI A NCC E TAXI ABUSIVI

 16/08/2013 NEMI, INCHIESTA NCC: BALDAZZI ACQUISTA DA TURCO… INVERTENDO L'ORDINE DEGLI ADDENDI IL RISULTATO NON CAMBIA

 08/08/2013 LENOLA, INCHIESTA NCC: ANCHE QUI UN FIUME DI AUTORIZZAZIONI E SI PAGA PURE IL “CANONE”

 06/08/2013 NCC ABUSIVI. IL SINDACO DI FIUMICINO: “COMBATTEREMO OGNI FORMA DI ILLEGALITÀ IN AEROPORTO”

 06/08/2013 NEMI, INCHIESTA NCC: TRA ELEFANTI, SCUOLA E GIOCO DI SOCIETA’ ARRIVANO LE OSSERVAZIONI DELL’AVVOCATO SPIRA: “MA IN QUESTO COMUNE NON ESISTE UN GRUPPO DI MINORANZA?”

 04/08/2013 NEMI, INCHIESTA NCC: PASSAGGIO DI LICENZA O GIOCO DI SOCIETA’?

 28/07/2013 INCHIESTA NCC, DA ROMA SI LEVA UNA VOCE: “LA PORTI UN BACIONE A FIRENZE”

 26/07/2013 NCC, INCHIESTA: LE AUTO A NOLEGGIO DALLE UOVA D’ORO PRONTE A SBARCARE SUL MERCATO CAPITOLINO

 25/07/2013 NEMI, INCHIESTA NCC: DITTA INDIVIDUALE CON SEDE LEGALE IN UNA SCUOLA PUBBLICA?

 15/07/2013 INCHIESTA NCC: TUTTE LE AUTORIZZAZIONI VENGONO AL PETTINE

 13/07/2013 NEMI, INCHIESTA AUTO NCC: I TENTATIVI DELL'ELEFANTE E LA SIESTA SUL PARCHEGGIO DISABILI

 05/07/2013 L'INCHIESTA NCC: SU LICENZE "FACILI" INDAGA LA PROCURA DI PESCARA

 04/07/2013 NEMI, L'INCHIESTA SULLE AUTO NCC: PUO' UN ELEFANTE ENTRARE NELLA TANA DI UN TOPO?

 02/07/2013 NEMI, L'INCHIESTA SULLE AUTO NCC: TUTTE LE LICENZE PORTANO A ROMA

Continua a leggere
Commenta l'articolo

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Metropoli

Canale Monterano, salvo il fico del Marchese del Grillo

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura 2 minuti
image_pdfimage_print

La pianta secolare dopo essere parzialmente crollata era rimasta gravemente danneggiata

CANALE MONTERANO (RM) – Salvo il fico centenario, rimasto danneggiato per cause naturali la scorsa settimana, meglio conosciuto come fico “di Don Bastiano”, presso il Convento di San Bonaventura a Monterano. Una vera e propria “icona” monteranese celebre, anche, grazie al film ‘Il marchese del Grillo’.

La pianta, situata all’interno del convento di San Bonaventura a Monterano nei giorni scorsi è crollata. Il grosso fico durante la notte tra il 25 e il 26 giugno ha subito il distaccamento di parte del tronco e dei rami ad esso collegati.

L’amministrazione comunale di Canale Monterano insieme alla Riserva si sono attivati immediatamente facendo rimuovere le parti schiantate o spezzate e facendo operare una potatura specifica delle parti sopravvissute. Così, grazie alle cure operate secondo le indicazioni prescritte dal tecnico forestale della Riserva Naturale, Dott. Fabio Scarfò, la pianta è stata salvata e ora gode nuovamente di un aspetto sano e bello.

“Vogliamo ringraziare la competente Soprintendenza per il supporto fornito dall’Assistente di zona Sig. Luigi Vittorini – commenta il Direttore della Riserva Naturale Regionale Monterano, Fernando Cappelli – e l’Azienda Agricola Camilletti Cesare, affidataria del servizio, per l’attenzione e la cura nei dettagli dimostrata nell’attuazione dell’intervento.”

“Incrociamo le dita – aggiungono il Sindaco di Canale Monterano, Alessandro Bettarelli e il Consigliere delegato alla Riserva Giovanni D’Aiuto – ma sembra che il peggio sia passato. L’augurio è di vedere il fico di San Bonaventura presidiare con la sua maestosa vecchiaia la navata di San Bonaventura per almeno altri cent’anni”.

Continua a leggere

Metropoli

Anguillara, si ribalta betoniera: un ferito

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

Traffico in tilt sulla Braccianese all’altezza di Anguillara Sabazia a causa di autobetoniera che si è rivaltata al km 12. Sul posto è intervenuta la squadra VVF di Bracciamo con l’ausilio dell’ autogru. Nessun altro mezzo è stato coinvolto, le cause dell’accaduto al momento restano imprecisate; è stato necessario l’intervento dei soccorritori VVf affinchè la persona venisse estratta viva ed ancora cosciente dalla cabine del mezzo industriale .La stessa è stata affidato al personale del 118 e trasportata al pronto soccorso.

Continua a leggere

Roma

Roma, piazza Venezia: non si fermano all’alt dei Carabinieri e vanno a sbattere

Pubblicato

il

Clicca e condividi l'articolo
Tempo di lettura < 1 minuto
image_pdfimage_print

ROMA – Due ragazzi 19enni romani, a bordo di una moto, non si sono fermati all’alt di una pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Roma San Lorenzo in Lucina, questa notte, in piazza Venezia e si sono dati alla fuga, fino a raggiungere il Lungotevere Tor di Nona, dove hanno perso il controllo scivolando a terra, per fortuna senza farsi male.

Il conducente del veicolo è stato sottoposto a test con etilometro dai Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma, poiché in evidente stato di ubriachezza, risultando positivo all’esame, con tasso superiore al limite di legge per cui la patente gli è stata ritirata. Entrambi dovranno rispondere anche dell’accusa di resistenza a pubblico ufficiale.

Continua a leggere

I più letti